07 dicembre 2019

SABATO DI POESIA: UNA NOTA SULLE MASSE


L’inferno privato reso pubblico
spesso confonde i lettori:
si domandano come questo
o quell’altro
possano sopportare e
continuare.
ebbene, ecco il segreto:
non aspettatevi troppo
dall’Umanità,
l’odio è stato
praticato
per secoli,
tramandato
raffinato e
perfezionato,
oh, sono diventati
molto bravi in questo –
l’odio fiorisce
con regolarità
sempre più frequente.
è il nostro inferno pubblico che crea un inferno privato e
non c’è inferno
eccetto che quaggiù sulla
terra.
una volta accettata
questa premessa
sarete liberi di
esistere
nei termini da voi stabiliti
e non conoscerete
mai la solitudine
e la morte sarà
un nonnulla.
consideratevi
benedetti
nell’oscurità.


(CHARLES BUKOWSKI - QUANDO ERAVAMO GIOVANI - 1977)


Note bibliografiche:
Charles Bukowski nasce a Andernach, Germania, nel 1920 ed è morto a San Pedro, California, nel 1994. 
Ha scritto sei romanzi, centinaia di racconti e migliaia di poesie, per un totale di oltre sessanta libri. Il contenuto di questi tratta della sua vita, caratterizzata da un rapporto morboso con l'alcol, da frequenti esperienze sessuali (descritte in maniera realistica e senza troppi eufemismi) e da rapporti tempestosi con le persone. La corrente letteraria a cui spesso viene associato è quella del realismo sporco. (fonte Wikipedia)

05 dicembre 2019

X FACTOR 13: LA SETTIMA PUNTATA



Siamo arrivati alla semifinale.
E devo dire che anche la scorsa puntata non è stata scevra da delusioni. I cantanti, nella prima parte, accompagnati dall'orchestra, hanno fatto tutti qualche passo falso. Diciamo che, più che aiutarli, la musica dal vivo li ha spenti.
Sono apparsi impacciati e insicuri, hanno mostrato tutti i loro limiti, in alcuni casi, come nella performance di Eugenio Campagna, hanno dato il peggio di sè.

Questa sera, se non ci saranno ancora dei colpi di scena dati da qualche modifica al regolamento, sapremo chi saranno i finalisti. Non ho voglia di previsioni, sono abbastanza delusa dall'edizione, davvero pessima.
Chiunque arriverà in finale a mio parere è ben lontano dai livelli degli anni precedenti.

Il talento, questo sconosciuto.

A stasera per la diretta!



01 dicembre 2019

I VINILI DELLA DOMENICA: UN SABATO ITALIANO



Se dovessi dirvi che mi ricordo quando ascoltai per la primissima volta la canzone che da il titolo a questo lavoro, mentirei. Probabilmente avvenne durante la messa in onda del video che ne fu tratto. All'epoca, erano pochi i programmi televisivi dedicati alla musica. Io seguivo Mister Fantasy, programma della RAI,  l'unico che trasmetteva video musicali italiani e stranieri già dal 1981. Per farvi capire, DJ Television nasceva nel 1983 e sulle reti private.  Il conduttore era Carlo Massarini ed era dedicato alla musica rock. Una manna allora, per i giovani proseliti di quel genere come me. Il conduttore (ho saputo dopo) suggerì alla casa discografica CDG (ora Warner) di far incidere il primo  album a Sergio Caputo, un 28enne romano che partecipava al suo programma e  riuscì far mettere sotto contratto l'artista. Ogni video tratto da quelle canzoni fu trasmesso alla tele. Ho fatto fatica  a trovare delle tracce in rete, la Rai se li tiene stretti nella sua cineteca. Però qualcuno su RAI SAT EXTRA😎 c'è.
Erano i favolosi anni '80 da bere, e il cantautore  seppe raccontargli perfettamente nelle sue canzoni, avendoli vissuti in prima persona. 
In una sua intervista che celebrava  i trentacinque anni dell'album, ha rivelato  che lavorava di giorno (come pubblicitario) e viveva una vita spericolata la notte. Donne, locali ecc... aveva fatto suoi tutti i vizi a tal punto che pensava di non riuscire ad arrivare ai quarant'anni.
Per sua fortuna e nostra, non è stato così. L'album nacque d'istinto, durante le sue notti "brave" lui stesso dice di allora:
 "L’ho scritto di notte, in varie occasioni. Quando mi veniva l’ispirazione, non essendo pratico portarmi un registratore dietro, facevo che telefonarmi a casa e cantare le canzoni alla segreteria telefonica. Un Sabato Italiano per esempio è nata a mia insaputa, la mattina dopo non mi ricordavo nemmeno come ero tornato a casa. Ho acceso la segreteria e c’era tutta la canzone cantata per voce e chitarra. L’ho scoperta così".

