AVEVO SAPUTO QUEL GIORNO CHE LA SCRITTURA ERA CAMPO APERTO, VIA D'USCITA.
(ERRI DE LUCA - IL PIU' E IL MENO)

11 gennaio 2018

MILANO.




Milano Porta Nuova - Torre Unicredit


Io fotografo. E la cosa va avanti da tempo. Qualcuno di voi mi segue sui Instagram  e lo sa, che sono fanatica (vero Pier?) ahahah
A volte sembro uno di quei cinesi/giapponesi che prendevamo in giro fino a qualche anno fa.
Che pareva fossero tutti pazzi, pronti a imprimere su pellicola o digitale perfino l'arcata dentaria del cane.
E noi, a guardarli come fossero appena usciti dal manicomio.
E invece, questa mania ormai ci appartiene.
Tutti.
Siamo  coinvolti, stravolti, sdraiati.
A terra, di profilo, di angolo, di alto, di basso, di cielo, di mare, di neve, di tempesta.
Maniaci.
Però.
Succede che ti trovi ad avere fatto una foto così, alla città in cui vivi.
E rimani senza parole. Perché è cosi bella che quasi non ci credi, ed è merito della protagonista.
Ma l'hai fatta tu.
E sei felice.
Nulla.
Felice.

Che Milano è bella, straordinariamente bella. E non puoi fare a meno di pensarlo tutte le volte che, camminando,  il tuo sguardo si posa e ne trova conferma. Nel suo cielo, che a volte non ha eguali. Tra i suoi nuovi quartieri che da tempo e giustamente, l'hanno proiettata nell'empireo delle città più all'avanguardia  e futuriste al mondo.

Nulla.
Felice.





41 commenti:

  1. Milano è bella ma riuscire a coglierne l'essenza in questo modo è da maestri.
    Stupendo scatto Mariella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Milano mi ha accolta a braccia aperte, oltre trenta anni fa.
      Il minimo che io possa fare e ricambiare tutto l'amore come posso.
      Bacio bella Pat e grazie.

      Elimina
  2. Bellissima foto Mariella! Merita una prima pagina.
    Un abbraccio
    Nou

    RispondiElimina
  3. Bravissima Mary! Mi piacerebbe vivere a Milano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se davvero ti piacerebbe Milano.
      Te, secondo me, stai bene lì dove vivi.
      Tra fiori e colori e in lontananza il profumo del mare.
      Bacio.

      Elimina
  4. Sì, Milano è unica nel suo genere Enel suo stile. Anche Roma Torino Firenze hanno arte e storia ma Milano è ha un fascino tutto suo. Con le due luci, con la sua nebbia ma sarà l'amore che mi acceca ma io la trovo meravigliosa.
    E la tua foto anche^^. Complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Milano ha voluto fortemente diventare unica.
      E ci sta riuscendo.
      Sono fiera di lei.
      Buona domenica.

      Elimina
  5. Ciao Mariella,bellissima la tua foto e concordo Milano è una bella città,l'ho vissuta più di dieci anni,(1970-80) per ragioni di lavoro e forse, in quel tempo, era ancora più bella.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fulvio.
      Hai vissuto un periodo molto tosto qui a Milano. Quando tutto il mondo stava cambiando.
      Io ci sono arrivata qualche anno dopo e non l'ho più lasciata.
      Non so dirti se fosse più bella, solo che, alcuni luoghi sono esattamente come te li ricordi. E altri hanno cambiato completamente faccia. Il cuore resta uguale. È questa la sua magia.
      Un abbraccio.

      Elimina
  6. Milano è Milano e poi non appena arrivavo la mia rinite allergica spariva, niente pollini nell'aria. Poi gli anni passano ed oggi saran più di trent'anni che non la vedo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i pollini e le allergie sono ovunque.
      È un gran peccato non sapere cambiare idea.

      Elimina
  7. Bellissima la foto e bellissima Milano, una città poliedrica, attiva, che fa vibrare la mente, la fantasia e il cuore, insomma una città amata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sinforosa.
      Non si può non amare una città che ha saputo cambiare e migliorarsi costantemente, nel tempo.
      Abbraccio.

      Elimina
  8. Bella foto e bella dichiarazione d'amore per la tua città.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È la mia città d'adozione. Mi ha dato tanto, molto di quello che la mia città di origine non avrebbe potuto darmi.
      La amo, la stimo e la rispetto.
      Ma non rinnego la mia città di origine, ho con lei un legame più forte di tutto il resto. E questo non si può cambiare.
      Abbraccio.

      Elimina
  9. La bellezza è sempre (anche) negli occhi di chi guarda. E di chi fotografa. Ogni giorno vengono scattate fotografie a miliardi di miliardi, e il 99,99% di queste sono brutte insulse o superflue. Tu continua la tua avventura con le immagini: perché sei un'anima bella che sa riconoscere, e quindi accogliere, e quindi diffondere, il bello. Non è da tutti. Checché ne dicano i petulanti teorici dell'ugualozzismo. :)
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow, senza parole.
      Grazie amico mio, mi hai fatto sentire speciale.
      Che bello.

