AVEVO SAPUTO QUEL GIORNO CHE LA SCRITTURA ERA CAMPO APERTO, VIA D'USCITA.
(ERRI DE LUCA - IL PIU' E IL MENO)

04 maggio 2012

MUSICA PER MUSE:LE RAGIONI E IL CUORE


Io li chiamo I Cavalieri.
Alti magri, quasi sempre vestiti di nero, sinonimo di un rock che subisce le influenze elettronico/indie, ma anche la passione del suo leader Matthew Bellamy per la musica classica, sono amati e odiati in egual misura.
Non sono conosciuti per avere un bel carattere, cosa che appare evidente sull'onda di dichiarazioni come questa in relazione ad una battaglia legale sostenuta contro Celine Dion che voleva utilizzare il loro nome per uno dei suoi spettacoli a Las Vegas.



« Non volevamo che gli americani pensassero che i Muse fossero la band di sostegno dello spettacolo di Céline Dion. Ci hanno offerto 32.000 sterline per fare un passo indietro ma anni fa noi abbiamo registrato il nostro nome negli USA per 20.000 sterline. »

Anche loro come gli U2 e ancora prima i Beatles, si conoscono durante gli anni scolastici. 
Città d'origine, Teignomunth nel Devon.
Avevano due gruppi diversi che poi si sono fusi per dare origine a quello definitivo e composto da Matthew Bellamy (voce, chitarra e pianoforte), Dominque Howard (batteria) e Chris Woltstenholme(basso e cori).
Hanno nelle corde influenze dei Pink Floyd e dei Cure.

Il loro primo album Showbiz è datato 1999.
Erano giovanissimi ma la forza della loro musica innovativa, fece subito presa.
Il suono nuovo, la loro grinta, erano inconsueti per una giovane band.
Il successo dell'album li portò ad aprire i concerti dei Red Hot Chili Peppers negli Stati uniti.
Dall'album lascio come estratto "Sunburn".


Già da questa prima traccia si nota quello che io definisco un unicum per il genere musicale che fanno, dovuto alla passione del loro leader per le partiture classiche: il pianoforte lo accompagna sempre, dando valore specifico ad ogni brano e rendendo immediatamente riconoscibile la loro musica.

Il secondo album "Origin of Symmetry viene pubblicato nel 2001.
Era più duro del precedente direi dark con il basso più sordo e cupo;  allo stesso tempo affinarono l'arte della fusione elettronica con il romanticismo del pianoforte.
Subì un parto controverso. La casa discografica non era convinta delle modifiche che di volta in volta Bellamy apportava alla musica, che prendeva sempre più connotati difficili e poco commerciali tanto da far dubitare che potesse far presa  sul grande pubblico.
I discografici chiesero di apportare delle variazioni ai brani prima dell'uscita. La band si rifiutò.
L'album uscì lo stesso e ebbe un impatto fortissimo specialmente negli States.
Lascio in ascolto "Bliss"



Poi arriva l'album con il quale io li ho scoperti, Absolution anno 2003.
Il mio preferito. L'influenza della musica classica e di Rachmaninov in particolare, ottengono l'effetto di una completa e mirabile fusione che lascia un segno indelebile per chi, riesce a farsi trasportare da queste armonie così all'apparenza diverse senza alcun preconcetto.

Vi lascio "Falling away with you"



Ma di questa canzone vorrei lasciarvi anche le parole, magnifiche.

Non riesco a ricordare quando era bello
momenti di felicità in fiore
forse ho solo frainteso
tutto l’amore che ci siamo lasciati alle spalle
guardando i nostri flash back intrecciarsi
ricordi che non troverò mai
a dispetto di qualunque cosa tu sia diventata ora
dimentico quelle cose spericolate che abbiamo fatto

Penso che le nostre vite siano appena iniziate
e sentirò il mio mondo sgretolarsi
la mia vita sgretolarsi
la mia anima sgretolarsi
cadendo
cadendo con te

Rimanendo sveglio per inseguire un sogno
assaggiando l’aria che stai respirando
spero che non dimenticherò niente
vorrei tenerti stretta e pregare

