AVEVO SAPUTO QUEL GIORNO CHE LA SCRITTURA ERA CAMPO APERTO, VIA D'USCITA.
(ERRI DE LUCA - IL PIU' E IL MENO)

30 settembre 2012

Datemi un martello











Datemi un martello. 
Che cosa ne vuoi fare? 
Lo voglio dare in testa 
A chi non mi va, sì sì sì, 
A quella smorfiosa 
Con gli occhi dipinti 
Che tutti quanti fan ballare 
Lasciandomi a guardare 
Che rabbia mi fa 
Che rabbia mi fa 

Datemi un martello. 
Che cosa ne vuoi fare? 
Lo voglio dare in testa 
A chi non mi va, eh eh eh 
A tutti le coppie 
Che stano appiccicate, 
Che vogliono le luci spente 
E le canzoni lente, 
Che noia mi dà, che noia mi dà 

E datemi un martello. 
Che cosa ne vuoi fare? 
Per rompere il telefono 
L'adopererò perché sì! 
Tra pochi minuti 
Mi chiamerà la mamma, 
Il babbo ormai sta per tornare, 
A casa devo andare, ufa, 
Che voglia ne ho, no no no, che voglia ne ho 

Un colpo sulla testa 
A chi non è dei nostri 
E così la nostra festa 
Più bella sarà. 
Saremo noi soli 
E saremo tutti amici: 
Faremo insieme i nostri balli 
Il surf il hully gully 
Che forza sarà...




Oggi il martello lo darei in testa a tutti quelli che questo venerdì hanno aspettato in fila per delle ore pur di accaparrarsi l'ultimo modello di smartphone.
Costo?
Circa 800 euro.


E scusate se mi limito alla canzone.








45 commenti:

  1. Che ne dici se ci passiamo sopra con un trattore???

    La Spia

    RispondiElimina
  2. Marte(llo):visto che vivono fuori dal mondo...

    Ciao Mariella,

    Nicola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nicola.
      E' sempre un grande piacere quando con la tua ironia ti affacci da me.
      E un onore.
      Ti abbraccio.


      Elimina
  3. Ciao Mari!
    Ops…io ero in fila
    Bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, Claudia!
      In fila anche tu, però a pensarci bene, visto che il 2 ottobre si avvicina, mi viene da pensare a un dono?
      Mi sbaglio?

      Baci cara!

      Elimina
    2. Ciao Mari!
      ahahahaah anche …comunque è stato divertente stare in fila tanto rispetto e nessuna gomitata molto di più'che al supermercato dove spesso trovo persone villane che per avere la precedenza alla cassa sarebbero disposte pure a spararti se potessero
      Buona serata cara

      Elimina
    3. Se mi fai aprire la parentesi supermercato non mi fermo più.
      Hai presente quando sei in fila alla cassa e posi le tue cose sul nastro mentre ti aspetti che chi è davanti a te si preoccupi di mettere il separatore e invece non succede?
      Ecco mi da un fastidio immenso, pari a quello di quando io sono davanti e mi preoccupo di farlo, e la persona dietro di me con tranquillità appoggia le sue cose senza nemmeno ringraziare!
      Solo per fare un esempio breve ghghghghhghghghgh

      Elimina
    4. Ciao Mari!
      Ho presente…quando ancore sei li per pagare e già c'è chi ti alita sopra perché tocca a lui????? mannaggia alla miseria ladra che fastidio immenso…
      Io i libri li leggo sul mio iphone,non pago nulla e posso leggerne in quantità' industriale e risparmio pure alberi che servono alla natura…
      Un abbraccio grande gran de per il buongiorno
      Sorrisi

      Elimina
    5. Claudia come sei avanti.
      Io sul mio telefonino a mala pena riesco a leggere il mio blog e quello di qualcun altro e a rispondere ma non sempre.
      Per la carta hai ragionissima, ma io adoro i libri mi piace sfogliarli e annusarli prima di leggerli.
      Non riesco proprio a farne a meno, considerami una drogata.