      Elimina
    2. Forse perché SEI speciale. :)
      Ciao!

      Elimina
  10. Milan l'è un gran Milan, sempre!
    Un abbraccio e complimenti per la foto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Franny.
      Pensa che la vedo ancora con lo stesso sguardo pieno di meraviglia con cui la guardai la prima volta.
      Ero una bambina.
      E dentro lo sono ancora.
      Abbraccio.

      Elimina
  11. Che bello sentir parlare della mia città in questo modo, e renderle giustizia con uno scatto fotografico unico.
    Ci sono nata, ci vivo e non la cambierei con nessuna altra città d'Italia!
    Scatto fotografico da prima pagina 😊
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da oltre trent'anni è anche un po' la mia città e ne vado molto fiera.
      Grazie Marina, la prima pagina però, la lasciamo ai fotografi veri ahahahah
      Bacio.

      Elimina
  12. Buongiorno,
    il pene a quanto è quotato sul vostro mercato di organi umani?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho lasciato il tuo commento, ma ho cancellato quello indegno a cui tu fai riferimento.
      Praticamente ha impestato una decina di miei post.
      Ma come si fa, che brutta gente...

      Elimina
    2. ahahahahaah cancella pure il mio commento sopra e questo ;)

      Elimina
  13. Cara Mariella, la fotografica serve per catturare il bello o ciò che ha attirato la nostra attenzione. Quindi non aver paura di essere scambiata per una cinese o una giapponese :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente paura.
      Che poi sarebbe impossibile scambiarmi per una giapponese, alta, bionda e prosperosa come sono!
      Certo, concordo sul catturare il bello, se poi è così telegenico...
      Abbraccio.

      Elimina
  14. Quando ero bambino andavo a paseggio con mio padre che aveva la sua Leika al collo come una collana. Qualche volta era la sua Rolleyflex, altre volte una Westinghaus oppure la più modesta Ferrania a soffietto, ma non meno brava delle altre. Quasi sempre il soggetto ero io, se eravamo soli, oppure mamma da sola o insieme a me. Mio fratello mnon c'era mai. "Io ho dato-mi diceva-adesso tocca a te". Eravamo i soli ma non ce ne lamentavamo.
    Un progenitore dei giapponesi. I controluce li scattavo io ed erano sempre azzeccati. Lui faceva finta di arrabbiarcisi, ma invece era tutto stolz, orgoglioso, e pensava che io avessi ereditato la sua passione.
    Credo fose solamente "culo". Son diventato pittore. Forse tutte quelle promenade con lui mi avranno ispirato.
    Sì, Milano è una bella città operosa. Si respira la sua operosità mentre a Roma si respira la mollezza oltre ai miasmi della monnezza. A Milano manca l'immondizia. Forse la riciclano, chissà, nel risotto.
    E poi, vuoi mettere le buche che abbiamo a Roma, cavolozzo fritto! Mica ce le avete voi a Milano.
    Sei molto brava tu con la macchina fotografica, ma devi essere bravina un po' in tutto, non è così Mariè?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che uno dei miei sogni è quello di poter ricevere in regalo una Leica?
      A Milano, in pieno centro, c'è uno store della famosa marca di macchine fotografiche.
      Ed io, come i bambini, quando passo, indico e lascio il segno del dito davanti alle teche dove c'è un modello che mi piace.
      Dato che, una buon modello ha un prezzo di partenza superiore ai 1000, 00 euro mi accontento di sognare.
      Comunque a me piace la Leica Silver se qualcuno volesse farmi un regalo ahahahah
      Che bello questo ricordo, hai sempre un modo generoso e unico quando passi dai blogger tuoi amici di lasciare il segno.
      Sì Roma è indecente, ma esistono le buche anche a Milano, non vorrei che Roma diventasse la nuova Napoli e tutti a bastonare perchè fa comodo, politicamente parlando.
      A proposito di essere brava:
      Io ci metto passione, anche smodata, in tutto quello che mi piace fare. Ed è la mia passione quella che viene fuori.
      Per il resto sono imperfetta. Come tutti.
      Bacio amico mio.

