AVEVO SAPUTO QUEL GIORNO CHE LA SCRITTURA ERA CAMPO APERTO, VIA D'USCITA.
(ERRI DE LUCA - IL PIU' E IL MENO)

13 dicembre 2012

A letto dopo Carosello!





Immagine presa dal web





Prendo spunto da un bel post di un amico di blog di qualche giorno fa.
Si parlava di come la pubblicità sia così entrata a far parte del nostro quotidiano che spesso a domande ci capita di rispondere con le parole di qualche tormentone pubblicitario.
E allora ho pensato a quante volte nella nostra vita abbiamo subito il potere subliminale dello spot e di quanti sono stati quelli che ci sono rimasti impressi nella memoria per sempre.
Con malinconia ho ripensato a Carosello e a quello che ha rappresentato per tutti i bimbi delle tre generazioni che ha raggiunto prima che divenisse solo un ricordo.
Al grido "a letto dopo Carosello" eravamo abituati; ed eccoci tutti lì davanti a mondo in bianco e nero che appariva da quella finestra luminosa.
Sguardo fisso e bocca aperta ci perdevamo in quel mare di emozioni che i cartoni e i pupazzi animati riuscivano a trasmetterci in quei pochi minuti di divertimento.
Siete pronti?

Partendo dagli anni '70 il primo che mi viene in mente è questo ve lo ricordate?



Io come i bambini inquadrati rimanevo a fissare lo schermo per tutto il tempo e mi divertivo a seguire le avventure di quello sfigato di Jo Condor.

Poi arriva il mio pulcino preferito, totalmente diverso da quello del tormentone di quest'estate.
Sarà stato il periodo, sarà stata la depressione latente ma io mi sentivo così vicina a quell'imbranato di animaletto.



Altro passaggio indimenticabile era " La Fattoria di Buon Mattino" legata al barattolo di latta bianco che contribuiva alla mia sveglia mattutina. Poi è diventato di plastica gialla perdendo in gran parte il suo fascino.



E poi le caramelle bionde, mitiche caramelle al miele:




Per non parlare di Mariarosa e i suoi dolci strepitosi:




Continuando con i dolci non posso non citare la Talmone fabbrica storica di Silvano Venchi che ancora oggi produce il mio cioccolato preferito. Ricordate Miguel?




E l'Olandesina volante?
Accoppiata vincente con Calimero? Ricordate i primi spot anni '80? Con il bravissimo Corrado?


E il mitico Topo Gigio che faceva la pubblicità ai Pavesini?


Sul finale non potevo lasciare indietro il caffè e il passaggio pubblicitario dedicato alla bevanda preferita degli italiani con gli spot  Lavazza che da tempo immemore sono sempre stati al passo con i tempi:


E visto che siamo entrati nel mese più bello dell'anno vi lascio il mio spot preferito quello che da sempre mi rende felice e mi ricorda che gli altri siamo noi.




PS: questo mio post non poteva contenere tutte le pubblicità che ci hanno accompagnato dall'infanzia ad oggi.
Ho segnalato alcune di quelle che sono tra le mie preferite.
Vi consiglio di utilizzare un po' del vostro tempo per dare un'occhiata a quelle che ho lasciato ( quella di Topo Gigio ad esempio è davvero una chicca) e poi dopo, aspetto le vostre.

57 commenti:

  1. Avevamo la televisione dal suo nascere e il giovwdì venivano gli oprai di babbo a vedere lascia o raddoppia.
    Parli di spot, si, tanti spot hanno segnato le nostre conversazioni soprattutto scolastiche.
    me ne viene in mente uno che non era di carosello:
    "Meno tasse per tutti"
    CiO, buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fosse stato l'unico SPOT uscito da quella bocca, porcaccia!
      Ci saremmo potuti fare una risata.
      Invece B. Continua con le fregnacce e io da tempo non rido più.

      Bellissimi ricordi Massimo,una volta stare attorno all'elettrodomestico con il tubo catodico ci faceva sentire molto uniti.
      Ti abbraccio e buona giornata a te.

