09 aprile 2019

A VOLTE SONO STANCA

Washington DC 

A volte sono stanca di lottare in difesa altrui.
A volte sono stanca di preoccuparmi di chi di me se ne frega.
A volte sono stanca di chiedermi per prima come sta un amico.
A volte sono stanca di correre ai ripari.
A volte sono stanca di sorridere anche se ho lacrime a strabordare.
A volte sono stanca di rincorrere una meta che non riconosco più come mio obiettivo.
A volte sono stanca di essere presa in giro.
A volte sono stanca di sorridere.
A volte sono stanca del buio.
A volte sono stanca.






(MariellaEsseci @2019)

52 commenti:

  1. Cara Mariella, tutto chiaro ciò che dici, però vedo pure che nonostante tutto ciò che avviene, si è stanche ma si continua ad aiutare!!!
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione caro Tomaso. Nonostante tutto non si smette mai di farsi un quattro per gli altri. Ti abbraccio.

      Elimina
  2. Capita di sentirsi così: bisogna restare un po' con se stessi e ritagliarsi uno spazio importante nella propria stessa vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte è necessario fermarsi e riflettere, dici bene. Poesia che ho scritto per dare sfogo ai miei pensieri attorcigliati😉

      Elimina
  3. Sì, capita. Ma le cose belle accadono comunque. Gli affetti veri rimangono. Chi ci sta al fianco compensa le brutture della vita. Per il resto, sposto il discorso sul componimento che è molto bello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi ci sta al fianco ci sostiene sempre. È grazie a loro che accadono le cose belle quando meno te lo aspetti. Però che fatica Max, quando individui il resto e non sai come disfartene.
      Grazie per le belle parole sulla poesia che non è granché ma è arrivata in una sera un po'storta.

      Elimina
    2. Grazie amico caro💛

      Elimina
  4. A chi lo dici.
    Ma poi appunto, perché farci prendere in giro?
    Perché stancarci appresso a battaglie altrui?
    Basta, hai ragione!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Facile a dirsi. Mia nonna diceva "Se nasci tondo non puoi morire quadrato". Puoi convincerti in tutti i modi, rimproverarti per non essere stato più egoista, ma ci ricascherai. La generosità a volte è una condanna.

      Elimina
    2. E comunque tu, ultimamente, sei un po'distratto😆

      Elimina
  5. Quando hai lacrime da far uscire..non bloccare tutto sforzandoti con il sorriso. Chi è vicino a te capirà i motivi per cuu non sorriderai e asciughera' le lacrime.
    Con gli amici non c'e un prima o un dopo. C'è l'amicizia e basta 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo. Si chiama amore. E l'amore comprende tutto e tutti. Gli amici veri, per esempio. Questo non toglie che a volte, bisognerebbe imparare a dire basta. Sul serio.

      Elimina
  6. Si può essere stanchi, ma se una persona è empatica dopo essersi detta che è stanca continua a interessarsi agli altri, a sentire dentro di sè la sofferenza altrui, non c’è niente da fare. È l’amore che muove tali persone e l’amore è un dono grande che si rinnova continuamente, come la fenice che rinasce dalle sue ceneri. Buona serata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, sono d'accordo. Qualcosa che non ha nulla a che vedere con la ragione ma solo con il cuore. Per cui, nonostante la stanchezza, si va avanti. Buona serata a te e grazie💛

      Elimina
  7. Posso dire solo "non hai torto".
    Anzi aggiungo "brava Mari!". Notte e sii serena, bacio. 😗

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alors ça va sans dire, mia dolcissima sorella. Dormirò serenamente e anche tu🌷

      Elimina
  8. non ti preoccupare.
    usi l'avverbio QUALCHE volta.
    ti meriti anche la stanchezza.
    poi passa.e la leonessa ritorna a ruggire!!

    ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai quante volte a posto di quell'avverbio mi vengono fuori una gragnola di parolacce? Ehhhhhhhhh
      Si, poi passa. Ti abbraccio anche io ragazza bella🌷

      Elimina
  9. "A volte sono stanca di preoccuparmi di chi di me se ne frega. E' una buona occasione per fregartene anche tu.

