AVEVO SAPUTO QUEL GIORNO CHE LA SCRITTURA ERA CAMPO APERTO, VIA D'USCITA.
(ERRI DE LUCA - IL PIU' E IL MENO)

30 maggio 2016

HO SCESO DANDOTI IL BRACCIO.





Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale
E ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino.
Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio.
Il mio dura tuttora, né più mi occorrono
Le coincidenze, le prenotazioni,
le trappole, gli scorni di chi crede
che la realtà sia quella che si vede.

Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio
Non già perché con quattr'occhi forse si vede di più.
Con te le ho scese perché sapevo che di noi due
Le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate,
erano le tue.


(Eugenio Montale)





Non avrei nulla da aggiungere a tale grandezza. Una delle mie poesie preferite in questa sera di primavera che sembra autunno. lì alla fine delle scale, carica di malinconia.

43 commenti:

  1. Davvero è impossibile aggiungere altro! Bacio forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, a volte mi aggroviglio troppo, leggi sotto...
      Bacio grande a te.

      Elimina
  2. Questa sera è una di quelle in cui tutto è fermo. Non leggo, non scrivo, non riposo.
    E allora penso troppo. E quando penso troppo,di solito, finisco per aggrovigliarmi da sola.
    E viene fuori il ricordo di una poesia amata e patita.
    Forse è paura.

    RispondiElimina
  3. Certe volte nascono pensieri e ricordi molto belli,la mente non è mai a riposo.Piace tanto anche a me.buoni giorni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buoni giorni a te Chicchina, spero tutto bene. Grazie.

      Elimina
  4. Ho sempre avuto una qualche ammirazione verso Montale. Trovavo così pura la sua malinconia da riuscire quasi a vederla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come un riflesso che ti si attacca addosso, la sua malinconia.

      Elimina
  5. Vorrei saperle scenderle milioni di scale dandole il braccio, ché le migliaia scese finora non son bastate.

    RispondiElimina
  6. molto bella l'allegoria
    a me non sarebbe mai venuta per il fatto che le scale le ho sempre salite e poi strette, strettissime, niente a che vedere con la scala dell'Ariston

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La scala dell'Ariston mi farebbe venire il panico;)

      Elimina
  7. "Ho sceso dandoti il braccio"... ovvero un capolavoro metaforico.
    Quel che mi ha sempre colpito di questo "sonetto" è la totale assenza di metrica e il suo stile prosastico che, in virtù di una straordinaria capacità espressiva, assurge a brano piano, elegante e lirico.
    Un inno all'amore, questa creazione montaliana, un omaggio alla compagna perduta, un canto accorato e sublime al valore della propria donna e, più in generale, all'importanza che le donne hanno nella vita di coppia.
    Veramente struggente il passaggio finale: "Con te le ho scese perché sapevo che di noi due / Le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate/ erano le tue"... che ridimensiona la cecità fisica ed omaggia la formidabile capacità di leggere la realtà ed orientarsi meglio del "vedente" nell'intricato labirinto della vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come un fiume in piena, come la vita che ti travolge.
      Senza accortezza, senza giustezza.
      Anche tu hai compreso perfettamente, anche se per me vale pure il contrario.

      Elimina
    2. > per me vale pure il contrario.
      Pienamente d'accordo, anche se le donne, di regola, sono più inclini alla collaborazione "spicciola" ^__*

      Elimina
    3. E vedono più lontano ;)

      Elimina
  8. Un di quelle poesie che già al secondo rigo ti tira un pugno in faccia.

    RispondiElimina
  9. Mi fermo sempre davanti a Montale, non posso fare altro: mi piace molto la tua risposta a Silvana "Questa sera è una di quelle in cui tutto è fermo. Non leggo, non scrivo, non riposo.
    E allora penso troppo. E quando penso troppo,di solito, finisco per aggrovigliarmi da sola.
    E viene fuori il ricordo di una poesia amata e patita.
    Forse è paura." Questo è il vero post secondo me, Montale splende di suo e tu sai scrivere. Sarà il contagio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, come mi piacerebbe essere contagiata da tale grandezza. Ma mi contento di risplendere di luce riflessa.
      Così appaio una lenticchia un tantino più grande.
      Grazie Enzo.