      Elimina
  2. Ho poca memoria per le pubblicità!
    Adoravo calimero e Megan Gale ai tempi di omnitel,strana la cosa..
    E non ricordo altro!
    Mari cara,poi mia sorella me l ha fatta pagare lanciando in giardino la mia mega fattoria con tutti i tipi di animali che custodivo : D
    A lei le barbie non bastavano mai,a me gli animaletti di plastica (e veri).
    Ma vi pare che il mio uomo possa scrivere certe cose?
    Veru sto ancora piangendo per le vicende della tua amica..
    Voi che sapete tutto,ora che Bersani cambia i candidati,la Bindi rimarrà sempre un'intoccabile?
    Baci Nick

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Strano connubio Calimero e Megane Gale!
      Ma tu ragazzo, sei nato nell'era post carosello, è naturale che non ricordi nulla.

      Che tua sorella te l'abbia fatta pagare ci sta! Lo avrei fatto anche io ghghghghhgh.
      Impossibile sia il tuo legale, infatti si scherzava.
      Sulla Bindi attendo la risposta di Veru...

      Bacio!

      Elimina
  3. Non sono riuscita a scovarla nemmeno su tuttubo, ma la mia preferita era quella della Derica con Gatto Silvestro, che ne prendeva di santa ragione dal salumiere finché non riusciva a rifugiarsi su un barattolo dicendo "Eh no! Su Derica non si può!"
    E poi mi piacevano da matti le pubblicità con la Carrà, infatti ricordo lei ma non il prodotto che reclamizzava.
    Adesso ucciderei gli autori delle canzoncine degli spot della Barbie. Mi fanno sempre tornare in mente la Cortellesi e la sua sfigatissima bambola Trippy
    http://www.youtube.com/watch?v=x4EhuB_SrKg

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pubblicità DeRica proprio non me la ricordo, la Carrà ballava sul finire di Carosello ma non ricordo bene cosa pubblicizzasse.
      Di sicuro i brividi vengono anche a me quando mi viene in mente Trippy.

      Elimina
  4. Mari perdonami so che non c'entra con il post.
    Ma ho letto ora e sono rimasta stupita.
    Interessanti i nomi dei big di Sanremo.
    Era ora.
    Volti giovani,ma non solo,tutti bravissimi.
    So che farai la diretta come x factor.
    Spero di essere più presente.
    Dei filmati che hai messo la mia preferenza va a Calimero :-)

    Nick capisco che alla tua età la Bindi appaia poco interessante...ghghghgh
    Tuttavia la trovo una donna in gamba e coerente con le sue idee.
    Cosa non da poco oggi come oggi.
    Negli anni mi ha deluso per certi aspetti più una Melandri che una Bindi.
    Quando ci siamo conosciuti io criticavo Berlusconi e tu venivi in suo soccorso.
    E' cambiato qualcosa?
    Ciao ragazzaccio un super bacio

    veru

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sto con Maria Nazionale.
      ghghghghhghghghhghgh
      Sulla diretta SanRemo vedremo, dipende dal Dir.
      Due dirette in contemporanea non ce la posso fare, ma il post ci sarà di sicuro.

      Elimina
  5. Ciao Mari!
    il mitico Carosello!!! La sera dopo le previsioni del Colonnello Bernacca,ricordi quella della cera Gray pubblicizzata dai Brutos che erano davvero brutos? Buffissimi,la mia preferita rimane quella del caffè Lavazza con la Carmensita….forse perché avevo una bambola che portava quel nome,ehehehe
    Buona serata caea amica! Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Claudia.
      Mi ricordo tutto! Bernacca e il suo sorriso rassicurante mentre ci parlava di alta e bassa pressione e dell'anticiclone delle Azzorre.
      Senza nomi di tiranni romani o tratti dall'antologia epica e nemmeno numeri.
      Come era tutto più semplice una volta.
      Ricordo i Brutos eccome: Cera Grey ottima direi!

      La Carmencita certo, tra le mie preferite...
      Buona serata a te amica.

