AVEVO SAPUTO QUEL GIORNO CHE LA SCRITTURA ERA CAMPO APERTO, VIA D'USCITA.
(ERRI DE LUCA - IL PIU' E IL MENO)

13 agosto 2013

Un viaggio, una canzone, una intera estate.










Non ricordo se vi ho mai raccontato qual è stata la primissima canzone che mi hanno dedicato.
Non Doremifasol, di cui in passato vi ho ampiamente parlato.

Avevo quindici anni ed ero in prima liceo classico.
Ma forse sì, si trattava del rompipalle che aveva fatto una scommessa con gli amici e sperava di condurmi alla prima esperienza sessuale della mia vita. Da fare con lui, chiaramente.
Questo brillantissimo omuncolo, con il quoziente intellettivo pari a quello di un caprone, un giorno per fare colpo su di me, nel mentre passavamo dall'ora di italiano a quella di storia dell'arte, si inginocchiò e mi dedicò la celeberrima canzone di Morandi: in ginocchio da te.
Io ero basita da tanta presunzione.
Per fortuna il professore di arte aspettò la fine della performance per poi spedirlo, senza complimenti, in presidenza.

Ancora rido se ci penso.
Devo dire che, nonostante la nota, non perse il vizio di dedicarmi canzoni facendoci scompisciare dalle risate solo se ne guardava bene poi, dal farlo durante le lezioni.
Alla fine il caprone mi divenne simpatico. Purtroppo per lui non ottenne mai nulla di quello a cui mirava, ma per il resto del liceo ci facemmo compagnia, divenendo compagni di banco e quasi amici.
Certo, con i gusti musicali virammo ambedue verso il rock, ma per tutta la vita Morandi per me è rimasto intoccabile.
Ogni volta che lo ascolto sorrido.
Penso all'episodio che vi ho raccontato e a quante volte da bambina, mi trascinavo dietro il mio meraviglioso mangiadischi rosso, cantando a squarciagola tutte le sue canzoni, tra le tante.
Io ero la bambina "ietterdey". Un giorno vi parlerò anche del resto. E del perchè del nomignolo.


Questa estate è fatta di vacanze intense, visto che ho una tabella di marcia complicatissima, ed è come sempre, scandita da canzoni.
Di Estate di Jovanotti e Baciami e portami a Ballare di Britti, vi ho già detto in tempi non sospetti. Prima ancora che diventassero dei tormentoni come è successo.
Ma la più bella a mio parere e, quella che non mi stancherei mai di cantare, è la nuova di Gianni Morandi.


I grandi artisti sono quelli che riconosciamo come tali durante l'arco di una intera vita.Sapete bene cosa penso della musica.

Loro ci accompagnano quasi senza far rumore. Con la splendida purezza delle  canzoni.Con le parole ma anche con l'interpretazione da brividi.Dicono verità racchiuse in brevi frasi.Cantano come nessun potrebbe fare anche canzoni scritte da altri, rendendole uniche.
Come fa il nostro Gianni nazionale.

In:Solo insieme saremo felici.

Il video che ho scelto, è una clip con un collage di immagini tratte da film interpretati da Marcello Mastroianni e Sophia Loren.
Se parliamo di grandezza lo facciamo a trecentosessanta gradi, no? Ha avuto il potere, come la CANZONE che lo accompagna, di riportarmi indietro nel tempo, a quando restavo per ore muta, mentre le immagini dei film scelti, credo non a caso nello specifico, catalizzavano la mia attenzione e mi trasportavano nel loro mondo di celluloide.


Ed ora lascio spazio alle parole e poi al video. 


