29 dicembre 2022

[Blog] È il momento di salutarsi

Dopo avere riflettuto molto in questi duri giorni di dicembre, ho deciso di sospendere l'attività del mio blog.  Sto maturando l'idea di chiudere definitivamente e questo è il primo passo. La mia ultradecennale attività bloggeristica si ferma qui, alla fine del 2022,  il mio anno orribile.  Sono molto delusa. Non sono fatta per il mare di ipocrisia, per l'indifferenza, i silenzi inspiegabili. Ormai la navigazione è surreale, mentre io ho bisogno di concretezza e di presenza. Sono avvilita e faccio fatica perfino  a scrivere due parole di commiato. Mi mancherà? Non so, datemi una sola ragione per restare...

A chi rimane auguro buona fortuna, ne avrà bisogno.


45 commenti:

  1. Mariella io ho pensato che ci fosse qualcosa, però non avevo idea che fosse un momento difficile o comunque impegnativo.
    Il tuo è un blog ricercato nei post, tutto è sempre fatto con cura e mi pare anche con attenzione verso chi legge, hai anche molti lettori, molti commenti accurati.
    Però quello che conta è se a te fa ancora piacere scrivere qua, o meno, non l'attenzione di chi legge. Io spero che continuerai e che non lascerai prevalere che un momento di rabbia, sia pur legittimato, distrugga il tuo progetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è rabbia, bensì tristezza. Il momento di vita complicato, un grave lutto un famiglia, mi hanno devastato. Non sono più certa di voler seguire il percorso che avevo intrapreso qui nel blog e sul web in generale. Il vuoto e il silenzio hanno complicato le cose. Non ho più la forza nè voglia di continuare.

      Elimina
    2. Pensavo di mandarti un messaggio in privato, ma te lo voglio dire qua: in primo luogo mi dispiace per il tuo lutto, per il dolore intenso che provi. Ciascuno vive le perdite con sensibilità diversa, ma se c'è un grande dolore è perché c'è anche un grande affetto e il privilegio non spontaneo di averlo ricevuto.
      Ora devi decidere tu cosa fare.
      Io ti seguo da tanti anni, da quando sei arrivata in questo spazio e ho visto la tua attività evolversi progressivamente verso un messaggio positivo. Come se tu un post dopo l'altro, con una poesia, con una notizia positiva, con una riflessione, volessi contribuire a mettere un po'di bellezza in questo mondo o almeno in questo piccolo mondo che si affaccia qua. Non so se vorrai continuare a farlo, Ma spero tanto di si!

      Elimina
    3. Scusa volevo dire il privilegio non scontato

      Elimina
    4. Grazie Sara, ho particolarmente gradito che tu abbia preferito scrivere qui. È il mio ultimo post e mi fa piacere che resti qualcosa di scritto del vostro sentire e del vostro affetto nei miei confronti. Buon anno nuovo.