    Sai di cosa hai bisogno ? Di un bel viaggetto , di quelli che sai fare tu , non sprecandone neanche un attimo
    Tra poco è Pasqua…
    Ti abbraccio con tutto l'affetto che provo per te.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fosse facile Cri. Invece mi arrabbio ogni volta quando mi accorgo di avere dato troppo a chi non merita nulla. Ed è uno degli errori che commetto con più frequenza perché, essendo una persona positiva e altruista, immagino che anche dall'altra parte la misura sia la stessa. Continuo ad essere ferita e a rimanere delusa dalle persone. Hai ragione, ci vuole una bella vacanza😉 ti abbraccio forte anche io, buona giornata💛

      Elimina
  10. Per fortuna il dna rimane quello, quindi continuiamo a chiedere "come stai?" alle persone che non ce lo chiedono mai, continuiamo a sorridere a chi non sorride, a salutare chi non saluta, a sperare in gentilezze che non ritornano...perché lo facciamo per noi, siamo fatti così e chissenefrega se ci ritorna una goccia del mare che rilasciamo.. non ci importa...noi rincorriamo mete come farfalle, per il gusto di rincorrere, perché siamo curiosi.. ti voglio bene! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E che ci vuoi fare, è questione di stampo o come dici tu di DNA. Che poi, quanto stiamo bene nel momento in cui facciamo le domande?Certo a volte (come dicevo sopra) vorremmo fossero fatte pure a noi, ma non è sempre così. Certe volte scivola, certe volte aleggia.
      Ti voglio bene anche io eh ;)

      Elimina
  11. a volte. però poi (la maggior parte delle volte) torniamo a vestire i panni che ci siamo cuciti e via. corsi e ricorsi storici adattati al singolo individuo. in ultima analisi è vivere. e, si sa, vivere a volte sfianca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si. Però sbuffare ogni tanto ci sta.
      E che caz....

      Elimina
  12. La stanchezza di vivere è la stanchezza del cuore, dell'anima che non trova respiro. Toccherebbe fermarsi, chiudere gli occhi ed abbracciare un pochino se stessi. E' un periodo di stanchezza anche per me: passerà prima o poi. L'importante è rimanere fedeli a se stessi... La nostra natura è anche la nostra identità, l'abito che ci calza meglio ^_^
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono stanca da troppo tempo e i nodi stanno venendo al pettine.
      A volte vorrei gridare, ehi ci sono anche io ehhhhhhhhhh!!!!
      Tutti a buttarti addosso i loro problemi e tu ad annuire, capire, confortare, sostenere. E che palle eh, dato che ho un carattere di merda e non mi lamento, mai passo sempre per quella che capisce, che c'è.
      È il rimanere fedele a se stessi che ci frega, Irene. Questa natura che non ci consente mai di deragliare e ci tocca continuare, ma che fatica...
      Bacio.

      Elimina
  13. Risposta in due fasi, come io in due fasi ho reagito: la prima, appena letta l'ultima parola del tuo carme ho avuto un senso di colpa come se tu alludessi a me, pur dicendomi che io avevo cambiato -e non una volta- abitudini in tuo omaggio, ma forse senza accorgermi e dato che tu sei oramai una di famiglia (a me capita sempre di sgarrare con le persone che mi sono più care) avevo smarronato e mi sentivo in colpa senza conoscerne le ragioni.
    Poi ho letto i commenti e le tue risposte (alcune bellissimi, le invidio ai loro autori) ed ho capito il senso generico del pezzo.
    Capita, Mariella, di dimenticare una data, una ricorrenza, un episodio, ma l'amicizia non è un hobby. Non passa per uno sternuto e nemmeno per un vaffa, anzi a volte un buon vaffa la rinsalda e l'esalta, soprattutto quando ti assale il dubbio "e adesso come lo piglia sto vaffa?".
    Tutti riceviamo schiaffoni sul grugno da chi meno sospettiamo, ma poi, facci caso, se non rispondi e rimani in un tacito silenzio, domani o al massimo dopodomani la persona, fischiettando ed ostentatamente facendo finta di nulla, attaccherà discorso magari su una banalità per farti capire che sempre lì sta, dov'era sempre. E tu allora con nonchalance la seguirai sul nuovo argomento mettendo sull'altro una spessa pietra sopra. Perché questa è Amicizia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi, te ed io siamo simili, per questo penso tu mi abbia "adottato" (che bello leggere che faccio parte della tua famiglia) e ti capita di andare ben oltre il senso visibile di sensazioni che ho trasformato in parole. Sicuramente non ho in mente qualcuno in particolare e men che mai te, è davvero una riflessione generale.
      Concordo col vaffa e con il resto, specialmente con l'ultima parte. Non hai avuto bisogno di spiegazioni ma hai letto tra le righe molto di più di quello che ho detto.
      Questa è amicizia.

      Elimina
  14. È la vita che ci riserva incontri non sempre felici e situazioni che ci amareggiano. Purtroppo ci sono persone e situazioni come quelle descritte dai tuoi bei versi. Ed allora bisogna fermarsi e pensare se ne vale ancora la pena di inseguire quella meta o essere disponibili verso chi sembra fregarsene delle nostre attenzioni. Fermarsi, riflettere, ricaricare le batterie, e dopo aver preso la decisione, ripartire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, Daniele.
      Solo che a volte, il tempo per rifletterci non c'è e vai avanti a tentoni, senza capire di cosa davvero tu abbia bisogno.
      Ti abbraccio.

