AVEVO SAPUTO QUEL GIORNO CHE LA SCRITTURA ERA CAMPO APERTO, VIA D'USCITA.
(ERRI DE LUCA - IL PIU' E IL MENO)

19 agosto 2012

Zio, tu sei bello come un palazzo intero!




Ora di pranzo.
Siamo seduti a tavola, accanto a me A. mia nipote, sette anni e mezzo.
Un amore di bambina, bella, intelligente e furba quanto basta per ottenere consensi ovunque vada.
Tra gli zii che l'attorniano e la viziano in misura direttamente proporzionale ai suoi sorrisi frequenti e solari, unica nipote di quell'età nella famiglia di mio marito, gli altri sono tutti grandi, è scattata la gara tra chi sia lo zio preferito.
La bimbetta senza minimamente scomporsi ha fatto la classifica.
Il brutto, lo zio più anziano,  talmente peloso da risultare in larga misura per tal motivo sullo scalino più basso del podio; fortunatamente è assente e non si risentirà per la medaglia di bronzo.
Il medio, lo zio più giovane, che forse paga il fatto di essere quello che vede più spesso e pertanto, venuto un po' a noia.
Poi, ha il torto grosso di essersi rasato a zero i capelli e a lei piacciono tanto i capelli nei maschietti.
Il primo è risultato essere mio marito, zio che si scioglie ogni volta che lei sorride (anche ora che ha perso un dentino e ha un altro che le balla) e che ha dalla sua, il fatto di avere per prima cosa il nome del suo fidanzato;
poi ha i capelli e oggi ha subito il dicktat della nipote che gli ha proibito di raparsi come lo zio medio;
infine lui è bello come un palazzo intero!
Ora, capire la profondità di questo complimento è presto fatto e spiegato.
La pulzella adora questo zio lontano, che vede poco e somiglia tanto al suo papà.
Da piccolissima aveva addirittura dato il nome dello zio ad un cane Husky di peluche che le avevamo portato dalla Finlandia e con il quale ha sempre dormito; sospetto lo faccia ancora, benchè il cagnolino ormai sia senza un occhio e abbastanza logoro.

A. poi, mi ha guardato e sorridendomi ha detto che tra le zie io sono quella che preferisce, io le ho risposto che è naturale visto che sono anni che me la lavoro ai fianchi (ghghghghhghgh) e lei ridendo ha aggiunto che pure io sono bella come un palazzo intero!







E VOI SIETE MAI STATI PER QUALCUNO BELLI COME UN PALAZZO INTERO?

10 commenti:

  1. Questo post è fantastico.
    La frase di A. incredibile,dai bambini arrivano certe cose che un adulto dovrebbe sforzarsi una vita intera per trovarle
    Sei bello come un palazzo intero.
    Stre pi to sa.

    bacione Mari

    veru

    RispondiElimina
  2. Cara Mary,

    non mi capacito di come sia successo, ma NESSUNO (e ribadisco NESSUNO) mi ha mai detto qualcosa di simile. Dalla mia, devo dire che forse conta il fatto che ho dimensioni da monolocale (al più, da mansarda perlinata) e insomma, ci vorrebbe troppa fantasia a fare di me un "palazzo intero" :-)
    D'altro canto, come dice giustamente Veru, i bambini sono una risorsa immensa: l'età adulta ci toglie molto del loro incanto e della loro fantasia.

    bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora te lo dico io visto che sono solo una bambina abbastanza cresciuta:
      sei bella come una mansarda perlinata intera!
      Che poi una bimba saprà cosa vuol dire perlinata? ghghghhghghghghghgh

      Elimina
    2. Perlinata nel senso di piena di perline ghghghhghghghg
      Un abbraccio, cara.

      Elimina
  3. Ciao Mari!!
    ahahahhaha Bello come un palazzo intero è fantastica la spontaneità' dei bimbi..una vera gioia averli intorno immagino quanto ti sei gongolata per le sue affettuose parole! l'altro giorno mi son messa il costume per andare insieme ad Elisa (4 anni) in piscina,lei pure si stava preparando e mi dice : che ti metti nonna? il costume gioia..e lei :anche io voglio quello con le tette!! ^ _^
    Buona giornata cara Amica.Baciiiii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande tua nipote, Claudia...
      Mia mamma che è diventata nonna da pochissimi anni, ancora non è preparata del tutto alla spontaneità e alla prontezza dei bimbi, e mi racconta con un tono stupito tutte le meraviglie dei suoi nipoti.
      Io poi mi incanto solo nel sentirli parlare per la proprietà di linguaggio di cui si avvalgono già dalla più tenera età.

      Un abbraccio!

      Elimina
  4. Come è bello sentire i bambini parlare!Sai Mari, io prima di vestire i panni esigenti e severi della prof di latino, sono stata insegnante di scuola media ,elementare ed anche di scuola materna.Ricordo con vivo piacere le risposte di quei rospetti di tre ,quattro o cinque anni a volte avevano dell'incredibile.Mio padre mi ha sempre suggerito di scrivere ciò che dicevano e non l'ho mai fatto ma un pò me ne pento.A volte sono molto saggi nonostante l'età.Quando sono entrata con concorso alla scuola materna statale ero una ragazzina avevo solo venti anni ma mi sembrava che la vita non mi avesse dato abbastanza ed ero sempre seria e triste, un giorno una bambina di quattro anni,mi disse:
    :"Maestra ce l'hai il fidanzato?"
    io risposi :"No " e lei
    "ah,ecco ho capito tutto!" Grandiosa la ricordo con grande piacere! Baci

    RispondiElimina
  5. Cara Lucy,
    credo che stare a contatto con bimbi così piccoli e così pronti sia stata una grande scuola per te.
    Peccato davvero che tu non abbia seguito il consiglio di tuo padre, avremmo avuto la possibilità di avere una versione di "Io speriamo che me la cavo" in lingua e modi toscani!


    PS: sarai severa e esigente quando è necessario e quanto basta, ma dentro di te sei rimasta quella fanciulla di vent'anni che aveva tutto il mondo da scoprire; sono sicura che al momento giusto tu sia in grado di mostrarla ai tuoi studenti, per farti amare e rispettare come meriti.

    Bacio grande.



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissime parole Mari sono commossa mi hai toccato il cuore! smack! :)

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)