AVEVO SAPUTO QUEL GIORNO CHE LA SCRITTURA ERA CAMPO APERTO, VIA D'USCITA.
(ERRI DE LUCA - IL PIU' E IL MENO)

11 marzo 2013

Una notte sola con Dave


Depeche Mode (google images)

Potrebbe succedere alla fine di un loro concerto.
Mi intrufolerei come la più sfacciata delle groupie e mi farei trovare nel suo camerino.
Sono una bella donna mi dico (autostima aiutami), e lui di certo non è un ragazzino al primo pelo, ma ha tutto il fascino che la maturità, l'esperienza e la sofferenza gli hanno regalato.
In questi trent'anni di carriera, lui e la sua band, i Depeche Mode,hanno invaso con la loro musica i cuori e le menti di milioni di persone.
Trascinandole con loro, facendo dei loro pensieri la summa dei desideri di tanti.
Penso che ogni parola per descriverli sarebbe oltremodo superflua.
Hanno attraversato il tempo con noi in un soffio, dedicandosi alle masse, loro vera passione, vendendo oltre 100 milioni di album in tutto il mondo. 
Alternando momenti di grande intensità artistica a momenti di buio totale.
Ci sono stati avvicendamenti all'interno del gruppo che è sempre stato in bilico tra grandezza e follia e al timone, Dave Gahan.
E gli alti e bassi della loro musica sono dipesi dai componenti e soprattutto da Dave, dalle parole di Martin Lee Gore, tastierista e autore, e dall'attività imprenditoriale del terzo elemento, Andy Fletcher.

La grande musica accompagnata dallo sconquasso e dalla distruzione fisica e psicologica, sembra sempre un'esagerazione.
Nel loro caso è solo una conferma. L'alcool,la depressione e la droga, sono stati compagni devastanti della loro vita.
Dave ha sfiorato la morte che spesso ha cantato. E' caduto e si è rialzato.Ha cercato anche di farla finita, ha toccato il fondo.
Ma non ha mai negato nulla nè nascosto la sua sofferenza. E forse proprio grazie a questo, è tornato migliore e più grande di prima insieme ai suoi.
Alcuni dei pezzi del Depeche risentono del baratro, e della disperazione del loro leader.
Altri sono sintomatici della ripresa, del ricominciare, del ricostruirsi.
Così difficile ma mai impossibile.
Se vogliamo.
Un estratto dei miei brani preferiti:

1987: Never Let Me Down Again da Music from the Masses


1990: Enjoy The Silence da Violator




1997: Home da Ultra



2001: Freelove da Exciter



2005: Precious da Playing The Angel


2009: Wrong da Sound Of The Universe



Il 26 marzo esce il loro ultimo album  Delta Machine il tredicesimo in studio.
Il 18 luglio sono in Italia a Milano,concerto allo stadio Meazza (San Siro).
Io ci sarò e tenterò di sedurlo con tutte le armi possibili.Ho ancora qualche cartuccia ghghgh.
Adoro fantasticare, volare con la fantasia e cercare di farla coincidere con la realtà.Ci provo sempre e poi non costa nulla. 
E che diamine Dave, sto parlando di una notte.
Una notte soltanto, tutta nostra.
IL PARADISO.
Appunto.

2013: Heaven da Delta Machine



"TUTTO CIO' CHE HO SEMPRE VOLUTO, TUTTO CIO' DI CUI HO AVUTO BISOGNO
E' QUI TRA LE MIE BRACCIA,LE PAROLE SONO DEL TUTTO SUPERFLUE, POSSONO 
SOLO FAR MALE, GODITI IL SILENZIO."
(ENJOY THE SILENCE)

18 commenti:

  1. Hey, che sorpresa, abbiamo in comune anche l'amore per le canzoni, belle e sconvolgenti, di questo splendido gruppo! :)
    Quella che hai messo per prima, Never Let Me Down Again, è fra le mie preferite in assoluto. (Anche Personal Jesus ed Everything Counts, ma è inutile elencare titoli, me ne piacciono troppe).
    E per ogni vero artista è fin troppo facile riconoscersi nella sofferenza esistenziale del leader del gruppo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sopresa graditissima anche per me.
      Penso dipenda anche un "tantinetto" dalla generazione. U2, Bruce Springsteen, Depeche.
      lDEM per la preferita, non a caso era la prima della lista.
      L'ultimo concerto a Milano l'ho perso, dovevo andare con una delle mie più care amiche. Ma si è ammalata e così è saltato.
      Questa volta vado cascasse il mondo.
      Io parlo tanto di musica nel mio blog, bisognerà pur dare un perchè al titolo no'
      In realtà senza musica e parole non saprei vivere.
      E miei amici di blog lo sanno e tante volte mi sopportano.
      Mi vogliono un sacco di bene, lo so.BACIO

      Elimina
    2. Il testo tradotto di una delle mie preferite: HOME

      Ecco qui una canzone
      Dal lato sbagliato della città
      Dove sono ancorato
      Al suolo
      Dal più solitario suono
      Che batte forte da dentro
      E mi sta immobilizzando [lì]

      Ecco qui una pagina
      Dal palcoscenico più vuoto
      Una gabbia, o la più pesante croce mai costruita
      Una misura della più mortale trappola mai tesa

      E ti ringrazio
      Per avermi portato qui
      Per avermi mostrato la mia casa
      Per aver cantato queste lacrime
      Finalmente ho scoperto
      Che la mia casa è qui

      Il calore e le più nocive
      Lenzuola profumate
      Che aderiscono dietro alle mie ginocchia
      E ai miei piedi
      Ma sto annegando al tempo
      Di un ritmo disperato