Guardando le nostre fantasie andare in rovina
niente sarà più lo stesso
e tutto l’amore che abbiamo gettato via
e tutte le speranze che abbiamo nutrito svaniscono
Rifacendo gli stessi sbagli
Rifacendo gli stessi sbagli

e sentirò il mio mondo sgretolarsi
la mia vita sgretolarsi
la mia anima sgretolarsi
cadendo
cadendo con te

tutto l’amore che ci siamo lasciati alle spalle
guardando i nostri flash back intrecciarsi
Ricordi che non troverò mai
Ricordi che non troverò mai

Per me Mr. Bellamy è un poeta anche quando usa le parole come metafore sessuali e non per questo è meno affascinante, anzi!

Poi arriva il quarto album datato 2006, Black Holes and Revelations.
Questo album fu composto quasi nella sua totalità a Milano, città non lontana da quella dove Bellamy risiedeva in quel periodo per ragioni, per così dire, sentimentali.
Segna una nuova evoluzione della loro musica. Ci sono influenze tecno in questo lavoro. Ed è un album che più degli altri contiene riferimenti politici. Il gruppo si scaglia contro le guerre inutili ed ingiustificabili, il potere abusivo, le cospirazioni atte a dare un nuovo ordine al mondo.
Quanto di più lontano dalla realtà non credete?
Allo stesso tempo riprende la caratteristica più romantica dei primi anni.
Un album splendido ma pazzo, come fu definito dalla critica.

La canzone che vi lascio "Starlight", è stata descritta dalla critica come un concerto degli Abba sulla luna, secondo me la più commerciale dell'album.



L'11 settembre 2009 esce il loro quinto e per ora ultimo album, "The Resistance".
Anche questo registrato in Italia, nello studio di registrazione di Como, lo Studio Bellini, di proprietà del frontman.
E' un album dove presenza forte è Orwell e il suo 1984. Al centro le tematiche sociali e civili del libro e anche la storia d'amore di Winston e Julia.
L'album è la maturità del gruppo rock romantico-sinfonico. Questo ormai è il marchio di fabbrica che caratterizza tutta la discografia, provato, amato e a pieno diritto quello che li rende unici.
Bellamy esegue in "United States of Eurasia", nella parte finale della canzone, il Notturno opera 9 N.2 di Fryderyk Chopin.
E questo è solo un esempio delle sperimentazioni del gruppo attuate con questo album.

Vi lascio "Uprising" la canzone che apre l'album.



Sì lo so, è tanto forte questa musica, crea disturbo o dipendenza assoluta.
Nel mio caso la seconda.

E so che per alcuni di voi che  potrebbe essere una sorpresa scoprire che, insomma non è che mi piace solo il rock di Ligabue o gli U2.
Questi ultimi, tra l'altro, amano molto questi ragazzi e gli hanno fatto aprire il "Tour 360°" nel 2009. Con il tempo scoprirete tanti altri gruppi di rock più aggressivo per i quali batte il mio cuore.

Resto in attesa del nuovo album. Secondo alcune indiscrezioni sarà terminato alla fine di maggio e pubblicato per ottobre di quest'anno.
Su Twitter sono trapelati alcuni titoli, ma niente di certo, per questo lasciamo tutto avvolto nel mistero.

Intanto loro, sono una realtà assodata nel panorama discografico mondiale, sia per l'originalità della  musica che per  parole e  testi, che spaziano dall'impegno civile all'amore sacro e profano.

La mia anima è anche questa.

La vostra comprende qualcosa che potrebbe sorprenderci?



                                              Questo post Arnika è dedicato a te!

