AVEVO SAPUTO QUEL GIORNO CHE LA SCRITTURA ERA CAMPO APERTO, VIA D'USCITA.
(ERRI DE LUCA - IL PIU' E IL MENO)

24 aprile 2013

Se leggo, se ascolto, se amo.





Chet Baker(google images)






Vi sto svelando un segreto. Beh, insomma non è poi davvero tale.
Non riesco a fare a meno della musica, neppure quando leggo.
L'unico posto in cui mi è vietata è l'ufficio, perchè leggi imposte dal Gran Cav.Onor.Cazz.Dott.Comm.Minkiam e capo, sono state emanate per proibire tale eventualità.
Pertanto.
Tutto il resto della mia giornata si svolge sotto colonna sonora.
Dal momento in cui metto i piedi a terra, fino a notte fonda, quando Morfeo mi riaccoglie tra le sue braccia.
E' improbabile poi, che io possa rimanere seduta per molto tempo a leggere, senza ascoltare nulla, magari quale leggero sottofondo.
Musica a volume bassissimo, MA PRESENTE.
Fin da ragazzina, quando c'erano solo le radioline a transistor e studiavo con la radio accesa. 



I primi registratori su cui far girare all'infinito sempre le stesse cassette.



Per poi passare, ai walkman, ricordate?


Bene, quest'ultimo per me è stato la vera rivoluzione, dopo quella sessuale.
La possibilità di ascoltare musica ovunque, qualsiasi cosa stessi facendo.
Da quello all'mp3 il passo è stato breve.



Fino all'ipod


E ora al mio iphone




Ci potrei anche cucinare un uovo fritto con il mio melafonino, sono sicura che Siri potrebbe aiutarmi.
Ma.
Tornando a bomba, amo leggere e ascoltare musica.
Quindi, cuffiette alle orecchie, in tutti questi anni, ho imparato anche a scegliere la colonna sonora adatta al libro corrente.
Io leggo, ascolto e amo.

Ed ecco l'elenco di alcuni miei libri preferiti e della musica che preferisco ascoltare mentre leggo o rileggo.

                                     Il Maestro e Margherita di Michail Bulgakov:Pink Floyd, The Wall.



                                   Se questo è un Uomo di Primo Levi: musica eterna, il mio Beethoven.




                                         Il buio oltre la siepe di Harper Lee: Nina Simone.




                    Cent'anni di Solitudine di Gabriel Garcia Marquéz : Bach suonato da Glenn Gould.


                       Il giorno prima della Felicità di Erri De Luca: U2 e il mio cd preferito, Acthung Baby.



                    Il signor Malausséne e tutta l'allegra combriccola di Pennac, Oasis.




                                  Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen: Whitney Houston

                        


                                   Qualcuno con cui correre di David Grosmann: Depeche Mode.


                                   La casa degli Spiriti di Isabel Allende: Stereophonics.



                                      Quattro soli a motore di Nicola Pezzoli: Chet Baker.




E voi, ci avete mai pensato? Avete mai letto e abbinato al testo una delle vostre musiche o canzoni preferite?
Quali i libri, quali le canzoni o la musica?
Se non lo avete mai fatto, vi va di provare a farlo oggi, sul mio blog?





29 commenti:

  1. Ciao Mari,
    uff! Però,
    non si fa così!
    Prima mi fai battere il cuore con la splendida immagine di Chet Baker, e poi mi parli di tutt'altro???
    NON SI FA COSÌ!
    Meno male che mi sono rifatta con "It Could Happen to You".

    Baciiiii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Spia. Ma perchè parlo d'altro non afffronto l'argomento musica e letteratra ampliamente?
      E poi perchè non provi ad abbinare uno dei libri che preferisci ad un motivo che ti piace?
      E' un modo anche per conoscervi meglio...
      Bacio

      Elimina
  2. l'accostamento musica-romanzo è interessante!
    io assocerei fabio volo ai modà :-)
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfetto Ale. Sono fatti l'uno per gli altri...
      ghghghgh

      Elimina
  3. avendo la capacità di concentrazione di un neonato, o leggo o ascolto musica. il mix non mi è mai riuscito.
    ci provo qua: il libro è "la leggenda dei monti naviganti" di paolo rumiz, la canzone è "my children, my angels" di dr. john (http://www.youtube.com/watch?v=oECKtK25qtw)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco cosa intendevo per conoscervi meglio. Grazie Metiu per avermi fatto scoprire una musica ed un personaggio che non conoscevo affatto.

