AVEVO SAPUTO QUEL GIORNO CHE LA SCRITTURA ERA CAMPO APERTO, VIA D'USCITA.
(ERRI DE LUCA - IL PIU' E IL MENO)

31 luglio 2015

L'abbraccio dell'amante paziente.




Mare Italiano




Fra qualche giorno rivedrò il mio mare. 
Quello che conosco da quando ero bambina, quello in cui mi perdevo mentre cercavo conchiglie sulla battigia.
Quello in cui ho imparato a nuotare, con mio padre che mi diceva, "tranquilla non ti lascio, non ti lascio..."
Ed io chiudevo gli occhi, mentre il sole mi accecava e mi abbronzava, convinta di sentire la mano forte che mi teneva al pelo d'acqua. E al riaprirli, scoprirmi sola, immersa nel cielo. Nessuna paura, mai.

Qualche bracciata e poi amore, immenso.
Senza fine.
Amore maturato su ogni lido da quel giorno, e su ogni versante del Mare Nostrum.
Che fosse Adriatico, Tirreno, Ionio.
Azzurro, verde, trasparente.
A volte basso, tanto basso da farmi arrabbiare perché, avevo imparato a nuotare e lì non lo potevo fare.
Oppure subito alto, da farmi tuffare buffa come un  pesce palla, provando a stare giù senza respirare, in gara continua con me stessa.
E poi lasciarmi andare, i primi tempi, con corte bracciate, e poi sempre più lunghe, sempre più lontano.
Arrivare alle rocce, lì dove non toccavo, per farmi ammirare, io bambina innamorata di mio padre, dal suo sguardo di vedetta, gonfio di orgoglio e fiero.
Tornare a riva, con le mani piene di segni, per l'essere stata troppo in acqua e tremante d'emozione, quella vera, che riempie la testa e ti stanca le braccia e le gambe per il troppo nuotare.
Sdraiata lungo la striscia di sabbia bagnata, mentre l'acqua lentamente mi accarezza e sentire solo il sale che si asciuga sulla pelle, lasciando macchie chiare che facevano fatica a sparire.
E poi, trascinata da una fame pazzesca, quasi atavica, mangiare la pizza bianca, umida di olio e sale, ricca, goduriosa.
Oppure i  bomboloni alla crema, famosi lì, su quelle spiagge dove al mattino  le mamme portavano la cesta con l'acqua fresca e delizie appena sfornate. Trascinandosi dietro bambini urlanti e festosi, pronti a buttarsi in acqua ancora vestiti. Rassegnate a passare tutta l'estate in piedi, le spalle cotte di sole e lo sguardo fisso sull'acqua.
Ricordo il mare, il cocco, i gelati venduti a riva, biscotto e limone. 
Ma pure le risate, le prime cotte, il jukebox che suonava sempre, B7, C1, A12.
Le stesse canzoni, messe su migliaia di volte, ogni giorno, per tutta l'estate.
Alcune me le sono portate dietro fino ad oggi. Ogni volta che le ascolto, ricordo il luogo e l'istante esatto in cui le sentii per la prima volta:

1992 - Mare, Mare - Luca Carboni -  Mar Adriatico - Trani;


 Che sia stata infanzia o adolescenza o maturità, cosa importa.
Il mio mare mi accompagna da sempre. 
E un compagno silenzioso che si fa impaziente durante la bella stagione. Sornione, mi aspetta invitante.
Lo sa che appena lo vedrò apparire all'orizzonte, i miei occhi si spalancheranno e brilleranno. Il cuore accellererà i battiti.

Come allora gli correrò incontro. E lui  mi avvolgerà nel suo abbraccio d'amante che ha  lungamente atteso.

Buona estate amici miei.


A rivederci a presto.











28 commenti:

  1. abbiamo in comune il 1982, quella canzone di Giuni Russo, tormentone assoluto, non mi usciva dalla testa. anche se ora che ci penso, quell'anno di mare non è che ne vidi molto (15 giorni al massimo, che per i miei standard era pochino)

    RispondiElimina
  2. Anche a me piace il mare. lo amo quanto te.
    Il brano è bello, come sempre, ma tanta nostalgia sorprende un po', visto che sei ancora giovane e sulla breccia... dell'onda ^__*
    Abbraccio e buone vacanze.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se tu lo vedessi come me, solo per un brevissimo periodo all'anno coglieresti bene il perché di tanta nostalgia... Un abbraccio a te socio! E buona continuazione di vacanza in famiglia:))))

      Elimina
  3. Il mare è uno stato mentale :D Lo dico scherzando, ma chi vi è nato, capisce perfettamente che voglio dire!
    Poi... io lo preferisco in inverno, molto più chic XD
    Buona estate Mariella e a tutti quelli qui di passaggio ^_^
    Un abbraccione!!! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche se non ci sono nata Glo', pure per me è una condizione mentale... Poi leggendoti ogni volta mi viene da dire: chi ha il pane non ha i denti!!! Un abbraccio fortissimo!

      Elimina
  4. Sono un po' geloso. Quel tuo mare è anche il mio.. come ben sai.. mi hai fatto scattare una memoria affezionata ai jukebox da stabilimento.. il mio legame morboso con un pezzo finito chissà come in quella scatola trita-motivetti-effimeri... One of these days dei Pink Floyd.. la gettonavo a palla e la spiaggia diventava un luogo marziano, con atmosfere lunari a contrastare i B7, i C1 e gli A12... ora anelo sabbia deserta e acqua cortese... ancora una quindicina di giorni e saremo tutt'uno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tu non sei sul punto di sperimentare nuovi mondi e nuovi mari? Visto come sono ridotti i nostri, no? Ahahah! Ma lo sai che anche io ho ricordi legati ad una canzone finita per caso nei juke-box d'epoca che non c'entrava nulla? Era "Walk on the ride side" di Lou Reed...