Io che ero un passo avanti e due indietro 
Una foglia sospesa lì, così 
Tipo un pesce dietro 
un vetro, io 
Che osservavo le nuvole e il cielo 
Aspettavo un segnale o chissà 

Ma poi arrivi tu e scegli me, 
sorridi e mandi via le nuvole 
perché mai niente è impossibile 
Solo insieme saremo felici 

Tu trasparente sorgente per me 
Mi disegni come un' oasi in città 
Prima era una vita a metà 

Ma poi arrivi tu e scegli me, 
sorridi e vanno via le nuvole 
perché mai niente è impossibile 
In questo viaggio con te 
Se io dovessi un giorno perdermi 
o diventare pazzo, insegnami 
le strade che comunque uniscono 
Solo insieme saremo felici 

Senti nelle mani ho il sapore di te 
Prendi tutto il cielo, l'ho rubato per te 
Puoi farne ciò che vuoi 

Ma poi arrivi tu e scegli me, 
sorridi e mandi via le nuvole 
perché mai niente è impossibile 
In questo viaggio con te 
E se dovessi un giorno perdermi 
o diventare pazzo, insegnami 
le strade che comunque uniscono 
Solo insieme saremo felici 

Noi, solo insieme saremo felici 





L'ultima domanda è: la canzone dell'estate 2013 secondo voi?

Vi abbraccio e che sia ancora ESTATE.


30 commenti:

  1. Ciao Mariella, il tuo spasimante della vostra adolescenza avrà capito che non c'era trippa per gatti malgrado la bella canzone di Morandi.
    Sia il Gianni nazionale che la coppia Loren-Mastroianni sono un esempio dei migliori artisti che l'Italia vanta.
    La Loren e Mastroianni li ho ammirati nel film UNA GIORNATA PARTICOLARE.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Aldo.
      Avevi già accennato un'altra volta a questo film. Come per te, anche per me resta un capolavoro.
      E' uno dei miei preferiti in assoluto. Affronta un argomento così difficile per quei tempi. Che poi non è che oggi sia meno complicato parlarne...

      Mastroianni a mio modestissimo parere è stato il nostro attore drammatico più grande.
      Alla Loren da sempre preferisco la Magnani...
      Più nelle mie corde.

      Ti abbraccio.
      Buon ferragosto.

      Elimina
  2. Sai che non so quale possa essere la canzone di quest'estate? Seguo la musica, ho la radio continuamente accesa, ma non sono esattamente connessa coi gusti degli altri. Io punterei su "Love me again" di John Newmann http://www.youtube.com/watch?v=CfihYWRWRTQ

    Sono belle le dediche musicali. A me, anni fa, il mio ex dedicò "Magari" quando mi chiese di stare insieme a lui. Poi ovviamente non si è avverato nulla di quello che la canzone diceva. E per fortuna direi! Invece una canzone che mi dedica spesso il mio ragazzo (attuale) è "Love of my life" dei Queen. Sai, io sono una grande amante di Freddie Mercury, per cui credo non ci sia cosa più adatta a me.
    Un saluto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vale!
      Ma vedi, che bello se cogliete l'occasione di raccontarvi un po' prendendo spunto dal mio post.
      Ma stai parlando di Magari di Renato Zero? E' canzone con quel titolo che mi viene in mente.
      Amore della mia vita. Certo. Bellissima canzone. E bellissima dedica.
      Dei Queen su questo blog bisognerà parlarne.
      Ti abbraccio.
      Buon Ferragosto.

      Elimina
    2. Sì, proprio quella di Renato Zero, per fortuna è finita, anche se chiedermi di stare con lui con una canzone di sottofondo mi è sembrato troppo teatrale!
      L'altro è tutta un'altra cosa e di musica ci capisce molto di più, almeno ha i gusti molto più simili ai miei.
      Aspetto con ansia un post sui Queen, allora!
      Buon ferragosto a te!

      Elimina
  3. ♪♪♪♪♪...Come un castello di sale costruito sulla riva del mare, niente resta per sempre nel tempo uguale... ♪♪♪♪♪
    W L'ESTATE!
    Non sapevo esattamente cos'era successo, ovvio ero troppo piccola per capire...comunque di rincitrulliti ce ne sono stati tanti lungo la via, vero Mari???
    Morandi non lo amo in particolar modo, anche se trovo che sia una persona eccellente.
    BACI, BACI, BACI...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'eternità è un battito di ciglia...
      Ciao Spia! Te lo ricordi poco?
      Ma dai che non posso fare nomi, Dany se lo ricorda bene, tutte le volte che l'ho raccontato e lei era più piccola di te...ma lo sappiamo che le cose dettele le restano impresse nella memoria come a fuoco vivo.

