AVEVO SAPUTO QUEL GIORNO CHE LA SCRITTURA ERA CAMPO APERTO, VIA D'USCITA.
(ERRI DE LUCA - IL PIU' E IL MENO)

13 febbraio 2018

LASCIAR PERDERE.


Oggi è stata una giornata da "affaticamento intenso". Ma come sono educata.

Nuovi clienti arrivati all'improvviso con milioni di scadenze incombenti e  mentre siamo sottodimensionati.
Respiro.

Una giovane collega da istruire e seguire. Fare da tutor non è semplice soprattutto se non si ha manco il tempo di pensare.
Respiro.

Sia la mattina che la sera Trenord decide di sopprimere la metà dei treni in programma. Così arrivo tardi in ufficio e a casa.
Respiro.

Dopo cena faccio partire la lavastoviglie ed ecco: non va più.
Dopo averla liberata di tutto il fattibile, smontato e rimontato quel che potevo e  senza risultato, l'abbandono. Domani mi rivolgerò all'assistenza. Sperando che non sia arrivata la sua fine; è una compagna fedele da oltre 18 anni. La svuoto e lavo tutto a mano. l'asciugo bene e richiudo.

Giornata finita? Si spera.
Respiro ma non basta.

E vaffa... va!


opps...
mi sento meglio!



49 commenti:

  1. 18 anni la lavastoviglie? Ti è andata benissimo :D. Quella di casa mia fa le bizze (in questo periodo no, per fortuna), sarebbe da buttare dalla finestra.

    Comunque sì, giornata terribile, soprattutto quando sopprimono treni o ci sono scioperi, sono sempre grossi disagi. Sul lavoro invece purtroppo quelle giornate capitano spesso..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una lavastoviglie Miele. Comprata ben sapendo che l'investimento iniziale, avrebbe reso nel tempo.
      Spero che, quando domani mattina arriverà il tecnico, ci sia possibilità di "rianimarla".
      Io non so bene cosa stia accadendo (a parte gli episodi tragici degli ultimi tempi) ma noto un progressivo peggiorare del servizio.
      Sul lavoro invece, so che è un male comune. Di solito non mi lamento ma ieri ho fatto il pieno!

      Elimina
  2. Quano è così, bagno caldo, CIBO, e tv.
    E respiri, e dormi.
    Vedrai, funziona :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fatto Moz ,ahahah e ho anche dormito stanotte; è un successo visto che soffro d'insonnia. Evidentemente ero stravolta!

      Elimina
  3. Mari cara...mi piace il tuo sfogo...ogni tanto ci vuole!
    Dai...come disse la grande Rossella: domani è un altro giorno. Bacio e dormi serena!

    P.s. mi sa che Riki e Miki dobbiamo proprio conoscerli...ahahahah...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh sì, quando ci vuole...

      Sono forti questi due ragazzi si sa :-)

      Elimina
  4. Sei in buona compagnia :))) da me è uguale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Male comune.
      Comprendo perfettamente. Un abbraccio pieno d'empatia.

      Elimina
  5. Che nervoso fanno venire i treni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ieri ho preso un treno che portava 100 minuti di ritardo, mentre i successivi erano stati cancellati!
      Direi che "nervoso" non rende l'idea ...

      Elimina
  6. eppure le mie nonne, che non avevano di questi problemi stressanti, camparono assai meno delle nonne di oggi.
    E' tutto stress tonifico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, lo stress è il vero elisir quotidiano!

      Elimina
  7. Anch'io mi affeziono alle macchine di casa (lavatrice, lavastoviglie) e mi spiace quando si guastano non solo per il disagio, ma perchè sono proprio fedeli compagne, come tu hai definito la tua lavastoviglie.
    Ma dopo una giornata come quella che hai descritto, lasciar perdere è saggezza che salva!
    Ti abbraccio, Mariella!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Annamaria, io non mi ci affeziono, sono proprio dipendente!
      Se qualcosa gira storto mi prende il panico...
      Unica soluzione è un bel OHMMMMMMM
      Ti abbraccio anche io!

      Elimina
  8. io ho vissuto a Milano due anni, poi mi sono trasferito a Verona, città che amo molto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luigi, benvenuto da me!
      A Milano ci vivo da trent'anni e alla fin fine ci sto bene. È una città a cui devo tanto.
      Verona è una delle mie città del cuore, ogni tanto faccio una bella passeggiata, mi godo il centro, le piazze, e la musica dell'Arena.
      A presto!

