AVEVO SAPUTO QUEL GIORNO CHE LA SCRITTURA ERA CAMPO APERTO, VIA D'USCITA.
(ERRI DE LUCA - IL PIU' E IL MENO)

30 novembre 2015

Quello che mi piace e non mi piace: novembre.




Henrì Matisse" La Danza"  MET NYC - Foto Mariellaesseci





Torno con la mia non sempre piacevole lista delle cose che mi sono rimaste sul gozzo a novembre.
Nei titoli di coda qualcosa di buono.

Non mi piace la paura: siamo stati investiti dalla sua onda d'urto. Non mi piace che ne possiamo essere dominati dopo le vicende tragiche di questi ultimi giorni.
Mi piace la reazione, mi piace il ricominciare, mi piace il non cedere ai ricatti.

Non mi piace il dovere tacere ad un'amica una verità sgradevole.
Non mi piace il non trovare le parole giuste, quelle che (spero) faranno meno male.
Mi piace l'idea che il male minore non sia il silenzio.

Non mi piace il razzismo strisciante che si mostra ipocritamente in alcuni ambienti di lavoro: compreso il mio. Non mi piacciono i sorrisetti facili, gli apprezzamenti viscidi e il luccichio opportunista che leggo negli gli occhi di tante persone che sono costretta a frequentare. 
Mi piace pensare che un giorno e spero presto, riuscirò a mandarli tutti a fanculo.

Non mi piace che quest'anno sia più malinconica del solito aspettando il Natale: l'ultimo trascorso lo vorrei dimenticare e farò di tutto per riuscirci.
Mi piace se riuscirò a realizzare il desiderio mandando al diavolo  il  mio pessimismo cosmico.

E adesso i mi piace:

La lista dei regali di Natale: ho già cominciato, partendo dai bambini.
L'albero di Natale: ne ho preso uno altissimo per la mia nuova casa.Non vedo l'ora di addobbarlo. Dovrò salire sullo sgabello per infilare il puntale di vetro soffiato su in cima. E questo mi farà felice come quando ero bambina.
Mi piace passare una domenica intera a casa mia:  qualche ora a leggere poi  accartocciarmi addosso a chi amo e parlare di tutto e di niente.

Mi piace scrivere sul mio blog e continuare a rompervi le palle con le mie paturnie!

Stay tuned!





54 commenti:

  1. non mi piace la paura. qualunque. senza distinzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo. Ma soprattutto non mi piace la paura che ci abbatte e ci toglie ogni speranza.

      Elimina
  2. non mi piace pensare alla pensione. vuol dire che mi sono veramente rotto le palle di lavorare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi rifiuto di pensarci. Mi sono rotta le palle come te. Sto cercando un piano B.

      Elimina
    2. quando l'hai trovato scrivimi una mail

      Elimina
    3. Disposto a cambiar vita?

      Elimina
  3. Bhe, un post molto bello.
    Ci sono tanti piccoli e grandi dispiaceri nella vita, ma anche tante piccole e grandi cose che ci piacciono.
    E per quelle che non ci piacciono, comunque possiamo provare a reagire un po'^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Reagire si' arrendersi mai. Un bacio Moz!

      Elimina
  4. mi piace chi riesce a fare liste come le tue.
    Ho un tale casino mentale in qiesto periodo.
    Ti auguro di avere uno splendido Natale, io preferisco il pre, la preparazione dagli addobbi ai regali, ma quest' anno sarà abbastanza triste, vabbe' non ci voglio pensare.
    Quando trovi il piano B ma pure C condividi, come ha detto Francesco, che sto messa come voi.
    buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia lista e' incasinata come me... Lo scorso Natale per me è stato uno dei più brutti. Eppure sono qui quest'anno a sperare che vada un po' meglio. Forza bella ragazza, chissà che non riesca ad abbracciarti dal vero prima o poi. Ho anche il piano C. Si chiama Lotteria Italia ahahahah smack!

      Elimina
  5. èhèhèhèhè
    beata a te che ancora tieni conservato un bel puntale d'albero in vetro soffiato
    noi che fummo genitori dovettimo purtroppo ri-convertirci sull'arida plastica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci sono bambini a casa mia.
      Mi correggo uno c'è, piuttosto cresciutello, ma sta alla larga!!!

      Elimina
  6. Ci prepariamo, sì. Molte cose - troppe - sono da buttar via, a fine anno. Ogni Natale sembrano meno, quelle positive che si stringono tra le dita. Speriamo in un'inversione di tendenza.
    Ti aspetto sulle mie pagine.
    Un sorriso per la giornata.
    ^___^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io vorrei buttare la tristezza. Quella che mi assale tutti gli anni proprio alla fine. Perché, anche se non lo voglio ammettere nemmeno con me stessa, sono costretta a tirare le somme. E a volte quel che resta è davvero poco. Poi, col nuovo giorno me la faccio passare. Arrivo da te. Un bacio.

