AVEVO SAPUTO QUEL GIORNO CHE LA SCRITTURA ERA CAMPO APERTO, VIA D'USCITA.
(ERRI DE LUCA - IL PIU' E IL MENO)

27 gennaio 2016

Una Poesia è una città.





Una poesia è una città piena di strade e tombini
piena di santi, eroi, mendicanti, pazzi,
piena di banalità e di roba da bere,
piena di pioggia e di tuono e di periodi
di siccità, una poesia è una città in guerra,
una poesia è una città che chiede a una pendola perché,
una poesia è una città che brucia,
una poesia è una città sotto le cannonate
le sue sale da barbiere piene di cinici ubriaconi,
una poesia è una città dove Dio cavalca nudo
per le strade come Lady Godiva,
dove i cani latrano di notte, e fanno scappare
la bandiera;una poesia è una città di poeti,
per lo più similissimi tra loro
e invidiosi e pieni di rancore...
una poesia è questa città adesso,
50 miglia dal nulla,
le 9, 09 del mattino,
il gusto del liquore e delle sigarette,
né poliziotti né innamorati che passeggiano per le strade,
questa poesia, questa città, che serra le sue porte,
barricata, quasi vuota,
luttuosa senza lacrime, invecchiata senza pietà,
i monti di roccia dura,
l'oceano come una fiamma di lavanda,
una luna priva di grandezza,
una musichetta di finestre rotte...

una poesia è una città, una poesia è una nazione,
una poesia è il mondo...

e ora metto questo sotto vetro
perché lo veda il pazzo direttore,
e la notte è altrove
e signore grigiastre stanno in fila,
un cane segue l'altro fino all'estuario,
le trombe annunciano la forca
mentre piccoli uomini vaneggiano di cose
che non possono fare


(Charles Bukowski)


Alcune parole e autori si possono solo amare alla follia.

57 commenti:

  1. come mai questa citazione ?

    RispondiElimina
  2. Grande Bukowsky, nel suo linguaggio crudo, non edulcorato e vero!!!
    Grazie cara Mariella e buona serata!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solitamente non si fa alcuno scrupolo ad usare le parole come lame taglienti, ma in questa poesia io ci ho visto soprattutto la sua anima tormentata e sincera.
      Grazie Annamaria, un bacio!

      Elimina
  3. Risposte
    1. Scusami Pat, rileggendo il mio commento, può sembrare brusco. Ma ritengo che sia ottimo anche non commentare nulla, perché questa poesia dice tutto.
      Un abbraccio.

      Elimina
  4. quando mi capitano di queste letture, queste odi, che mi riconciliano con il me, il pensier corre con orgoglio alle mie gelosamente nascoste con l'umile tag rimario, composte senza il conforto dell'alcool per via del mio fegato malandato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, ruvido quasi come te. Vero.

      Elimina
  5. Da un alcolista, che ama le anime in fiamme, che guarda la realtà attraverso la lente della disillusione che talvolta sfiora il cinismo, un componimento del genere potrebbe rappresentare un'eccezione, se non addirittura una sorpresa.
    Sì, perché in questo brano autoreferenziale, in cui la poesia parla di se stessa, Bukowski sembra sorretto dall'intuizione più pura. Qui non c'è la sua proverbiale ruvidezza, né il suo abituale scetticismo. Il testo è piano, arioso, robusto, originale, come d'altra parte originale e "inafferrabile" è il suo autore.
    In realtà non ci sarebbe nemmeno molto da commentare, nonostante il passaggio finale criptico e surreale (che riecheggia situazioni nerudiane) c'è però da sottolineare che Bukowski attribuisce alla poesia un ruolo preciso, ricollocandola nel novero delle attività quotidiane, normali e universali. Egli in sintesi dice che la poesia è la vita, nel suo ordinario fluire, con le sue gioie, le sue miserie e le sue incognite. Ma la vera novità di annunciata è che la vita può essere poesia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caspita, mi tolgo il cappello a cotanta precisione nell'analisi del testo e dell'animo del poeta.
      Direi che sono d'accordo praticamente su tutto. Io ci vedo lo scorrere, il continuo fluire della vita, simile al fluire della poesia. No, hai ragione, c'è poco da commentare, solo da leggere e rileggere per trovare in ogni strofa e parola tanto di quello che ci circonda e che ci fa pensare a quanta vita scorre in noi e attorno a noi.
      Imperfetta, verissimo.
      Bella proprio per questo e a maggior ragione degna di essere vissuta, intensamente. Malgrado i "direttori" provino a metterci sotto scacco. Nel loro ragionare inutile.
      La vita può essere poesia. Sì.
      Un abbraccio circolare caro Antonio. E grazie.