      Anche se sempre più spesso ora ora le case editrici stampano su carta riciclata.
      Meno male.

      Bacio grande.

      Elimina
    6. Hai ragione il profumo che emana un libro è fantastico quando entro in libreria per curiosare ne faccio scorta,poi sicuramente la soddisfazione di sfogliarlo è sublime,ma anche se dicono che usano carta reciclata l'albero ha già'dato di suo e mi spiace troppo!!
      Bacione cara

      Elimina
  4. un martello in testa lo darei.... a mio marito quando mi accende la luce piccola in quei giorni in cui vorrei la luce a palla che illumina tutta la stanza.
    ...a quei politici che continuano a dire che la crisi non c'è e continuano ad azzuffarsi accusandosi vicendevolmente
    ...a Berlusconi che vorrebbe convincerci che l'elezione del Presidente spetta al popolo
    ...alla signora che abita sopra casa mia che a qualsiasi ora del giorno e della notte fa i servizi e sposta sedie e tavoli o quando chiama le nipoti dal balcone facendoci tutti i resoconti (Noeeeeeeeeeeemi ch' t'è mangiat'; Jesssssssssssssica che fatt' a nonna, ai rummut);
    ...alle persone scostumate ma purtroppo sono troppe;
    ...a chi manca di umiltà;
    ...ed anche a qglcld55 che era in fila assieme agli altri rinco a spendere 800 euro, come mi ha detto mio marito oggi ascoltando il telegiornale "tu con quegli 800 euro avresti organizzato uno o due viaggi!" Può dirlo forte!

    RispondiElimina
  5. ovviamente "rinco" l'ho detto in modo scherzoso qgl... non offenderti perchè non è mai mia intenzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Ai, la tua lista è fin troppo breve.
      Non credo Claudia se la sia presa, e poi lei è giustificata.

      Stavo pensando al ragazzino di 14 anni che si è presentato nel negozio Vodafone della sorella di una mia amica e ha comprato il nuovo smartphone.
      Al momento di pagare ha porto la carta di credito di suo padre, e lei l'ha rifiutata dicendo che non poteva accettarla visto che era un minorenne.
      "E che problema c'è" gli ha risposto il fanciullo, " la mia la accetti vero?"
      Capisci?
      Sarà colpa dei ragazzi?

      Elimina
  6. Ciao Ai..non mi offendo tranquilla esiste ancora la libertà'di pensiero ^ _^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A PROPOSITO:

      Stasera c'è Fabio Fazio

      Elimina
  7. Stasera per me un pò di Colorado, per ridere, e tante fotografie: è iniziata la competizione tra le foto di K2 per farsi scegliere e finire nel calendario delle zie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ghghghghghhghghghgh
      Ottobre di quest'anno è il mio preferito.

      Bacio

      Elimina
  8. Passo non per per il nuovo oggetto desiderato da tutti,ma per salutarti.Per ora ho un semplice cellulare.Non sono molto tecnologica nè troppo interessata a dire il vero! Preferirei 800 euro di libri !Forse sono un pò antiquata ,lo so!
    Un grande abbraccio!♥♥♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io Lucy.
      800 euro di libri per riflettere e per sognare.
      Con qualche biglietto aereo low coast per andare a trovare i miei tre nipotini, luce dei miei occhi.

      Antiquata?
      Ma va.

      Bacio grande, amica mia.