      Elimina
    2. Un sorriso di passaggio.
      ^___^

      Elimina
  7. Mi piacciono i post così. Le persone, così. Che lasciano uscire fuori le piccole intolleranze del quotidiano. Quelle piccole sorsate d'aria sporca che rischiano di inquinarci la vita e che facciamo in modo non la intacchino. Le persone che sanno ancora vedere il lato bello del vivere.
    E lo vorrei anche io un albero altissimo per la mia casa nuova. Ma dovrò accontentarmi di un sintetico metro di pseudo alberello che addobberemo un Natale alla volta, piano piano :)
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao bella bambina! Una volta ero molto più tollerante. Solo che poi quel che mi rimaneva addosso mi faceva soffocare. Ho imparato a buttare tutto fuori appena posso. E devo dire che va molto meglio. Sai, nella mia prima casetta minuscola, avevo un albero piccolo che amavo moltissimo. Come te ogni anno aggiungevo qualcosa. E anno dopo anno le cose sono aumentate. Le case e gli alberi sono cambiati. Ma e bellissimo tutte le volte tirare fuori quelle piccole cose custodite con amore, che mi ricordano come eravamo e come siamo. Ti abbraccio forte!

      Elimina
  8. Mi piacciono sia i tuoi Mipiace che i tuoi Nonmipiace. Sei proprio una bella persona, di quelle che piacciono a me. Anche se non sempre su tutto ci troviamo d'accordo. Ma anche il poterla pensare diversamente è una cosa che mi piace. Molto.
    Baci! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Zio vuoi farmi arrossire? Lo sai che ne sono capace! Non credo sia necessario andare d'accordo su tutto. Non ci darebbe la possibilità di conoscerci meglio e di stimarci di più come succede dopo i confronti. A parte il fatto che tu sei una persona che sono stata davvero fortunata ad incontrare lungo il mio cammino. Baci a te!

      Elimina
  9. Mi piace leggerti :)
    Dire ad una amica una realtà spiacevole è sempre brutto. A volte sono anche un po' duro in questo e molti pensano che non mi pesi esserlo, ma non riesco ad non essere onesto.
    Poi son curioso del tuo albero *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si' lo e'. Ho trovato il modo e le parole. E ora mi sento meglio. Io sono celebre per la mia diplomazia e spesso mi chiedono di intervenire in situazioni pesanti. Ma a volte non ce la faccio ad usarla. E dico e basta. L'albero lo vedrai, ahahah hai visto pure la copertina della nonna ;) che poi era una zia! Bacio Pier, passo da te a commentare quello splendido post che hai scritto!

      Elimina
    2. Grazie mille anche qui :)

      Elimina
  10. Mi piace tutto ma non mi piace la falsità.
    Dei tuoi NON mi piace.
    *La paura. è necessaria per non cadere sul primo ostacolo che incontri, da non confondere con la vigliaccheria.
    *L'insincerità, il non dire cioè le cose come stanno, costi quel che costi.
    Dei tuoi MI piace.
    *La lista dei regali di Natale, sembra che non se ne possa fare a meno e allora compriamoli.
    *L'albero di Natale, che si riduce a una gran rottura di palle.
    *Passare una domenica a casa mia. MAGARI! Ma arriva sempre qualcuno con brillanti idee e mi rovina la pennichella.

    PS. un consiglio: per addobbare l'albero, soprattutto la stella sulla punta butta via lo sgabello, molto moooolto pericoloso, e prendi una scala a libretto, molto più sicura.
    Ciao sorella maggiore d.s.d.M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accartocciarmi su chi amo è il mio MI PIACE per eccellenza...

      Elimina
    2. Enzo, adoro fare l'albero. E pure quando ho finito come una bambina continuo a spostare e rispostate fino a quando non sono soddisfatta. Lo sgabello e' sufficiente. L'albero non arriva mica fino al soffitto!!! Bacio.

      Elimina
    3. Gioia accartocciamento e rotolamento ahahahah ;)

      Elimina
  11. Non mi piacciono le assurde polemiche di questi giorni su albero e presepe. Io amo l’albero di Natale mi piacciono le luci e mi mette allegria. L’albero, a differenza del presepe, tutto sommato non lo considero nemmeno un simbolo religioso e se potessi lo terrei acceso tutto l’anno. :-)
    Felici giornate
    Un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io non sono d'accordo e non mi sono piaciute le polemiche sul Natale. Anche perché sono state gonfiate ad arte dai soliti noti.
      Io faccio albero e presepe da sempre. Mi ricorda la mia infanzia e mantengo la tradizione della mia famiglia. Che è quello che conta.
      Ma lo sai che mio marito vorrebbe tenere l'albero in casa per tutto l'anno? ahahahha
      Un abbraccio grande Enrico e grazie.

      Elimina
  12. Non mi piace in assoluto l'ipocrisia e il mondo ne è pieno...soprattutto "questo mondo".
    Ciao Mari.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come me li attaccheresti tutti al muro, lo so. È' uno dei mali del nostro tempo assieme alla superficialità e al pressappochismo. Un abbraccio grande.

      Elimina
  13. Mariellina bella, quanto mi piaci!

