AVEVO SAPUTO QUEL GIORNO CHE LA SCRITTURA ERA CAMPO APERTO, VIA D'USCITA.
(ERRI DE LUCA - IL PIU' E IL MENO)

20 agosto 2014

Dolce far niente.






Dondolo pigramente la mia gamba al sole.
Guardo i fiori  che mi circondano.
Un grande albero di mimose accanto ad una magnolia. 
Fioritura passata ma ombre confortevoli come un abbraccio.
Macchie di buganvillee che mi lasciano senza fiato.
Gerani e campanule di ogni colore sul balcone
che si affaccia con un sorriso aperto al giardino.
Scendo le scale e arrivo al porticato.
Vasi di erbe profumate mi accolgono.
E un albero di cedri soleggianti.
Un dondolo sornione che mi invita.
Io socchiudo gli occhi.
C'è sole. Sì.
Ma quell'angolo riparato mi invita a dormicchiare.
Vacanze e pace.
Nessun rumore.
Mi avvolge una leggera brezza.
Ci sono solo io e il mio cuore.





acquamari.blogspot.it

24 commenti:

  1. Goditi questa quiete.

    Un abbraccio,

    B.

    RispondiElimina
  2. E tuo marito dove l'hai lasciato ? :')

    (Scarpe interessanti)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli uomini erano dentro a discutere sul nuovo commissario tecnico della nazionale italiana. Io mi astengo (per ora).

      Elimina
  3. Mary ma hai le gambe coperte! una bella gonna no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pigrizia ha avuto il sopravvento. Ma le gonne le uso ancora eh!

      Elimina
  4. Il luogo perfetto per stare in pace con se stessi e con il mondo che ci circonda.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sto coccolando un po'. Credo di meritarmelo.
      Bacio Aldo.

      Elimina
  5. Che stacco di gamba :-D

    La personificazione della pigrizia sono stata io al mare: lettino + Kindle + birra. Mancava solo il rutto, ma quello l'ho risparmiato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah dici? Si nota nonostante i pantaloni?
      Per la gara di rutti prossimamente su questo schermo:-)
      Bacio!

      Elimina
  6. Hai descritto una giornata ideale per me. Come tante persone, sono sempre e costantemente di corsa, per cui il dolce far niente è negli ultimi anni, sinonimo di vacanza cinque stelle.Quest'anno sto trascorrendo giornate davvero all'insegna dell'ozio, mi sto godendo al massimo queste due settimane di ferie nel miglior modo possibile: riposandomi. Ovvero fare il minimo indispensabile, prendendomi il tempo necessario per ogni cosa, anche quei pochi minuti alla cassa del super, facendo passare chi sta dietro di me. Sorridendo ai pensionati che al mattino intasano il negozio del fornaio e che normalmente mi farebbero infuriare durante le giornate lavorative quando anche pochi minuti fanno la differenza.lAlzarmi presto per andare a camminare con la mia cucciolona, fermarmi al bar per fare colazione leggendo anche gli articoli del giornale, non solo i titoli. Fare la spesa osservando attentamente quello che compro, non mettendo nel carrello quello che capita. Leggere, leggere, leggere, che bello avere tanto tempo per farlo, non soltanto la sera prima di dormire. Guardare le cose, parlare con le persone attardandosi in chiacchiere infinite che non sono freddi sms copia e incolla. E feste, tante feste. Feste paesane, nei piccoli borghi collinari e montani della mia terra, dove ancora il divertimento e l'ospitalità sono davvero sentiti. Peccato, lunedi si riparte.... Abbraccione Mari!!!

