AVEVO SAPUTO QUEL GIORNO CHE LA SCRITTURA ERA CAMPO APERTO, VIA D'USCITA.
(ERRI DE LUCA - IL PIU' E IL MENO)

08 settembre 2015

I libri di settembre.



Nuova rubrica del blog DOREMIFASOL.

Libri del mese.

Tutti i mesi vi segnalerò  libri da leggere. 
Che poi saranno quelli che leggerò o rileggerò pure io. Sperando di incuriosirvi e stimolavi, magari con un confronto. A partire dalle recensioni con le quali riterrò opportuno parlarvene da me.
A modo mio, come sempre.


SETTEMBRE.

Peppe Lanzetta - L'Isola delle Femmine - Edizioni CentoAutori.





22 racconti sul femminicidio. 
Lanzetta è un grande scrittore/drammaturgo/attore partenopeo. Uno dei suoi primi libri "Incendiami la vita" ha segnato un momento fondamentale della mia. 
I racconti saranno scarni ed essenziali come la sua scrittura. Per riflettere e arrabbiarci. 
Capita tutte le volte che un nuovo maledetto episodio si abbatte come un colpo durissimo sulle nostre spalle di donna. Abituate al dolore e ai ricorsi della vita. Perché non s'impara mai. E siamo sempre punto a capo.

" La mattina dopo, all'alba, Carlo la soffocò con della plastica che si era portato dal negozio. Gliela arrotolò intorno alla faccia e alla testa a mo' di involucro. Per punire quella lingua che aveva osato parlare, che aveva osato mettere in discussione quello che lui credeva amore. Carlo, l'amore, non sapeva nemmeno cosa fosse."

Louise Erdrich - Il Giorno dei Colombi - Edizioni Narratori Feltrinelli.

Ci riprovo con la Erdrich. Sebbene "La Casa Tonda" non mi sia piaciuta particolarmente.  E la storia mi ha lasciato un sapore amaro di fondo.Come di incompiuto.
Ma la scrittura determinata e vibrante rimaneva lì a colpirmi.
Stessa cosa per l'ambientazione in quell'America profondamente segnata dai nativi americani e il tratteggio preciso, fotografico dei protagonisti. Tutto ciò restano punti che non mi hanno lasciato indifferente. 
Per cui mi sembra giusto dare una nuova chance ad una scrittrice che unanimamente, viene definita  una delle più importanti autrici americane contemporanee.

"Gli vedo negli occhi quella luce. Ha una gran fame anche lui. E comincio a correre, ve lo dico io, scappo via come un coniglio, svelto. Io ho la velocità, ma so che lui ha la resistenza. Mi raggiungerà, se dovremo correre tutto il giorno, mi sfinirà. E appena rallenterò l'andatura, come no, mi sarà addosso. Accellero. E' il gioco del gatto col topo, della lince con il coniglio. Poi lui fa uno scatto e mi raggiunge."








Irène Némirovsky - L'Orchessa e altri racconti - Edizioni Biblioteca Adelphi.


La meravigliosa romanziera. Come la stessa casa editrice la definisce. Ed io non posso che annuire, silenziosamente. Asciutta e decisa, raffinata e  abile nel delineare un intero mondo in poche pagine.
Nove racconti. Nove narrazioni con temi ricorrenti e cari. Attesa, solitudine, oltraggi, nostalgia, passato.

"Ripetere tutte le sere lo stesso saluto, la stessa canzone, ridere sempre nello stesso identico modo, con quel gonfiarsi morbido e voluttuoso del collo, ancora bello e liscio come una colonna. Ida conosce il segreto del successo: resistere ad ogni costo, imprimere un'immagine immutabile di sé nella memoria degli uomini."







Alla prossima.


32 commenti:

  1. Lanzetta mi incuriosisce e non poco. brava Mariella ottima iniziativa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Devo aggiustare un po' il tiro ma direi che anche a me piace molto l'idea. Lanzetta ti piacerà nonostante il suo modo quasi brutale nello scrivere. E forse proprio per questo...