      Elimina
  15. In un commento di risposta hai detto più o meno quello che avrei detto io; da chi ami e ti ama, compresi gli amici non riceverai mai la richiesta di essere diversa da quello che sei, di sorridere quando hai voglia di piangere e di fare quello che non vuoi, questo è importante e dà nutrimento all'anima, il resto certo lascia dell'amarezza, ma è superabile ed è un momento.
    Ti abbraccio Mari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è vero, è quel che penso. Questo non toglie, come dici tu, di provare tanta amarezza, quando mi guardo intorno e realizzo che ho speso male il mio tempo e il mio cuore.
      Ma per fortuna si supera. Tutto si supera. Proprio pecche poi, quello che conta davvero ce l'hai sempre a fianco.
      Ti abbraccio forte anche io e grazie.

      Elimina
  16. Splendida poesia, amara ma descrive benissimo lo stato d'animo di molti tra noi.
    Un abbraccio e a prestissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. So bene che è una questione comune, che duole alla maggior parte di noi e a cui non è sempre facile trovare una soluzione.
      Mi andava di parlarne con tutti e sono davvero contenta di avere trovato sostegno è solidarietà.
      Grazie per i complimenti. Ti abbraccio Nick.

      Elimina
  17. Essere sempre se stessi nel bene e nel male è faticoso ma non si può cambiare la propria essenza senza snaturarsi.
    A volte, qualche volta ci sta anche essere stanche, arrabbiate, deluse... A volte, qualche volta dobbiamo ricordarci di volerci bene!
    Buon pomeriggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello, hai detto una cosa fondamentale: ricordarsi di volersi bene.
      Deve diventare un mantra per tutti gli affaticati di cuore.
      A volte ci sta lo sfogo, tanto domani si ricomincia, per adesso mollo un attimo gli ormeggi.
      Buona serata.

      Elimina
  18. Ce ne sono parecchi di momenti così ....una goccia in un mare tumultuoso ... si perde entusiasmo e ci pervade sconforto e delusione .. ci aspettiamo che gli altri siano disposti a fare quello che faremmo noi per loro ... e molto spesso non è così.. ma poi rispunta il sole non può piovere per sempre ....un abbraccio <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando spendiamo tanto di noi avremmo voglia e diritto di ricevere sole,sole, sole.
      E invece, spesso e volentieri nulla a parte il solito egoismo altrui. Sono stanca di un buonismo che non porta a nulla.
      Vabbè siamo ad aprile quando cavolo arriva il sole?
      Bacio.

      Elimina
  19. Daniele, o ser humano é cheio de mistérios e não nos conhecemos! Mas você está certo e "ninguém se perde na vida: tudo é verdade e caminho." - disse o poeta lusitano Fernando Pessoa! Abraço fraterno! Laerte.

    RispondiElimina
  20. L'essere umano è misterioso e nessuno è perso nella vita, come dice Pessoa. Ma a volte bisogna anche riconoscere di essere stanchi e non pensare di essere dei supereroi.
    Ciao Laerte, un abbraccio.
    PS: mi chiamo Mariella :-)

    O ser humano é misterioso e ninguém se perde na vida, como diz Pessoa. Mas às vezes também devemos reconhecer que estamos cansados ​​e não pensamos que somos super-heróis.
    Oi Laerte, um abraço.
    PS: meu nome é Mariella :-

    RispondiElimina
  21. Ti capisco, è bruttissimo quando ti prende quella sensazione :(

    RispondiElimina
  22. a volte fa bene mettere nero su bianco la propria stanchezza, è come prendersi una breve pausa.
    massimolegnani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si scrivere è una gran bella valvola si sfogo. Grazie Massimo.

      Elimina
  23. Alcuni sono gli stessi miei interrogativi, ma l'importante ed essere sempre se stessi.
    Sereno pomeriggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Essere se stessi è faticoso. Ma è l'unica strada che conosco. Un abbraccio.

      Elimina
  24. E poi questa insostenibile leggerezza dell'essere che avvolge tutti NOI del partito degli under 70.000

    RispondiElimina
  25. Essere buoni è una debolezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte può sembrare. Invece è una risorsa.

      Elimina
  26. Mi ritrovo nelle tue parole...
    A volte, per non dire spesso, ci si sente moralmente stanchi per tante cose, situazioni, atteggiamenti che riceviamo dagli altri...
    Ogni giorno c è bisogno di una notevole forza per affrontare ogni piccola e grande sfida, ma lo si fa, tirando fuori risorse inaspettate.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solitamente, affrontiamo le piccole e grandi sfide di cui parli, con la consapevolezza di potercela fare sempre. Ma non è così. Quando realizzi, il contraccolpo è forte. Sbandi e poi ti ricomponi. Vero, viene fuori la migliore parte di noi. Un abbraccio a te🌷

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)