24 dicembre 2020

[RICETTE TRADIZIONALI] GLI STRUFFOLI E LA MAGIA DEL NATALE



La storia del Natale napoletano e un po' di tutta la Campania ha il suo fulcro con la ricetta natalizia che più natalizia non si può: gli STRUFFOLI. Si tratta cari amici in realtà di un vero e proprio furto, eh già. La leggenda narra che il piatto tipico della tradizione partenopea sia arrivato nel golfo di Napoli grazie ai Greci, i veri artefici di cotanta bontà. Origine che viene tratta anche dall'etimologia della parola, in greco "strongulos" ovvero arrotondato.Poi, facilitata dal loro enorme successo, la ricetta è circolata in tutta l'Italia meridionale prendendo diversi nomi a secondo della terra in cui approdava. A Roma  e a Palermo, Strufoli con una sola effe, in Umbria ed Abruzzo, Cicerchiata. Nel viterbese, Castagnole.

In ogni caso  sono il simbolo del Natale in famiglia e come da tradizione alla loro preparazione partecipano grandi e piccini, nell'abbraccio familiare che più dolce non c'è.

DOSI PER 8/10 PERSONE

per l'impasto:

400 gr di farina;

3 uova;

80 gr. di burro fuso freddo;

40 gr. di zucchero;

1 cucchiaio di liquore (quello perfetto è l'anice ma io vario con lo Strega);

1 buccia grattugiata di limone di sorrento non trattato;

1 cucchiaio a filo di lievito per dolci;

1 pizzico di sale;

olio per frittura circa 600 ml. (siate abbondanti);

per decorare:

300 grammi di miele millefiori (Rigoni di Asiago);

2 cucchiai di zucchero a velo vanigliato;

confettino colorati (1 pacchetto pan degli angeli);

frutta candita tagliata a pezzettini (io non la uso perché non mi piace);

preparazione totale 45 minuti, per friggere 15 minuti.

PROCEDIMENTO

Lavorare in una terrina capiente la farina e lo zucchero assieme alla buccia di limone grattugiato. Aggiungere successivamente le uova e il burro fuso freddo. Poi il lievito e il pizzico di sale. A questo punto si impasta fino ad ottenere una palla di pasta perfetta e senza grumi. Avvolgere in una pellicola e lasciar riposare per circa mezz'ora. 



Successivamente prendere la pallina di pasta e dividerla in fette che vanno arrotolate come un cilindro dello spessore di un centimetro. Affettare con un coltello per ottenere dei piccoli quadretti di uguale misura. Se si vogliono delle palline tutte uguali il tempo di realizzazione aumenterà. Io li lascio a quadratini che tanto in frittura si allargano un po' e si arrotondano.

A parte si prende una padella larga e dal bordo alto con metà dell'olio indicato. Io lo cambio almeno una volta durante la cottura in modo da garantire una doratura perfetta e un profumo meraviglioso. 

Cuocere un po' alla volta i quadretti nell'olio per pochissimo tempo in modo da farli dorare leggermente. Attenzione che non brucino. Toglierli con una schiumaiola forata, perfetta per scolare l'olio eccessivo. Appoggiare in una terrina abbastanza larga avendo cura di lasciare al suo interno della carta assorbente. Una volta cotti a perfezione si procede con la bagna di miele e zucchero a velo.

In un pentolino, mentre si lasciano riposare gli struffoli cotti, immergere a fuoco bassissimo il miele a cui aggiungere lo zucchero a velo. Una volta sciolto il miele togliere dal fuoco e inserire gli struffoli. Girare velocemente e amalgamare il tutto aggiungendo i confettini colorati. Nel giro di pochissimo tempo saranno pronti. Prima che il miele si solidifichi togliere dal pentolino e andare a comporre il piatto di portata. 

A piacere si possono aggiungere frutta candita e coralli di zucchero di diversa dimensione. Il dolce è pronto.