      Elimina
  2. bella iniziativa
    bentornata :)
    Lanzetta...pensare che era un ragazzo solo divertente e faceva il bancario...erano epoche dove il posto fisso era il massimo delle aspirazioni dei genitori...ma lui conobbe il teatro e diventò quello che conosciamo. Coraggio, ha avuto coraggio ed ha vinto.
    questo libro lo comprerò sicuramente, amo la scrittura " dura" di Peppe. grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. n po' ;) non so nulla del suo passato di bancario. E meno male che decise di fare altro. Ci saremmo persi un gran bel pezzo di autore!

      Elimina
  3. La cultura non è mai troppa! E gran parte la ci si fa leggendo.
    Ben vengano i tuoi consigli consigli, Mari..
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pino. Grazie anche a te. Ieri sera ho letto la tua poesia così evocativa. Torno con calma poi a commentare. Un bacio!

      Elimina
  4. Mi interessa Lanzetta, che non conosco affatto, ma mi riconosco in quello stile asciutto da cronista del pzzetto che citi tu.
    Grazie Mariè.

    PS. Con ritardo e me ne scuso. Bella la foto delle gambe nel post precedente. Adoro le gambe femminili da cerbiatta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao caro Enzo. A te senza mezzi termini: devi leggere Lanzetta. Cercalo su internet se non trovi nulla in Germania. Grazie per i complimenti... Devo perdere qualche chilo ahahah

      Elimina
  5. Uno piu bello dell'altro..grazie della visita Mariella
    a presto
    Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Maurizio. Sempre un piacere fare una capatina nel tuo blog!

      Elimina
  6. Un rubrica senza nome non è un rubrica :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perdonalo, perché non sa quel che fa -_-
      Interessante! Ti seguirò ;)
      Non ho letto nessuno dei tre titoli che proponi! :P

      Elimina
    2. Michele, il nome c'è :)))

      Elimina
    3. Grazie Glo'! Anche per il sostegno ahahah

      Elimina
    4. Non mi ero accorto muahahah convintissimo che il nome fosse I libri di settembre, il nome di una rubrica me lo aspetto sempre gigantesco :D

      Elimina
    5. Ti ho accontentato :))))

      Elimina
    6. Il mio fascino funziona sempre ( ̄ー ̄)

      Elimina
  7. Ciao socia,
    grazie per i suggerimenti
    A presto! ^__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nigel... Ma ste tue vacanze quando finiscono?

      Elimina
    2. In affetti sono (quasi) rientrato ^__*

      Elimina
    3. È il "quasi" che mi preoccupa!!!

      Elimina
  8. Mi piace l'idea, soprattutto perché tendo a focalizzarmi sullo stesso genere ultimamente, e ho.proprio voglia di conoscere altri autori :-)
    Némirovsky... beh, leggerla è sempre un'esperienza unica. Come parlare con una vecchia amica!
    Un abbraccio forte, Mari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemirovski forever...

      Elimina
    2. Cara G. allora qui trovarai pane per i tuoi denti! Bacio.

      Elimina
    3. Gioia bella, concordo!!!

      Elimina
  9. Anche tu ami leggere, che bello!
    Mi segno senz'altro il primo libro. Dopo che ho letto quello di Serena Dandini sul femminicidio, sono sempre più decisa ad approfondire questo argomento di cui si parla troppo poco.
    Buon weekend, Elsa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elsa. Dire che amo leggere e' fin troppo riduttivo ;) Sai ci sono molti argomenti su cui i riflettori sono poco accesi: la violenza sulle donne è uno di questi. Forse troverai Lanzetta all'Italian Book Shop a Londra. Ornella Tarantola e' un porto sicuro. Ti abbraccio e buon fine settimana!

      Elimina
    2. Sai (che) ci sono...

      Elimina
  10. Una bella iniziativa. Ciao Mari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca, grazie! Un abbraccio!!!

      Elimina
  11. L'Isola delle femmine lo farei leggere a tutti gli uomini per fargli capire che non è così che vanno trattate le donne!
    Un abbraccio donnina dai tacchi a spillo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Xavier, lo adottiamo come libro di testo fon dalle elementari malgrado la scrittura crudele e a volte "estrema". Un abbraccio fortissimo, ragazzo bello!

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)