      Elimina
  9. Ma io lo volevoooooooooooooooooooooo!!!
    Invece ancora con il mio nokita scassatino che non fa nemmeno le faccine.
    Quello di prima almeno mi permetteva di farle ma se ne è andato a miglior vita.
    Mio marito premurosa non è che è andato a comprarmene uno nuovo,nooooooooooooooooo,mi ha dato quello che era segregato in qualche scatola di cartone nel nostro box,che lui utilizzava udite udite ben SOLI due anni fa.
    Ma la fila c'era perchè 800 euro è un prezzo che vale solo per poco o perchè poi non si trova più?
    Comunque odio le file quindi alla fine non sono per nulla rattristata.
    Considerando che durante il giorno il cell mi cade fragorosamente a terra almeno un paio di volte direi che è meglio andare ancora alla vecchia.
    E brava invece la Claudia che era in fila!
    buona notte ragazze
    un bacio ad Ai

    veru

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La fila c'era, Veru, perchè nonostante il prezzo proibitivo (solo in Italia costa così tanto) gli italiani (alcuni) non possono vivere senza l'ultimo prodotto di casa Apple.
      Che poi, come di consueto sarà pieno di problemi da testare e gli italiani saranno bravissimi in questo, per poi abbandonarlo subito alla nuova versione, migliorativa dopo qualche mese.
      Piuttosto che lasciarselo scappare (scusa Claudia tu non penso abbia fatto questo ragionamento), si sono fatti tutta la notte in fila per i primi pezzi, davanti agli store che per l'occasione sono rimasti aperti.
      Ora, anche io ho uno smartphone.
      Comprato su Groupon alla metà del suo prezzo di mercato.
      Il mio Motorola ormai da mesi non funzionava più bene, e non squillava più.
      Poi controllando il sito una mattina, Francesco ha visto l'offerta e l'ha presa al volo.
      Diciamo che solo in questo modo mi sarei portata a casa un telefonino Apple.
      Non disperare per il tuo, di ad Ale di controllare spesso il sito di Groupon, tra breve scenderanno le quotazioni di molti smartphone grazie alla febbre tutta italiana.
      Bramo quindi devo possedere.

      Bacioooooooo

      Elimina
    2. Veru ti quoto alla grande ahahahahahahah
      In realtà' IPhone costa oltre 800 euro dipende dai giga se 16 o da 32 oppure 64,io mensilmente con la 3 pago 29 euro con telefonate e messaggi gratis e pure internet e telefono compreso tutto per 30 mesi è un contratto e se mi porto a spasso il mio portatile Mac ho internet gratis perché l'alieno fa da wifi…ecco!
      Comunque la fila non l'ho fatta alla Apple per una notte intera non sono così'folle ma un paio d'ore allo Store della 3 e mi sono pre fatta due chiacchiere con altre persone in attesa,tutti sani di mente ihihihi
      Baciotti a tutti

      Elimina
  10. Veru non ti crucciare io ho un cellulare di 20 o 30 euro che uso SOLO da 4 anni...Finchè mi fa telefonare e mandare mex per me è perfetto!

    RispondiElimina
  11. concordo in pieno.

    sei stata elegante e ferma.

    "robe da matti"

    http://nonsidicepiacere.blogspot.it

    RispondiElimina
  12. Io il martello in testa lo sbatterei forte fortissimo su tutte le capocce di quei giovani, giovanissimi e meno giovani che hanno fatto la fila pe sto coso.
    Compresa Claudia, anche se doveva farci un regalo.
    Però a quei giovanissimi che non lavorano, non fanno una beata mazza e poi comprano sto coso per 800 euro io non darei una martellata, ma un calcio nel culo, bello su che glielo sgarri; poi la martellata andrei a darla ai loro padri che gli danno i soldi per queste cagate.
    Chi se lo può permettere, e sono veramente pochi, dovrebbe poi pensare che da quando sono entrati in campo sti cosi non scrivono più una riga di lettera in italiano, ma solo sms in quel gergo orrendo, dimenticando l'ortografia, la grammatica e la sintassi, ammesso che l'abbiano mai conosciute.
    Grazie dello spazio, e adesso qualcuno dica pure che io sono un matusa e che siamo nel 2013 e che questo e che quello. Rimango della mia idea.
    Chiedete a costoro cosa sarà celebrato il 1 maggio 2018. Mi gioco quel che mi avanza di mascolinità che la stragrande maggioranza risponderebbe: non lo so, ma forse la fine del mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma ahiaaaaaaa basta con le martellate che già'ci ragiono poco di mio ho una certa eta'!

