AVEVO SAPUTO QUEL GIORNO CHE LA SCRITTURA ERA CAMPO APERTO, VIA D'USCITA.
(ERRI DE LUCA - IL PIU' E IL MENO)

20 giugno 2014

Na tazzulella e café










Na' tazzulella e' cafè e mai niente cè fanno sapè 
nui cè puzzammo e famme, o sanno tutte quante e invece e c'aiutà c'abboffano e' cafè Na' tazzulella e' cafè ca sigaretta a coppa pe nun verè che stanno chine e sbaglie, fanno sulo mbruoglie s'allisciano se vattono se pigliano o' cafè E nui passammo e uaie e nun puttimmo suppurtà e chiste invece e rà na mano s'allisciano se vattono se magniano a città Na' tazzulella e' cafè acconcia a vocca a chi nun po' sapè e nui tirammo annanz che rulore e' panze e invece e c'aiutà c'abboffano e' cafè Na' tazzulella e' cafè ca' sigaretta a coppa pè nun verè s'aizano e' palazze fanno cose e' pazze ci girano c'avotano ci iengono e' tasse.. 




Mi sono svegliata con in testa e tra le labbra la canzone di Pino Daniele.
E non è "colpa" di Marco Galli&Company ( Ciao Carlotta ) che seguo tutte le mattine alla radio.

Sarà forse malinconia, sarà la mia terra che irrompe.

Sarà che io senza il caffè sono una ciofeca.

Sarà la canzone che è sempre così attuale.


E allora ho pensato ad una vita senza caffè.

No, non ce la posso fare.
Negli ultimi due mesi ci ho dovuto rinunciare, il mio stomaco lo rigettava.
Ora sto riprendendo lentamente, leggero, decaffeinato, con latte.
Ma non vedo l'ora di "farmi" una bella tazza di caffè nero bollente, come piace a me.

E VOI?
Che rapporto avete con la bevanda italiana per eccellenza?
L'amate?
La detestate?
Come lo preferite?
Amaro, dolcissimo, corretto?

Ahahahah


Vi lascio con la versione acustica jazz della canzone, cantata da un Pino Daniele in stato di grazia.







83 commenti:

  1. Berrei caffè anche dormendo, tanto mi piace.
    La mia miscela preferita? Il
    Caffè Trombetta che trovo (compero e/o mi regalano) a Roma.
    Stare con la tazzina del caffè in mano, per me, è rallentare per qualche minuto il mio ritmo di vita.
    È un chiacchierare pigro con me stessa, se preso in solitudine, ovvero apprezzare le parole di chi mi sta vicino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è nulla al mondo
      che riesca a riconciliarmi con la vita più che un caffè e due chiacchiere con le amiche!!! Sto andando ora.... Bacio

      Elimina
  2. Sono una strana consumatrice di questa meravigliosa bevanda. Mai bevuto al mattino appena alzata. A casa mia si fiondano tutti in cucina per farsi la prima tazzina della giornata. Io no. Aspetto di arrivare al lavoro dove mi sparo alla macchinetta un orribile derivato del cappuccino assieme ad un cornetto del fornaio. Io se non metto qualcosa nello stomaco non ingrano. Per qualche anno non ho nemmeno più toccato goccio di caffè, fino a pochi mesi fa, quando improvvisamente mi è tornata la voglia di berne una tazzina. Non al bar eh? Ma quello della mia mamma, fatto con la vecchia e consumata moka. E l'amore è ritornato. Due chiacchiere a tavola sorseggiando lentamente caffè bollente è meglio di una seduta di analisi. Meglio se corretto Sambuca (evito di fare pubblicità a quella che preferisco :) Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per te ci
      Vorrebbe la cuccuma napoletana. Io ne bevo due al mattino. Una appena sveglia e il secondo al bar con le amiche. Oggi brioss al pistacchio!!! Bacio More:-)