      Ti sei anche dimenticata che litigavamo per portarci in giro il mangiadischi rosso?

      Abbracci e buon ferragosto!

      Elimina
  4. la mia canzone d'estate l'ho scoperta un paio di settimane fa e la posterò nel prossimo post. quindi sorpresa !

    (ninete melodico-romantico però !)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avrò pazienza. Aspetterò il post nuovo!
      Abbraccio e buon ferragosto!

      Elimina
  5. Io continuo ad ascoltare Britti.
    Era ora tornasse.Mi piace.
    L'estate 2013 è lui.
    Una dedica che ricordo sempre con affetto nonostante siano passati molti anni è "Mare mare" (sul titolo potrei sbagliarmi) di Carboni.
    Eravamo ragazzini.
    Chissà che fine ha fatto.
    veru

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' davvero trascinante, hai ragione non si può rimanere fermi ad ascoltarla.
      Su Mare Mare, dovrò fare un nuovo post, di rimembranze estive ghghgh
      Non ti sei sbagliata. Io di Carboni ho impresse due canzoni, una è" Mare Mare", e la seconda" Farfallina".
      Estati intere a "sfarfallare"...

      Abbraccio e buon ferragosto.

      Elimina
  6. Ciao Marie'!
    allora anzitutto devo dire grazie ai potenti mezzi delle connessioni mobile se riesco a leggerti da San Francisco.
    Lo sai che io sono vecchio dentro in fatto di musica (direi vetusto), quindi per me la canzone dell'estate è un aria barocca di Vivaldi che si chiama "se lento ancora il fulmine" dall'opera Agrippo
    Ci racconti la storia del nomignolo? Dai dai!
    Hugs from California!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi lo dici Leo! Io vi sto rispondendo da NYC!
      Non siamo poi così lontani...
      Vi racconterò presto la storia del nomignolo, avevo solo cinque anni ma ero già innamorata pazza di un gruppo che ha fatto la storia della musica.

      Vivaldi è troppo barocco daiiiiiiiiii

      Abbraccio e buon ferragosto con vista sul Golden Gate!

      Elimina
  7. Un po' "Get lucky", un po Nek con "Congiunzione astrale".
    E'bella la tua autenticità Mary! un bacio e buon ferragosto!
    E quanto al povero caprone, però aveva un'indole romantica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fantastico pezzo dei Daft Punk. Ho acquistato e poi ascoltato l'intero CD. Resta la canzone migliore.
      Un tuffo negli anni '70.
      Le primissime volte in discoteca d'estate con i cugini.
      Sì in fondo in fondo, era un romantico.
      Poi nemmeno così malvagio.
      Mi voleva bene.

      Abbraccio, Sara.
      Buon ferragosto!

      Elimina
  8. Sei coinvolgente quando comunichi le tue emozioni.Non seguo moltissimo la musica,in genere ma i grandi restano tali perchè ,come dici,li troviamo sempre accanto e cresciamo con loro,che maturando artisticamente,non perdono il loro smalto giovanile,che li rendeva così importanti ai nostri occhi.
    Sereni giorni ferragostani..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie chicchina per le tue belle parole.
      Come dico spesso, se riesco a coinvolgervi al punto da farvi correre col pensiero al passato e lasciare qualcosa di voi da me, questo mi arricchisce.
      Abbraccio e buon ferragosto.