      Elimina
    2. "Nebbia fitta in Val Padana": del colonnello Bernacca ricordo questa frase, ripetuta praticamente ogni giorno in autunno/inverno :-)
      Anch'io non ricordo un granché del Carosello: sono nata nel 1974, perdonatemi.
      E' pur vero che alcuni personaggi sono entrati davvero nel nostro quotidiano e sono stati così amati da essere sopravvissuti anche dopo l'ultima calata del sipario di Carosello. Come te, Mary, e come Veru ho sempre amato Calimero: il suo "nessuno mi vuole, nessuno mi ama, perché sono piccolo e neeeeerooooo!" l'ho fatto mio per lungo tempo :P Gli anni, poi, mi hanno insegnato che l'essere amati non è mai un fatto di grandi numeri: nel cuore lo spazio più prezioso lo riserviamo ad un nome solo ;-) E poi, come Claudia, ricordo anch'io la Carmencita! Ai tempi fecero furore anche gli spot del Cynar: ultimamente lo ha riportato in voga anche Elio.
      Eh sì, la pubblicità ci tormenta da un bel po'... ma se non ci fosse, qualcosa di sicuro mancherebbe.



      Elimina
  6. Io la lascerei pure a casa,non basterà mica essere coerenti per avere il posto fisso in Parlamento a vita,che dia il buon esempio!
    Avró anche una deriva populista,ma sono tutti uguali,pure il tuo amato Bersani che studia marketing mi fa una tristezza infinita :p
    I danni al Paese li hanno fatti destra,sinistra e tecnici,nessuno è da escludere.
    Apprezzavo Berlusconi per qualcosa,mica lo difendevo a spada tratta.
    Son curiosissimo di sapere cosa si inventa Bersani,sia mai che debba pure votarlo.
    Certo che mi conosci da quando ero piccino :D
    Il porcellum rimane vero?
    Che noia la politica,voglio andare al caldo cavoli : (
    Baci,Nick

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Porcellum rimane perchè la mossa di Silvio B. della scorsa settimana è servita appunto a congelare tutto quello che stava arrivando a camera e senato.
      E Bersani se lo si lascerà lavorare in santa pace, con tutto il suo bel gruppo di giovani, farà cose che ti stupiranno positivamente Nick.
      Abbi fede.

      BACIO

      Elimina
  7. Mari ma io dicevo in generale!Dell'infanzia ricordo solo quelle due pubblicità,sembra poco!
    Non che fossi poi un gran amante della tv in effetti ;)
    Baci,Nick

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sei da spazi aperti e natura.
      Lo so, sicuramente eri un bambino che preferiva gli animali e la vita all'aria aperta.
      Bacio a te ragazzo.

      Elimina
  8. Ciao Mary, grande questo post sulla pubblicità antica.
    Le conosco tutte, molte belle, ma la mia preferita è sempre stata quella dell'agostina.
    Mi affascinava moltissimo quella linea che come per magia creava un personaggio,
    si muoveva, parlava,
    era grandiosa.

    La Spia

    RispondiElimina
  9. Scusa ho scritto male, era la Lagostina.
    La stanchezza fa brutti scherzi.
    Baci

    La Spia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Spia.
      La Linea vero? Del resto cosa potevi preferire tu che sei un'artista?

      Bacio bimba e non stancarti troppo la sera. So che stai facendo le ore piccole per la tua passione di cui vedrò e sentirò i frutti a Natale.

      Elimina
    2. Quoto la Spia!!!!
      La Linea della Lagostina era davvero un esempio riuscitissimo del connubio tra grafica e pubblicità. Ne trasmettevano anche una sorta di cartone animato dopo la fine del Carosello. Bellissima :-)

      Elimina
    3. Le due artiste sono sulla stessa "linea" d'ombra-

      Elimina
  10. Ciao Mari! Ti copio quello che ha scritto Jova su Facebook ... vedi di andare a qualche incontro e dargli un grosso grosso bacio da parte mia!!!
    "Domenica Lunedì e Martedì un giro a Milano a incontrare qualche amico:

    domenica 16 . che tempo che fa- RAI 3 alle 20 con fabio fazio

    lunedì 17 dicembre. alla mattina da Linus e Nicola a Deejay Chiama italia (intorno alle 11)
    alle 15 chat in diretta su www.redbull.it/jovanotti
    alle 18 alla Triennale di Milano un incontro con una platea di lettori del Corriere della Sera (in diretta streaming su www.corriere.it)

    martedì 18
    alle 11 da Tony e Ross in diretta a 105
    alle 14.30 Radio 101
    alle15.30 negli studi di Radio italia con Paola "Funky" Gallo
    alle 17.00 su Radio kiss kiss in diretta

    alle 18 a Palazzo Marino a Milano un incontro pubblico con Lorenzo intervistato da Lella Costa nei locali che ospitano la favolosa mostra "amore e psiche""

    Yram

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Yram.
      Chissà se riuscirò almeno ad andare a Palazzo Marino martedì.
      Posto vicino a dove lavoro e ad un orario compatibile con i miei impegni.
      Non posso nemmeno ascoltarlo alla radio...

