13 aprile 2019

SABATO DI POESIA: I NOSTRI CORPI



I nostri corpi - sono un solo pianeta
ci scambiamo i nomi
ci scambiamo le viscere
i nostri corpi sono un solo sangue:
siamo gemelli nella ferita, la chiave dei giorni
delle nostre gioie e tristezze
sono i nostri corpi.



(Ali Ahmad Sai'id Esber Adonis - Cento poesie d'amore 2002)

28 commenti:

  1. Il respiro dei nostri corpi, indissolubile ormai; viviamo le lacrime e gli abbracci come prolungamento di pensiero, come parte di noi, e andiamo per mano, perché senza, ci manca l'aria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa poesia mi fulminò quando la lessi per la prima volta. E collegarla con l'altra mia preferita, che parla di polpa e di due che si fanno uno fu un attimo. È impossibile per noi camminare senza sentire la pelle congiungersi ad ogni passo💛 Adonis è favoloso.

      Elimina
  2. Nell'amore, come in alcune altre espressioni artistiche, il corpo è espressione ed area di mediazione comunicativa. Nell'amore che unisce, si fonde e confonde non solo con l'altro, ma con l'universalità dell'emozione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una visione dell'amore come unità totale. Dove tutto è stretto, attoecigliato,confuso in un solo corpo e una sola anima.

      Elimina
  3. Questa non mi ha entusiasmato troppo, perché vedo termini troppo crudi...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti è amore reale, passionale, duro. Amore forse sconfitto.

      Elimina
  4. Considerata la mania dilagante per l'aspetto estetico che c'è al giorno d'oggi questa poesia è pesantina e fa riflettere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti costringe ad andare a fondo. E non è detto che ti piaccia.

      Elimina
  5. È una poesia d'amore?
    È una poesia di dolore?
    Entrambe le cose.
    Perché quando l'amore è profondo è sempre dolente, sofferente, monco e sciancato nella sua integrale nuda realtà, quando non è più sogno ma sofferto presente che si avvinghia a ricordi d sofferenza che ciascuno di noi credeva di aver seppellito lungo uno dei nostri passati eppur recenti ricordi, recenti e sempre attuali perché solo il vissuto doloroso non passa mai. E allora il ricordo del dolore che fu offusca la gioia dell'attuale amore e te lo rende amarissimo e crudele.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che posso dire di più. Hai compreso perfettamente amico mio. Il poeta per te.

      Elimina
  6. Cara Mariella, credo che tutto abbia un limite, spesso si esagera!!!
    Ciao e buon fine settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Tomaso. È eccessiva. Ma anche l'amore, spesso, lo è. Un abbraccio caro amico e buon sabato.

      Elimina
  7. Sublimazione della passione sessuale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io l'ho trovata passionale e sensuale.

      Elimina
  8. Questo poeta è una nuova scoperta per me, i versi che hai pubblicato li ho trovati densi e intensi di passione e sensualità.
    Vedrò di colmare questa lacuna, cercando altre sue poesie.
    Buon pomeriggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un grandissimo poeta contemporaneo. Siriano d'origine. Mi fa piacere averti incuriosito. Fammi sapere se le poesie che leggerai ti apassioneranno. Un abbraccio.

      Elimina
  9. Per NOI qui nell'eremo lo corpo rimane sempre lo tristo sacco che fa merda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E che c.... ci state a fare nell'eremo. Cosa vi perdete😜

      Elimina
  10. Sai Mariella che proprio a quel corso il famoso docente ci ha detto che lui riesce a sentire le energie dei corpi intorno a lui, che ci si allena e si impara a farlo tutti.
    Che ci si scambia tanto con il proprio corpo...
    Io non penso riuscirei :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nuuuuuu no possible per me. Anni fa feci training autogeno per un periodo, tutti sentivano la leggerezza, la propria aura che si librava verso altri spazi ecc...ecc...ecc.. Io un c... per dire. Quello che scambio con l'altro corpo che fa parte della mia vita, non lo posso scrivere qui😎

      Elimina
  11. c'entra nulla, eh. ma a me viene in mente "le mie afflizioni non possono ricevere lenimento, e il ricordo dei miei piaceri mi colma di disperazione. io mi illudo di avervi ridotto a non avere senza me che piaceri imperfetti".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stiamo parlando di un amore che si fa carne e che fa male. Queste parole ci stanno tutte, no?
      Ps: forse ti deluderò ma Ivano Fossati non lo amo e questa canzone non la conoscevo. Se vuoi cancellami dalla lista dei blogger che segui😎

      Elimina
  12. Dopo questa tua proposta poetica, devo approfondire sull'autore.
    Serena domenica.

    RispondiElimina
  13. Non conoscevo ili poeta ma la poesia che hai postato è straordinaria. Cercherò di leggere altro scritto da lui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono onorata di averti fatto conoscere Adonis.
      Grazie.

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)