AVEVO SAPUTO QUEL GIORNO CHE LA SCRITTURA ERA CAMPO APERTO, VIA D'USCITA.
(ERRI DE LUCA - IL PIU' E IL MENO)

21 luglio 2015

Caldo...






Seminatore -  Vincent Van Gogh





Latito.
Il caldo mi rende languida, instabile, poco docile.
Mi consiglia la fuga, i respiri irregolari, altri orizzonti.
Mi impigrisce, mi rende svogliata e distante.
Il caldo mi brucia come una foglia di vite avvolta nella moussaka, di cui senti il profumo e vago sapore.
Mi lascia sospesa lì su quel davanzale da cui riesco a dominare la città lontana.
E guardo le luci, brillanti di promesse invitanti.
Gocce di sudore attraversano la pelle, si distribuiscono nell'aria verso l'altrove.
Perle salate, umore di vita.
Resto.
Sto ancora seminando.
Ma manca poco, al turbinio di un'estate breve e intensa che, sirena incantatrice, mi attende.






30 commenti:

  1. Purtroppo questo caldo torrido non ci vuole mollare...
    Buone vancanze cara Mari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti, continuo ad avere poca voglia di fare qualunque cosa e a desiderare fortissimamente le vacanze.
      Un abbraccio e buone vacanze a te Franci.

      Elimina
  2. Bella davvero questo tua poesia sul caldo...
    Complimenti
    Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualche piccolo residuo della mia materia grigia nonostante il caldo, continua a funzionare. Ahahah
      Grazie Maurizio. Un bacio.

      Elimina
  3. Il fido ventilat(t)ore declama per noi monologhi rinfrescanti... che le vacanze ti siano lievi.. ancora un po' dai.. ;)

    RispondiElimina
  4. Anche qui, dove ci troviamo adesso (Rimini) fa caldo, il ventilatore non basta e l'unico rimedio è il mare.
    Devo dire comunque che invidio la freschezza della tua mente che sa ispirarti componimenti sì graziosi ^__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe stata meglio l'Alaska vero?
      Ti ringrazio socio caro. Sempre gentile e sincero.
      Un abbraccio grande a te e Giovy.

      Elimina
  5. Qui sui monti...fa fresco, assaissimo.
    Bacini :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, invece di alenare il mare dovrei desiderare i tuoi bellissimi monti. Ma dopo due giorni io mi annoio...
      La mia colpa la sconto "sudando".
      Baciooooo (con eco)!

      Elimina
  6. Bella, Mari!
    Mi è piaciuto soprattutto il "latito" perché rende bene la sensazione di straniamento, fisico e mentale, tipica della calura.
    Non a caso in certi luoghi e a certe temperature si parla di "fata Morgana" e di "miraggi".
    Felice estate, e che la felicità sia invece fresca e nuova, minuto dopo minuto. Bacio! annamaria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, esattamente la sensazione che provo in questi giorni. Felice che sia riuscita con un solo vocabolo ad esprimere bene il concetto e felice che tu abbia compreso perfettamente.
      Ma sai che da bambina, leggendo di storie fantastiche e di arcani una delle cose che più desideravo era quella di vedere la famosa "Fata Morgana"?
      Felice estate a te amica bella. Serena e riposante.
      Ti abbraccio forte.

      Elimina
  7. Mariella noi siamo donne solari, quindi è sempre cardo ed estate!

    RispondiElimina
  8. cardo...i cardi crescono nell'orto!
    va beh, volevo scrivere caldo!

    RispondiElimina
  9. E' un caldo che fa davvero morire, quello di questi giorni. Davvero credo sia il più "pesante" degli ultimi anni, speriamo in una tregua anche perchè rende quasi un impresa fare le cose anche più semplici e piccole, se si esclude forse la primissima mattina e la tarda serata (infatti io oggi devo fare la spesa e vado dopo le 20 ^^)

    Un abbraccione Mari :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La spesa dopo le 20.00 OTTIMA IDEA!
      Abbraccio a te.

      Elimina
  10. È difficile scrivere una poesia sull'afa. Tu ci sei riuscita. Immagino che tu l'abbia partorita di notte, perché di giorno ti si sarebbero impastate le parole tra le pieghe del cervello.
    Poi hai nobilitato il tutto con quel quadro di Van Gogh. Insomma mi sei proprio piaciuta Mariè.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scrivo sempre di sera Enzo.
      Solo che d'estate e con questo caldo diventa un po' difficile.
      Niente di eccezionale eh....
      Un abbraccio e grazie.

      Elimina
  11. Cosa posso dire: resto a bocca aperta, ma non ne sono stupita, tu sai fare questo ed altro, il tuo animo è così leggero e profondo che si adatta tutto , è una spugna , percepisce, e regala!
    Grazie di essermi amica..che grande dono!
    Superbacio, bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, mi piacerebbe essere una spugna in questo periodo, magari riuscirei ad asciugare la troppa umidità.
      Grazie a te Nella, sei unica.
      Abbraccio.

      Elimina
  12. Arrivo tardi e dopo la rinfrescata :D
    Nonostante la tua riflessione sia molto bella, come già sai, io attendo novembre :3
    Un abbraccio e buone vacanze... ma quando vai?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nonostante la mia riflessione continuo a preferire l'estate, pur breve.
      Ti abbraccio forte, Glo'.

      Elimina
  13. Vero. Il caldo dimezza anche i miei tempi, attaccato alla tastiera, purtroppo... speriamo cessi presto.
    Un sorriso per un sereno proseguimento d'estate.
    ^___^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io spero diminuisca l'afa!
      Abbraccio a te.

      Elimina
  14. Queste tue parole sono poesia pura, intima, melanconica, nostalgica e...splendidamente affascinate.

    Un abbraccio Mari.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un abbraccio a te Pino.
      Serene vacanze.

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)