Quest'anno, per la prima volta, li ho preparati nell'assoluto silenzio della mia cucina, senza la voce di mia mamma che mi consiglia le dosi perfette e il tocco segreto che ogni famiglia custodisce gelosamente.  Ho sentito però, il desiderio profondo di coinvolgere la comunità blogger a cui appartengo per cui ecco il mio regalo di Natale, dal profondo del mio cuore a tutti voi. Vi auguro con tutto l'affetto che posso farvi arrivare, giorni di festa sereni dedicati alle persone care, avvolti nella tranquillità e nel calore familiare della propria casa. Soli o in compagnia, l'importante sia  che la dolcezza di questi giorni vi circondi totalmente. 


VI ABBRACCIO FORTE.

BUON NATALE OVUNQUE VOI SIATE.




74 commenti:

  1. Volevo augurarti un sereno Natale ed augurarlo a tutti coloro che ami e rendono speciale la tua vita compresi i tuoi lettori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Daniele, anche a te e ai tuoi cari😘🎄

      Elimina
  2. Un grande abbraccio, ti auguro giorni di serenità e soprattutto riposo, un dolce relax nel tepore di casa, AUGURONISSIMI ! Un sereno Natale, buone feste 🎄🌷

    RispondiElimina
  3. Cara Lory, grazie. Spero che anche per te siano giorni di riposo, ce li meritiamo tutti. Ti abbraccio forte, BUONE FESTE🎄😘🎄

    RispondiElimina
  4. Grazie, un dono bellissimo come il tuo augurio. Confermo: da noi cicerchiata(Abruzzo).
    Mi prendo il tuo messaggio augurale, lo stringo al cure e, con altrettanto affetto li dono anche a te! Un abbraccio forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Graziana, confermi cicerchiata, ottimo!
      Mi prendo il tuo abbraccio e te lo regalo con tanto affetto, nella speranza che il Natale doni a tutta serenità e speranza per il nuovo anno.
      Auguri!

      Elimina
  5. Lo dono a te, perdona il refuso... Baci

    RispondiElimina
  6. Da noi si chiamano purceddruzzi io li adoro, li ho fatti un paio di volte ma, ahimè, con risultati scarsi. Confronterò la mia ricetta con quella che ci hai dato, chissà che non capisca cosa ho sbagliato.
    Intanto ti mando i miei auguri di buon Natale. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che quando erano vivi i miei suoceri, la vigilia di Natale era dedicata (se la passavo con loro) a cuocere frittelle di Natale, poi io portavo gli struffoli e andavo via con le cartellate e i panzarotti dolci.
      La ricetta, che vi regalo con tanto amore, non è difficile, sono più che certa che verrano benissimo. Coinvolgi i tuoi bambini nella preparazione. Le mie nipotine, con le loro piccole manine, riescono a preparare dei cilindretti perfetti.
      Grazie, ricambio gli auguri a te e alla tua famiglia.
      Ti abbraccio forte.

      Elimina
  7. Grazie Mariella !!! Pensa che non ho mai mangiato gli struffoli, che devono essere ottimi !!! Anche a te, tutti i miei auguri di buone feste, sperando in un 2021 migliore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono buonissimi e molto facili, provaaaaaaaa
      Ricambio gli auguri con affetto e sì, speriamo davvero che il prossimo anno sarà migliore.
      Ti abbraccio forte.

      Elimina
  8. Che buoni devono essere i tuoi dolcetti!!
    Brava Mariella .
    Auguroni di buon Natale a te e alla tua familia.
    Eliana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sono sai? Non dolcissimi ma friabili e perfetti da mangiare in compagnia, uno tira l'altro.
      Cara Eliana, ricambio gli auguri a te e ai tuoi cari.
      Buone Feste, ti abbraccio forte.

      Elimina
  9. Ciao Mariella, vivo a Nord maamo il sud è la sua gustosissima cucina. Del tuo piatto ti rubo la ricettina.
    Ciao, tanti auguri di un felice Natale.
    fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fulvio, tu sei un ottimo cuoco, mi aspetto una gran riuscita della mia ricetta!
      Tanti auguri a te e alla tua famiglia.
      Ti abbraccio forte.

