AVEVO SAPUTO QUEL GIORNO CHE LA SCRITTURA ERA CAMPO APERTO, VIA D'USCITA.
(ERRI DE LUCA - IL PIU' E IL MENO)

19 ottobre 2014

Party Girl



In questo periodo non si parla d'altro che dell'intervista a "Che Tempo che fa" di Bono e di The Edge. La boria del primo. La mancanza dell'altra metà della mela. Larry e Adam.Che hanno preferito rimanere a casa; questo la dice lunga del peso che ha l'Italia a livello musicale nel mondo. Capita che si diventi un mito quando si scrive la storia della musica. Agli occhi degli altri  e pure a causa degli altri,  il senso della realtà, ciò che si è,  viene stravolto.

Dall'immagine deformata di se stessi apparsa nei occhi di chi ti osserva.
I primi a dimenticare che sono solo uomini.
Pieni di difetti. Capaci di non riuscire nemmeno a spiegare con parole semplici cosa sia il "potere". Loro che lo esercitano pienamente nel campo musicale, a ben vedere.

Poi sento cantare Paul e  sono io a dimenticare dove sono e chi sono. Tutto è fermo. Voce del primo e chitarra del secondo. Che altro?

E nel tempo immobile ho pensato ad una canzone che è tra le mie preferite.
Anno 1982 lato B (trash) di A Celebration; singolo di successo pubblicato tra i due album October e War.

Da sempre ha avuto una vita travagliata. Gli U2 non la cantano quasi mai durante i concerti (ma io ci sono riuscita a sentirla dal vivo); non è mai stata inclusa in nessun lavoro a parte la versione live in Under a Blood Red Sky.



Quando l'ascoltavo mi sentivo così. Non era esattamente il 1982.Ma poco dopo.
I giochi erano fatti e mi ero smarrita nella loro musica.
Ho perso due dei loro concerti più famosi: 1987 Olimpico - Roma. Il mio "moroso" di allora amava Wagner e l'avanguardia rock italiana. Disse che sarebbero durati poco e non andammo. Che cretino.
Poi CampoVolo 1997. E' il loro concerto che rimpiango di più: tutto pronto alla partenza; si andava lì sperando di entrare e trovare ancora dei biglietti. Ma all'ultimo, convinti di fare un viaggio a vuoto, restammo a casa. Non me lo sono mai perdonato. Da allora in poi, non ho più perso un loro concerto in Italia.



Questa canzone mi ricorda il tempo in cui ero convinta che niente e nessuno mi avrebbe fermato.E se penso a questo, ritengo  di potere perdonare loro quasi tutto. Perché ciò che mi hanno regalato con la musica è un bene incalcolabile.

Mentre le domande soporifere di Fazio quelle no, non gliele perdono. A Fazio.


I know a girl, a girl called Party
Party Girl
I know she wants more than a party
Party Girl
And she won't tell me her name
Oh no, not me

I know a boy, a boy called Trash
Trash Can
I know he does all that he can
Wham Bam
And she won't tell me his name
Oh no, not me



When I was three, I thought the world revolved around me
I was wrong
And so I sing along
And if you dance, then dance with me

I know a girl, a girl called Party
Party Girl
I know she wants more than a party
Party Girl
I know a boy, a boy called Trampoline
You know what I mean

I think I know what he wants





40 commenti:

  1. Bella la mia Mariella, come si fa a dimenticare Campovolo, uno dei miei primi lavori da corrispondente e gli U2 di allora, dove , secondo il nostro istrionico Bono , gli irlandesi e gli italiani sono uguali, sono fratelli...
    Quanta acqua è passata sotto i ponti,quanti cambiamenti..e mi fermo a Joshua tree, non vado avanti con loro , mi dispiace mia cara..anche se li considero una delle migliori band del panorama rock.
    Ma il loro creatore che in effetti è stato più che altro Larry Mullen...perchè è rimasto a casa..che gran peccato..
    Ma ascoltando ancora la loro musica , abbiamo di che consolarci. mia amabile amica.
    Mi sono iscritta volentieri, compiaciuta delle tue certezze , sperando in felice ricambio!
    Grazie e un abbraccio forte..
    http://rockmusicspace.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao adorabile blood sister, un bacio enorme e un GRAZIE di cuore!!!!!