Per dire, uno scrive canzoni epocali registrandole sulla segreteria telefonica. Un fulminato, un matto vero, un'artista eclettico, ironico e unico. Sono certa che molti tra di noi hanno un ricordo legato a questa canzone, ma anche a molte degli album successivi come Italiani Mambo, L'astronave che arriva, il Garibaldi innamorato o Susanna, che scrisse per Adriano Celentano.

Ma tornando al vinile: ogni canzone è abbinata ad un cocktail, sulla copertina  dell'album Sergio  indossa una maglietta che ritrae un famoso poster dell'artista Guy Peellaert che, imitando l'articolo di un giornale, recita "Frankie Goes to Hollywood": esattamente la stessa fonte di ispirazione per l'omonimo gruppo pop che farà successo dal 1984. La prima traccia si intitolava Citrosodina ma dopo qualche mese il cantautore ricevette una telefonata dalla casa farmaceutica produttrice che gli chiese di inserire nel testo"è un medicinale, leggere attentamente le avvertenze e le modalità d'uso".E allora Sergio cambiò il titolo che divenne Bimba se sapessi e furono nuovamente reincise le parole del brano che divennero "idrofobina vegetale" al posto di "Citrosodina naturale". Potete ben capire il valore da collezione che ha la prima versione dell'album con il brano originale inciso e il titolo nella copertina. Purtroppo il mio, comprato dopo, ha la versione modificata.

È un album che amo molto. Di gusto retrò, "nuoce dannatamente" alla psiche di chi lo ascolta. È coinvolgente,elegante, disarmante, ironico, divertente, capace di farti ridere e riflettere mentre lo ascolti, 10 pezzi assurdamente brillanti e generosi.Con un modo di scrivere testi assolutamente innovativo e una musica che si mette in circolo e non ti molla più. Ha quel sapore amarcord che ti fa ragionare su te stesso e gli altri. Quelli che l'autore sembra osservare da lontano mentre li descrive in punta di swing. Perdete un po' di tempo e ascoltate i pezzi della track list. Canzoni come Mettimi giù, Cimici e bromuro e Mercy bocù, sono capolavori. Anche le altre. Ma poi dite che divento ossessiva😆


Sergio Caputo è uno dei migliori cantautori e musicisti swing-jazz che abbiamo in ITALIA. Conosciuto e stimato in tutto il mondo. Ha suonato con i più grandi artisti, da Dizzie Gillespie a Tony Scott. Ha vissuto negli Stati Uniti per molti anni pubblicando album di tale peso specifico da essere inseriti nella lista dei 50 album di genere più ascoltati in radio nella classifica R&B. Ha vinto l'award di smoot jazz nel 2005. Un vero patrimonio culturale per noi. Continua il suo percorso musicale jazz, con passione e innovazione. Se posso darvi un consiglio, non perdete i suoi meravigliosi concerti nel club italiani. Ne vale davvero la pena. 





UN SABATO ITALIANO - 1983

LATO 1

BIMBA SE SAPESSI
IO E RINO
METTIMI GIÙ
E LE BIONDE SONO TINTE
CIMICI E BROMURO

LATO 2
UN SABATO ITALIANO
MERCY BOCÙ
WEEK END
NIGHT
SPICCHIO DI LUNA










PS: vi lascio uno dei suoi ultimi pezzi. Che non si sia mai fermato è un dato di fatto, come quello che è e resta un GRANDE.

29 novembre 2019

MICROSOFT E LA SETTIMANA CORTA





   “Lavora per poco tempo, riposa bene e impara molto, voglio che i     dipendenti pensino e sperimentino come possono ottenere gli stessi   risultati con il 20% in meno di ore lavorative”
(Takuya Hirano, presidente e CEO di Microsoft Japan)


E così, l'estate scorsa, durante il mese di agosto, i dipendenti di Microsoft Giappone, hanno sperimentato la settimana smart. Solo quattro giorni lavorativi su sette. Sembra che sia stato un successo. C'è stato il 40% di aumento di produttività, il 25%  di assenze in meno, meno consumo di energia elettrica per il 23% e meno carta stampata per il 59%. Senza contare che il 92% dei dipendenti ha apprezzato la bella novità. È un progetto pilota, non si sa ancora dove, come e quando continuerà. Dovremmo prendere esempio anche qui, nella cara e vecchia Europa. 