      Elimina
  9. Ero profondamente innamorata di lui, avevo quasi 16 anni e lui era bello, biondo, simpatico e gay. Faceva lo speaker in una radio locale, avevamo la passione in comune per una canzone di Gianni Togni, "Quella volta che ho bevuto troppo", ogni volta che conduceva il suo programma me la dedicava e io andavo in brodo di giuggiole nonostante sapessi che non avrei mai avuto una storia con lui. L'ultima volta che sono andata al paesello l'ho incontrato, ha 53 anni ma è sempre bello, biondo, simpatico e gay. Mi ha abbracciata stretta e mi ha detto che sono bellissima e sempre giovane, io gli ho risposto che è sempre il solito bellissimo marpione. Per me ogni estate sarà sempre legata a quella canzone e al ricordo un un tenero e impossibile amore platonico.
    E sarà un caso, ma ogni volta che con marito e figli saliamo in macchina per partire per le vacanze e accendiamo isoradio per sentire le condizioni del traffico, inesorabilmente, partono le note di un'altra canzone di Gianni Togni, "Per noi innamorati". Per quelli di oggi e per quelli di trentuno anni fa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ale. Mi fa molto piacere che tu abbia lasciato un così bel ricordo da me.
      Poi la canzone non la conosco.
      Di Gianni Togni ho in mente solo Luna. Non lo seguivo granchè, solo quello che passava alla radio.
      Ma allora Togni era nel tuo destino! Non è che Papucco tiene un cd nascosto da qualche parte da rimettere al momento giusto, per rifarvi emozionare come la prima volta? Eh, ci sono uomini per fortuna, che sono capaci di tutto un po'.

      Ti abbraccio Ale, passa un buon ferragosto assieme alla famiglia sbullonata.

      Elimina
  10. non ho una canzone in particolare ma un periodo..quello degli anni sessanta. Ho sempre ascoltato canzoni di quell'epoca 8dei miei genitori) perchè semplici chiare solari dirette e poi le potevo condividere con loro. Negli anni 80 poi c'è stato questo ritorno con canzoni riviste programmi televisivi e film..una scorpacciata!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Malielan e benvenuta nel mio blog.
      Gli anni '60 bruciano sulla pelle di molti di noi. Hanno sfornato una così grande carica di musica e di grandi artisti, da influenzare poi il mondo per i decenni successivi.
      Per te quindi non una canzone ma un intero periodo. Un'epoca fondamentale.

      A presto!

      Elimina
  11. gianni morandi è una pietra miliare della nostra storia!!

    RispondiElimina
  12. Sulle canzoni di Morandi: "Non son degno di te", perché tu sappia "Occhi di ragazza" che
    "Uno su mille ce la fa", suonavo "La Fisarmonica" la "Notte di Ferragosto" ma
    con "Canzoni stonate".
    "Andavo a cento all'ora" "A prendere il latte", perché "Scende la pioggia".
    "In ginocchio da te", una "Chimera"...
    Ciao Mariella,
    Nicola




    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nicola caro.
      Mi hai commosso. Questa sì che è una dedica sulla quale è possibile solo emozionarsi.
      Grazie.
      Ti abbraccio.

      Elimina
    2. Scusa, aggiungo.
      Chimera la cantavo ininterrottamente, tutte le volte che vedevo i film dell'epoca che si chiamavano "musicarelli".
      Tu sai.

      " Ma se il mio cuore spera, non sarà solo una chimera..."

      Elimina
  13. Ciao Federica. Anche a te un benvenuta sul mio blog.
    Come potrei mai contraddirti sul nostro Gianni nazionale?
    A presto!

    RispondiElimina
  14. Ciao Mari!!!
    Tutto bene in quel di NYC ?? immagino di si nèèèè ghghg
    Non ho preferenze per le canzoni di quell'epoca erano tutte così' orecchiabili,Morandi mi piaceva assai,ora mi annoia parecchio…
    Abbraccio circolare amica! Baciiiii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto a posto Claudia, grazie.
      Abbraccio a te.

      Elimina
  15. ciao mari, a me piace molto la nuova di michael franti (il capitano jova è fuori classifica per manifesta superiorità :)
    di morandi adoro "occhi di ragazza"
    buona estate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho sentita in radio. Franti mi ricorda un concerto di Lorenzo ad Assago, in cui tutti abbiamo ballato a piedi nudi!
      Buona fine estate anche a te.

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)