      Elimina
  3. Il caffè lo amo.
    Al mattino appena mi sveglio una bella tazza e ci metto pure un goccio ma solo un goccio di grappa.
    Sono pur sempre bergamasca non una phighetta milanese come la Mariella ahahah
    Poi a metà mattina ne bevo uno al bar.
    L'ultimo è quello di metà pomeriggio.
    Se la serata si prospetta lunga ci può stare pure uno serale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahaha Veru la prossima volta corretto né così poi cantiamo..magari bella ciao :)))

      Elimina
    2. Paura per la prossima volta che verrò a trovarvi! Ahahhah

      Elimina
  4. Ovviamente a parte quello di primissima mattina gli altri sono lisci.
    Ghghgh

    RispondiElimina
  5. Quando facevo l'edicolante, arrivavo anche agli otto caffè al giorno, quasi tutti del bar.
    Ora, appena sveglia, mi faccio una moka da tre e me la bevo tutta, leggendomi qualche pagina del libro del momento.
    Dopo di che, a meno che non venga qualche ospite o non abbia il turno di notte, più nulla.
    Mi piace forte e rigorosamente senza zucchero, né latte, né altro.
    Il miglior caffè, comunque, lo fa mio figlio. Per lui è una specie di rito.
    Mio marito, pur con tutta la buona volontà, era completamente negato; da qui io e mio figlio facevamo il possibile per tenerlo lontano dalla caffettiera. Quei caffè troppo lunghi col sapore di bruciaticcio ora ci mancano... nessie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Otto caffe'? Porca miseria e' un traguardo mai raggiunto per me. Curiosita': ma quando facevi l'edicolante riuscivi a non sfogliare le riviste? Io ho sempre pensato che per me sarebbe stato il mestiere impossibile. Non ce l'avrei mai fatta e avrei letto tutto prima io :-)

      Elimina
    2. Mari, la prima regola di un buon commerciante è quella di conoscere approfonditamente i prodotti che commercia...
      Chiaro che coi cellofanati non puoi barare, ma dove potevo leggevo. Collezionavo il mensile "MODA" dove scriveva, fra gli altri, Donata Kalliany, il mio mito. Seguivo i quotidiani per quanto possibile (li leggevo verso sera, quando oramai sapevo che sarebbero rimasti invenduti). Ma tutto, sempre, di corsa (a quel tempo la mia mente era molto più veloce, per fortuna)...

      Elimina
    3. Sulla prima regola non ci sono dubbi ahahah!
      Ma mi stai confermando che mai e poi mai sarei riuscita a fare questo mestiere.
      Leggere i quotidiani la sera?
      NOOOOOOOOOOOO
      Detto questo, riconosco la mia ignoranza e vado a cercare notizie della tua giornalista preferita, visto che del giornale Moda ricordo solo il direttore: Vittorio Corona. Un grande giornalista.

      Elimina
    4. Stranamente, su Donata c'è molto poco.
      La troverai molto più facilmente su You Tube, in una delle sue numerose partecipazioni al "Maurizio Costanzo Show".
      Buon week-end! nessie

      Elimina
  6. Io niente correzione. Ma se potessi prendere il caffe' al mattino con te di sicuro ti seguirei. Ahahah bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era in risposta a Veru il messaggio sull correzione ahahah!

      Elimina
  7. da cinque anni a questa parte lo bevo amarissimo, se per sbaglio metto un pò di zucchero nella tazzina mi vien da vomitare. ne bevo due o tre al giorno, mai oltre il limite delle ore 17 salvo rarissimi casi, ovvero quando devo guidare la sera. mai corretto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io lo bevo con mezza zolletta di zucchero se sono a casa. Altrimenti mezza bustina di zucchero di canna se sono al bar. Nero assoluto solo se lo fanno mia cognata e mio fratello che sono bravissimi. La sera mi capita se sono fuori a cena. A volte ne sento la necessita' e riesco anche a dormire poi. Altrimenti mai.