      Elimina
    2. Complimenti per l'analisi!
      Io mi sarei fermato solo al fatto che ero senza parole per commentare.

      Elimina
    3. Restare senza parole a volte è indice di una sensibilità che è ben oltre il linguaggio.
      Un bacio Pier.

      Elimina
  6. Questa poesia mi ha fatto ricredere per tutte le pagine lette di Bukowski che non mi hanno mai conquistata al 100% :-)
    Solo tu potevi condividerla, anima pastello!
    Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, è un uomo crudele;) Eppure capace di tanta altezza e armonia.
      Sono contenta fanciulla ti sia piaciuta la poesia. Io la trovo bellissima.
      Un bacio a te, dolcezza.

      Elimina
  7. Scelta azzeccatissima.
    Saluti e baci ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giovy, vita e bellezza. Poesia e bellezza.
      Un abbraccio cara amica.

      Elimina
  8. Belle parole davvero.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un abbraccio grande a te, Kylie,
      Sempre bello quando passi da me.

      Elimina
  9. Mi ha sempre colpito un sacco, di Bukowski, la vena poetica e graffiante. Eppure, che infinita delicatezza. Hai beccato una delle poesie che più mi fa tremare in assoluto. Bella da impazzire.
    Ti abbraccio e grazie per il bel regalo che ci hai fatto :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me Eva. E mi piace da morire, più è cartavetrata la sua poesia e più mi piace. Ma a volte, come in questo caso, le unghie si spezzano e la mano si appresta a fare una carezza. Tutto splende. Nonostante la rabbia di una vita.
      Ti abbraccio io, cara e grazie.

      Elimina
  10. "Alcune parole e autori si possono solo amare alla follia".
    Nulla mai scrivesti di più vero. Charles Bukowski è stato uno scrittore ed un poeta strano, diverso, che scriveva le sue poesie durante i suoi vagabondaggi, tra un bicchiere di whisky e l'altro; ma era un poeta "vero". Questa poesia è la sua immagine.
    Tu pensa che io ho letto la prima volta poesie sue - per l'esattezza "Non a sessantanni Honey"- in tedesco. Posso dire cosa penso? Tutta un'altra cosa, Mariella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Enzo, amo i poeti iracondi e quelli sinceri. Amo la poesia lieta e leggera come vento ma anche quella che ci descrive in maniera brutale. O imperfetta. Noi siamo liberi: è questo il messaggio. Liberi, capaci di essere città e di essere poesia. Spero di avere compreso compreso bene. La dolcezza della nostra lingua resta ineguagliabile.
      Un abbraccio circolare amico mio.

      Elimina
  11. Ah, il caro buon vecchio Charles!
    Grazie per questa ventata di freschezza carica di riflessioni.
    Un abbraccio, Elise.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Elise. E a tutti.
      Siete sempre così ricettivi e pronti a farvi attraversare dalle parole.
      Un abbraccio forte.

      Elimina
  12. Molto bella davvero...sono rimasto senza parole.
    Un abbraccio
    Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maurizio.
      Bello riuscire ad emozionarvi.
      Un bacio.