      Elimina
    2. Ciao Nella.
      Ecco, chi c'è stato non può dimenticarlo e chi non c'è stato (come me) lo rimpiangerà sempre.
      Gli U2 sono il mio gruppo rock preferito; da me lo sanno pure le pietre ahahah.
      Io sono andata avanti fino all'ultimo. Non riesco a fare a meno di loro nel bene come nel male. Negli ultimi dieci anni direi più il secondo.
      Il mio (loro) album preferito è Acthung Baby. Il punto più alto.
      Li seguo da talmente tanto tempo che ho perso il conto.
      E so che, se non ci fosse stato Larry e il suo annuncio sulla bacheca della scuola, non saremmo qui a parlarne.
      Per questo sono particolarmente incazzata per l'altra sera.
      Sono passata da te e ho visto che abbiamo tanto in comune a partire dal Boss.
      Ricambio l'abbraccio e a presto.


      Elimina
  2. Ultimamente Fazio farebbe domande soporifere pure a Gesù, se lo avesse ospite. Mi si salva solo la Litizzetto, alla quale chiederei a cosa serva mai Filippa (..ma forse lo so già...eheh..)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Franco non lo sopporto più. Lui, i suoi sorrisetti ammiccanti e le sue interviste scontate la domenica sera.
      Invece mi piace molto di più la ventata di novità data al programma il sabato.
      Ma credo che faccia molto la presenza fissa di Gramellini.
      No, non chiediamo alla Litti a cosa serva la bella Filippa :-)

      Elimina
    2. A me, Fazio non piaceva neanche prima, quando se ne parlava come di un fenomeno.
      Un secchione paraculo, così mi è sempre parso.
      Ehi Marì... un bacio :)

      Elimina
    3. Invece io Gioia, per molto tempo sono stata una sua fan. Mi piaceva il modo pacato con cui conduceva. E quel suo sembrare super partes. Mai pensato fosse un fenomeno. Ma uno equo sì. Col tempo ho cambiato idea. E se non ci fosse la Littizzetto in quel programma e ora Gramellini fisso al sabato, non lo guarderei più.
      A meno che non ospiti Erri e gli U2. Allora cerco di farmelo andar bene.
      Bacio a te bella!

      Elimina
  3. Franco, io non salvo manco più la litizzetto. È una manica di bolliti. A 50 anni - che è la mia età - si dovrebbe avere il pudore di smettere se hai fatto tanti soldi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No vi prego, toccatemi tutto ma non la Litti...

      Elimina
    2. Non mi risulta tu abbia cinquant'anni.
      Se parli di bollito irlandese a me piace molto, ancora. Accompagnato da una buona mostarda piccante.

      La Litti invece, non si tocca.

      Elimina
    3. Manca poco

      Bolliti Fazio e litizzetto

      Elimina
    4. Poco un fischio. Stiamo calmi.
      Fazio sì, la Litti ne ha ancora di cose da dire.

      Elimina
    5. ha ragione Fra, bolliti, ma non per una questione anagrafica. Bolliti e basta.

      Elimina
    6. Scommetto che Francesco salva Filippa...

      Elimina
    7. La salva di sicuro. Ma non so se è di suo gradimento :-)

      Elimina
  4. Beh, non ho sentito l'intervista ma da tempo Fazio non mi piace più... proprio il suo modo di fare :)
    Ciao, my party girl! E sappi che sei ancora e sempre inarrestabile!!^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finchè sarà così prono nei confronti dell'azienda (non manca mai di accendere la candelina all'altare Rai in ogni puntata) non credo potremo liberarcene presto!
      IO SARO' SEMPRE PARTY GIRL. INSIDE!!!
      Bacio

      Elimina
  5. Buonasera Mariella,
    vorrei partecipare al dibattito, ma per quanto possa sembrare strano, non conosco nessuno degli artisti di cui parli; sono completamente digiuno di musica contemporanea straniera.
    Una volta vidi Bono in tv, in qualità di testimonial per l'abolizione del debito da parte del terzo mondo - devo dire - una nobile iniziativa.
    Mi scuso per la mia impreparazione e ti lascio un caloroso saluto ^__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nigel.
      Hai candidamente ammesso che non conosci gli U2. Sappi che l'informazione la userò contro di te a tempo debito.
      Ahahah...
      Sì, il signor Bono Vox si è molto impegnato negli anni in parecchie(forse troppe) cause umanitarie. Tra cui quella per la cancellazione del debito.
      Una delle sue molteplici contraddizioni. Lo rendono più umano. Grazie al cielo siamo pieni di contraddizioni noi esseri umani.
      Perché i perfetti, perdonami, (o meglio quelli che puntano il dito contro gli altri) proprio non li sopportiamo vero?
      Ti abbraccio.