      Elimina
  8. IO IL CAFFE' LO AMO!!!!

    Nerissimo, bello forte, poco.

    Ci metto lo zucchero solo quando non c'e' scelta, ovvero quando fa così' cacare (sorry!) che non c'e' altro modo di berlo se non zuccherandolo (leggi: tipo quando mi danno acqua sporca).

    Non riesco a bere il caffe' americano (bleah! troppa acqua)
    Riesco a bere il caffe' turco (senza zucchero) quando lo fanno bello forte (ovviamente lascio i fondi!)

    Quando la miscela non e' buona o il/la barista non lo sa fare, eh, soffro... ma ora ho la mia barista di fiducia! Lei e' una garanzia, mi fa pure i ristretti! :)

    Quando torno in Italia non sai che gusto riassaggiare il caffeicole si deve...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il caffe' americano fa davvero schifo! La prima volta che sono andata a NYC prima mi sono informata su dove potevo trovare un caffe' decente. E poi grazie ad Eataly e a qualche piccolo caffe' con miscela Illy/Segafredo sono uscita indenne e senza crisi dai viaggi! Anche a Parigi e Londra ho I miei spacciatori preferiti! Baciooooo

      Elimina
  9. Uh, caffe' come si deve, intendevo dire (il Mac mi corregge! Eresia!)

    RispondiElimina
  10. Non c'è campo in cui i miei gusti non facciano incazzare puristi e "intenditori" (e naturalmente sono felicissimo di farli incazzare... :D)
    Non fa eccezione il caffè, che bevo preferibilmente lungo (fatto con la moka), dolcissimo (rigorosamente con zucchero VERO) e con un po' di latte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lungo non vuol dire quella ciofeca di caffe' americano alla Starbucks! Certo e' che per i puristi il tuo modo di bere il caffe' grida allo scandalo -:)

      Elimina
    2. Il caffe' con la moka e' buono (non e' che io beva solo espressi dal bar). Pero' bisogna saperlo fare.

      Quando dico caffe' "acqua sporca" intendo che prendono l'acqua calda che usano per il the' (in una quantita' da the'), ci buttano del nescafe' (un cucchiaino scarso).
      In Italia ci credo non lo fanno in questo modo, ma qui si'. Nel senso: la bevanda nazionale e' il the', se vuoi qualcos'altro ti attacchi a quello che passa il convento (anche se parlare di conventi quaggiu' e' fuori luogo!).

      B.

      Elimina
    3. Su questo sono d'accordo: bere il caffè "americano" è come mangiare i collosi spaghetti (in scatoletta di latta!) olandesi: uno lo fa a suo rischio e pericolo... :-))

      Elimina
    4. Il caffè americano e' infatti una brodaglia immonda!

      Elimina
    5. B. E infatti dalle tue parti il te' lo fanno benissimo. Io l'ho bevuto bollente e alla menta a quasi quaranta gradi. Non pensavo mi
      Rinfrescasse come dicevano e invece ho dovuto riconoscere che è proprio così!!!

      Elimina
  11. Non mi sono mai posto la domanda...
    Allora odio quello delle macchinette ma ogni tanto lo devo prendere altrimenti cadrei per terra in pochi secondi...
    Mi piace la moka e quello fatto con la caffettiera napoletana.
    Buone e veloci alcune capsule

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ernest, ma sono qui apposta a fare domande esistenziali ;) Ecco anche tu secondo me saresti il tipo giusto da cuccuma! Bacio.

      Elimina
  12. Sono un sostenitore del tè, lo bevo ad ogni ora, rigorosamente con una fetta di limone e senza zucchero... L'odore del caffè mi da la nausea :(
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il te io, lo bevo come fanno gli inglesi. Niente zucchero e un goccio di latte... Abbraccio verde per te!