      Bacio

      Elimina
  4. Ciao Mari!
    La sveglia del mattino e' in musica,arrivo al lavoro e il primo gesto e di accendere
    la radio e la spengo la sera,musica sempre e ovunque,la suoneria del mio iphone e degli U2 .....One.
    Bello associare la musica con la lettura molto rilassante
    Bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dimenticavo…
      Quando leggo prediligo la musica New Age mi estraneo dal resto del mondo…
      Buona giornata cara!

      Elimina
    2. Ciao Claudia, gli U2 eh? Buongustaia!!!
      Musica New Age, anche questo campo sconosciuto per me... qualcosa da suggerirmi?
      Bacio

      Elimina
    3. Nessuna musica new age in particolare,tutte le musiche di questo genere hanno la proprietà di dare leggerezza
      Le mie preferite : Enya!
      Bacio ragazza

      Elimina
  5. Ciao Mari,mi è difficile associare canzoni e libri anche se quelli che hai postato sono anche una parte dei miei preferiti ,soprattutto Cent'anni di solitudine e La casa degli spiriti, due grandi libri, ai quali metterei accanto la storia della Morante.Per la musica mi fido di te che sei un'esperta,io sono una schiappa!bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lucy cara, sono capolavori i libri di cui stiamo parlando. A proposito di Gabo Marquez, penso sempre con tristezza alla malattia che lo sta isolando sempre di più, cancellando assieme alla memoria, la sua anima.
      Mi domando se ha ancora la percezione dei sui scritti e dei suoi personaggi. Cosa darei per poterlo abbracciare.

      Ma dai, davvero non c'è nemmeno una canzone di Antonacci, ad esempio, che tu non possa abbinare ad un libro che hai letto e amato?
      Non ci credo.
      Bacio grande amica.

      Elimina
  6. Anni fa ero come te.
    Difficile ci fosse un momento della giornata in cui non ascoltassi musica.
    Ma appunto erano anni fa.
    Sono cambiate alcune cose,sono cambiata io?
    Non lo so.
    Dovrei riprendere l'abitudine.
    Certo quando hai citato il walkman mi hai ricordato tante cose belle.
    Regalato da mio zio non me ne staccavo mai.
    Invece non ho mai collegato la lettura di un libro ad una musica particolare.
    Quelle sono cose che lascio fare a te...ghghghghgh...bacio ragazza
    veru

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Veru, magari è solo un periodo.
      E poi diciamo che, ultimamente sono parecchie le cose che ti hanno distratto.
      Aspetta che arrivi il momento dei cartoni di Walt Disney e poi sentirai il desiderio sfrenato di riascoltare Vasco a tutto volume.
      Anche per te stessa domanda fatta alle altre.
      Non credo non si sia un brano che ti piace molto che tu non riesca ad abbinare ad un libro che per sintonia collegheresti.
      Ti abbraccio forte.

      Elimina
  7. DorianGray26/4/13 7:50 PM

    Anche io ascolto musica quando leggo Vanity Fair, GQ o qualsiasi altra rivista. Per alcuni libri a volte necessito del silenzio assoluto, soprattutto durante le ultime pagine, per altri invece posso anche lasciarmi trasportare dalla voce vellutata di Adele, dagli acuti di Whitney Houston o dal groove dei Queen.
    ps. io tra il walkman e il lettore mp3 ho anche avuto il lettore cd portatile, un modello Philips rosso fuoco preso con una raccolta punti della Coca Cola elemosinati a parenti e amici.

    RispondiElimina
  8. Rarissimamente capita anche a me, di non sentire la necessità del sottofondo musicale.
    Ad esempio ultimamente, mi è capitato con ZeroZeroZero. Non aveva senso la musica.
    Parlo di una musica tenuta a tono bassissimo, chiaramente. Se solo fosse leggermente più alta mi distrarrebbe e distoglierei l'attenzione da quello che sto leggendo.
    E' vero, ho tralasciato il lettore CD portatile.
    L'ho usato pochissimo, effettivamente c'è stato un periodo nella mia vita, in cui la musica è stata messa da parte. Mi faceva troppo male.
    Lo conservi il lettore PHILIPS rosso fuoco? Sarà un pezzo vintage ormai!
    Abbraccio

    RispondiElimina
  9. la scelta dei libri é ottima, quanto alle musiche ascolterò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giuseppe.
      Anche per la fiducia sulla musica...
      Parlo dei contemporanei, naturalmente.

