AVEVO SAPUTO QUEL GIORNO CHE LA SCRITTURA ERA CAMPO APERTO, VIA D'USCITA.
(ERRI DE LUCA - IL PIU' E IL MENO)

17 aprile 2016

Piccoli Miracoli.



Sto parlando a te
che insegui l'amore
e costruisci
la sua immagine ideale
che poi svanisce nel rumore della vita reale
sarebbe meglio se
ti riuscissi ad ascoltare

Vivere
per i piccoli miracoli
nascosti in certi attimi
che non torneranno più
per questo tu potresti scegliere
l'amore che fa sorridere
come un'onda da prendere
e a decidere sei tu

Sto pensando a te
che insegui l'amore
la tua libertà
è diventata una prigione
non ti piaci mai
e vorresti cambiare
sarebbe meglio se
ti riuscissi ad accettare

Vivere
per i piccoli miracoli
nascosti in certi attimi
che non torneranno più
per questo tu potresti scegliere
l'amore che fa sorridere
come un'onda da prendere
e a decidere sei tu

Scegliere
l'amore che fa sorridere
come un'onda da prendere
e a decidere sei tu
e a decidere sei tu
e a decidere sei tu








La canzone è bella. 
Peccato l'evidente rimandare ad AMARSI UN PO' di Lucio Battisti.

Avremmo tutti bisogno di Piccoli Miracoli.

20 commenti:

  1. dopo una certa età
    con l'amore bisogna stare attenti
    prima occorre scoprire se stessi
    se desideriamo dare amore o riceverlo
    e poi nella ricerca escludere coloro che hanno la nostra stessa aspettativa

    RispondiElimina
  2. I Tiromancino sono un gruppo che ho amato parecchi anni fa, agli esordi. Sarò banale, ma Due destini è bellissima (forse anche perché utilizzata come brano per la colonna sonora de Le fate ignoranti, adoro Özpetek, almeno fino alle più recenti prove che insomma...)
    In effetti, questo brano rimanda un po'... :P
    Ciao Mariella, buona settimana e un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo su "Due destini", bellissima canzone.
      Si erano un po' persi ultimamente, Zampaglione aveva messo su troppa carne al fuoco.
      Mi incuriosiscono visto il nuovo singolo, vedrò se comprarlo.
      Un abbraccio a te e buona settimana.

      Elimina
  3. Generalmente i testi poetici delle canzoni ottemperano ad altre esigenze, del tutto musicali, per questo gli utori dei testi vengono prosaicamente definiti "parolieri" e non poeti. Secondo me a torto, a meno che non si voglia identificare la poesia solamente con quella con l'enorme Pi iniziale, quella dei poeti sommi, dei Dante, dei Petrarca, dei Leopardi, gentuccia così. E non è giusto. Scomodo Benedetto Croce e dico che c'è "poesia e non poesia", laddove per non poesia si dovrebbe intendere unicamente la cattiva poesia, non quella leggera delle canzonette. Se questa sollecita un sorriso, o la mestizia, o ravviva un ricordo, pur se cantata è poesia. In fondo i primi poeti erano dei cantastorie, vedi caso, che si guadagnavano il pane esibendosi in cantate nelle piazze. I migliori arrivavano nelle corti, ne venivano trascritti i testi che sono arrivati fino a noi. È cominciato così. Omero non è mai esistito, al suo posto un popolo di Omeri che andavano in giro cantando le gesta di Achille, di Ettore, di Aiace Telamonio, di Agamennone, di Ulisse e di Diomede. Poi è arrivato qualcuno che ha messo insieme le storie e noi lo abbiamo chiamato Omero.
    Inizi bene la settimana, Mariella, complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, c'erano i menestrelli ai tempi dell'amor cortese medievale...
      Alcuni testi di canzoni è davvero un eufemismo definirli semplicemente "parole di canzoni".
      Mi vengono in mente De Andrè, Gaber,Dalla. Solo per citarne qualcuno.
      Forse un giorno rivedremo questa ghettizzazione dai.
      Ho finito bene, il post è di ieri!
      Buona giornata.

      Elimina
  4. I Tiromancino dei primi anni hanno sfornato una serie di gran belle canzoni, adesso si sono parecchio commercializzati. Però all'inizio erano grandiosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se parli del periodo di Alone alieno sono completamente d'accordo.
      Mi ricordo la copertina dell'album che rimandava ad un cult dell'horror anni '60.
      Poi tra litigi e etichette indipendenti si sono smarriti.
      Certo quei Tiromancino non torneranno più.
      Ciao Nick e grazie!

      Elimina
  5. hanno scritto belle canzoni in passato, poi l'oblio, adesso sono curioso per questo loro lavoro, che poi credo sia anche una reunion

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che oblio, come diceva Nick sopra, si sono commercializzati troppo.
      Non so dirti se si tratta di una riunione, l'album è il loro decimo e anche stavolta i due Zampaglione hanno litigato.
      Che dire, anche noi italiani, nel nostro piccolo,abbiamo i fratelli Gallagher.

      Elimina
  6. malgrado non ami i Tiromancino, il testo è davvero bello!
    Un bacio Mariella :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì è un bel testo. Ora sono curiosa di sentire tutto l'album.
      Un bacione a te.

      Elimina
  7. Si erano un po’ persi, speriamo che tornino a comporre belle canzoni e questa può essere l'inizio.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Federico fa troppe cose, cinema, teatro è un artista a tutto tondo.
      Speriamo si concentri più sulla musica da ora in poi.
      Grazie Enzo, buona serata.

      Elimina
  8. Non avevo mia fatto caso alle parole di questa canzone, anche perchè devo dire non seguo questo gruppo che in effetti qualcosa di positivo ha fatto...
    Trovo che cercare il sorriso nell'amore sia la cosa più difficile che esista, ma anche la cosa più meravigliosa se si riesce a trovare..
    Un bacio specialissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai, quando l'ho sentita per la prima volta ero in macchina. Ed ha pesato molto la similitudine di accordi con "Amarsi un po'", che mi ha distratto. Ma mi è piaciuta e allora sono andata a leggermi tutto il testo. Mi ha sorpreso positivamente.
      E mi piace. semplice e profonda.
      Quando ad esempio dice che dobbiamo imparare ad accettarci. Sembra facile...
      Come il sorriso dell'amore. Anche se quello, spesso lo ritrovo sulle labbra dei bambini. E mi riempiono il cuore.
      Ti abbraccio stretta.

      Elimina
  9. La mia approvazione sulla scelta del brano; per il resto noto - con un pizzico d'invidia - che m'intendo ben poco di musica leggera, anche perché ho sempre preferito quella da film.
    Abbraccio ^__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed io invidio la tua competenza in tutte le altre materie, compresa la musica da film.
      Un abbraccio a te, Antonio.

      Elimina
  10. In effetti ricorda Battisti. Ma come evitarlo? Se si vogliono creare dei piccoli gioielli, occorre passare per la strada tracciata da Lucio: grande tra i grandi.
    Un sorriso per la giornata.
    ^____^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Del resto se non ci fossero stati i Beatles e i Rolling Stones, avremmo avuto il rock?
      Diciamo che i grandi danno il via e poi basta seguirli.
      Un abbraccio.

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)