AVEVO SAPUTO QUEL GIORNO CHE LA SCRITTURA ERA CAMPO APERTO, VIA D'USCITA.
(ERRI DE LUCA - IL PIU' E IL MENO)

07 marzo 2015

Ci sono donne...



Foto privata Mariella S.

Ci sono donne...
E poi ci sono Donne Donne...
E quelle non devi provare a capirle.
Perché sarebbe una battaglia persa in partenza.
Le devi prendere e basta.
Devi prenderle e baciarle, e non devi dare loro il tempo di pensare.
Devi spezzare via con un abbraccio che toglie il fiato, 
quelle paure che ti sapranno confidare una volta sola,
una soltanto.
A bassa, bassissima voce. Perché si vergognano delle proprie debolezze e,
dopo averle raccontate si tormentano - in un'agonia lenta e silenziosa - al 
pensiero che, scoprendo il fianco e mostrandosi umane e fragili e bisognose 
per un piccolo fottutissimo attimo, 
vedranno le tue spalle voltarsi ed i tuoi passi
allontanarsi.
Perciò prendile e amale. Amale vestite, che a spogliarsi sono brave tutte.
Amale indifese e senza trucco,
perché non sai quanto gli occhi di una donna
possono trovare scudo dietro un velo di mascara.
Amale addormentate, un po' ammaccate quando il sonno le stropiccia.
Amale sapendo che non ne hanno bisogno: sanno bastare a se stesse.
Ma appunto per questo, sapranno amare te come nessuna prima di loro.


ALDA MERINI

23 commenti:

  1. Poi ci sono anche le donnine stupide. Ma quelle possiamo benissimo far finta che non esistano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovvio che tu non sei tra queste! Appare chiaro solo a te però!

      Elimina
  2. Bellissima poesia! Ma quanto grande è stata Alda Merini?
    Auguri a te, Mari e a tutte le donne dentro e fuori dal blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Annamaria. Ero indecisa sul postare o meno qualcosa per la Festa della Donna. Di solito resto in disparte. Aspetto che la furia della festa a tutti i costi passi, per continuare la solita vita. Ma anche oggi, il giorno prima della sua festa, una giovane donna è stata uccisa dal suo compagno. L'ennesima vittima dell'ignoranza e della furia cieca. Dell'egoismo.
      E allora ho voluto postare un delicato omaggio di una donna che amava le altre donne. Vittima anche essa della vita e delle sue brutture. Ma che con la penna riusciva a colorare e a migliorare il suo mondo e il nostro.
      Grande e immensa ALDA.
      Auguri anche a te e a tutte le donne che amano il loro mondo, nonostante tutto.

      Elimina
  3. Un brano che si connota per il ricorrente invito ad amare le donne, che già per sé è un atto condivisibile ed edificante. Quando poi vi si aggiunge l'invito ad essere rispettosi e discreti nei loro confronti, allora le parole lievitano, si combinano sapientemente, sotto la spinta dell'ispirazione più autentica e assurgono a poesia.
    C'è poi una circostanza che non è da sottovalutare. In questi versi, Alda Merini riprende involontariamente le esortazioni contenute in una delle più belle pagine deamicisiane: "Il tuo compagno Stardi", che pure è una straordinaria esortazione ad amare il maestro, assimilabile - perché no - alla donna e pertanto figura fra le più alte del genere umano.
    Complimenti per la scelta, Mariella e Buon 8 Marzo a te, alle tue lettrici ed alle donne in generale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo il "piccolo e tozzo" Stardi. Amavo la sua libreria con la tenda verde che spostava per lasciare intravedere il suo tesoro. I libri, ricchezza dell'anima. Sarà forse da allora che ho cominciato ad averne la stessa cura e ad amarli di un affetto simile. Hai ragione Nigel, c'è somiglianza tra questo invito ad amare le donne e l'invito ad amare il maestro. Il dolce rimprovero fatto al piccolo Bottini da parte di suo padre. Le parole non dette e non scritte sono gratitudine e rispetto. Ma aleggiano ovunque sulle ali di ogni verso. Amare, rispettare, proteggere.
      Grazie di cuore per le tue parole.