      Elimina
  6. Per fortuna (o purtroppo) non seguo la trasmissione di Fazio, quindi mi sono risparmiata Bono.
    Però una cosa posso dirla: lo star sistem è la cosa più sbagliata che esista.
    Partiamo, come fanno per esempio in Cina e Giappone, dal presupposto che essere attori e cantanti è un lavoro come un altro, diamo 1000 euro a questa gente ed evitiamo di incensarli.
    Vediamo se non cambiano le cose!
    Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi sarei risparmiata Fazio a dire il vero.
      Bono fa il suo porco mestiere e lo fa ancora benissimo.
      Non so dirti a proposito dello star sistem. Ritengo che si potrebbe applicare a qualunque categoria di quelli troppo:
      calciatori, attori, musicisti ecc....
      Il problema è che non riusciremmo a farne a meno.
      E dopo avergli dato tantissimo sarebbe davvero difficile togliere.
      Sui giapponesi ti dirò: magari i loro cantanti/attori li pagano poco: ma si strappano i capelli e altro per lo star sistem mondiale esattamente come noi.
      E non parliamo del mondo della moda eh!
      Bacio Mel.

      Elimina
  7. La televisione è uno strumento di tortura abolito in queste 4 mura e mi sono risparmiato la trasmisione di Fabio Strazio (e pure tutte le altre).
    Solo uomini... Ma sono davvero solo uomini?
    Vogliodire, persone che hanno così tanto dentro e che lo esternano in modo così magico possono davvero venir considerati "solo uomini"?
    Vale per i musicisti, i cantanti ma anche per gli scrittori ed i pittori, per qualsiasi artista che si possa definire "grande". Sono davvero "solo uomini" o hanno messo il piede su un gradino più in alto, dal quale riescono a "vedere" o a "sentire" qualcosa che al volgo sfugge?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa Apprendista, non avevo letto. Posso dare una risposta personale, riguardante solo me.
      Io scrivo e dipingo, o meglio dipingo quello che dovrei descrivere con una penna e scrivo quel che dovrei dipingere, magari solo intingendo un dito nel colore.
      Dicono che scriva molto bene (qualcuna usa dire "daddio"). Dipingo quadri di un certo valore, col mio inconfondibile stile.
      Naturalmente mi conoscono solo qui in Germania, dove lavoro e vivo.
      Allora, sono su un gradino più in alto?
      Forse due o tre, ma sono un uomo, credimi AN, sono solamente un uomo, geniale, ma uomo.
      Commetto tanti errori, faccio tanti casini, se non avessi una moglie economa che sa andare coi soldi, sarei in galera per debiti non pagati, eppure di soldi ne guadagno abbastanza, ma ho le mani trapanate e i soldi scottano, scottano terribilmente.
      Amo le donne, a cominciare dalla mia, ma non porterei mai via la moglie ad un altro uomo se sapessi che lo farei soffrire. Forse questo è poco artistico e non c'entra niente con la genialità, ma io penso che sarebbe un insulto per il mio genere di uomo fare soffrire un altro uomo solo per godere io illecitamente.
      Forse in questo sono poco moderno. E chi se ne frega.
      Felice conclusione di serata e naviga sotto vento.

      Elimina
    2. Nocchiero, prima cosa: la televisione non è un semplice elettrodomestico a casa mia. Altrimenti come farebbe il mio cervello a friggere così bene? Sono assolutamente dipendente.
      Mi piacerebbero dei programmi alternativi e non ovvi come è ormai da troppo tempo quello di Fazio; per questo spesso non guardo altro che film, partite di calcio e serie televisive.
      Per quello che invece riguarda gli "artisti" ritengo che la loro bravura, a volte indubbia, non debba costringerci a guardarli come se fossero altro. Ovvero "più" di noi.
      Non lo sono.
      Hanno doti innate che ai più mancano o sfuggono. Ma questo non dovrebbe portarci a pensare che siano speciali. E ad idolatrarli. Ne far sì diventi un alibi per giustificare tutto. Anche la superficialità che spesso li contraddistingue.
      E lo dico a chiare lettere io che per prima, ho le mie passioni smodate.