      Elimina
  11. Andare a letto dopo Carosello?
    Una leggenda metropolitana.
    In realtà stavo sempre alzato: anche perché, ai tempi, vivevo in corte: e per raggiungere le camere da riposo superiori ( due ) bisognava uscire dal salotto – cucina del piano inferiore ed utilizzare le scale esterne poste sotto il portico.
    Solitamente mi addormentavo sul divano; o facevo finta di dormire. Solo per il gusto che mia madre , avvolgendomi in una coperta , mi prendesse in braccio per portarmi a letto.
    Ovviamente con tanto di rimbocco .

    Paolino Pap.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ai tempi gracchiava ancora la televisione in bianco e nero, con le valvole e il trasformatore, ovvero quell' aggeggio a forma di parallelepipedo bisognante di precedente accensione affinché il tutto si “ scaldasse” : ed occorrevano cinque minuti prima che apparissero le prime immagini.
      E visto l' esistere praticamente di un solo canale bisognava prendersi quel che passava mamma RAI: compreso certi cartoni animati di produzione ungherese cecoslovacca che di esaltante avevano ben poco .
      Al confronto il Gigante Buono della Kinder rappresentava gioioso motivo di festa.
      Era in assoluto lo spot del carosello più amato.
      Indimenticabile pure la Maria Rosa : la canzoncina dello spot che riecheggia in mente anche a 40 anni di distanza. Anche perché in cortile abitava una coetanea portante lo stesso nome.
      E quando sbocciò ( indimenticabili certe sue uscite mattutine dall' uscio di casa in camicia da notte semitrasparente per scuotere le briciole della tovaglia colazione ) rese ancora più suggestivo quel motivetto: “ Brava brava Maria Rosa … qui la vita è sempre rosa solo quando ci sei tu ! ”
      Ava come Ava esclamava Calimero … insomma, i reclam con soggetto animato stabilmente occupavano i primi posti della Hit Parade.
      Carosello, con l' indimenticabile sigla, terminò se non erro intorno al 1977: gli spot che vennero dopo – seppur ricchi di episodi rimasti impressi nella memoria - rappresentano quasi un' altro argomento : come se la Storia avesse svoltato di capitolo facendo l' ingresso in altra Era.

      Paolino Pap

      Elimina
    2. Che si può aggiungere a cotanta bravura.
      Solo che per me bisognava andare a dormire dopo Carosello, obbligatorio fino ai sei-sette anni.
      Ero la maggiore dovevo dare il buon esempio.
      Quindi mia sorella ed io dovevamo ubbidire.
      Io andavo a letto è vero, ma restavo sveglia a leggere fino a tardi solo con la luce del corridoio accesa.
      E le conseguenze pesanti me le porto ancora dietro, la miopia e la secchionaggine.

      Elimina
  12. Nick gioia si vai al caldo che è meglio ;-)
    Mary ma dove stai?
    Sommersa dalla neve?
    bacio ragazzi
    veru

    RispondiElimina
  13. MariaRosa vivrà sempre dentro di me

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo avere letto quanto ha scritto Paolino, non sei l'unico.
      ghghghghghhg
      Buona serata Andrea.

      Elimina
  14. Bene bene,l'anno nuovo si prospetta mooolto interessante, sempre piú!
    Non so se te l ho già detto,già a tre anni,durante i periodi estivi trascorsi n montagna,mi facevo comprare tutti i tipi di Dalia per riempire ogni finestra,e solo libri di animali.
    Nemmeno il lupo di Cappuccetto rosso volevo che morisse,quindi mia mamma doveva cambiare tutti i racconti XD
    Non potevo che crescere cosí.
    Ora invece ho la dolce metà lontano per lavoro,uffi.Chr poi non siamo
    ancora assieme,ma parlo come se lo fossimo.
    No Veru adorabile,non posso andarmene al caldo,ho l'incontro coi miei angeli a breve :p
    Nick

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ufficiosamente si però!
      Arrivano nuovi angeli Nick?

      Immagino splendidi...

