AVEVO SAPUTO QUEL GIORNO CHE LA SCRITTURA ERA CAMPO APERTO, VIA D'USCITA.
(ERRI DE LUCA - IL PIU' E IL MENO)

10 giugno 2015

Mio fratello è figlio unico.


Mio fratello è figlio unico
perché non ha mai trovato il coraggio di operarsi al fegato
e non ha mai pagato per fare l'amore
e non ha mai vinto un premio aziendale
e non ha mai viaggiato in 2ª classe sul rapido Taranto Ancona 
 E non ha mai criticato un film senza prima, prima vederlo
Mio fratello è figlio unico
perché
è convinto che Chinaglia non può passare al Frosinone
perché è convinto che nell'amaro benedettino non sta il segreto della felicità
perché è convinto che anche chi non legge Freud può vivere cent'anni
perché è convinto che esistono ancora gli sfruttati mal pagati e frustrati

mio fratello è figlio unico sfruttato represso calpestato odiato
e ti amo Mario
mio fratello è figlio unico deriso frustrato picchiato derubato
e ti amo Mario
mio
fratello è figlio unico dimagrito declassato sottomesso disgregato
e ti amo Mario
mio fratello è figlio unico frustrato frustato derubato sottomesso
e ti amo Mario
mio fratello è figlio unico deriso declassato frustrato dimagrito
e ti amo Mario
mio fratello è figlio unico mal pagato derubato deriso disgregato
e ti amo Mario

(Rino Gaetano - 1976)





Lo sgomento di sentire questa canzone sempre attuale.

36 commenti:

  1. Rino fu "uno avanti", un precursore in tutti i sensi.
    Anche per questo credo sia stata una grave perdita.
    Buonanotte, socia... a presto! ^__*

    RispondiElimina
  2. Un pezzo bellissimo e ormai classico della canzone italiana.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai Moz nonostante il "peso" cantautoriale lo si ascolta molto poco rispetto ad altri che non ci sono più. Questo la dice lunga sul fatto che venga considerato ancora scomodo;)

      Elimina
  3. Questa canzone è meravigliosa! *__* Siamo tutti Mario, in fondo.
    Rino Gaetano ha un posto di riguardo nella mia collezione di cd ^^
    Ciao Mariella, ti abbraccio! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara GLO' io ho ancora le cassette. No. Mi sono mai decisa a convertirle in cd. Ma sto cercando i vecchi vinile, visto la mia maniacale passione. Una tra le tante :-)

      Elimina
  4. Stupirebbe anche lui oggi (assieme a Mario..)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, non so. Ci vedeva lungo e sapeva che le cose sarebbero solo peggiorate...

      Elimina
  5. sempre attuale...sempre amato.
    tu forse non essenzialmente tu,penso che sia in assoluto quella che amo di più, ed è anche questa così avanti, considerando
    nel periodo in cui la scrisse.
    Ho amato anche la fiction, perchè non avendolo vissuto da adulta, mi è piaciuto sapere un po' della sua vita
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La fiction è stata interpretata benissimo da Claudio Santamaria, è riuscito a calarsi perfettamente nel disagio del grande artista e nel suo "malessere interiore".
      Io ricordo benissimo quella mattina di giugno quando sentii alla radio che un incidente ci aveva portato via Rino.
      Ho immediatamente pensato che un altro così non sarebbe tornato mai.
      Aveva riempito tutta la mia adolescenza regalandomi la capacità di comprendere la magia perfetta delle parole.
      Gli devo tanto.
      Ci avevo scritto un post tempo fa...
      Bacio.

      Elimina
  6. I migliori muoiono giovani perché gli dei li amano.
    I peggiori non crepano mai -vedi me- perché gli dei li vedono come il fumo negli occhi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tu saresti tra i peggiori? ahahahah
      Mia nonna Maria diceva: l'erba cattiva non muore mai...

      Elimina
    2. Ecco, appunto. Brava nonna Maria, di cui ttu hai ereditato il nome.

      Elimina
    3. Le mie nonne, Maria e Carmela sono la parte migliore di me. Mi onoro di portare il loro nome.