      Elimina
  13. Io lo amo, caldo e intenso. Un cucchiaino di zucchero, altrimenti poco più di mezza bustina da bar.
    In inverno prendo il MozCaffé, ossia: espresso, baileys, goccio di latte freddo e spolverata di cacao XD
    Ah, in estate lo amo col ghiaccio.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Moz, anche il mio deve essere bollente. Altrimenti sono capace di lasciarlo li'. E quando lo prendo macchiato il latte deve essere caldissimo. Ahah il Mozcaffe' e' da provare. Invece per l'estate consiglio la crema caffè. Uno spettacolo!!!

      Elimina
  14. Mai senza caffè! Macchiato caldo con tanta schiuma!
    Possibilmente non quell'acqua sporca della macchinetta dell'ufficio, del quale però troppe volte non si può fare a meno...
    Mariagrazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buono anche il tuo preferito! Per fortuna noi in ufficio abbiamo il famoso caffè di George Cloney!

      Elimina
  15. Appena preso il caffè, ne prendo uno al giorno, due se so che mi aspetta una serata lunga e frizzante :-P
    Il caffé più buono? Quello della moka, fatto dalla mammina, quando io studiavo in cucina e le sue amiche venivano a prendere il caffè. A me l'ha vietato fino ai 18 anni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In tutto come media io sono a tre. Diventano
      quattro durante i periodi di lavoro intenso. Ho
      preso il terzo proprio adesso! Buono l'odore di caffè quando si sparge per casa. Esattamente una delle cose che mi mancano di più di casa mia :-)

      Elimina
    2. Ma quant'era bello svegliarsi la mattina, assonnata a mille, ed andare in cucina dove la mamma aveva già preparato tutto?!?! Con quell'odore di caffè per tutta la casa, e la coccola mattutina.
      Quando viene a trovarmi mia sorella, che mi conosce bene, la domenica mattina mi fa sempre trovare il cappuccino fumante e la tavola tutta bella apparecchiata.

      Elimina
    3. Viziatissima sei! Ahahah anche io quando torno dai miei ne approfitto di coccole & Co! Bacio

      Elimina
  16. Da sedici anni non bevo caffè e non fumo (ero arrivato a 13 caffè e 60 sigarette al giorno) però quando sento profumo di caffè e odore di sigaretta divento come un cane da tartufo.
    E la canzone è uno sballo.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma bevitelo un caffè ...e che sarà mai.

      Elimina
    2. Siete tutti a guardare la partita? Mi ci vuole un altro caffè...

      Elimina
    3. si Mari..la partita e la mia vicina ha messo sul balcone una bandiera grande più' di un lenzuolo a tre piazze,ora le dico di metterla nell'armadio

      Elimina
    4. Vai a dirle di metterla via. Corriiiiiiiii

      Elimina
    5. Vita durissima la tua Aldo. Ma davvero :))) io con le sigarette ho fatto come te per circa una decina d'anni, poi magicamente ho smesso. Gran canzone si'. Anno 1977 da Nero a Metà. Abbraccio.

      Elimina
  17. Ciao Mari!
    Mai senza caffè,sai che meraviglia gustarselo di primo mattino quando ancora i rumori non si avvertono, per me è quasi un rito tassativamente nella tazzina con piattino particolare a cui tengo ho amiche che per inerzia a casa usano solo la tazzina, amaro per assaporarne il gusto.Goduria! Ma non mi fermo qui né nell'arco della giornata arrivo a quattro azz...
    Abbraccio amica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E lo so eh! La prima tazzina di caffè della giornata, la bevo in solitudine. Solo la radio mi fa compagnia.
      Io poi, non carburo e non parlo per almeno una mezz'ora. Per cui, senza la mia dose mattutina mi sentirei persa!
      Bacio.

