AVEVO SAPUTO QUEL GIORNO CHE LA SCRITTURA ERA CAMPO APERTO, VIA D'USCITA.
(ERRI DE LUCA - IL PIU' E IL MENO)

14 dicembre 2013

Intanto il tempo passa.








Alda Merini - immagine presa dal web


Ieri sera ho riletto ancora una volta una piccola, meravigliosa poesia.
La lascio a voi, pronta a catturarvi.
A volte torno a risentire il bisogno assoluto di parole intense.


"SCRIVIMI , TE L'HO DETTO TANTE VOLTE, SCRIVIMI UNA LETTERA LUNGHISSIMA CHE PARLI SOLAMENTE DI SILENZIO".

(Alda Merini)




44 commenti:

  1. Bella Alda!
    Splendida matta piena di poesia, parole e silenzi.
    Una sonno che spero l'Italia non dimentichi mai.
    Abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vediamo se riesco a trovare per ognuno di noi la poesia di Alda che mi sembra più adatta.
      E' una sfida.
      Mi piacciono le sfide.
      "Appartenere a qualcuno significa entrare nell'idea di lui o di lei e farne un sospiro di felicità."

      Elimina
    2. Mariiii!!! Grazie!!!

      Non sai quanto mi facciano bene queste parole che hai scelto per me, in questi giorni (maledetta malinconia cancerina)

      Elimina
  2. Ciao Mariella,
    "Il tempo viene per chi sa aspettare".
    Nicola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per te Nicola.
      " A volte succedono cose strane, un incontro, un sospiro, un alito di vento che suggerisce nuove avventure della mente e del cuore. Il resto arriva da solo, nell'intimità dei misteri del mondo."

      Elimina
    2. Touché...
      Nicola

      Elimina
  3. ...e molte volte il silenzio ha una sua voce...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per te Aldo.
      " In cima ad un violino ci sta forse un sospiro che nessuno raccoglie perchè è un senso d'amore. Tu suoni per il vento e viaggi dove la pace sussurra tra le piante tutta una nostalgia."

      Elimina
  4. Il silenzio talvolta vale più di mille parole....
    Ciao cara Mariella ti abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per Francesca.
      "Ci sono pittori che scrivono con le rime e disegnano foreste entro cui vanno a vivere con i loro amori.
      Si contentano di un solo pensiero, lo vestono di rubini e credono che sia un re.
      I poeti non credono alle date, credono che la loro storia cominci dalla presenza."

      Elimina
  5. A volte le parole più belle e meravigliose trapelano proprio dal silenzio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per te, Costantino.

      "La cosa più superba è la notte quando cadono gli ultimi spaventi e l'anima si getta all'avventura.
      Lui tace nel tuo grembo come riassorbito dal sangue che finalmente si colora di Dio
      e tu preghi che taccia per sempre per non sentirlo come rigoglio fisso
      fin dentro le pareti."

      Elimina
  6. Ci sono sguardi più eloquenti di qualsiasi discorso...
    Post geniale, Mari! Lara58

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa è per te, Lara.
      Fragile, opulenta donna, matrice del paradiso sei un granello di colpa anche agli occhi di Dio
      malgrado le tue sante guerre per l'emancipazione.
      Spaccarono la tua bellezza e rimane uno scheletro d'amore
      che però grida ancora vendetta e soltanto tu riesci
      ancora a piangere, poi ti volgi e vedi ancora i tuoi figli,
      poi ti volti e non sai ancora dire e taci meravigliata
      e allora diventi grande come la terra."

      Elimina
    2. E io, Mari, ti dedico questa di Gianfranco Corona, poeta bolognese e mio amico fraterno, che Alda Merini l'ha conosciuta di persona.

      "FIGURE SENZA VOCE"

      Seguirà,
      un disattento pensiero,
      nella semplicità
      a vibrare
      le fiamme inquiete
      che si abbassano
      nella campagna
      di ghiaccio.
      Verso i vetri appannati
      ad ignorare
      le figure che resistono
      come film
      senza voce.