      E ti ringrazio
      Per avermi portato qui
      Per avermi mostrato la mia casa
      Per aver cantato queste lacrime
      Finalmente ho scoperto
      Che ho una casa da qualche parte

      Mi sento come a casa
      Avrei dovuto saperlo
      Fin dal mio primo respiro

      Dio mandi l'unico vero amico
      Che definisco tale
      [Dio] Finga che chiederò scusa
      La prossima volta
      [Dio mi] Tratti da amico [alla] gloriosa fine della linea

      E ti ringrazio
      Per avermi portato qui
      Per avermi mostrato la mia casa
      Per aver cantato queste lacrime
      Finalmente ho scoperto
      Che la mia casa è qui

      Una canzone che diceva tutto di me allora, quando l'ascoltavo.
      E stavo male ma, avevo una ragione o meglio una persona a cui potevo dire grazie.
      Perchè c'era.
      E c'è.

      Elimina
  2. Cara Mari la mia ignoranza in musica non ha limite ,non sapevo nemmeno che esistesse questo gruppo pensa te!Gli amici servpno a questo a riemèire i vuoti che hai nella menye e nel cuore è vero?Comunque se li incontro metterò una buona parolina per te!In bocca al lupo!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Lucietta, se penso a tutte le cose che scopro quando vengo da te, mi sembra davvero un piccolo dono per ricambiarti questo.
      Sono bellissimi i testi, se avrai voglia e tempo, copia nella libreria del tuo IPOD qualche loro brano e ascoltalo.
      Chiudi gli occhi e vai.

      Metti una buona parola per me. che Dave è sempre un gran bel pezzo di manzo, nevvero ghghgh.

      Bacio grande amica mia.

      Elimina
  3. AAA cercasi commento scomparso!!
    Nick

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AAA commento ritrovato:

      Ogni tanto riesco a scrivere!!
      Escludendo Personal Jesus e l ultima uscita,che adoro,non so nulla di loro nè del loro repertorio :O
      Invece conosco molto bene la Pastorale Americana,quando l hai finita voglio il parere :D
      Baci,Nick

      Elimina
    2. Vai a fondo con i Depeche senza paura, Nick.
      Scoprili.

      E' un mostro sacro Roth, e dopo "La Macchia Umana" e "Lo Scrittore Fantasma" mi sono decisa.
      Afferro il toro per le corna.Leggo il suo capolavoro.
      Ti dirò Nick.
      Bacio

      Elimina
  4. I just can't get enough... i just can't get enough...
    ghghghghgh
    Scusa Mari ma è la prima canzone che mi viene in mente se mi dicono "Depeche Mode" ghghhghg è più forte di me.
    Che poi lo so bene che quello è stato solo l'inizio, e conosco diverse loro altre canzoni anche se non benissimo come te...
    A volte le associazioni di idee però sono più forti, no?

    Arnika

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io conosco benissimo solo gli U2, a dire il vero.
      Loro mi piacciono però.
      E la canzone che hai in mente mi fa pensare ad una ragazzina con tanti di quei capelli ricci in testa che aveva voglia di scappare via perchè il suo mondo gli stava troppo stretto.
      Tanto ma tanto tempo fa!

      When I'm with you baby, I go out of my head
      And I just can't get enough
      And I just can't get enough

      Elimina
  5. che dire, mia cara... ho visto il nostro nella pubblicità di un'auto... e insomma, a trovarlo un cinquantenne così!

    RispondiElimina
  6. Ale, tu mi capisci al volo.
    Durante SanRemo non sapevo se seguivo la pubblicità per il programma, o il programma per la pubblicità.
    Ho il dubbio che fosse per la seconda.
    Bacio

    RispondiElimina
  7. Ciao Mari!!
    Ma te sei una bella birbantella neeee :))))
    Adoro la loro musica e. condivido pienamente i brani da te scelti ... Però mi spiace deludenti il leader non è di mio gusto,parlo fisicamente per cui stavolta non hai concorrenti tra i piedi ghghghghghghg
    Chissà che ne pensa Veru? Sono sicura che i suoi gusti sono più orientati su un certo Kekko!!!!
    Spia dove sei?????? Ti lascio un grande abbraccio
    Bacione e abbraccio Mari.Notte colorata di bei sogni

    RispondiElimina
  8. Grazie Clà, tutto per me, bello e dannato.
    Veru è distratta in questi giorni...
    Si sarà stancata di tutti i miei post musicali, lei è tutta Kekko e Vasco, Vasco e Kekko!

    BACIO AMICA.

    RispondiElimina
  9. Off topic:
    una cosetta sulla partita Barcellona - Milan la vorrei dire, tanto non mi legge nessuno.
    Ma ragassssssssssi pensavate davvero di andare a fare una passeggiata a Camp Nou?
    Io ho visto la bolgia di Barcellona con questi occhietti vispi e dal vivo, c'è da cagarsi addosso, andare così poi, sperando di vincere forti di due gol, ma senza un attacco decente, era da pazzi.
    Per poi trovarsi di fronte un Messi così.
    Non ci sono cazzi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido!!!!
      È ora come sono Messi?
      Fuori...... Ghghghghghghg

      Elimina
  10. NIck caro a proposito di ieri sera: ho cercato di difenderti come potevo. Sinceramente pensavo ti riferissi alla santanche'. Dare della cugarr a Veru anche se per scherzo e' proprio un errore. Purtroppo non e' stato l'unico. Leggendo la conclusione del tuo commento. Ma se preferisci così e' evidente che ci sono cose che non ti sono molto chiAre. Bacio. Mari

    RispondiElimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)