46 commenti:

  1. Oh, ma i Muse addirittura!!!! Ma GRAZIE!!!
    Li ADORO, anche io.
    E anche io li ho conosciuti con "Absolution", di cui apprezzo molto "Thoughts of a Dying Atheist" e "Stockholm Syndrome", ma direi un po' tutto l'album (mi ha un po' stancato "Time is running out" ma mi capita abbastanza spesso con i singoli più di successo di un album).
    Pur non potendo vedere i video da dove sono collegata, leggendo i titolo sento risuonare le canzoni dentro la testa.
    Non vedo l'ora del prossimo album, le voci sono contrastanti su questa opera: da un lato si è detto che anche Chris ha composto delle canzoni e che le sonorità saraqnno molto diverse e più morbide, dall'altro ultimamente si è detto che invece l'evoluzione sarà verso una musica più dura... Mah! Mi lascerò sorprendere ^^ Chissà se e quanto la nascita di Bing (povero bimbo, che nome!!!) influenzerà i testi di Bellamy?

    Pensa che giusto il weekend scorso ho acquistato H.A.A.R.P., l'album dal vivo registrato dal concerto di Wembley del 2006. Il disco contiene anche un dvd ed era in vendita a pochissimo: non potevo lasciarmi sfuggire questa occasione. E da quel che ho visto e sentito, dal vivo questa band spacca! Quindi DEVO vedere un loro concerto dal vivo (l'ultimo a San Siro l'ho mancato ç_ç)

    Dell'ultimo album, la mia canzone preferita è "Undiscolosed desires", ma tutto l'album è bellissimo.

    Grazie Mary!!!!

    RispondiElimina
  2. Ciao Arnikina!
    Aloora contenta???
    Direi che possiamo attivare tutte le armi per dedicare questo WE ad uno dei nostri gruppi preferiti.
    E dopo tanto parlare di lavoro, Stato e tasse proviamo a rilassarci con la musica.
    Ma guarda, lo stesso disco ci ha aperto le porte del mondo di Bellamy e company, io ci sono capitata per caso parlando con una mia amica di questo gruppo di artisti un po' sopra le righe che facevano rock elettronico ma non influenze di musica classica.
    Non mi è sembrato vero che ci fosse qualcuno che stava provando a coniugare le diverse tipologie e con successo
    Di Absolution amo a parte "Falling away with you" che ho lasciato nel post," Histerya" e" Sing of Absolution"

    Ma anche tutte le altre direi, a parte la troppo sentita Time is running out.
    Se Matt depone lo scettro di compositore e lascia qualcosa a Chris, allora davvero Bing lo ha leggermente rimbambito.
    Anche io ho perso il concerto a S. Siro, ma il prossimo no di sicuro.

    A dopo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me rimbambiscono tutte queste citazioni inglesi.

      Paolino Paperino

      Elimina
  3. Il 25 siamo stati a Venezia. Abbiamo visto la mostra di klimt. Ad un certo punto mentre stavo spiegando a mio marito il motivo del fregio di Beethoven ho sentito il desiderio assoluto di ascoltare muse mentre guardavo quei quadri. Mi sono sembrati la colonna sonora perfetta. Ho abbandonato il frank al suo destino e ho inserito le cucciaste dell'iPod alle orecchie... e' stato fantastico! Mari

    RispondiElimina
  4. Cuffie o auricolari chiaramente. Il mio Cell e' animato da vita propria lo sapete! Mari

    RispondiElimina
  5. Ghghghghghgh...povero Frank!
    Mari come sempre la mia ignoranza musicale si fa sentire.
    Non conosco nessuna canzone del gruppo.
    Ho chiesto aiuto ad Alex ma dice che per me ci vorrebbe un corso specifico di musica dalla A alla Z.
    Mi spiace.
    Sappi che comunque è piacevolissimo scoprire gli artisti attraverso i tuoi post!
    ti abbraccio
    buona giornata
    veru

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veru, guarda che solo Mariella e Arnika conoscono quel gruppo.

      Paolino Paperino

      Elimina
    2. Mi allego alla combriccola per quanto riguarda gli artisti oggetto del post...
      E ci sono anch'io, Veru, al corso "Musica per principianti - dalla A alla Z" (ma questo lo sapete già...!).

      Però, ecco... non si puo' buttare lì la visita alla mostra di Klimt così...! E' un invito coatto all'off topic!!