      Elimina
  10. Innanzitutto tanti cari Auguri, e forse ti dispiacerà sapere che provati una volta e poi mai più (non mi piacquero), ma non è importante ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che tu non hai mai assaggiato i miei, lasciatelo dire;)
      Caro Pietro, passa un Natale sereno accanto alla tua famiglia.
      Ti abbraccio forte!

      Elimina
  11. Buoni gli strufoli, li ho assaggiati lo scorso Natale.

    Tanti auguri, trascorri un Buon Natale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Stefania, mi fa piacere che ti siano piaciuti, saranno stati preparati da un'ottima cuoca.
      Ricambio gli auguri, passa un Natale sereno accanto alla tua famiglia.
      Ti abbraccio forte!

      Elimina
  12. Non li amo particolarmente, però fanno subito Natale, subito famiglia.

    Auguri a te ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente non piacciono a tutti, ma i miei sono davvero buoni;)
      Fanno famiglia, come hai ragione, e quest'anno più che mai sentivo la necessità di prepararli, visto che sarò sola.
      Cari auguri a te e alla tua famiglia.
      Buone Feste con affetto.

      Elimina
  13. Hai fatto benissimo, così spero... con noi la tua cucina (anche se dopo la cottura) non è più troppo silenziosa, almeno in qualche frangente XD
    Ti dirò: da abruzzese, mai mangiati come cicerchia (forse non si usano nella mia zona specifica); mentre la nonna campana di un mio amico pugliese... sì, li faceva sempre.
    Purtroppo anche col miele (la cosa che più mi fa schifo sulla faccia della Terra), per fortuna anche con altro... e pure salati^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sai che al posto del miele puoi usare la cioccolata? Tanta roba, quasi immagino un tuo prossimo video in cui ti "pappi" struffoli con cioccolata e panna ahahahah
      Eh, chissà che buoni quelli della nonna dei tuo amico...
      Vero, con voi che mi fate compagnia questi giorni passeranno in allegria e con tanto "rumore" come piace a me!
      Bacio.

      Elimina
  14. Non apprezzo quasi niente del mondo dei dolci.
    Il cioccolato deve essere super amaro e allora mi piace il 'salame al cioccolato' con gli osvego.
    Immagina ora una montagna di struffoli dolci come il miele, ecco quelli sono gli auguri che faccio a te e ai tuoi cari.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei più per il salato? Anche io a dire il vero, tra una pizza e una fetta di torta non ho mai avuto dubbi😉 immagino la montagna e ricambio con immenso affetto😘🎄😘

      Elimina
  15. Passate da me, se ne avete voglia. Lo posto qui il mio invito, almeno lo leggerete in tanti.
    Cri

    RispondiElimina
  16. Non conosco questi frou frou preferisco i ravioli. Non apprezzo gli auguri spero solo che l'anno prossimo sia meno schifoso del precedente.
    Come cuoca devi essere una super.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vabbè, faccio finta che gli auguri tu me li abbia fatti🤣 e concordo sulla speranza che il prossimo anno sia migliore... come cuoca sono brava, almeno è quello che dicono di me😉😘
      Ma i ravioli non sono pasta salata?

      Elimina
    2. Sono un primo, tradizionali e buonissimi a Natale quelli di mia (povera) suocera. 👍

      Elimina
    3. Di magro scommetto😉

      Elimina
    4. Ho commesso una orribile svista, erano agnolotti (la suocera era piemontese) e non certo di magro. 😢

      Elimina
    5. Mamma mia, chissà che buoni😋

      Elimina
  17. grazie per la ricetta, me la scrivo!!
    io non li ho mai nè preparati nè assaggiati, prima o poi mi cimenterò!!