      Elimina
    3. Gianfranco Corona5/5/14 9:44 AM

      Cariss.Anonimo grazie per la poesia volevo inserire la mia poesia dedicata ad ALDA MERini un abbraccio:
      IL CANTO DI ALDA (ad Alda Merini)

      Vorrei superare il grido
      nel silenzio,
      esercitando con forza la gola
      che tremante,dentro,
      canta …
      l’anima stanca
      ma fresca,
      nel condurmi in un tempo immaginario,
      con un movimento reale,
      dove l’essenza antica
      si rintana,come il vento
      nei segreti fantasmi della mente.
      E tu,
      allegra voce
      quasi roca
      riassorbi il fumo
      nella tua terra santa.
      Dove le muse aspettano la primavera,
      tu addormentata
      ancora canti
      di poesia.
      Gianfranco Corona

      Elimina
  7. Ciao Mariella,
    amo da sempre Alda Merini,
    anche se non sempre condivido il suo pensiero, lei è una graaande!
    Ti abbraccioooooo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per te, Spia.
      " L'amore è proprio questo: riconoscere una traccia del divino in un volto qualsiasi e riconoscerlo perchè prima della sua nascita questo volto era già a una dimensione eterna."

      Elimina
  8. Buonanotte Mari.
    E grazie per questa poesia.
    veru

    RispondiElimina
  9. La prima volta che vidi Alda Amerini fu al Maurizio Costanzo Show e mi colpì profondamente.
    Le sue mani, le collane, il rossetto, l'abbigliamento liso, e capelli, gli occhi tristemente vivi, la voce impastata.
    Anni dopo, in un'intervista ripresa a casa sua, la rividi fumare una sigaretta dopo l'altra...anzi alcune sigarette si fumavano da sole tra le dita ingiallite. Ricordo che a modo suo corteggiava il giornalista intervistatore e rispondeva con frasi brevi ma di un'intensità strabiliante.

    Robbi Spaggia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Robbi, anche io ho gli stessi ricordi tuoi. Soprattutto la sigaretta che si fumava da sola. Mi ipnotizzava esattamente come faceva lei.
      Questa è per te.
      "Sono folle di te, amore che vieni a rintracciare nei miei trascorsi questi giocattoli rotti delle mie parole.

      Ti faccio dono di tutto se vuoi, tanto io sono solo una fanciulla
      piena di poesia e coperta di lacrime salate,
      io voglio solo addormentarmi sulla ripa del cielo stellato
      e diventare un dolce vento di canti d'amore per te."

      Elimina
    2. Grazie!

      Robbi Spaggia

      Elimina
  10. che donna!!!

    com'è il libro della mazzantini che vedo che stai leggendo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Federica ciao! Prepara i fazzoletti se hai intenzione di leggerlo. Altro non ti dico.
      Ma se ti piace come scrive lei, non te ne importerà nulla, sei preparata.
      Vediamo se ci azzecco con te.

      "I poeti lavorano di notte quando il tempo non urge su di loro,
      quando tace il rumore della folla e termina il linciaggio delle ore.
      I poeti lavorano nel buio come falchi notturni od usignoli
      dal dolcissimo canto e temono di offendere Iddio.
      Ma i poeti, nel loro silenzio fanno ben più rumore
      di una dorata cupola di stelle."

      Elimina
  11. spiazzante. è per questo che ci piace
    ciao mari :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, Metiu.
      Questa è per te.

      "Bambino,
      se trovi l'aquilone della tua fantasia legalo con l'intelligenza del cuore.
      Vedrai sorgere giardini incantati e tua madre diventerà una pianta
      che ti coprirà con le sue foglie.
      Fa delle tue mani due bianche colombe e portino la pace ovunque e l'ordine delle cose.
      Ma prima di imparare a scrivere guardati nell'acqua del sentimento."