      Emanuela

      ps. sto lavorando ad un nuovo trasloco per uscire da Style. Perdonami se non sarò assidua commentatrice nelle prossime 24 ore! Anzi...vi farò riposare un po'! buon sabato a tutti!

      Elimina
    3. Cara Manu, ma hai già detto tutto tu di Klimt.
      Che altro potrei aggiungere?
      Off topic consentito comunque.
      Buon trasloco.

      Elimina
  6. Se questo è rilassarsi da precedente post...
    Gianni Togni sarebbe stato meglio.

    Paolino Paperino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oppure i Cavalieri dello Zodiaco: quelli che cantavano Lady Oscar.


      Paolino Paperino

      Elimina
    2. A voler essere precisi,la sigla di Lady Oscar era cantata dai Cavalieri del Re. Icavalieri dello Zodiaco bazzicavano in un altro cartone...

      Emanuela

      Elimina
    3. Diciamo che erano proprio un cartone animato di cui non abbiamo un granchè parlato nel mio post sui cartoni.

      Elimina
    4. Visto? C' è più animazione con questo genere di cose.

      Paolino Paperino

      Elimina
  7. Neppure capisco come si possano definire magnifiche le parole del testo allegato: un classco testo da canzone ruotante su classici termini.
    Bello felicità fiore amore solo nelle prime quattro righe.
    Ma mi facci il piacere!

    Paolino Paperino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai Paolino me L'hai già mossa questa critica su alti testi inglesi di cui vi ho lasciato la traduZione. Rispetto ai molti testi di canzoni in inglese che ci sono in giro io li trovo completi e interessanti. Un buon livello narrativo. E poi so che arrivano i tuoi commenti a te non andrebbe bene nemmeno quello che scrive il Boss o Dylan! Mari

      Elimina
    2. Il fatto che uno si chiami Bruce, o Dylan , o Branduardi, in sè , non garantisce che un determinato testo sia buono.
      Dipende.
      Diciamo che non peschi benissimo nei testi tradotti.

      Paolino Paperino

      Elimina
    3. Dici eh?
      Può darsi, anzi direi che hai proprio ragione.
      Ma io scelgo i testi, che talvolta sono costretta a tradurre in parte aiutata dal vocabolario, sulla base delle emozioni che mi suscitano.
      E quelli che ho postato, anche quello della pagina, di emozioni, magari perchè ero anche nell'attimo giusto, me ne hanno donate.

      Elimina
    4. Certo Mari: ma ti emozioni troppo.
      Anche per delle cosette d' X Factor.
      Per non parlare di vasi di terracotta, bagnoschiuma, croste pittoriche, fiori e Fiorini, accumuli di mattoni, piedini di bimbi.

      Paolino Paperino.

      Elimina
    5. Giusto un pochetto!
      ghghghghghhghghghghgh

      Elimina
  8. Ma il fatto che in futuro vorrai farci conoscere altri gruppi simili è una minaccia?
    Visto che come affermi sei dipendente da certa roba ci toccherà venirti a trovare in questa comunità tossicodipendente.
    Speriamo non sia contagioso.

    Paolino Paperino

    RispondiElimina
  9. Non immagini cosa sto ascoltando ora. Stereophonics! Cerca su google ghghghghg mari

    RispondiElimina
  10. Cara la mia veru, ho ragione io.
    Come sempre.
    La stima che ha di me il papero, si legge a chiare lettere sul blog del Dir.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accidenti, sono così anziano e arrancante che non riesco a leggere bene le chiare lettere sul blog Direttore.
      E sì che porto gli occhiali.
      Insufficienti, probabilmente, per i miei eccessi miopici.
      Certo che piuttosto che aver sempre ragione come te, Mari, è preferibile sguazzare nel torto.

      Paolino Paperino

      Elimina
    2. Ma non preoccupati papero. Quello che scrivo io nom e' poi così importante. Non sono alla tua altezza e a quella di altri. Sereno puoi baipassare le mie stupidaggini. Anzi sorvola. Mari

      Elimina
  11. Beh come sempre è eccessivo.
    Come è stato eccessivo il papero.