      Elimina
  4. bellssima scelta della Merini.
    aggiungerie che poi ci sono alcune persone, apparentemente di genere femminile, ma più assimilabili al genere iena ridens,
    che sono una vergona per tutte le donne, ed anche se vale sempre il sapiente Dante " non ti curar di loro ma guarda e passa" inevitabilmente non puoi far finta che non esistano, e per quanto mi riguarda le combatterò fino ad abbaterle.
    scusa lo sfogo.
    un 8 marzo di crescita e di consapevolezza per tutti ed in particolare per me, se me lo consenti, che credo ancora che le persone siano migliori di come appaiono, nonostante cocenti batoste.
    Auguri a te Mariella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao SYLVIA.
      Difficile volgere lo sguardo altrove quando oltre la stupidità c'è la cattiveria. C'è la consapevolezza di fare del male e di godere di questo. Allora diventa troppo doloroso. E non si può lasciar perdere. Condivido la tua idea della lotta. Sono come te. Ho preso un sacco di batoste e spesso proprio da chi credevo amica e non avrei mai pensato fosse pronta a mordere. Difficile prevenire colpi così bassi. Però si impara a combattere e nel caso a rispondere con la stessa moneta.
      Ma ci sono tante persone belle, credimi. Anche nel pazzo pazzo mondo del web.
      Auguri bella ragazza. Buon 8 marzo.

      Elimina
  5. Auguri a tutte!poesia bellissima e straziante.

    RispondiElimina
  6. Buona Giornata internazionale della donna a tutti! Ché la festa è davvero di tutti. O forse così dovrebbe essere. Speriamo lo si capisca in fretta.
    Auguri Mariella ^^

    RispondiElimina
  7. Cerco di farlo sempre. Specie nella fase "stropicciate" e deluse, disarmate e sognanti, fragili e vergognose.
    Ma siete sempre più brave voi a farlo con me. ;)

    RispondiElimina
  8. Un bel brano, perfettamente in carattere con l'odierna celebrazione.
    Tanti cari saluti Mari e Buon Otto Marzo ;-)

    RispondiElimina
  9. Versi favolosi scritti da una grande donna. Bellissima scelta per augurare un felice otto marzo a tutte le donne del mondo.
    Un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  10. Ciao Mari!
    Nelle sue poesie c'è tutto quello che lei era ed è,una grande Donna
    Auguri amica cara! :)

    RispondiElimina
  11. E la domanda è: ma chi ama le donne se spesso nemmeno le donne stesse non sono in grado di amarsi?
    Viviamo in una società antifemminile per eccellenza, solo quando si insegnerà il rispetto e l'amore per le donne allora le cose cambieranno.
    Bacioni e auguri.

    RispondiElimina
  12. ..amale addormentate,quando il sonno le stropiccia..grande Merini e grazie anche a te,Mariella, per averci proposto versi bellissimi ed universali.Anche a me non piace l'idea di festa,meglio giornata del ricordo.Ciao

    RispondiElimina
  13. Alda Merini, chi meglio di lei oggi ci può rappresentare con una poesia?
    Bellissima.
    Auguri cara Mariella.
    Amo le donne.

    RispondiElimina
  14. Grazie per i vostri bei commenti. Ho solo un desiderio, che gli auguri valgano tutti i giorni.

    RispondiElimina
  15. Basta poco per essere donna non solo l'otto marzo
    Auguri Mirella
    Maurizio

    RispondiElimina
  16. Non mostrare il fianco per paura di perdere...quanto é vero Marì...
    Un abbraccio stretto! 💚

    RispondiElimina
  17. Me l'ero persa. Eccellente, come sempre Alda, e donna donna. Mi viene da pensare a mia figlia S. che di questi tempi -oramai da cinque anni- è la donna più fragile che io conosca, fragile e indifesa malgrado noi la si cerchi di riesumare. Ma le insiste a giacere sotto un peso enorme. Sì, ho pensato a lei e ringrazio te per questo scorcio di vita che mi hai regalato.

    RispondiElimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)