    RispondiElimina
  7. Il dolce far niente per me è esattamente quello che ho descritto. Che poi è quello che desideravo da un po' di tempo.
    Passare più tempo con me stessa e con la mia famiglia.
    Altro che cinque stelle...villaggi vacanze extralusso e giaggi da capogiro.
    Cara Morena, leggo che pure per te il tempo si sta dilatando piacevolmente. Presto torneremo alle consuetudini negative conseguenza della vita frenetica che facciamo. Ma per intanto ora, ce la godiamo.
    Ti abbraccio forte forte.
    PS: le feste paesane (sagre) me le sto facendo tutte. Dalle parti di casa mia ogni occasione è buona per loro. E pure per noi ahahah

    RispondiElimina
  8. Ciao,
    profitto di un momento "sì" del mi router volante, per comunicarti che anch'io, dal primo Agosto, mi sto crogiolando al sole di Ascea.
    Per me però è difficile staccare del tutto l'interruttore, ogni tanto il pensiero sfiora la cronaca (spesso drammatica) torna alle occupazioni abituali ( cosa saremmo senza la capacità di progettare?) e si sofferma, ahimè, su qualche grattacapo ( innocuo, per fortuna).
    Io non sono, come dichiarava quel tuo conoscente (?) un tipo snob, io sono totalmente calato in questo mondo e non storco il naso di fronte a niente e a chicchessia; sono un povero diavolo come tanti, che conosce un po' il lessico e sa che "SNOB", significa soprattutto "INDEGNO DELLA NOBILTA' (quella d'animo naturalmente... che conta sopra ogni cosa).
    Buone vacanze, gentile amica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nigel, è sempre un piacere quando passi di me.
      Hai dato una perfetta descrizione di colui che si definisce snob.
      Indegno mi sembra il vocabolo più appropriato.
      Sei in vacanza e non riesci a staccare del tutto? Con quello che succede attorno a noi o nelle vicinanze non mi meraviglio. Io ci provo. Stanno finendo e come sempre me ne rammarico.
      Sono sotto il sole della mia Campania.
      O meglio della mia città, Benevento. E ci sto benissimo.
      Peccato ancora per poco.
      Ti abbraccio e ti auguro un buon proseguo.
      A presto caro amico.

      Elimina
  9. Ciao Mari!
    Ahhh che meraviglia lasciarsi coccolare dalla tranquillità dei giorni vacanzieri di sole e famiglia, ricaricati a più non posso che fai rifornimento per il resto dell'anno
    Ti abbraccio amica!! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto caricandomi al massimo e lo sai cara.
      Ho la casa, la famiglia e il sole. Qui non mi manca nulla.
      Ti abbraccio forte pure io.

      Elimina
  10. Che bello! Cosa si può desiderare di più da una vacanza?
    Mariagrazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente nulla! Verissimo!
      Ciao cara Mariagrazia, a presto.

      Elimina
  11. Io invece guardo questo tuo piede inscarpato in rosso e mi commuovo. Guarda un po' tu come sono fatto.
    E bada bene che non sono un feticista, ma penso all'atto di estremo abbandono di chi non avendo altro da fare si fotografa un piede e si ispira, annusando fiorame vario. Sei simpaticissima, sorella grande della sorellina di Maria.
    Avessi voglia mi fotograferei l'alluce del piede destro, ma proprio non mi va i sprecare un attimo di questa beata contemplazione di un cielo invernale che sto facendo da una settimana, cielo di me....nestrelli di un'estate di me...nestrelli.
    L'anonimato mi serve perché questo non è il mio portatile, ma quello di mia figlia, e lui di me non vuol proprio sapere niente.
    Ciao. Abbraccio. Enzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi la lacrimuccia guardando la scarpa e I fiori science pure a me. Ultimi scampoli di vacanza. E mi aspettano lavoro e temperature autunnali dopo tutto quel sole. Goditi la tua famiglia Enzo. Ti abbraccio.

      Elimina
  12. Versi floristici! :)
    E io son tornato attivo: grazie per avermi accolto con i colori e i profumi di queste piante!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto che sei tornato! E alla grande direi... Qui c'e' ancora uno spicchio di sole a ricordarci che in teoria l'estate no ne' ancora finita, bacio
      Moz!

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)