      Elimina
    2. No,son sempre i due che mi accompagnano dalla nascita ;)
      La loro voce è una cosa meravigliosa,creature piene di amore incondizionato.
      La prima volta che li ho visti è stata un'emozione indescrivibile.
      Col nuovo corso potró "chiamare" anche gli angeli delle altre persone,così da poterle aiutare.
      Non ci sono molte altre esperienze cosí meravigliose.
      A molti sembra una follia,chi prova poi si ricrede alla grande.
      Fortunatamente,per il bene dell'umanità,sempre piú persone riceveranno l'aiuto degli angeli.Molte stanno aprendo i canali di comunicazione.
      Nick

      Elimina
    3. Anche io ho due angeli.
      Che mi accompagnano da molti anno.
      E ne ho parlato spesso sul mio blog.
      Ritengo non sia folle affatto parlarne, bisogna crederci.
      Ognuno a modo suo.
      Io ho nel cuore il loro sorriso e il loro insegnamento.
      E se sono la persona che sono, molto lo devo a loro.

      Bacio caro ragazzo.




      Elimina
    4. Nick è bellissimo quello che dici.
      Io ci credo agli angeli :-)
      veru

      Elimina
  15. Ciao Mari,ricordo benissimo Carosello e tutte le pubblicità,erano semplici senza effetti speciali, come sono oggi, ma divertenti.E' pur vero che oltre alla tv dei ragazzi e a Canzonissima non mi facevano vedere altro, quindi lo apprezzavo molto.Mi piaceva la pubblicità del Cynar,si scrive così?Contro il logorio moderno ,figurati allora era un paradiso confronto ad oggi!Poi Calimero il pulcino nero mi faceva tanta tenerezza.Mi ricordo Falqui "Basta la parola" molto divertente.Grazie per il tuffo nel passato!
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucy.
      Forse è la loro semplicità che colpiva la nostra fantasia all'epoca, a mantenerli vivi nella nostra memoria.
      Ora che non siamo più abituati ad immaginare nulla con l'aiuto di una grafica semplice ma, a visualizzare immediatamente tutto quello che vogliamo ( nella stragrande maggioranza dei casi) con un semplice click della tastiera del nostro computer, ci manca il sogno.
      La pubblicità del Cynar, quel tavolino posto al centro della strada e le macchine che giravano intorno, con Ernesto Calindri che pronunciava la famosa frase, è un'altra pietra miliare dei nostri ricordi.

      Elimina
  16. Carosello mai visto però le avventure di Jo Condor le ricordo benissimo, i miei genitori avevano un libro tutto a lui dedicato ( era di uno di loro da piccoli ma non so di chi) e l'ho divorato milioni di volte. Perchè ho detto avevano? Semplice quando mi sono sposata il libro è entrato a far parte del mio corredo. In verità mamma non voleva darmelo tanto volentieri ma dopo forti insistenze durate giorni si è arresa!
    Personalmente non mi sono rimaste impresse molte pubblicità ma molti jingle ad es.:


    1)El Merenderoooooo!!! L’è lì l’è là, l’è là che l’aspettava, L’è lì l’è là, l’è là che l’aspettava, L’è lì l’è là, l’è là che l’aspettava, L’è lì l’è là, l’è là che aspettava Miguel", "Miguel son mi", "E ti e ti e ti non ti se niente, E ti e ti e ti non ti se niente, E ti e ti e ti non ti se niente. Ti se miga Miguel", "Mi guel son sempre mi" ( ma forse la ricordo perchè mamma la cantava spesso quando pronunciavamo le parole "è là" non perchè l'abbia vista!)

    2)vorrei cantare insieme a te, in magica armonia.. sicuramente la ricordate Coca Cola;

    3)Bauli la ricordavo anche io e mi è sempre stata cara;

    4) poi ricordo la pubblicità del profumo "Egoiste" dove tante donne si alternavano aprendo le finestre e gridando "Egoista";

    5) Se qualcuno ruba un fiore per te sotto sotto c'è ....Impulse (alle elementari dicevamo sotto sotto è ....'nu mariuolo);

    6) Morositas morbida la vita con quella nera che si allontanava sculettando con mini micro pantaloncini rosa;

    7)"non bevevo Jägermeister perchè non so perchè" ripetuto spesso da un novello Raz degan;

    8)"Viva, viva l’olio d’oliva" per un olio che non ricordo;

    9) "Per una parete grande non occorre un pennello grande, ma un grande pennello: Cinghiale!"