      Elimina
  5. Nel 1974, l'ultimo anno in cui ho potuto andare al mare, a Ostia Lido, da un barcone che attirava passeggeri per un giro, la canzone che si udiva sempre era "La bambola" cantata da Patty Pravo. Forse avevano solo quella.
    Buone vacanze anche a te Mariella.
    Un caro saluto e complimenti per il nuoto, io non sono mai riuscito ad impararlo.
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. " Tu mi fai girar, tu mi fai girar, come fossi una bambola..." Bella, mia madre quando eravamo piccoli la cantava spesso. E nel 1974 eravamo proprio lì ad Ostia. Chissà passava la stessa barca ... Un abbraccio caro Aldo.

      Elimina
  6. Io ci abito vicino, ma negli ultimi anni ci sono andata poco, ho ricominciato quest'anni.
    Mary bella mora al mareeee!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma pure tu? Ma andate suvvia al mare, voi che ci vivete così vicino da poterlo respirare sempre... Al mare mi si schiariscono i capelli, di base sono un castano chiaro! Abbraccio mora apuana!

      Elimina
  7. Adoro il mare e mi ritrovo molto in questa tua interessantissima testimonianza.
    Bacione, amica ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mare e sole. Sabbia e passeggiate, venditori di parei e costumi. E poi chiacchiere, risate e allegria. Ti piace così vero? Un bacio grande a te!

      Elimina
  8. Se potessi starei a mollo tutto l'anno. Invece qui mi devo accontentare di laghetti da scavo, i cosiddetti Baggersee, che qui trovi in ogni angolo, perché basta scavare un po' e vengono fuori pietrisco ed acqua, acqua, acqua. È tutta acqua sotto tre metri di terra qui in Germania.
    Divertiti e fai il pieno di sole e di mare, mora in fase di prosimo abbronzamento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccerto, non e' di sicuro la stessa cosa. E poi uno come te cresciuto a bagno... Ma come hai fatto ad abituarti? No vero? Non ci si può abituare mai... Io divento dorata, mai scura, ho un pigmento chiarissimo. Un abbraccio circolare amico caro.

      Elimina
  9. Ma che bello leggerti come sempre..adoro il mare , ora non vado neanche più, mi tuffo solitaria in piscina senza volere nessuno, per la teoria del farsi del male....
    Ma leggendoti ricordo Camogli dove mia zia aveva una casa, e il mare quello vero , quello vissuto a battaglie di canotti, a palpiti di cuore, e juke-box invitanti, a focacce al formaggio appena sfornate , a risate e ricordi così lontani ma mai sfumati che spesso voglio dimenticare perchè troppo belli e per la serie solita, facciamoci del male!
    Buone vacanze amorevole , abbraccia il tuo mare anche per me, che fino ad ottobre pasticcio sul PC....
    TVB!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci sono mai stata a Camogli, mi dicono sia meravigliosa. E come sempre hai ragione. I ricordi pur bellissimi, a volte ti sorprendono con la loro intensità da farti malissimo. Soprattutto se legati ad un passato amatissimo che non potrà tornare. Ti stringo forte come sai. E ti seguirò anche in vacanza, lo sai vero? Abbraccio.

      Elimina
    2. Certo che lo so, e tu sai che ti sono costantemente vicina e seguo anche battiti del tuo cuore...Non mi denunciare per stalking!!!!+++++

      Elimina
    3. ahahah la mia stolker preferita!

      Elimina
  10. Origini triestine...quindi costa alta, insenature, rocce...ma l'emozione è quella, totalmente :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco quel mare nostrum lì, mi manca. Ma prima o poi...

      Elimina
  11. Che belli i tuoi post, Mari, pieni di immagini tanto vivide, direi anzi proprio "vive" che sembra quasi di essere lì e di vederti, leggendoti :)
    Che poi oltre alle immagini arrivano, a cascata, anche le emozioni, e questo mix rende ogni lettura una vera "immersione" (per restare in tema ^^) nel tuo mondo, una serie di bracciate, a nuoto, davvero nel tuo personalissimo mare :)

    Ora però goditi il ritrovare quello vero, quello che tanto ami... e buonissime vacanze :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa Mauri, tutte le volte che penso o scrivo del mio mare mi sembra di toccarlo. Se riesco, pur in minima parte, a trasferirvi le mie emozioni, sono contentissima!!!
      Ma lo conosci vero quel mare che racconto? Almeno in parte, sono sicura di sì.
      Mi godrò presto quel mare, il nostro.
      Un abbraccio e buone vacanze a te che sarai in ottima compagnia.
      SMACK!

      Elimina
  12. Basta parlare di mare in maniera romantica, basta! Parliamo delle scottature, del venditore di cocco che sfonda i timpani, delle alghe che si appiccicano addosso, dei pesci ragno che trasformano il piede in una mongolfiera e delle meduse grosse come palloni da football, questo è il mare! \(°_°)

    Buone vacanze (^_^)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Mick. Molto meglio disprezzarlo, odiarlo, con quell'odore che sa di pesce morto, tutta quella sabbia bagnata e sporca. I bambini che fanno la pipì e pure i grandi. Le urla, i palloni, le racchettate, i gavettoni (ci avviciniamo al 15) e i pesci ragno i cui aculei ti si conficcano nei piedi senza chiedere permesso. Il caldo, il sudore, la puzza delle creme solari. Molto meglio la città e il profumo dello smog.
      EBBASTA!
      Bacio!!!

      Elimina
  13. A presto bella donna, goditi il mare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma la mia bellissima Venere cosa fa durante le vacanze?
      Un abbraccio immenso!

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)