      Elimina
  12. Ah se almeno potessi,
    suscitare l'amore
    come pendio sicuro al mio destino!
    E adagiare il respiro
    fitto dentro le foglie
    e ritogliere il senso alla natura!
    O se solo potessi
    corpo astrale del nostro viver solo
    pur rimanendo pietra, inizio, sponda
    tangibile agli dei
    e violare i più chiusi paradisi
    solo con la sostanza dell'affetto.
    veru

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vediamo. Con te è sempre molto difficile.
      "Tu eri la verità, il mio confine, la mia debole rete, ma mi sono schiantata contro l'albero del bene e del male,
      ho mangiato anche io la mela della tua onnipresenza e ne sono riuscita vuota di ogni sapienza perchè tu eri la mia dottrina e il calice della tua vita sfiorava tutte le rose.
      Ora ti sei confusa con gli oscuri argomenti della lira ma invano soffochi la tua voce nelle radici spirali degli alberi, invano getti gemiti da sotto la terra, perchè io verrò a cercarti, scaverò il tuo fermento madre, cercherò negli spiriti quello più chiaro e più fermo,
      colui che aveva i tuoi occhi e la tua limpida voce e il tuo dolce coraggio fatto soltanto di stelle."

      Elimina
    2. Mari grazie.
      Scusa arrivo solo ora.
      Porta pazienza.
      Sto cercando di dare sostegno ai vari blog di Vanity.
      Ma ti autorizzo a mandarmi a cagare perchè ho trascurato di un giorno e mezzo il tuo.
      Dai prepara la foto con l'abete.
      Male che vada gliene mandiamo entrambe una con l'albero dalla forma della pietra spedita da me l'ultima volta.
      Questa volta vinciamo.

      Elimina
    3. Riguardo la poesia.
      Lo so a volte sono ingombrante ;-)

      Elimina
    4. Beh peggio di una crocerossina Ma del resto hanno invocato il tuo aiuto che diamine.
      Qui ti si vede pochissimo. Meno male che a volte ritorni.
      ghghgh

      Elimina
  13. +Meravigliosa poesia questa della Merini.
    Adoro il silenzio delle parole,
    Grazie Mariella che ci coinvolgi in questo tuo viaggio fatto di pensieri, di parole, di musica e viaggi.
    Morena

    RispondiElimina
  14. Grazie Morena. Sei sempre molto gentile. Mi fa piacere che tu sia tornata.
    Vediamo se trovo qualcosa per te.
    "Il volume del canto mi innamora:
    come vorrei io invadere la terra con i miei carmi e che tremasse tutta sotto la poesia della canzone.
    Io semino parole, sono accorta seminatrice delle magre zolle e pur qualcuno si alza ad ascoltarmi,
    uno che il canto l'ha nel cuore chiuso e che per tratti a me svolge la spola della sua gaudente fantasia."

    RispondiElimina
  15. Ma sai che io non riesco a leggere le sue cose? Mi sconvolgono troppo, sono proprio una frignona!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari ti ci vorrà un po' più di tempo. Io l'ho scoperta alla tua età.
      Bacio.

      Elimina
  16. Io non so che associazione abbia fatto la mia mente, ma mi fa pensare a questa:
    http://www.youtube.com/watch?v=hOxLD7Eb9h4
    Smack!
    Arnika

    RispondiElimina
  17. Alda,sei sempre così bella e appagante,la tua essenza immortale è meravigliosa.
    Bacione Mari,Nick

    RispondiElimina
  18. Bacio a te Nick.
    Anche per te una sua poesia.

    Perché amo gli animali? Perché io sono uno di loro.
    Perché io sono la cifra indecifrabile dell’erba,
    il panico del cervo che scappa,
    sono il tuo oceano grande e sono il più piccolo degli insetti.
    E conosco tutte le tue creature: sono perfette in questo amore che corre sulla terra per arrivare a te..

    RispondiElimina
  19. Mai poesia fu piú azzeccata :)
    Grazie mille per avermi inserito nel bel mezzo della Grande Madre,tra tutte le sue creature!
    Stiamo progettando un viaggetto al Polo Nord per vedere l aurora boreale :)
    Nick

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma con te giocavo facile. Ti conosco bene.
      Ah che invidia il Polo Nord.
      BACIO RAGAZZO.

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)