      Elimina
  18. ADORO IL CAFFÈ. Sono caffé dipendente. Bevo mediamente non meno di sette caffè al giorno qui in Germania, fatti in casa o al BAR italiano. In casa decaffeinato altrimenti mi ammazzo. Con pochissimo zucchero, naturalmente; quello fatto in casa con due gocce di panna liquida, quello al bar senza niente, solo uno spolvero di zucchero.
    Posso fare a meno di mangiare ma non di prendere la mia razione di caffè. E poi alla mia età si può fare a meno di una donna (per una settomana), ma di caffè proprio no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sette caffè al giorno? Enzooooo! Fa malissimo lo sai vero?
      CAFFEINOMANE che non sei altro!
      Sul fare a meno del caffè al posto di un uomo per una settimana ( il mio chiaro ) beh fammici riflettere ahahah
      Bacio amico.

      Elimina
    2. Beh, insomma, se si tratta del tuo è un altro par di brache, vanno bene anche tre giorni solamente ahahahahah.
      Io, alla mia età propendo per la settimana, e che lei dica quel che vuole ahahahahah.
      Lo so, sono un caffeinomane. La prima cosa che faccio al mattino e l'ultima prima di andare a letto e dormo come un deo. Se non prendessi il mio ultimo caffè non potrei dormire, guarda tu.
      Fa malissimo? Allora quando fumavo? Tre pacchetti al giorno consumati di Marlboro e sette-otto caffè e stavo benone? C'è chi cresce a martellate in testa. Io come Mitridate.
      Bacione sorella maggiore.

      Elimina
  19. DorianGray20/6/14 8:33 PM

    Non ho mai bevuto caffè in vita mia ma adoro la canzone di Pino Daniele (e adesso vado a riascoltarla).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La versione della canzone di Pino che ho postato, è una rarità. Dal vivo e in versione JAZZ.
      Meraviglia.
      Lo so, tisane e tè. Succhi di frutta e acqua naturale ;)

      Elimina
  20. Io amoooo il caffè 7 al giorno! anche durante l'estate. Rigorosamente caldi rigorosamente senza zucchero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma con sette caffè al giorno, poi la sera riesci a dormire? No perché io, dopo il terzo non mi azzardo quasi mai.
      Altrimenti anche quel poco di riposo che mi riesce durante la notte, se ne va al diavolo!
      Abbracciooooo

      Elimina
  21. Senza caffè riesco a stare tranquillamente, sono una napoletana un po' anomala ma dal momento che mi ha sempre fatto male per quieto vivere ne ho fatto benissimo a meno. Purtroppo non riesco a fare la stessa cosa con la cioccolata, hihihihi! Per quanto riguarda il caro Pino non ne farei mai a meno e spesso ci accompagna durante i nostri viaggetti, diciamo che spesso ci risveglia nei momenti di stanchezza. Peccato non sia la stessa cosa quando mettiamo Massimo Ranieri, ma forse sarà che abbiamo cd in cui lui canta veramente veramente da funerale, lento triste e mesto. Mio marito invece non riesce a stare senza cappuccino, che è stato anche causa di nostri battibecchi qualche volta, ad esempio a Rouen, di domenica con tutti i negozi e bar chiusi e niente colazione in hotel, è capitato di aver perso letteralmente mezza giornata a cercare un bar aperto per un cappuccino, neanche la vista della cattedrale o dell'orologio ha risvegliato mio marito. Per la serie "nun vogl' sapè nient', rat'm 'nu cappuccin" e a me dice che non capirò mai come si sente. Non ne parliamo poi quando a casa dico che siamo in ritardo dobbiamo saltare la colazione, frecce ed archi lancia con il solo sguardo mattutino.
    Buonanotte cara padrona di casa e buonanotte a tutti i suoi ospiti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E non ho fatto ancora parola dello straordinario caffè che fa tuo nonno. Ho avuto la fortuna di berlo.
      Un vero signore napoletano, che mi ha sempre ricordato Eduardo De Filippo.
      Una volta assaggiato il suo caffè, il resto al paragone sarà sempre perdente.
      Ciao bambina.