      Elimina
    2. Giuro che se mi capita una fortuna sul groppo -non voglio dire quale, va bene tutto- te la compro io la Leika Silver. Su due piedi non potrei: l'ultima volta che sono stato a Stoccarda sono passato davanti al negozietto -piccolo piccolo- dove ci sono tutti i tipi di Leika. C'è anche uno assai simile a quello che aveva mio padre, che non so che fine abbia mai potuto fare. Ho i miei dubbi, ma ora sono tutti morti. Quella papà l'aveva promessa a me, tanti anni fa e la teneva come una reliquia. Era del 1936. Quella che ho visto io (ed avuta in mano col tipo che mi spiegava quello che già sapevo) lui la vendeva SOLO per 19.800 euro. La silver che piace a te e che ho visto lì non era nemmeno di primo pelo, appena 12 anni e voleva il tipo un prezzo onesto 6.600 euro. Ma li valeva tutti. Lui è in grado, mi ha detto, di avere anche la mitica del 1934 -il mio anno di nascita- per una cifra intorno ai 50.000 dice lui che sarebbe un affare. Ti credo, crescono di valore circa il 10-15% ogni anno. Ce ne sono ancora una ventina (dice il tipo e io gli credo). Ti capisco Mariella: è un gioiello prezioso e gli obiettivi sono tutti originali Zeiss, lavorati a mano, mai con macchine, frese o quello che normalmente fanno tutte le grandi case come la Rolleyflex.
      Se tu sei imperfetta io sono l'annunciazione, la nascita, l'evoluzione, il lento tramonto dell'imperfezione. Vieni con me: andiamocene in un'isola deserta....a dormire.
      Kuß, Kuss, Küsse.

      Elimina
  15. Sai quanto amo Milano, i navigli, il Cenacolo, risotti e orecchie d'elefante.. i vicoli, i ballatoi, le luci, le vetrine.. quel Duomo che ogni volta mi lascia senza fiato.. e io che me lo salgo a piedi e mi rinnamoro di ogni piccolo intarsio... e invece sto a Roma. Ben mi sta'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Franco , lo so bene.
      Come accennavo sopra a Vincenzo, non vorrei che questo dare addosso a Roma sia un modo per far distogliere lo sguardo da tutto il marcio e lo schifo che c'è altrove in Italia, come si è sempre fatto con Napoli per decenni.
      Certo, Roma è, in questo momento, fragile e esposta coma un bimbo.
      Ma resta una città unica che tutto il mondo ci invidia.
      Ci ho passato intere estati da bambina, tra Roma e il mare a lei vicino. Tutta quella ricchezza non può disperdersi nel nulla. Bisogno solo rimboccarsi le maniche e cambiare. Per davvero.
      Lo sai che sono una sognatrice.
      Intanto qui a Milano ti si aspetta. Ho nuovi ristoranti d consigliarti ahahah
      Bacio.

      Elimina
  16. Bellissima fotografia, io amo Milano!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Ofelia, allora ti aspetto!
      Un abbraccio a te.

      Elimina
  17. Io sono un pessimo fotografo ma con i telefonini è quasi istintivo fotografare tutto. In rete mi capita di vedere foto scattate con i droni e rimango estasiato perché scopro particolari che mi erano sconosciuti.
    Felice domenica, un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me piace. Per anni ho fotografato in bianco e nero. ho una vecchia Minolta degli anni 70 che va benissimo. E uso ancora la pellicola.
      Poi, mi piace anche il digitale, le foto più belle le stampo e le conservo in album che amo collezionale.
      Il resto è tutto conservato in cartelle che salvo periodicamente nel back up esterno del mio computer.
      Per evitare che possano andare perduti i ricordi.
      Un abbraccio a te Enrico e grazie.

      Elimina
  18. Oh ma che bella foto!
    La prossima volta che ricapito a Milano devo visitare questo posto :-)
    Baci!!!

    RispondiElimina
  19. bella Milano. E' una città che mi piace molto.

    RispondiElimina
  20. Sono qui per condividere questa grande notizia per tutti, ma ho deciso di non dare una testimonianza, ma devo solo fare in modo che le persone possano fare attenzione al tipo di mago che contattano per non cadere nelle mani di truffe come quello che mi è successo è stato truffato da uno di quelli due incantatori in Sud Africa e l'altro Keniano, entrambi hanno continuato a mentirmi a Dio, ha portato questo grande uomo chiamato Dr Sacre a conoscere il Dr Sacre attraverso un amica negli Stati Uniti che è venuta a trovarmi qui in Olanda, mi ha raccontato di come ha riportato indietro il suo amante e il miracolo dietro di me quando mi ha raccontato cose meravigliose su questo grande uomo chiamato dottor Sacre ero così felice che alla fine ho trovato qualcuno ha risolto il mio problema, così ha chiamato il dottor Sacre e ha parlato con il dottor Sacre che poi ho parlato con lui e gli ho spiegato tutto, lui mi ha detto di non preoccuparmi che lui mi assicurasse che tutto avrebbe funzionato bene, ho creduto in lui le cose saranno sicuramente mi risolve bene mi assicura che il mio amante sarebbe tornato tra le mie braccia entro 24 ore credimi era come un sogno ero così felice quando ho ricevuto una chiamata dal mio amante che mi implorava ed è venuto a consegnare tutte le sue proprietà a me e mi ha reso il beneficiario di tutto ciò che è bene sono così felice che questo è dovuto andare bene grazie all'aiuto del dottor Sacre, puoi contattarlo per un aiuto, per favore, non contattare altri falsi incantatori. Il dott. Sacre è l'uomo di cui fidarsi e confidarti può contattarlo su sacretempleofpower@gmail.com o chiamare / numero WhatsApp: +2348159768201

    Mrs Miley Mason

    RispondiElimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)