      Elimina
  10. Ciao Mari,
    scusa se non ho risposto subito,
    adesso corro ai ripari e ti dico,
    io quando leggo devo assolutamente stare in silenzio.
    Però, provo facendo un abbinamento possibile per me,
    "Le origini degli Dei" di Brian Fagan col "Magnificat" di Frisina cantata da Mina.

    Baciooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Spia.
      Vedi? mi hai accennato ad un libro che non ho mai letto e ad una interpretazione che non conosco.
      E vado a correre ai ripari.
      Ti abbraccio.

      Elimina
  11. Beata te Marie' che riesci a fare tre cose insieme.
    Un tempo ho fatto la prova leggendo un libro e ascoltando musica, niente canzoni però, ad esempio classica o solo violino o solo pianofortre, ma non ci sono riuscito.
    Quando leggo ho bisogno di concentrarmi e non posso ascoltare neppure lo zzz delle zanzare.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
  12. On mamma, cerco di chiarirmi caro Aldo.
    Le tre cose insieme sono difficili, ghghgh.
    Di certo due è possibile, musica e amore sono un connubio perfetto, direi.
    Per quel che riguarda musica e lettura, riesco a farlo soprattutto quando rileggo un libro che amo molto, scegliendo una colonna sonora che ritengo indicata per quella lettura e lasciando un volume bassissimo.
    Se poi, il libro è nuovo anche io come molti di voi, lo leggo in assoluto silenzio.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  13. Cosa ascolti mentre fai all'amore, Strawinskji o Ligabue?
    Leggere ascoltando musica: non potrei mai farlo.
    Mi immergo totalmente nella lettura e tutto mi disturberebbe, cioè disturberebbe i miei colloqui col mio alter ego di turno.
    Mi immergo totalmente nella musica, mi ci perdo e non potrei leggere niente.
    Un abbraccio, lettrice musicolata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò: da "giovane" preferivo Wagner e i Police.
      Di sicuro ora come ora, preferisco Ligabue. Ma poichè non è nelle corde della mia metà, a volte raggiungiamo un compromesso. Abbiamo una compilation fatta di bellissime canzoni soul (sua passione) e di rock trascinante e ma lento, (mia).
      Il tuo alter ego è davvero pretenzioso.
      Ma ci sta.
      Del resto le tue poesie le ho lette nell'assoluto silenzio. Dovevo cercare di catturarne il più possibile l'anima.
      E poi, suonavano una melodia tutta loro.
      Ti abbraccio, Vincè.

      Elimina
    2. Capisco il tuo uomo, musica o non musica: sei un'ammaliatrice della parola, le sai dire le cose tu...
      Ricambio il tuo abbraccio.

      Elimina
  14. "Lambrusco e pop corn" mentre leggo un libro qualsiasi di Malvaldi.

    "The book of roses" di Andreas Vollenweider mentre leggevo l'eleganza del riccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Charlie, benvenuto nel mio blog!
      Sai, questo è un luogo musicalmente scorretto, nel senso che si va quasi sempre in una sola direzione: Emilia-Correggio.
      Mi sono dovuta trattenere buttando giù il post, perchè già stresso non poco i miei amici a causa di questa sfrenata passione.
      Ma per ogni libro letto, avrei potuto citare una canzone di Luciano.
      Pertanto esordendo così, hai tracciato un solco ben profondo nel mio cuore.

      Gran bell'abbinamento la Barbery e l'arpista "eccelso", così come lo chiama mio marito, suo grandissimo fan.
      E' stato la colonna sonora di parte del mio viaggio di nozze, con "Dancing with the Lions".

      A presto, un abbraccio.

      Elimina
  15. Ma quanto ti piace la musica?!sai che quando lavoro manca molto anche a me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara!
      Allora non sono l'unica a cui manca quasi l'aria quando lavora, oltre che la poesia.
      Ti abbraccio cara.

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)