    10) Ace smacchia a fondo senza ssstrapp con quella nonnina la ricordate?

    11)"Silenzio parla agnesi la parola alla pasta" ma che fine ha fatto Agnesi?Ma

    12) poi ce n'era una dolcissima della Barilla mi pare con la bimba in impermeabile giallo che torna da scuola e trova un gattino bagnato fradicio e lo porta a casa riparandolo e riscaldandolo col suo corpo. Tenerissima!

    13) "Sogni calmi, sogni belli, Filtrofiore Bonomelli"

    14)"Cavalier Condorelli, è sempre un piacere!" col simpatico Leo Gullotta

    15) é una reggia ma che reggia reggia Palace Hotel" la davano su un canale privato sponsorizzando un hotel a Caserta di cui ora è rimasto solo lo scheletro a causa di un incendio.

    16) "El canal chi ha prosciugà el canal" mi sembra fosse Caldobagno De Longhi.


    Vabbè è suonata la sveglia K2 e devo scappare da lui.
    baci baci

    RispondiElimina
  17. Mi è venuto un jingle del pescivendolo effemminato che col carrettino si fa tutto il mio rione "Accattatv o pesce frisc accattatv o pesce miiio" (Compratevi il pesce fresco compratevi il pesce mio).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo elenco Ai.
      Quella del pescivendolo proprio non la conosco, devo cercarla su you tube.

      Bacio

      Elimina
  18. Ossignore :D
    Al tuo elenco aggiungerei:

    - "Nuovo?" "NO, lavato con Perlana": un tormentone che ancora oggi mi risuona nella testa tutte le volte che mi fanno la fatidica domanda sul nuovo acquisto
    - "Le rosse Rossana rosseggiando qua e là...": era lo spot di una caramella della Sperlari, se non erro
    - della Barilla, ricordo un altro spot: quella di un papà che, lontano da casa, ritrovava in tasca del suo impermeabile un fusillo che aveva nascosto la sua piccola prima che partisse. Ancora oggi mi sento quella bambina...
    - ricordo tutti gli spot del Mulino Bianco. E il jingle, chiaramente. Tralasciamo il fatto che ai tempi io e mio fratello lo suonassimo su flauto e melodica :D

    Che dire? Un bel tuffo nella Tv che ricordiamo tutti con affetto. Quando era ancora "una compagnia" per tutti noi. Oggi la spolvero e basta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao dolcissima Manu, rubo un po' di spazio a Mari per salutarti ed inviarti un caro abbraccio !

      Elimina
    2. Le Rossana mi ricordano mia nonna Carmela. Le aveva sempre con se e spesso mi capitava di cercarle nella sua borsa.
      Io le adoravo, so che si vendono ancora ma è molto difficile trovarle.
      Bel tuffo nel passato anche il tuo Manu.

      Bacio cara.

      Elimina
  19. no mary quella del pescivendolo non è una pubblicità è una realtà della mia mattina alle 9 da 30 anni a questa parte il pescivendolo grida sempre la stessa frase! hahahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo letto male.
      Certo che se avessi trovato qualcosa su internet sarebbe stato fantastico!

      Elimina
  20. E gli incontentabili? Temibile famiglia capeggiata da Giampiero Albertini (la voce del tenente Colombo), che facevano tirar fuori tutti i campionari a sventurati bottegai, cosa pubblicizzavano?
    Ricordo anche Conservinochecosacombini, ma anche lì non mi viene in mente il prodotto.
    Fantastico l'omino che si stampava sulla schiena di un passante e lo seguiva fino a casa dove, seduto a tavola, consigliava: "Permettetevi Folonari!"
    Io comunque andavo veramente a letto dopo Carosello.
    A parte il giovedì, che avevo la deroga per Rischiatutto; una specie di lodo-Mike.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio il lodo Mike, miliardi di volte, da altri.
      Però anche tu, " ma non ti va mai bene niente" nèèèè?