Voi che ne dite, sarebbe un successo anche qui da noi?




28 novembre 2019

X FACTOR: LA SESTA PUNTATA


Quella di stasera è una serata all'insegna delle novità per quel che riguarda il gioco. Diversamente dagli anni scorsi, nell'ultima puntata c'è stato solo un concorrente che è andato al ballottaggio: la solita Giordana. La manche con eliminazione ci sarà in apertura di puntata, quando si saprà chi ha scelto il pubblico. Il meno ascoltato durante la settimana andrà al ballottaggio all'inizio della puntata. Si comincia col botto, quindi. Sarebbe ora.
Chi dovrebbe uscire secondo me lo sapete già, echevelodicoaffà...

Cosa dire sulla scorsa puntata? Nonostante  i giudici sembrino essersi risvegliati dal coma etilico sofferto nelle puntate precedenti, avverto un tirare a campare che non mi piace per nulla. Persino una colonna come Mara Maionchi sembra dire tutto e il contrario di tutto in una volta sola. Coerenza Mara, coerenza.

Poi, vorrei sapere chi sta decidendo gli ospiti delle puntate,  avrei da dirgli due paroline: 
dove li prendete quei scappati di casa che ci spacciate per big? Non so, la scorsa settimana c'erano due tipi assurdi che canticchiavano "stonando" una roba intellegibile. 
Ma dico, ci siamo scordati quando su quel palco arrivavano i fratelli Gallagher(tra una rissa e l'altra), i Coldplay, Sting, Robbie Williams, Dua Lipa ecc....? Giusto per fare due nomi internazionali. Che poi se parto con quelli italiani: Marco Mengoni, Giorgia, Elisa, Tiziano Ferro!

Allora ci riprendiamo quei momenti topici o vogliamo farci travolgere da un TheVoice qualsiasi?


A più tardi per la diretta blogging!

26 novembre 2019

QUALI SONO I VOSTRI BLOG PREFERITI? EDIZIONE 2019


Torna, come ogni anno, il MEME più ambito da tutto il mondo blogger: il Franken-meme di Nocturnia, arrivato alla  edizione 2019, dal blog di Nick Parisi, suo ideatore.



È il terzo anno consecutivo che lo vinco e quest'anno me lo ha assegnato Nick in persona, indicandomi tra i  👑👑MUST👑👑
Cosa che mi ha fatto un gran piacere.
Le regole per partecipare le trovate qui, sul suo blog.


A VOI IL MIO ELENCO:




I MUST!
Sono quelli a cui faccio riferimento nel quotidiano, in termine di gusto, informazione, carattere, divulgazione, personalità, cultura e società. I fondamentali.



LE NEW ENTRY!
Le belle scoperte degli ultimi mesi. Gaspare e Andrea hanno due blog interessanti e di carattere.


GLI HIGHLANDERS!
Credo che i nomi della lista si spieghino già da soli. Sono blogger che con la loro esperienza ed intelligenza hanno contribuito a dare una forte impronta a questo mondo virtuale mai rinnegando se stessi e conservando ognuno la propria individualità.



I MERITEVOLI DI EMERGERE!

e tutti gli altri,compresi quelli che ancora devo conoscere.

I DESAPARACIDOS!


Il mio amico Franco mi manca tanto. Penso tornerà col nuovo anno. Noi siamo qui che lo aspettiamo, assieme alla sua lucidità e ironia e alle sue istantanee di vita.

I BLOG DEL CUORE! 
Mi sono permessa una piccola licenza sul meme, aggiungendo un gruppo personalissimo. E questo al di là delle competenze in relazione ai loro blog. Sono tre bellissime persone che mettono così tanto di se stessi in quel che scrivono, con tanta cura, amore e passione, che meritano un posto a parte nell'universo blog. Nel mio cuore ce l'hanno già.






L'era blogger non finirà mai. Siete tutti invitati a continuare il meme, che siate stati nominati o meno. Troppo importante il significato, quale quello di conoscere e far conoscere quante più "case" possibili. Dove confronto e intelligenza possano andare a braccetto e dove le "urla" dei social restino fuori dalla porta.

Attendo le vostre classifiche!


Quest'anno il mio meme è dedicato a VINCENZO IACOPONI, vincitore in tutte le categorie, ora e per sempre.