      Elimina
  2. Ho notato la tua assenza, sono venuta più volte nel tuo blog, ma non ho avuto il coraggio di scriverti niente perché avevo immaginato che avessi un brutto periodo. Io non so tu a cosa ti riferisca di preciso quando parli di ipocrisia e di indifferenza, ma il blog non è il solo luogo in cui sono presenti. Sono presenti ovunque ci siano gli esseri umani. Per quanto riguarda la tua permanenza qui, premetto che mi dispiacerebbe tanto se decidessi di chiudere definitivamente, perché il tuo è un blog dove s'impara sempre qualcosa, dove le cose si scrivono col cuore, uno dei pochi blog che sottolinea sempre il buono, che dà voce alla speranza in un mondo che vede trionfare il pessimismo, e lo fa sempre con rispetto, eleganza e cultura. Il tuo blog è lo specchio della tua anima e se decidessi di chiudere, non solo si sentirebbe la mancanza, si spegnerebbe un fuoco , una fiamma che mi spinge a venire a vedere cosa hai pubblicato di nuovo, perché il tuo è un blog di qualità, credimi. Hai tante visualizzazioni, vuol dire che c'è chi ti viene a visitare spesso anche se non scrive niente. Se questa scelta di chiudere dipende dai desideri del tuo cuore, allora la rispetterò e l'accetterò a malincuore, ma se dipende dal comportamento degli altri, vale davvero la pena rinunciare a qualcosa in cui si crede per l'indifferenza delle persone? E poi, non sono mica tutti indifferenti? Spero di rivederti ancora qui, cara Mariella. Mi dispiacerebbe davvero tanto vedere chiudere uno dei blog più belli della blogosfera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sapevo del tuo lutto, Mariella e di questo mi dispiace tanto. Sono momenti bui che ci fanno guardare il mondo in modo diverso, non abbiamo voglia di fare niente, nemmeno quello che ci fa stare bene in quei momenti ci aiuta, evidentemente queste tue decisioni sono legate a questo periodo orribile. Magari pian piano che elaborerai il lutto, vedrai che tornerai a fare ciò che ti fa stare bene. Non tornerai mai più come prima, però la rinascita c'è, c'è sempre. E magari avrai anche voglia di ricominciare a scrivere sul blog. Come diceva il grande Eduardo, adda passà a nuttata. Prima o poi passa. So che certe cose non passano mai, ma come ti dicevo prima, c'è sempre una rinascita. Ti mando un grande abbraccio e l'augurio che il nuovo anno possa renderti più serena.

      Elimina
    2. L'accenno all'ipocrisia è generale, parlavo del web in particolare ma anche della vita vera. Siamo circondati. Ad esempio: scrivo questo post per salutarvi e per spiegarvi anche le ragioni del mio silenzio. Voi leggete e commentate quel che vi ispira. Lo trovo bello, come trovo bello rendermi conto che in questi anni avete apprezzato quel che scrivevo e come scrivevo. Ma c'è anche chi legge e non scrive nulla ed io non capirò mai se in tutti questi anni ha apprezzato quel che avevo da dire. Poi c'è anche chi mi scrive in privato ma non qui e onestamente lo capisco di meno e lo trovo un po'ipocrita. Nella rinascita ci spero fortemente, per adesso però mi fermo qui. Ti abbraccio e buon anno nuovo.

      Elimina
  3. giustamente quando una cosa ci affatica e non ci attira più come una volta, allora partono i pensieri ed è giusto rispettare i propri desideri e le loro priorità.
    Per me ancora importante è la salute e colgo l'occasione per augurarti una anno sano e pieno di benessere e che veda realizzati tutti i tuoi desideri leciti e non.
    Ciao, Piero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Piero, grazie. Concordo sull'affaticamento. È proprio questo quel che mi spinge a fermarmi. Auguro anche a te un buon anno nuovo.

      Elimina
  4. Il tuo blog è sempre stato almeno per me un punto di riferimento, è vero non sempre ho lasciato un commento ma difficilmente mi sono lasciata scappare qualche post.

    Capisco che tu possa essere frustrata, anche io ho attraversato un periodo no e se ti ricordi avevo abbandonato il blog per un anno intero, ma dentro di me continuava a chiamarmi e così ho ripreso, pian piano ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Stefania, sappi che mi fa molto piacere leggere il tuo commento su questo post. Per me è molto importante. Chissà, magari con il passar del tempi ritroverò quella spinta a scrivere che ora mi manca. Buon anno nuovo e grazie.

      Elimina
  5. Che brutta notizia che sto leggendo :(
    Avevo notato la tua assenza ma ho pensato dipendesse da queste feste di Natale, non dalla tua voglia di chiudere. Non so a chi ti riferisci quando parli di falsità ed ipocrisia, ma sul serio penso che sia qui come ovunque, perché entrambe le cose fanno parte di tanta umanità. Puoi constatarlo di persona costantemente. Io ti abbraccio forte e spero che tu voglia restare qui in mezzo a noi a dispensare poesie. Dai, pensaci ancora un po'. Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, l'umanità è così varia e avariata... stavo pensando di mantenere la rubrica di poesie, così non vi abbandonerò del tutto. Un abbraccio a te e buon anno nuovo.