      Elimina
  9. Il guaio è che non troverai più una lavastoviglie che duri 18 anni, ormai le cose di adesso non durano neanche 4 anni..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh lo so, anche se è un'ottima marca non so se la prossima durerà altrettanto...

      Elimina
  10. Il respiro aiuta sempre, ma certe volte ci vuole quel mantra finale perchè funzioni davvero :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cri,
      ecco sono d'accordo, un bel mantra!
      Abbraccio.

      Elimina
  11. Mi ricorda, con un sorriso, l'anno scorso a casa con le mie coinquiline che c'è stato un periodo nero in cui succedeva tutti i giorni qualcosa. Per esempio, un giorno siamo rimaste senza luce e senza acqua e nel frattempo aspettavamo il risultato importante di un esame di una di loro; risultato che, come sempre, quando aspetti, non veniva pubblicato mai. Allora per un attimo la protagonista ha visto male e pensava che ci fosse il voto e nell'emozione ha buttato un cuscino che ha colpito la lampada sul comodino e si è rotta. Però adesso ci ridiamo molto su xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E sorrido anche io leggendo degli episodi legati ad una casa in condivisione.
      Mi hai fatto pensare ai miei trascorsi durante l'università e ai primi anni a Milano.
      Un giorno o l'altro devo scriverci un post perché un commento sarebbe troppo lungo.
      Certo che a volte ne capitano una dietro l'altra, ma è bello quando si è in compagnia poi riderci sopra.
      Ho una collega che per aspettare un risultato di un esame che non arrivava, ci ha fatto stare in ansia per giorni!!!
      Poi abbiamo festeggiato tutti insieme :-)

      Elimina
  12. E dopo il vaffa... un bel doppio respiro profondo. 😊
    Felice San Valentino, un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fatto Enrico!
      Grazie e Buon San valentino a te!

      Elimina
  13. Direi un bel vaffa a tutti già a metà lista ;)
    Sei davvero brava e paziente.
    Bacio ragazza bella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhm sembro paziente e brava, qui mi dipingo nel modo migliore!
      Sssshhhh
      Bacio a te.

      Elimina
  14. Sì, ogni tanto un vaffa ci sta tutto. È una bella medicina!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero eh, di colpo ti senti subito meglio!
      Abbraccio a te!

      Elimina
  15. le giornate piene sono comunque una benedizione... meglio delle giornate vuote

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh ma quanto sono troppo "piene" si scoppia.
      Una via di mezzo no?

      Elimina
  16. Nelle mie case sono sempre stato io il lavastoviglie... quasi 60 anni e ancora non mi sono rotto (del tutto almeno.. ahahah..)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhm chissà cosa vuoi in cambio :-)

      Elimina
  17. Mari tutto serve ma il potere terapeutico di un buin vaffa... impareggiabile!
    Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah sicuramente è una terapia d'urto che funziona!
      Bacione.

      Elimina
  18. Mmmmm. Ma il maritino? Ti ha sostenuta come si deve?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mio marito era via per lavoro...
      Perché "maritino"?

      Elimina
  19. Alè, e vai col vaffa!
    Come stai adesso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto meglio!
      Grazie.
      PS: lavastoviglie riparata, per ora la mia fedele amica continua il suo viaggio in nostra compagnia.

      Elimina
  20. e comunque i respiri aiutano parecchio

    RispondiElimina
  21. Capitano quei giorni in cui sembra che tutto va storto, quando poi si rompe un frigo, una lavatrice, un forno....panico !!! Niente paura, prendi fiato e vai avanti !Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, proprio panico!
      Meno male che almeno su quel fronte sembra tutto risolto...
      Abbraccio.

      Elimina
  22. La classica giornata no, nella speranza che passi prima possibile.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' passata per ora.
      Grazie Vincenzo un grande abbraccio.

      Elimina
  23. La tecnica del respiro funziona bene, ma il vaffa è decisamente liberatorio 😉
    Un abbraccio.
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che in passato ho fatto un corso di traning autogeno e per un periodo gli effetti li avevo sentiti eccome...
      Peccato che ora non mi ricordo tanto e quel che mi ricordo non basta.
      E allora è meglio un vaffa...
      Un abbraccio a te e grazie.

      Elimina
  24. Delle volte un bel vaffa fatto bene è liberatorio e terapeutico! :)

    RispondiElimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)