    Serene feste, cara, a te e ai tuoi cari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo Angela, provaci😉 grazie cara passa un Natale sereno😘🎄😘

      Elimina
  18. Un'altra ricetta che mi ricorda sempre casa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nick caro, qui troverai sempre un piccolo pezzetto di casa😘🎄

      Elimina
  19. Ciao,
    ti lascio un sentito augurio di sereni giorni.
    Un abbraccio
    Rakel

    Tornerò a prendere la ricetta se permetti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rakel, che siano giorni sereni anche per te. Un abbraccio.
      Certo, fai pure, l'ho postata per voi.
      Buon Natale😘🎄

      Elimina
  20. Ma è questo il post di Natale?
    No gli struffoli proprio no..al massimo con il miele mi mangio i cereali tostati affogati nel caffè latte alla mattina 😂
    Questa tradizione terrona ve la lascio volentieri.
    Comunque io aspetto sempre il Babà ...
    Auguroni dal tuo simpatico polentone.
    Buon Natale a te e famiglia.
    Ps. noi però c’abbiamo il pandoro 😜

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, è il post di Natale e se non ti piacciono gli struffoli me ne farò una ragione😆. Questo è il primo anno(da tempo immemore) che non vado a Verona da Bauli e Melegatti per prendere i miei due pandori preferiti❤ pazienza, ci rifaremo il prossimo anno. Buon Natale a te, tua moglie e tua figlia. Ti abbraccio forte amico polentone😘🎄😘

      Elimina
  21. Buon Natale a te e famiglia :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Ariano, grazie, ricambio di cuore, auguri a te e ai tuoi cari, Buon Natale😘🎄😘

      Elimina
  22. Passo per caso ...quest'anno non ĺi ho fatti non ho avuto tempo mi rifarò sono ottimi ciao e buon appetito!😣

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marianna, benvenuta da me. Sei campana come me, immagino. Ti rifarai il prossimo anno😉 Buone feste e a presto!

      Elimina
  23. Ciao Mariella, che bella tradizione questa degli struffoli, noi non abbiamo nulla di simile, ci accontentiamo di panettone o pandoro! Un affettuoso augurio a te e ai tuoi cari, buon Natale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carmen, un abbraccio e tanti auguri a te e ai tuoi.
      Solo pandoro e panettone? Ma io li amoooooo

      Elimina
  24. Buon Natale Mariella, di cuore.
    sinforosa
    P.s. Gli struffoli me li ha fatti assaggiare una collega che li preparava, squisiti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara SInforosa, auguri anche a te e famiglia.
      Sono contenta di sapere che conosci gli struffoli e li apprezzi.
      Buon Natale!

      Elimina
  25. Buon Natale Mariella!!! Anche io ammetto che gli struffoli (con due f o una sola) non mi hanno mai rappresentato un granché... il mio Natale gastronomico significa quasi esclusivamente: PANETTONE, classico, milanese 100%, con un ricchissima percentuale di burro, canditi e uvetta. Tutto il resto - specie a livello di dolci - fa da sbiadito contorno.
    E mamma ce l'hai intorno lo stesso... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua mamma sarà sempre intorno a te, questa è certezza. Il panettone quest'anno ho cominciato a mangiarlo a Sant'Ambrogio e se non rotolo prima, continuerò fino a gennaio. Il "vantaggio" di vivere a Milano ahahah ahahah ti abbraccio forte amico caro😘🎄😘

      Elimina
  26. Amo la pignolata ^^
    Passo al volo per darti gli auguri di natale e per ringraziarti del pensiero che hai avuto a tua volta a passare da me. Tanti auguri, mia carissima Mariella. Ti abbraccio forte ❤️❤️❤️❤️❤️ grazie di esserci :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da te si chiama pingolata? Meraviglia❤ Ancora un vagone di auguri, Paola. Buon proseguimento di feste. Ti abbraccio forte forte😘🎄😘