      Elimina
  6. Se il blog nasce come passatempo o svago e non ha scopo di lucro ha un suo scopo fino a quando ti diverte e non diventa un peso gestirlo. Per eliminare maleducati e imbecilli basta metterli nello spam. Chiedi una sola ragione per restare, eccone una: MI PIACE LEGGERTI!
    Spero di leggerti ancora per molto intanto ti auguro un felice Anno Nuovo.
    Ti abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Enrico, vedremo come mi sentirò prossimamente. Un abbraccio e buon anno nuovo.

      Elimina
  7. 1 ragione per restare:
    Ok per me è anche egoistica ..ma mi piace leggerti ..tanto !
    Mi hai fatto conoscere persone ..scrittori,poeti...che mi sarei persa ..i tuoi commenti sempre obbiettivi e ..liberal?..
    Beh spero ci ripensi ..magari lascia passare questo momento buio..accogli il lutto con calma..e se vuoi e ti fa ancora piacere io ti aspetterò ..
    Abbraccio immenso 💖

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Tissi, a me è sempre piaciuta la tua positività, mai venuta meno nonostante tanti colpi che la vita non ti ha risparmiato. Per quel che mi riguarda è tempo di silenzio. Per il futuro si vedrà. Un abbraccio e buon anno.

      Elimina
  8. Mi dispiace per te (e per noi lettori), che le tue circostanze siano diventate malissime.
    A volte il blog può essere uno sfogo, ma hai ragione, è una cosa virtuale, non c'è la concretezza del'essere vicino delle persone reali e se queste persone reali deludono, quelle virtuali possono non avere senso.

    Io ho "bruciato" il mio blog almeno un paio di volte. Avevo cancellato i post, non volevo lasciar traccia,... poi mi sono pentito. In realtà era il mondo reale, per dirlo così, che andava male.

    Il mio consiglio è di fare una pausa; infatti tu l'hai già fatto. Poi si può riprendere se così considerato da te. Pensa che il saluto che stai dandoci è un modo di dire che in realtà è una cosa importante per te, la cosa facile sarebbe cancellare tutto o non scrivere più post senza dire niente, cioè abbandonarci. Ma non lo fai così, vuoi condividere questi momenti con noi.

    In ogni caso, il mio desiderio è che l'anno lo finisca bene e il nuovo sia iniziato anche bene e poi, se fai post o meno, si vedrà.

    Un abbraccione.
    PODI-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio blog è parte della mia vita. Non so dire se è quando avrò voglia di ricominciare a scrivere. Per ora mi fermo. Ma non cancello nulla, troppo importanti sono le pagine per perderle
      Ti abbraccio forte e ti auguro un buon anno nuovo.

      Elimina
  9. In primis sono vicino a te a Pia ed a tutti i tuoi familiari per quanto accaduto. Perché continuare? Magari ti aspettavi ti rispondessi per noi ma la vera risposta è per te stessa. Certo anche per noi perché i tuoi contenuti sono sempre stati preziosi almeno per me anche quando non sono stato d'accordo con certe tue prese di posizione anche quando ci siamo scontrati e questo perché ci siamo sempre confrontati lealmente. Come ti dicevo però devi continuare per te stessa perché altrimenti non riusciresti ad essere in grado di scrivere con lo stesso impatto emotivo che ti ha sempre contraddistinta . È stato un 2022 devastante soprattutto per noi due e per le persone a noi vicine. Decidere di andare avanti spetta solo a te ma non lasciare per l'ipocrisia di molti non è per loro che scrivi ma per tutti gli altri magari più silenziosi ma non minoritari. Sereno 2023 perché è di serenità e di pace che abbiamo tanto bisogno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Daniele, sei sempre stato un amico di blog sincero e leale. Le divergenze di opinione ci stanno ma le persone belle si riconoscono sempre. Anche a te auguro tanta serenità e speriamo che il 2023 sia migliore. A presto💛