      Elimina
  22. Già non dormo...se poi ci metto pure il caffè... :)))
    Uno solo, al mattino, seduta in terrazza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caffè e terrazza. Al mattino. Bellissimo.
      Bacio.

      Elimina
  23. Il cardiologo m'ha convertito all'orzo e mi sono adeguato piacevolmente nonostante un certa riluttanza iniziale.. evidentemente non ero un caffeinomane.. a Napoli sarà pure una favola ma quel vizio di darti la tazzina bollente!!!...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mio padre ha avuto due infarti. Dovrebbe bere caffè d'orzo per il resto della sua vita. Ma non ce la fa.
      Lui il suo caffè lo pretende due volte al giorno. Al mattino si alza e aspetta che la moka preparata da mia mamma faccia il suo dovere. Poi latte, caffé e i suoi biscotti.
      Al pomeriggio dopo il riposino quotidiano ( doveroso per lui che oggi compie 81 anni) i miei genitori si preparano il secondo caffè. Quando a casa ci sono io, diventa un piacere far parte del rito. E glielo preparo.
      La tazzina bollente a Napoli è un rito. Nessun napoletano berrebbe la sua bevanda preferita senza la tazza bollente e il bicchiere d'acqua a fianco!

      Elimina
  24. Su "You Tube" sono spariti tutti i filmati relativi alle partecipazioni di Donata Kalliany al "Costanzo Show" (56 presenze).
    Restano due o tre video relativi alla presentazione del suo primo libro "Di mamme ce n'è una folla". nessie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, ieri avevo trovato pochissimo. Solo degli articoli scritti per Repubblica.
      E dato che hai acceso in me una forte curiosità, ora vado a cercarmi i filmati su you tube.

      Elimina
  25. Ops, scusa Luca: pensavo di essere nel blog di Mariella ed invece sono nel tuo.
    Del resto lo stile classico dei post Bianchini è inconfondibile.
    Ma utilizzate la biro con il cappuccio o quella con il birlino?
    E di che colore la preferite?
    Ma scrivete ancora a mano?
    Comunque la facilità ed immediatezza del nazional popolare solitamente stimola i commentatori a portare testimonianza.
    Io cosi!
    Io cosò!
    Dopo ottantadue commenti consecutivi di gente che descrive come mangia la pizza viene da dire: “ma chi se ne frega!”
    Va be': visto che sono qui ed un caffè non lo si rifiuta mai ( o quasi) ne prendo uno ( uno solo?) pure io.

    Paolino Pap.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appena sposato, e con il primo turno lavorativo incombente – sveglia alle 5.20 – mia moglie si alzava pure lei per la tenerezza di prepararmi il caffè.
      Dopo due giorni ( due!) di levataccia mi fa:” ti dispiace se alla sera ti preparo la mocca già pronta sul fornello e poi ti arrangi ?
      Da qualche anno a questa parte ci siamo convertiti alla macchinetta espresso ma la procedura è la stessa: alla sera lei la carica; e al mattino non devo far altro che pigiare il bottone.
      Fatto sta che le mie sveglie sono molto fantozziane: nel senso che generalmente arrivo giusto giusto a timbrare il cartellino alle 5,59 ( l' inizio del turno è alle ore 6) con grandi sprint di corsa finale tra il parcheggio e l' obliteratrice.
      Del resto cerco di rimanere a letto il più possibile: per cui tutte le operazioni successive ( pipì, lavaggio, vestizione, colazione, uscita) devono essere svolte alla massima celerità e ottimizzazione dei tempi.
      E se non devo caricare la macchinetta del caffè ( trovandola già pronta) guadagno un minuto e sedici secondi.