      Elimina
  27. Grazie per questa ricetta della tradizione! A Milano abbiamo altri dolci tradizionali, ma mi piacerebbe provare a fare gli struffoli e li farò seguendo la tua ricetta! Tantissimi auguri di Buone Feste!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Emanuela, benvenuta da me. Mi fa molto piacere che ti sia piaciuta la ricetta! Provaci e poi fammi sapere del risultato! Un abbraccio e auguri di Buone Feste🎄

      Elimina
  28. Gli struffoli... non ci sono parole per definirne la bontà!
    Io ho preso l'abitudine di farli (e non solo di mangiarli 😋) dopo sposata e quasi sempre in verità li preparo per il compleanno del mio maritino che è quasi "befanino" perché è nato il 5 gennaio.
    Per far felice mio suocero, che purtroppo è mancato nel 2013, ho fatto la variante della decorazione finale con lo zucchero invece che col miele e devo dire che non è affatto male... ti prego non depennarmi dalla lista dei tuoi amici per questo, Mari 😜😅
    Battute a parte, sarà stato strano per te prepararli quest'anno a casa tua, nel silenzio. Posso immaginarlo. Ma hai fatto davvero un dono bellissimo a tutti noi condividendoli qui, come segno augurale per il Natale e per tutte queste Feste 💙🎄
    Un abbraccio dolce dolce, amica mia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *ho imparato a fare la variante

      Elimina
    2. Io lo zucchero a velo lo metto nel miele per ridurne l'intensità del profumo che a volte può coprire tutto il resto. Ma a sostituire totalmente non ci avevo mai pensato... di cosa sanno poi? Non mettendo troppo zucchero nell'impasto sarebbero delle palline dolci leggermente profumate, non so...
      È stato un Natale anomalo per me, silenzioso, dai suoni attutiti e dai tempi dilatati. Forse ve ne parlerò. Grazie di essere passata, ti abbraccio anche io!

      Elimina
    3. Lo zucchero nella ricetta che amava mio suocero, che era poi quella fatta da mamma sua, il miele non c'è proprio e gli struffoli dopo essere stati fritti si rigirano in una pentola in cui si è fatto sciogliere lo zucchero con poca acqua. Non si deve caramellare, deve restare bianco, e a seconda di quanto ne metti poi si vede poco o invece è tipo glassa, insomma.
      Sul mio blog c'è la foto, comunque, nel post "Amore e struffoli" e da lì si passa al vecchio blog, dove postai la ricetta per intero 🤗

      Bacio e buon pomeriggio domenicale 😘

      Elimina
    4. Ho capito, acqua e zucchero. Io sono un'integralista della tradizione e non penso li farò mai in questa versione... ma capisco che nel tuo caso l'intento era buono;) Andrò a guardare il tuo post.
      Bacetto.

      Elimina
  29. Non li ho mai fatti ma sono il lista per il prossimo Natale! Il prossimo Natale ci tengo a esserci perché ho molti progetti.
    Tanti auguri di Buone Feste, Mariella!
    Un abbraccio
    Nou

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Nou, il prossimo anno mi aspetto una bella foto del piatto di struffoli sul tuo blog😉 Buone Feste a te, ti abbraccio😘🎄😘

      Elimina
  30. Grazie mille, cara Mariella. Gli struffoli sono la mia passione, ne ho tante altre, anzi molte, visto che sono golosa, ma questi...e poi rendono subito l'atmosfera natalizia. Ti ringrazio per la ricetta e ti auguro un anno nuovo colmo di salute e serenità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vivì, gli struffoli fanno subito festa, subito Natale e parlandone nel post, ho scoperto che sono apprezzati a tutte le latitudini della nostra bella Italia. Grazie per gli auguri che ricambio con affetto. Buone feste a te😘🎄😘

      Elimina
  31. Da piccolo non mi piacevano tanto. Mi hanno conquistato col tempo, anche se ne ho provate varie versioni, tra cui anche quelli "giganti". I classici non li batte nessuno :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ho imparato ad apprezzarli col tempo. O forse perché, preparandoli da sola, sono riuscita a realizzarli a mio gusto.
      I miei ti piacerebbero!

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)