      Elimina
  10. La vita ci mette davanti prove tostissime. Il blog può semplicemente sparire di fronte ad eventi devastanti. Posso cercare di capirti perché ognuno ha le sue reazioni, le sue necessità, posso solo augurarti di trovare forza ed equilibrio, e abbracciarti forte ♥️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro amico mio, hai ragione. Tempi tostissimi ma tu ci sei sempre, fuori e dentro il blog. Grazie di cuore. Speriamo in un anno sereno, ne abbiamo bisogno.

      Elimina
  11. Mariella i lutti sono dolorosi, spesso spengono in noi tante piccole lucine, e non sentiamo più la voglia o la forza di scrivere quello che un tempo ci era così caro. Ma il dolore porta anche tristi ricordi e momenti di solitudine, li forse il tuo blog ti potrebbe aiutare a passare un po' il tempo, a evadere dai pensieri tristi...e poi La Casa Famiglia La Nuvola.... Mariella non c'è il caso di scrivere post con scadenza regolare, li puoi scrivere quando ti senti...Mi dispiace che tu stia soffrendo, mi dispiace se sceglierai di chiudere il blog, ma la decisione la devi prendere tu....vorrei abbracciarti...ma è un abbraccio solo virtuale e non ne senti il calore...ma c'è. Buona vita Mariella Valeria

    RispondiElimina
  12. Mi dispiace tanto della tua decisione.
    Penso che dovresti continuare solo per tutte le persone a cui mancherai, che cercano le tue parole quando hai voglia di raccontare e scrivere qualcosa. Non è che si scrive solo quando c'è gioia o si sta bene. Il blog è condivisione, è un diario prima di tutto con te stessa e qualsiasi cosa hai passato o stati passando è per insegnarti qualcosa e uscirne vincitrice e positiva sempre. Comunque un abbraccio, Elisa

    RispondiElimina
  13. Cara Mariella, se chiuderai il tuo blog, mi dispiacerà, però sono anche convinta che devi fare quello che ti senti. Scrivere un blog deve essere un passatempo, un divertimento; se per te non è più così, se lo devi fare forzatamente, allora lascia stare. Magari fermati un pò e stai a vedere. Mi spiace molto per il tuo lutto, ti abbraccio.

    RispondiElimina
  14. Mi dispiace molto che questo anno sia stato difficile per te e tua sorella sul piano privato.
    Riguardo lo "spegnimento" del blog posso dirti che a suo tempo anch'io ero arrivato a un punto di saturazione e infatti sono stato inattivo per quattro mesi, pensando di non ripartire più. Invece poi è stato lo spunto per ripartire con nuovi contenuti, arrivando infine ai miei fumettucoli.
    Quindi l'unica cosa che poso dirti è: per essere una fonte di piacere (o quanto meno di relax) il blog deve dare soddisfazione in primo luogo a te. Se hai cose da postare e senti la necessità di farlo, procedi. Se invece non senti più questa necessità, farlo ugualmente ma controvoglia sarebbe deleterio.
    E comunque ricorda che bloggare non deve essere un obbligo, forse una pausa anche lunga può servire a ridarti motivazioni, come fu per me.

    RispondiElimina
  15. Carissima, non è da molto che ho scoperto questo meraviglioso angolo che ricarica mente e cuore....mi spiace per la tua decisione ma ritengo che ognuno di noi sa cosa sia meglio. Nella vita lo sai benissimo che niente e facile ma nulla è impossibile ....prenditi il tempo necessario e la libertà decisionale è solo tua, non ci devono essere obblighi tassativi. Per me il mio angolo virtuale è uno spazio di relax da vivere e condividere con chi vuole regalare presenza amica per una costruttiva conoscenza
    Ti auguro un sereno divenire, arrivederci a presto......