      Elimina
  21. CIAO MARI
    MI RENDO CONTO DI ESSERE STATA POCO PARTECIPATIVA SULLA TEMATICA CAROSELLI
    FARO' MEGLIO AL PROSSIMO GIRO ;-)
    BUONANOTTE BACIO GRANDE
    VERU

    RispondiElimina
  22. Ciaoooooooo.
    Ma va bene, va bene, va bene così! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mari, al prossimo giro, per la Veru partecipativa, scrivi una bella mattonella di post.
      Ghghghghghghh...

      Paolino Pap.

      Elimina
    2. Arriva Pap, arriva.
      Ci sono tutte le mattonelle natalizie pronte sulla rampa di lancio.
      ghghghhghghghhghgh

      Elimina
  23. Ghghghghghgh
    Ma il prossimo non doveva essere quello sulle bambole?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il prossimo anno, Veru.
      Ci vuole tempo. Devo fare le foto e parlarvi di loro una per una.
      Una roba che il Pap emigra... ghghghghhghghgh

      Elimina
    2. Pap hai capito ci deve parlare di loro una per una.
      Così una cosina da niente.
      Io mi do alla "bira"...tu?
      veru

      Elimina
  24. Mi piace...la condivido



    Un professore stava davanti alla sua classe di filosofia e aveva davanti a lui alcuni oggetti. Quando la lezione cominciò, senza dire una parola, prese un gross
    o barattolo di maionese vuoto e lo iniziò a riempire di palline da golf. Quindi egli chiese agli studenti se il barattolo fosse pieno. Essi hanno convenuto che lo era.

    Allora il professore prese una scatola di sassolini, e li versò nel vas
    o. Lo scosse leggermente. I ciottoli rotolarono negli spazi vuoti tra le palle da golf. Chiese di nuovo agli studenti se il barattolo fosse pieno. Essi dissero che lo era.

    Il professore prese una scatola di sabbia e la versò dentro il vasetto. Naturalmente, la sabbia si sparse ovunque all'interno. Chiese ancora una volta se il barattolo fosse pieno. Gli studenti risposero con un unanime 'si'. '

    Il professore estrasse quindi due birre da sotto il tavolo e versò l'intero contenuto nel barattolo, effettivamente si riempirono gli spazi vuoti. Gli studenti iniziarono a ridere ..

    'Ora', disse il professore non appena svanirono le risate 'Voglio che vi rendiate conto che questo barattolo rappresenta la vita. Le palle da golf sono le cose importanti - la vostra famiglia, i vostri figli, la vostra salute, i vostri amici e le vostre passioni preferite - e se tutto il resto andasse perduto e solo queste rimanessero, la vostra vita sarebbe ancora piena. I sassolini sono le altre cose che contano, come il lavoro, la casa, la macchina.. La sabbia è tutto il resto - le piccole cose.

    'Se mettete la sabbia nel barattolo per prima,' ha continuato, 'non c'è spazio per i sassolini e per le palline da golf. Lo stesso vale per la vita.

    Se utilizziamo tutto il nostro tempo ed energia per le piccole cose, non avrete mai spazio per le cose che sono importanti per voi.

    Fai attenzione alle cose che sono cruciali per la tua felicità.

    Trascorrere del tempo con i vostri bambini. Trascorrere del tempo con i tuoi genitori. Visita i nonni. Prendete il vostro coniuge a portatelo a cena fuori. Gioca un altro 18 anni. Ci sarà sempre tempo per pulire la casa e falciare il prato.

    Prenditi cura delle palle da golf prima - le cose che veramente contano. Stabilisci le tue priorità. Il resto è solo sabbia.

    Uno degli studenti alzò la mano e chiese cosa rappresentasse la birra. Il professore sorrise e disse: 'Sono contento che hai chiesto.' Le birre dimostrano che non importa quanto piena possa sembrare la vostra vita, c'è sempre spazio per un paio di birre con un amico.

    RispondiElimina
  25. Quando ce la facciamo la nostra "bira"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La n nostra bira, appena arrivo.
      Poi la prossima volta che vieni da me, andiamo a Berghem dalle bergamasche a farci la "bira" in compagnia.
      Bacio

      Elimina
  26. quanti bei ricordi, Mariella :-)

    RispondiElimina
  27. I bei ricordi, certo, anche le scoperte e le paure: C'era chi piangeva, da bambino, alla vista dei Brutos -guardato come se fosse un border line dell'epoca, e di topo gigio che non lasciava tranquilli i miei sonni

    RispondiElimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)