    RispondiElimina
  12. Alla mia altezza? Figurati, mi sono messo come materia " Applicazioni tecniche".
    Mica filosofia.
    Certo che dopo mesi di frequentazioni dovresti sapere che salire nei miei trenini può essere pericoloso.
    Soprattutto se ci si emoziona troppo.
    Se poi provochi...
    Cosa vuoi che dica: se dopo tutto questo tempo sollevi ancora questioni legate alla stima e simil cose allora cambierò strategia.
    Dimenticavo: bello e interessante il tuo post.

    Paolino Paperino

    RispondiElimina
  13. Manco un giorno dico un giorno e guarda cosa mi combinate.
    Mi intrometto perchè su su vengo citata.
    Mari sinceramente leggendo le parole del Papero ti ho pensata,ti conosco troppo bene e so che ci sei rimasta male.
    Tuttavia non cambio idea.
    E' come dice lui a volte salire sui suoi trenini diventa pericoloso.
    Ma ci vuole bene.
    Poi a volte,è vero,fa il PaperStronzo...
    Suvvia passato tutto.
    Ora però non arrabbiarti pure con me che ci dobbiamo baciare per la cover!

    RispondiElimina
  14. Ciao Veru.
    Oggi finalmente è uscito un po' di sole dalle mie parti.
    Ti auguro una buona domenica.

    RispondiElimina
  15. Grazie Mari.
    Ero dal Dir.
    Sono andata a rileggermi il tutto,perchè a volte leggo talmente velocemente i commenti che poi non mi restano in mente.
    Perchè sai com'è se devo saccagnare il Papero devo avere validi motivi ;-)
    Premessa.
    Non è che uno può sparare a zero e poi si paracula mettendo per inciso io sono così prendere o lasciare.
    E' vero,non è stato per nulla carino.
    Ritengo però che non sia assolutamente una presa di posizione nei tuoi confronti,antipatia o mancanza di stima.
    Perchè tu questo pensi.
    E qui io non posso aggiungere nulla perchè solo lui può spiegarti come la pensa.
    Vabbè ora mi sono rotta di fare la Rita Della Chiesa,prendo maschera e mantello e vado a cercarlo a Crema.
    Tu stai serena e goditi questa domenica.
    Bacio amica

    RispondiElimina
  16. Non ho niente da spiegare.
    Dopo tutti questi mesi?
    Prendere o lasciare.
    Piuttosto non scrivo più.

    Paolino Paperino

    RispondiElimina
  17. Sono serena veru.
    Starò attenta la prossima volta prima di salire sui vari trenini.
    E forse non ci salgo più.

    RispondiElimina
  18. Effettivamente, Mari, non sei portata per salire su certi trenini se poi fai tutte queste malmostosie una volta incassati gli scossoni.
    Comunque non partono solo i miei, di ciuf ciuf , nei vari blog della piattaforma Vanity.
    O dal Direttore.
    Tante volte sei pure macchinista.
    Comunque non lo sei, serena.
    A parole forse sì: ma non la racconti giusta.

    Paolino Paperino

    RispondiElimina
  19. Qualche volta a seconda dei momenti che attraversiamo ci scopriamo molto più fragili di quanto noi stessi pensiamo.
    Ecco la mia anima è anche questo.

    RispondiElimina
  20. E IO TI VOGLIO BENE E TI DEDICO QUESTA CANZONE

    Respiri piano per non far rumore
    ti addormenti di sera
    ti risvegli con il sole
    sei chiara come un'alba
    sei fresca come l'aria.
    Diventi rossa se qualcuno ti guarda
    e sei fantastica quando sei assorta
    nei tuoi problemi
    nei tuoi pensieri.
    Ti vesti svogliatamente
    non metti mai niente
    che possa attirare attenzione
    un particolare
    solo per farti guardare.
    E con la faccia pulita
    cammini per strada mangiando una
    mela coi libri di scuola
    ti piace studiare
    non te ne devi vergognare

    E quando guardi con quegli occhi grandi
    forse un po' troppo sinceri, sinceri
    si vede quello che pensi,
    quello che sogni....