    RispondiElimina
  16. Carissima, non sapevo nulla del tuo lutto e ti mando un forte abbraccio. Per il blog, sentiti molto libera, ma prima di smettere definitivamente, aspetta e datti del tempo per pensare ed ascoltare te stessa!

    RispondiElimina
  17. Ciao Mariella, in primis non sapevo del tuo lutto, ed esprimo le mie più sentite condoglianze. Mi auguro che ritorni sui tuoi passi e non chiudi questo spazio, a prescindere da tutto è un pezzo della tua vita.
    Ti auguro un sereno anno nuovo.
    Vincenzo alias Cavaliere oscuro del web

    PS
    Scusami se ti mando questo msg in forma anonima, ma sono in vacanza, ho voluto essere presente appena ho letto il tuo post.

    RispondiElimina
  18. Grazie a tutti per i vostri interventi. Farò tesoro delle parole che hanno contribuito ad una maggiore riflessione. Ricambio i vostri abbracci. Arrivederci.

    RispondiElimina
  19. Ti mando un saluto, mi spiace molto per il tuo lutto e so che non ci sono buone parole in certe occasioni. Condoglianze. Scrivi: "datemi una sola ragione per restare..." non credo noi ti si possa accontentare, se il blog è un piacere da scrivere e leggere, solo tu puoi trovare le ragioni per continuare. Se ritieni sia arrivato il momento di chiudere probabilmente per te è giusto così.

    RispondiElimina
  20. Condoglianze Mari, credo che sia il tuo dolore a parlare per te e ho la sensazione che tu non voglia lasciare davvero questo posto, forse mi sbaglio; io, lo sappiamo entrambe, sono molto lontana da te rispetto a quel bisogno di presenza e partecipazione concreta di cui parli e da quel leggo hai in abbondanza, ma ti lascio un abbraccio sentito, da cuore a cuore, ciao.

    RispondiElimina
  21. Non so che dire, solo che mi dispiace e che la tua mancanza probabilmente sentirò, ma vada come vada buona fortuna ;)

    RispondiElimina
  22. Massimiliano31/12/22 3:27 PM

    Ciao Mariella .
    Sentite condoglianze per il tuo lutto.
    Apprezzo il fatto che sei stata riservata.
    Ognuno reagisce al dolore alla sua maniera.
    Ma io sento sinceri quei dolori che non fanno rumore se non solo dentro il proprio cuore.
    Riguardo al blog .. che dire?
    Concordo con quello che ha scritto Romualdo.
    Se non hai più il giusto entusiasmo è inutile continuare.
    Son d’accordo con te anche sul clima che si respira nella blogsfera da un po’ di tempo.
    Non è più quella di una volta ..almeno come la conoscevo io.
    O forse all’inizio mi ero fatto io un idea sbagliata.
    Adesso tanti “ vecchi “ blog non li riconosco più..ma forse sono solo cambiati in base agli umori del loro proprietari o sono solo cambiato io..mah?
    Buon fine anno e buon nuovo inizio pieno di cose belle.
    Un abbraccio
    Max

    RispondiElimina
  23. La forma di malessere forte è dovuta a problemi di vita vera, come spero tu abbia letto nei commenti. Poi il web mi ha deluso molto ma non è la causa principale. Mi voglio fermare perché ora non ho molto di cui parlarvi. Tornerò forse, quando tornerà la spinta iniziale, la curiosità che ha mantenuto vivo il mio blog. Grazie Romualdo e buon anno nuovo.