      Elimina
  13. In questa poesia c'è assolutamente lui! Devo dire che lo preferisco come autore di prosa, però.
    Ciao Mariella, buon week end e un abbraccio ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intero intero. Con il suo bicchiere in mano.
      Buon fine settimana bella fanciulla.

      Elimina
  14. Mariellina bella, Bukowski non è mai stato uno dei miei autori preferiti, però devo ammettere che questa poesia me lo ha fatto rivalutare. Grazie e un bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E mi fa molto piacere. Vedo che siete praticamente tutti d'accordo. Io lo amo a prescindere.
      Un bacio a te.

      Elimina
  15. una poesia è la vita! Da brivido...

    RispondiElimina
  16. Come posso commentare un geniaccio come questo..un sottofondo di musica di Tom Waits e siamo a posto..
    Buon fine settimana dolcezza...Un bacio speciale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Tom è perfetto.
      Te voglio bene assajie.

      Elimina
  17. Brava.
    è la prima volta che passo di qua.
    Ho sempre preferito Hank come scrittore di racconti che come poeta. Ma a volte anche con le poesie mi apre il cuore
    https://www.youtube.com/watch?v=7sRpxWN7j2M
    "io non sono come gli altri. gòi altri sono come gli altri"
    Inoltre , se non l'hai visto, consiglio caldamente la visione di "Born like this - Nato per essere Bukowski", bellissimo documentario.
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora spero di rivederti.
      Innanzitutto benvenuto.
      Non stiamo parlando di una persona facile. E non saprei dirti se sono più propensa a classificarlo come scrittore o come poeta. Visto che mi piace vistosamente in ambedue i panni.
      Direi che amo l'artista. Quanto basta da consentirgli di farmi incazzare il giusto o di spezzarmi il cuore.
      Mai visto il documentario, lo cercherò e vedrò. Grazie!
      A presto.

      Elimina
  18. Bukowski è uno di quegli artisti che si amano o si detestano: non esistono vie di mezzo. Mi sembra di capire che tu lo ami a prescindere. o no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente sì.
      Benvenuto Remigio.

      Elimina
  19. Sarei presuntuoso se pensassi di poter commentare un’opera di questo spessore. Preferisco leggerlo e rileggerlo cercando di cogliere ogni sfumatura.
    Ciao buona giornata
    Un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Enrico. E' fantastico leggerlo e rileggerlo. Lasciandosi trasportare esclusivamente dalle emozioni che le sue parole riescono a dare.
      Un abbraccio forte.

      Elimina
  20. Difficile commentare Bukowski. Ne sono state scritte pagine e pagine e, giustamente, molto positive. Del resto, entrare nell'animo umano, non è da tutti.
    Un sorriso per un sereno inizio di settimana.
    ^____^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so, magari dire quello che ci passa per la testa mentre lo leggiamo non sarà così malvagio.
      Un abbraccio e un sorriso per te.

      Elimina
  21. Ma come si fa commentare una poesia come questa, le parole rovinerebbero tutto perchè superflue.
    Ciao donnina bella :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le nostre parole, possono servire a cercare di spiegare le emozioni che una poesia come questa riesce a donarci.
      Ma pure il silenzio che le comprende, può essere perfetto.
      Ciao ragazzo bello!

      Elimina
  22. Mariella non mi hai letto

    Ho corso stasera

    RispondiElimina
  23. Un grande Bukowski! Uno dei più grandi del XX secolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nick! Confermo e rilancio con un: immenso!

      Elimina
  24. Bukowski, nella vita l'ho amato, l'ho odiato, a fasi alterne ma mi piace. Resta un grande.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Max. Alti e bassi. A volte, con lui, ci facciamo condizionare dagli umori e tremori. Anche io ho avuto momenti di rifiuto. Ma poi, sono tornata sui miei passi. Perché mi piace troppo, comunque.
      Un bacio.

      Elimina
  25. Che tu sappia S. (Quotidiano imperfetto) è uscita di senno o le hanno rubato le credenziali?

    RispondiElimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)