    Qualche volta fai pensieri strani
    con una mano, una mano, ti sfiori,
    tu sola dentro la stanza
    e tutto il mondo fuori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie veru.
      Questa è una canzone splendida.
      come il tuo pensiero.

      Elimina
  21. E IO TI VOGLIO BENE.PER TE

    Respiri piano per non far rumore
    ti addormenti di sera
    ti risvegli con il sole
    sei chiara come un'alba
    sei fresca come l'aria.
    Diventi rossa se qualcuno ti guarda
    e sei fantastica quando sei assorta
    nei tuoi problemi
    nei tuoi pensieri.
    Ti vesti svogliatamente
    non metti mai niente
    che possa attirare attenzione
    un particolare
    solo per farti guardare.
    E con la faccia pulita
    cammini per strada mangiando una
    mela coi libri di scuola
    ti piace studiare
    non te ne devi vergognare

    E quando guardi con quegli occhi grandi
    forse un po' troppo sinceri, sinceri
    si vede quello che pensi,
    quello che sogni....

    Qualche volta fai pensieri strani
    con una mano, una mano, ti sfiori,
    tu sola dentro la stanza
    e tutto il mondo fuori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho anche io problemi a postare stasera.
      Bacio.

      Elimina
  22. Ciao Mari,
    i Muse non li conosco , e purtroppo il mio pc ha problemi con i video.
    Ti lascio un saluto e un abbraccio ( anche a Veru e alla piccolina) .:-))
    Buona serata!
    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna, secondo me potrebbero piacerti molto.

      Ti abbraccio forte forte anche io e grazie.

      Elimina
  23. Carissima Mary, carissimi tutti,

    non ho avuto modo di seguire un granchè questo post e nemmeno tutti i riferimenti del caso... ero troppo impegnata con il trasloco! Non è ancora terminato: ahimè, devo ancora trasportare tutti i commenti postati su blogspot. Ma ho un mal di testa che non mi permette di scrivere altro che queste righe. Abbiate pietà di me!
    Ad ogni modo, Mary, ha ragione la Veru. E' che il Papero è un Caterpillar. Uno che si emoziona, sì, ma è pur sempre l'emotività di un Papero. Non di una principessa...!
    Non lo fa con cattiveria. Penso (spero!). Cio' non toglie che quando usa la zampa a mò di gallina fa girare le balle a mulinello... Ma poi passa, ovvio. E' fatto così. Potrebbe imgliorare, certamente... ghghghhghghg

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va be': per venirti incontro e migliorare cercherò di restituirti la bici che ti ho fregato.
      Troppo da checca, per me.

      Paolino Paperino

      Elimina
    2. Ma tu sei quello che mi ha portato via la bici "tutta intera" o quell'altro che si è portato via il sellino e la ruota davanti?! La prossima volta metterò l'antipapero, altro che l'antifurto...! E poi la mia è una bici nera, senza cestino (mi hanno rubato anche quello...) e senza nemmeno un Hello Kitty di abbellimento. Insomma... una bici sobria, per non dare troppo nell'occhio (dei soliti ladri).

      La verità è che lo sai che ti vogliamo bene... e te ne approfitti. Ti do la zampa, mi prendi la bici. E la Mary e la Veru ti regalano anche la copertina lesbo-chic. Più affetto di così...

      Elimina
  24. Ciao Manu, sono appena stata sul nuovo sito.
    Molto bello, davvero complimenti!

    E ci credo che sei esausta, mi ricordo la fatica che feci quando spostai tutto da style.it a overblog.

    Tranquilla, io sono già oltre.
    Ti abbraccio forte.
    Ti aspetto al più presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Mary: sei davvero una cara amica!
      Ora posso dire di aver terminato, perchè ho completato l'esportazione di tutti i messaggi che erano presenti anche su Blogspot.
      Che dire? Basta traslochi! Chi c'è, c'è... mi dispiace fare questo ragionamento, ma d'altronde non posso continuare a spostare tutto. Non ce la fo.
      Ti abbraccio forte, a domani!

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)