      Elimina
    2. Il calcio nel culo lo approvo alla grande alla massa di ragazzini scansafatiche.
      E ai genitori irresponsabili e superficiali.
      Caro il mio Vincenzo qui i matusa sono almeno due: te ed io.

      PS: ma che c'è un'altra profezia? Non basta quella dei Maia - maledetto Giacobbo faremo i conti il 22 dicembre 2012!

      Baciooooooo!

      Elimina
    3. @Claudia, era simbolica:))
      @Mariella, non me ne frega niente di essere un matusa.
      Che succederà il 22 dicembre 2012? L'inter vincerà a San Siro?:))

      Elimina
    4. Vincè che fai provochi?
      Domenica sera abbiamo giocato male ma abbiamo vinto a Siro!
      O Vuoi dire che il prossimo giro dovremo aspettarlo per il 2018?
      Guarda che fra cinque giorni c'è il derby!!!!!!
      Ah già, giochiamo fuori casa....

      PS: Giacobbi mi sta sulle palle lui e la previsione Maia della fine del mondo per il prossimo 21 dicembre.
      Il giorno dopo, se tutto va bene, andiamo a prenderlo, vieni?

      Elimina
    5. No non provoco, ma un po' di scaramanzia non guasta. Ciao

      Elimina
  13. Caro Vincenzo non penso che questi giovani non sappiano cosa sarà celebrato il primo maggio visto il concertone simil-comunista di ogni anno. Ma perchè 2018? Forse sono io che mi son persa qualcosa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma per i ragazzi è solo un concerto niente altro.
      Almeno per la stragrande maggioranza, purtroppo.
      Ciao bimba.

      Elimina
    2. Ai senza acca: penso con uno sforzo di memoria che il primo maggio del 2018 sia la data del centenario della fine della prima guerra mondiale, altrimenti celebrata come una vittoria, dopo 600.000 morti.
      Ciao.

      Elimina
    3. Ah capisco è solo una coincidenza di date.


      Elimina
  14. Caspita Vincenzo non ci sarei arrivata mai, sono proprio 'gnorante!
    invece giusto per pura curiosità Ai è scritto senza acca perchè non è che mi sono fatta male ma è parte del mio nome, e poi Ai è anche un carattere Kanji che significa Amore in senso puro e generale, un offrirsi in senso lato a differenza di Koi che è amore passionale, egoistico e interessato, un chiedere più che un dare! Ma forse non ti interessa!
    Bacioni alla padrona di casa e poi a Veru e poi a Rue e poi a Spia e poi ad Arnika e poi e poi e poi sarà come morire ...

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Ai è parte del tuo nome e del tuo cuore.
      Baci a te, archimarito e K2.

      Elimina
    2. Ai che botta ar ginocchio, mamma sto a vede le stelle der firmamento!
      Ai tempi mia erimio mejo de oggi, se dice sempre accussì.
      Ai ai ai li mortacci vostri de sti cornutazzi che ce volete male.
      Ai, ma che vor dì, uno nun po' scrive quello che je pare? Semo in democrazzia, no? Poi chiamatte come te pare e fa l'amore coll'ai cor coi e cor cui che poi sempre se tratta de scopà de sopra o de sotto, de sguincio e de rovescio, ma si tu lo fai cor coi fusse che fusse che te viene mejo, magari cor raddoppio? :D

      Elimina
  15. macchè raddoppio e triplo ca' nun ce firamm 'e mover!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tempo de caristia? me paresse d'avé capito accussì.
      Ai ai ai ai questo sì che fa male ar core, e nun solo a quello...:)))

      Elimina
  16. Hahahahahahaahahahaah!!!!!!!!!!!!!!!!
    Ma come si fa a non morire dalle risate, con questi dialoghi tra dialetti.
    Hahaahahahahahaha hahaahahahahaha...
    Vincenzo sei grande,
    Ai ancor di più.
    Baciiii
    La Spia

    RispondiElimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)