      Paolino Pap

      Elimina

    2. L' altro giorno, per problemi tecnici ( filtro intasato) la macchinetta del caffè espresso non era utilizzabile: per cui sul fornello la consorte ha riesumato la vecchia mocca.
      Accendo.
      Nel frattempo faccio altro.
      Terminato di fare altro il tutto doveva risultare sincronizzato: ma il caffè non sale.
      Aspetto.
      Aspetto.
      Guardo sempre più innervosito l' orologio.
      La mocca emette starni fumi e singulti.
      Mha...
      Ad un certo punto vedo il manico che si stacca e precipita sul fuoco.
      Faccio appena in tempo a toglierlo e vedo il tappino in plastica del coperchio che comincia a colare
      Echeccazzo!
      Vuoi vedere che non è stata messa l' acqua?
      Ciao, Luca!!!

      Paolino Pap

      Elimina
    3. Stavo pensando caro Pap, che uno dei prossimi post lo faccio sulla pizza.
      Come piace, quale si preferisce, come la si mangia ecc...ecc...ecc...
      Ogni tanto ritengo sia necessario "sfracassare" meno le balle ai miei amici con post su libri e film o su domande filosofiche e dedicare dei momenti al semplice svacco.
      Detto questo non sei l'unico ad alzarsi all'alba e a correre per andare al lavoro con i minuti contati.
      Ho presente una persona di famiglia, di circa la tua età che si alza intorno alle cinque e un quarto tutte le mattine.
      L'unica cosa che fa quella squilibrata della moglie e preparargli la "schiscetta" la sera prima. Perché preferisce che in ufficio mangi qualcosa di sano, piuttosto che toast e panini veloci.
      Questo sempre se non è troppo cotta la sera.
      Non gli prepara neppure la macchinetta del caffè. Prima di tutto in casa hanno quella "espresso" e lì ci vuole davvero un momento ad accenderla. Qualche istante d'attesa ed è pronta.
      Ma dato che lui, molto terrone, al mattino preferisce la moka, ecco che la sera prima se la prepara da solo. E devo dire che viene fuori un caffè molto buono!
      Non ci sono più le mogli di una volta.
      Certo che se poi si dimenticano pure l'acqua nella caldaia siamo a posto!
      Con affetto.
      Luca B.

      Elimina
    4. Caro Pap?
      Con affetto??
      Ma tu non sei Luca Bianchini!
      Che lui non mi sopporta.
      E allora chi sei?
      Immagino una persona squilibrata... visto che usurpi i blog altrui.
      Ma esistono ancora le schiscette?
      Ricordo quella che mia mamma preparava a mio papà (auguri al tuo!) quando andava in cantiere: ma correvano gli anni 70.
      Che ci metteva dentro il brasato o lo spezzatino. Roba sana che mio padre inficiava sul finale quando a corredo si fumava le Nazionali Semplici.
      Comunque la mia pizza preferita è ai frutti di mare.
      Ma solo quando è mia moglie a ordinarla per lei.

      Paolino Pap

      Elimina
    5. Infatti. Sono la moglie squilibrata che prepara la schiscetta al marito ma non il caffè.
      Ma anche senza "affetto" e "caro" mi avresti sgamato.
      Per quel che ne so esistono. Sono residuati bellici ma esistono.
      In casa è stata sostituita da vaschetta in plastica rigida divisa in due. Spazio più largo per companatico, spazio più ristretto per contorno.
      Di pizza riparleremo a tempo debito.

      Elimina
    6. Grazie Pap per gli auguri al mio papà.

      Elimina
    7. Veru, non è complicato!
      Sarà l'ora tarda ahahah

      Elimina
    8. Veru, te lo spiego io: vai a fare due caffé che è quello che ci vuole per me e Mariella visto che siamo reduci dal teatrino appena recitato.
      Insomma: visto che la metrica e consistenza nazional popolare di questo post è spiaccicata a certi del Bianchini ho fatto finta di essermi sbagliato capitando nel suo Popup invece del Doremifasol
      Mariella, che in questo caso si è dimostrata meno lenta di te ( ma non era complicato!) ha raccolto facendo finta di esserlo, il Bianchini.
      Per me due cucchiaini di zucchero, grazie.
      E pazienza se l' ora è tarda: non rimango insonne se piglio caffeina prima di coricarmi.