      Elimina
    3. Tu sei un poeta, Enzo. Non scrivi molto bene...
      Però come riconosci tu stesso non ti senti speciale ma pieno di difetti. Come tutti.
      Questo, chi ha ricevuto dei doni importanti non dovrebbe mai dimenticarlo.
      Mi piace molto quando questo blog diventa un luogo di confronto.
      Abbraccio.

      Elimina
  8. Quando scrivi questi post li leggo, ammiro la tua competenza ma devo astenermi dal commentare vista la mia totale ignoranza in materia. Mi piacciono gli U2, così, ascoltarli, ma non so di che musica si tratti. Mai stato ad un concerto tra le masse urlanti e deliranti, scusami cara, ma proprio non lo capisco il loro delirio. Mi piace tutta la musica, anche quella che non capisco, come Wagner per esempio, ma il suono lo sento e lo gusto, anche quello de "Die Walküre", pensa tu, a prescindere dalla cavalcata degli elicotterio americani nel film di Coppola.
    Su una cosa concordo in pieno: Fazio mi ha rotto definitivamente i coglioni. è un cattocomunista del cazzo! Un lecchino della madonna, un perverso da quattro milioni all'anno per dire le sue coglionate, per infilarti le sue supposte alla glicerina su pel culo. Se non fosse per la presenza spumeggiante e scurrile della Littizzetto lui sarebbe una "Schlaftablette" e niente più, buona per far prendere sonno e basta.
    Ciao, bellissima sorellona della sorellina di Maria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma va, che competenza. Solo passione. Mi spinge a fare ricerche su artisti; a leggere libri, biografie, articoli.
      Per saperne di più. Con gli U2 è un amore che dura da quasi trent'anni.
      Sono il gruppo rock che conosco meglio. Subito dopo vengono i Beatles. Per dire.
      Io a differenza tua, ci sono nata per andare ai concerti. E di chi mi piace molto cerco di non perdermene uno. Certo, con l'età che avanza ormai non mi metto più sotto il palco. E non sto ore sotto il sole a fare la fila per entrare. Ma l'ho fatto.
      Fazio ormai è immobile. Ce ne stiamo accorgendo tutti; a quando la Rai?
      Bacio a te.

      Elimina
  9. Tutto vero.
    Fazio ormai è la caricatura di se stesso.
    L'intervista deludente anche dall'altra parte.
    Ma quando Bono ha cantato cazzo mi ha stesa.
    Quando hai una voce così è una faccia così fai dimenticare anche qualche parola che non andava detta.
    Fantastico.
    Veru

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì è verissimo. Riesco a perdonagli tutto. Perché riconosco il suo valore.
      Ma ho smesso da tempo di ritenerlo migliore di altri.
      E' solo un artista che con la sua musica riesce ad arrivare a tantissima gente. Sfiorando le corde sensibili di molti.
      Fazio ormai dovrebbe ammainare le vele e andare. Lontano da noi.
      Bacio.

      Elimina
  10. Mi sono persa Bono e The Edge da Fazio ma non è una novità perdermi ospiti di tale caratura. Da tempo non seguo più la sua trasmissione, ovvio che non li ho visti. E mi dispiace, perchè il giorno dopo sui giornali si parlava davvero di una grande performance dei due. Che pure questo non è una novità.
    Fazio però è soporifero, interessante come leggere l'elenco telefonico. Mai una presa di posizione, mai una domanda appena appena fuori dall'ordinaria amministrazione. E che palle! Ci sarà una volta che non è d'accordo con questo o con quello, ci sarà un libro, un film, un album che non gli è sembrato all'altezza della situazione? Possibile che tutto sia sempre eccezionale? Mah... come dice Razzi: io non credo...