    RispondiElimina
  14. Di solito novembre è il mese più umido, ma quest'anno non ci possiamo proprio lamentare, avrà piovuto sì e no una settimana.
    Per il resto, concordo ;-)
    Abbracci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, tra i mi piace di questo mese, avrei dovuto scrivere quanto mi sia piaciuto questo novembre assolato. Ce lo so che sul resto sei con me. Ti abbraccio forte!

      Elimina
  15. Come al solito colpisci nel segno Mariellina mia, nel bene e nel male..a me fa peggio leggere le cose positive che quelle negative, certo non per invidia, ma perchè poco tempo fa le gioivo e le toccavo con mano, invece oggi sono la mia paura più grande proprio in questo periodo.
    La solitudine, le false compagnie, il sentire con ipocrisia..ecco le mie negatività( evitiamo la salute che è meglio)
    Positività ne vedo poca , solo il tempo che passi veloce e mi porti subito al 7 gennaio..
    Ti stringo forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con te ho toccato un tasto dolente, lo so. Mi dispiace, conosco la situazione. Come cambiano le cose da diverse prospettive. Tutte le tue negatività sono anche le mie...
      Passerà presto; è veloce il periodo.
      Un abbraccio.

      Elimina
  16. Natale proprio non lo capisco... non è nemmeno che non mi piaccia XD
    Ultimamente (ma anche un po' di più, va' XD) la cosa che più non mi piace è avere sempre poco tempo -_-
    (P.S.: odio le illuminazioni, le lucette intermittenti, gli alberi orrendamente agghindati per le strade e me magnerei le renne (arrosto) ^_^ e a pensarci bene, pure Babbo!)
    Un abbraccio Mariella :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E il Natale non ti piace, l'atmosfera nemmeno, l'estate non la sopporti...
      Vè che sei strana eh!
      Ahahah fammi capire come ti mangeresti le renne che mi hai incuriosito!
      Abbraccio a te.

      Elimina
    2. Renne furono-volanti al posto del tacchino, servite con salsa di mirtilli e patate arrosto. Per Babbo, meglio un brodetto, ché c'ha l'età :P

      Elimina
    3. Tipico della cucina nordica. Io adoro quelle schifezze che vendono all'Ikea ;)

      Elimina
  17. Odio aver paura, odio la falsità, le polemiche inutili, le persone che vogliono sempre aver ragione e l'ipocrisia.
    Mi piace l'inverno, la musica, il natale, il silenzio, leggere un buon libro e passare la domenica ad oziare, mi piace la positività!
    Bel post, offre parecchi spunti di riflessione.

    Tessa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ODIO le persone che vogliono avere sempre ragione e quelle che pensano che tutto ruoti intorno a loro.
      Moderiamoci dai: non mi piacciono le persone convinte di avere sempre ragione e che tutto ruoti intorno a loro.
      Le schiaccerei come moscerini (politicamente scorretto) machemefregamme...
      Grazie Tessa, utili gli spunti, importanti per riflettere e per decidere.
      Un abbraccio.

      Elimina
  18. Anche a me non piace la paura, e se posso rimarco in maniera particolare la parte sulla reazione, sul ricominciare, sul non cedere ai ricatti di nessuno.
    Mi piace però, e molto, quello che pensi tu... e immaginare il tuo albero che, non dubito, verrà bellissimo (magari metti qui qualche fotina quando sarà completo, che ne dici?) :)

    Un abbraccio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La paura, se convogliata bene, può aiutare a diventare più forti e a non cedere alcun ricatto. Anche ad imparare dagli sbagli fatti.
      Il mio albero prossimamente, apparirà su queste pagine.
      Già stresso con le foto su IG. vi sfinirò anche di qua.
      Bacio Mauri.

      Elimina
    2. Ultimamente l' "accartocciarmi addosso a chi amo" è fonte di estremo turbamento.. e causa del latitare blogghistico... il 2016 dovrà sciogliere infiniti nodi...

      Elimina
    3. Mi piace lo scioglimento dei nodi, meno la tua latitanza.
      Torna presto.

      Elimina
  19. A novembre è arrivato il freddo e questo mi piace.
    La liste dei non mi piace è troppo lunga e non ho voglia di farla :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A dicembre è arrivata pure la nebbia. Non se ne vedeva così tanta da anni. E mi piace.
      La lista non è un obbligo ;)

      Elimina
  20. Non mi piace il Natale, fare l'albero, quell'atmosfera quasi imposta di allegria. (Si lo so,sono stonata)
    Non mi piace il silenzio usato come risposta.
    Non mi piace l'indifferenza.

    "Mi piace pensare che un giorno e spero presto, riuscirò a mandarli tutti a fanculo."
    Questo mi piace è anche mio. Ce la faremo.


    RispondiElimina
  21. Io non ho mai visto il Natale come qualcosa di imposto. Altro punto di vista rispettabilissimo il tuo.
    Sul mandarli a fanculo mi sto ben organizzando, vedrai ci riusciremo.

    RispondiElimina
  22. non mi piace la perenne stanchezza di questi giorni...

    RispondiElimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)