      Elimina
  7. Ciao donnina dai tacchi a spillo, sono ritornato!
    Ammaccato, accartocciato ma ci sono.
    Amo i testi di Rino Gaetano, mia nonna mi ha detto che aveva una voce molto particolare: è un peccato che sia morto (anche se molto sostengono che la sua morte non sia stata proprio accidentale).
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ragazzo bello, come sono contenta di leggerti pure da me...
      Ci si rialza ammaccati come tutti i sopravvissuti.
      Vero. Nonna Bea ( grande nonna ) ha perfettamente ragione, una voce angolosa, aspra, graffiante.
      Insomma voce e testi si completavano con la musica, Matrimonio perfetto.
      Mah, se ne sono dette tante sulla sua morte. Voglio credere al caso, devo crederci.
      Ti abbraccio amico caro.

      Elimina
  8. Ciao Mari...piace molto anche a me questa canzone proprio per la sua ancora "attualità"!
    E quanto è ...addirittura forse più attuale ... "Ma Il Cielo E' Sempre Più Blu" ...Trovo lo sia in ogni singola parola.
    E' la nostra Italia, la nostra Politica, la nostra civiltà, il nostro modo di vivere ... E' ...NOI! ...ieri ...ma sorprendentemente anche (ancora!) oggi.

    Un abbraccio.
    Grazie di tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao PINO. Resto sempre sconcertata a causa della sua attualità? Come fece? Come fu in grado di arrivare a capire già allora che eravamo senza speranza?
      IL CIELO SEMPRE PIU' BLU è un manifesto.
      Il post di cui parlavo a Silvia sopra, aveva questo titolo.
      Ti lascio il link, se vorrai dargli un'occhiata...
      Ti abbraccio forte.

      http://acquamari.blogspot.it/2013/12/rino-gaetano-e-il-suo-cielo-sempre-piu.html

      Elimina
    2. Non credo Mari che siamo "senza speranza"! Credo solo che siamo senza coraggio! ...il coraggio di voler cambiare veramente le cose.
      Aveva capito già allora che avremmo avuto paura di darci delle speranze.
      Andrò a leggermi quel post Mari. Rino piace troppo anche a me è lo gradirò di sicuro.
      Ciao a te e tutti gli amici che ritrovo con piacere qui da te.

      Elimina
    3. Senza speranza di trovare il coraggio necessario a rimettere in piedi il nostro mondo, prima che qualcun altro lo distrugga.
      Spero tu abbia letto il post e che ti sia piaciuto.
      Abbraccio.

      Elimina
  9. Lo sgomento Mariellina mia ti assale per molte canzoni di Rino e diventa maggiore al solo pensiero quanto tempo fa le ha scritte!
    Un bacio specialissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, cara la mia NELLA.
      E fa male pensare a quanto ci siamo persi di lui, in questi trenta e passa anni successivi.
      Ti abbraccio, ti stritolo!

      PS: ma sei mai passata a trovarci nell'Angolo del Sorriso? Ti aspettiamo amica bella...

      Elimina
    2. Certo che si, eccome se sono passata..ma ora che i ci fai pensare è un po' che non passo, ma quando smetto di fare il commesso viaggiatore , sarò più sollecita lo prometto e questa è una promessa da girl-scout!
      Bacionissimi amorevole!

      Elimina
    3. Ho visto che hai mantenuto la promessa! Un bacio temporalesco ...

      Elimina
    4. Non l'avrei detto altrimenti...Bacio amorevole!

      Elimina
    5. Nellina bella, ti abbraccio.

      Elimina
  10. Concordo, fu un grande!
    Baci ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che potenza le sue parole e la sua musica. Come un gran coro che ci scoppia nella testa.
      Bacio a te!

      Elimina
  11. La si riascolta con piacere.

    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  12. Ascolto spesso Rino. È una parte della mia vita. In principio, da bambino, apprezzavo la sua vena ironica e unica nel fare canzoni. Crescendo ho scoperto il mondo dietro alla sua pungente ironia; e l'ho amato ancora di più.
    Un sorriso per la giornata.
    ^___^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io, da ragazzina, mi lasciavo trascinare dalla sua voce unica e dalla sua ironia, proprio come te. Poi le parole e il loro senso vitale, mi hanno travolto. Come ho già detto gli devo l'analisi critica e la passione che metto ogni volta che leggo o ascolto qualcosa.
      Ti abbraccio e grazie.

      Elimina
  13. La canzone è un gran bel pezzo. Più che parlare di questa, però, mi piace sfruttare l'occasione per lasciarti un grande grandissimo saluto e un abbraccio... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao MAURI!
      Molto bene, mi prendo l'abbraccio per intero e ricambio!

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)