      Paolino Pap

      Elimina
    9. Se le cose stanno così allora avevo capito tutto.
      Solo per un attimo ma proprio per un attimo ho pensato sarà mica davvero il Bianchini.
      Ohhhh l'amico della Mariella.
      Va bene vado a farvi il caffè.

      Elimina
  26. A riempire una stanza basta una caffettiera sul fuoco
    (Erri De Luca)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perdonami se sul caffè preferisco il grande Eduardo:

      Chi mai potrebbe prepararmi un caffe' come me lo preparo io, con lo stesso zelo ...con la stessa cura?...
      Capirete che , dovendo servire me stesso , seguo le vere esperienze e non trascuro niente.........
      Sul becco......
      lo vedete il becco?...
      Qua, professore, dove guardate?

      Questo...

      Vi piace sempre di scherzare....
      No, no... scherzate pure...

      ...sul becco io ci metto questo coppitello di carta...
      Pare niente, questo coppitello, ma ce l'ha la sua funzione ...
      E gia', perche', il fumo denso del primo caffe' che scorre, che poi e' il piu' carico, non si disperde.
      Come pure, professore, prima di colare l'acqua, che bisogna far bollire per tre o quattro minuti, perlomeno, prima di colarla, vi dicevo, nella parte interna della capsula bucherellata, bisogna cospargere mezzo cucchiaino di polvere appena macinata.
      Un piccolo segreto! In modo che al momento della colata l'acqua in pieno bollire, già sia aromatizzata per conto suo.
      Professore anche voi vi divertite qualche volta, perche', spesso, vi vedo
      fuori al vostro balcone a fare la stessa funzione. ..
      ..siccome mia moglie non collabora, me lo tosto da me...
      Anche voi professore?..
      E fate bene...
      Perche', quella, poi, e' la cosa piu' difficile: indovinare il punto giusto di
      cottura, il colore....
      A manto di monaco....
      Color manto di monaco.
      E' una grande soddisfazione, ed evito pure di arrabbiarmi, perche' se per una dannata combinazione, per una mossa sbagliata, sapete, vi scappa di mano il pezzo di sopra, si unisce a quello di sotto, e si mescola posata e caffe'...
      Insomma viene una schifezza...
      Siccome l'ho fatto con le mie mani e non me la posso prendere con nessuno, mi convinco che e' buono e me lo bevo lo stesso.....
      Professore e' passato. (versa il contenuto nella tazzina)
      Ecco qua! Caspita, che caffe'! E' cioccolata!
      Vedete quanto poco ci vuole per rendere felice un uomo: una tazzina di caffe', presa tranquillamente qui fuori....
      con un simpatico dirimpettaio....
      voi siete simpatico, professore....
      vedete, mezza tazzina me la conservo, me la bevo tra una sigaretta e
      l'altra...
      (Eduardo De Filippo - Questi Fantasmi - atto secondo)

      Elimina
  27. A me piace molto, se me lo preparano anche di più. Moka o bar, no cialde please!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh per alcune cialde faccio uno strappo alla regola :-)

      Elimina
  28. Non posso stare senza caffè, rigorosamente amaro, al punto che non rinuncio a berlo nemmeno quando sono all'estero...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e benvenuta.
      Direi che con la tua passione per i viaggi, suppongo sia importante trovare anche il posto giusto e il caffè giusto, in giro per il mondo!

      Elimina
  29. Questo benedetto caffè, non se ne può fare a meno.
    Se la mattina non lo bevo, rischio di camminare come uno zoombie per tutto il giorno. Però riesco a limitarmi, uno la mattina ed uno dopo pranzo.
    Meno male... Baci Mariiii...

    RispondiElimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)