    RispondiElimina
  24. Anche se lo puoi trovare ipocrita, del lutto e della situazione delicata in casa ho preferito scriverti in privato e così continuerei a fare.
    Sul blog che dire? Ci ero arrivato già due anni fa, e abbandonando la blogosfera le cose sono migliorate sensibilmente. È rimasto solo chi ci tiene davvero, io mi concentro sul mio progetto e posso migliorarlo sempre più, avendo più tempo.
    Se magari hai ancora qualcosa da dire qui, in questo spazio che comunque ha regalato tanti bei momenti a tanti lettori, puoi provare a cambiare anche tu il tipo di approccio... magari le situazioni che ti hanno spinta a voler chiudere saranno di meno e tu potrai ritrovare la spinta giusta per proseguire.
    Buon anno, che sia per te migliore di quello appena trascorso...! 🧡

    Moz-

    RispondiElimina
  25. Ciao stella, leggo del tuo lutto e mi addolora molto. Anche per noi è stato duro e ci vuole tempo per rialzarsi. Per riprendere in mano la propria vita.
    Coraggio! Sono sicura che ce la farai. Dai tempo a te stessa
    Quanto al blog, se ti stimola e ti fa piacere scrivere fallo. Se ti è di peso o se non ti interessa a momento lascialo stare. Deve farti star meglio non essere un onere.
    Ti abbraccio stretta stretta. Un bacio grande

    RispondiElimina
  26. Mariella cara, vorrei dirti parole giuste e confortanti. Mi addolora saperti immersa in una prova così dura.
    Ho frequentato il tuo blog con grande serenità e fiducia di non essere mai fraintesa. Anche con stima e affetto.
    Ora cerca di raccogliere tutte le energie per te stessa.
    Ti abbraccio di cuore e ti ringrazio per la tua grade generosità d'animo.
    Nou

    RispondiElimina
  27. Grazie ancora a tutti per i vostri commenti. Arrivederci spero a presto.

    RispondiElimina
  28. No mannaggia, proprio quando ti avevo scoperto 😥 Essere blogger purtroppo è così, ti dà tante soddisfazioni me nello stesso tempo ti mette davanti a tanti silenzi, molti dei quali non sono diretti a persone in particolare, ma sono il risultato di momenti particolari in cui non si ha voglia di scrivere o, più probabile, si è consapevoli di attraversare un momento in cui si sa di non poter dare agli altri sè stessi. A me questo è successo per alcuni periodi da quando ho aperto il blog nel 2008, ma poi ho sempre ricominciato a interagire perché sento questo luogo casa mia. Il blog è un social diverso dagli altri, in cui molta gente si può permettere di scrivere e scrivere senza interagire mai con noi, ma solo per il gusto di aumentare i propri follower. Qui è diverso, qui o si interagisce o ha poco senso la propria presenza. Ti auguro Mariella tutto il meglio, sperando che questo sia uguale a uno dei miei periodi di silenzio, e che tu possa tornare per ricominciare a interagire ❤️ Ti mando un abbraccio fortissimo 🤗

    RispondiElimina
  29. Beh, è nelle cose vivere momenti no, fermarsi un attimo, rifocillarsi con altro... tutte cose che io sperimento spesso: ho periodi di stasi in cui scelgo di fare mille altre cose che non siano scrivere o tenere in movimento il blog. Seguo l’istinto e le mie esigenze, quello che chiunque dovrebbe fare: aggiornare il blog non è una cura prescritta dal medico :D Dunque, prenditi i tuoi tempi, recupera gli spazi, poi quando -e se - vorrai, potrai tornare in questa tua casa amata da tante persone.
    (E poi guarda come sono ridotta io, non sono più riconosciuta col mio account qui e altrove e sono costretta a fare l’anonima che si firma!)
    Naturalmente, mi dispiace per il tuo lutto: ti sono vicina in questo brutto momento.

    Marina

    RispondiElimina
  30. Vedo solo ora con colpevole ritardo. In casi del genere io rimango sempre senza parole. Un abbraccio stretto..

    RispondiElimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)