    RispondiElimina
  11. Mi sono persa Bono e The Edge da Fazio ma non è una novità perdermi ospiti di tale caratura. Da tempo non seguo più la sua trasmissione, ovvio che non li ho visti. E mi dispiace, perchè il giorno dopo sui giornali si parlava davvero di una grande performance dei due. Che pure questo non è una novità.
    Fazio però è soporifero, interessante come leggere l'elenco telefonico. Mai una presa di posizione, mai una domanda appena appena fuori dall'ordinaria amministrazione. E che palle! Ci sarà una volta che non è d'accordo con questo o con quello, ci sarà un libro, un film, un album che non gli è sembrato all'altezza della situazione? Possibile che tutto sia sempre eccezionale? Mah... come dice Razzi: io non credo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa morire il tuo doppio commento. Oggi il mio blog è particolarmente capriccioso. Ci ho messo ore per rispondere a tutti voi.
      Io per Bono e pochi altri ( Erri De Luca ad esempio) mi sorbisco anche Fazio.
      E il suo eccessivo buonismo.
      Non è proprio vero che non abbia mai dei guizzi. Li ha con chi non la pensa come lui. Vedi l'intervista di domenica sera al segretario Fiom Cgil, Maurizio Landini.
      Landini non lo faceva parlare e dire le solite banalità. Inoltre andava contro Renzi e ormai da tempo in quella trasmissione non si può parlare male di Renzie. Per cui si è innervosito abbastanza. Ed io mi sono divertita parecchio.
      Poi mi sono addormentata sull'intervista a McEnroe. Tra il Fazio soporifero e quell'antipatico tennista non ne potevo più.
      Certo ho provato a guardare la partita dell'Inter ma anche lì non è che proprio c'era da divertirsi.
      Insomma avrei dato non so cosa per rivedere la puntata con gli U2. Anche se erano la metà.
      Io vorrei una trasmissione da dare per intero alla Litti. E allora sì che volerebbero stracci.
      Ahahah
      Abbraccio bella bionda!

      Elimina
  12. Il problema di Fazio e della Littizzetto, a mio parere, deriva non tanto dall'essere bolliti, quanto dall'essere ingordi.
    Hanno lanciato una formula che un tempo era alternativa e, visto che risultava vincente, hanno insistito sulla stessa strada, senza più apportare variazioni, se non formali. Così facendo, nel corso degli anni, la trasmissione è diventata una sorta di messa cantata, né più né meno di "Porta a Porta".
    Col tempo, Fazio, non contento del lauto compenso percepito, si è allargato con trasmissioni serali, puntate speciali e la conduzione del Festival di Sanremo.
    Luciana si è equamente spesa fra libri, fiction e cinema.
    Per carità, hanno fatto benissimo da l punto di vista economico e professionale.
    Ma come stupirsi se con l'andar del tempo la vena si è inaridita e sono diventati la fotocopia di se stessi?
    Lo stesso discorso, credo, si possa fare per gli U2 se non che li conosco troppo poco per affermare che sia così.
    Per fortuna tu, Mariella non rischi di commettere lo stesso errore, visto che sai rinnovarti di continuo...
    Ciao, bella! nessie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Nessie, ormai è tutto trito e ritrito.
      Bisognerebbe essere sempre in grado di stare al passo coi tempi. Per anni sono stati l'avanguardia: ora è tutto spento e sa di vecchio.
      Un tentativo Fazio lo sta facendo al sabato, ma credo debba molto a Gramellini.
      Dici che io riesco sempre a rinnovarmi?
      Grazie per il complimento.
      E stay tunes: si prevedono meraviglie.
      BACIO

      Elimina
  13. Ciao Mari,
    gli U2 sono bravissimi e Fazio non è che mi abbia mai entusiasmato, solo trovo che sia una brava persona.
    La Littizzetto mi è simpatica, tutto qui.
    Cantiamo allora...
    Party Girlllll...🎶🎶🎶🎵🎼🎼

    RispondiElimina
  14. Però, così per far scadere il dibattito, sarebbe interessante sapere chi si tromba la Filippa per giustificarne l'esistenza in trasmissione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con tutti i direttori di rete già passati... Fazio non credo!

      Elimina
  15. Perdona l'off-topic, ma forse non hai visto questo invito :)
    http://appuntiamargine.blogspot.it/2014/10/liebster-award-unoccasione-per.html#more
    baci

    RispondiElimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)