      Elimina
  10. Sempre meravigliosa .. e non è riferito solo alla poesia :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e tu sempre speciale:)))

      Elimina
  11. Le scale si scendono e si salgono, spesso si è in due e non è ben chiaro chi sostenga chi, né di chi siano gli occhi che vedono oltre. Proprio quando pensiamo di essere noi a sorreggere si dovrebbe avere l'onestà di riconoscere all'altra persona il diritto di esserlo a tutti gli effetti.
    Bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse sarebbe meglio dire che non importa chi sostiene chi: la cosa importante è esserci.
      Sempre, a mitigare il dolore di una caduta o ad evitarlo; se ci si riesce. Rendendoci conto prima che, senza quello sguardo, non andremmo da nessuna parte. Tutto qui. Paura e gioia sono sullo stesso gradino, nelle scale della vita, ma la mano che al momento tiene forte la presa è il nostro premio. La cosa complicata è riconoscerlo, a volte siamo i primi a non volerlo.

      Un bacio a te.

      Elimina
  12. E' davvero molto bella!
    Comunque ho fatto un salto veloce nel tuo blog e mi piace molto, infatti mi sono aggiunta ai tuoi lettori fissi!
    Lifen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luisa, benvenuta.
      Sì è una poesia parabola, come la chiamo io. Ti mette a nudo.
      Sono contenta ti sia piaciuta la mia casa.
      Arrivo presto da te.
      Grazie.
      Un abbraccio.

      Elimina
  13. E' così tanto bella che ogni commento mi sembra pure superfluo..
    Tira fuori quella lacerazione che spingo via con forza , spesso con veri fallimenti, ma questa poesia pur facendo uscire tutto il dolore mi commuove proprio per la sua intima bellezza.
    Ti bacio naufraga!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Nella, comprendo perfettamente l'idea che pur sofferente nella lettura, alla fine riusciamo ad essere colpiti da tutto quell'amore che intravediamo.
      E allora questo basta ad accantonare il dolore. Quello che torna sempre, quello che ci fa compagnia. Ma senza rinunciare ai momenti di pura poesia che ci aiutano ad affrontare nuovi passi, nuovi scalini. La strada continua e le battaglie pure.
      Amica bella, qui è un diluviare strano, tra scrosci improvvisi e altrettante improvvise schiarite. Ti abbraccio forte.

      Elimina
  14. Quale commento è possibile, di fronte a un tale poeta?
    M'illumino d'immenso.
    Un sorriso per la settimana.
    ^____^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo commento, a dire il vero.
      Un abbraccio a te.
      Buon 2 giugno.

      Elimina
  15. Mi piace tanto Montale, anche per una questione di appartenenza ligure. Ma io in questo periodo ho bisogno di solarita'e leggerezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora presto su queste pagine, un po' di sole per Sara.
      Ma non oggi, poi capirai.
      Ti abbraccio.

      Elimina
  16. Mi dispiace leggerti aggrovigliata, se ci siamo capite. Ti abbraccio, di più non so fare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci siamo capite. E ti abbraccio pure io. FORTE.

      Elimina
  17. Bellissima poesia, hai ragione non c'è nulla da aggiungere...
    Ti ho conosciuta tramite l'evento del blog La Cuochetta e il Piccolo Chef, e mi sono iscritta al tuo blog! Se vuoi, mi trovi qui: L’angolo della casalinga, ricette veloci e facili

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Monica, benvenuta.
      Grazie per il passaggio e per il bel commento.
      Arrivo presto da te.

      Elimina
  18. Molto bella la poesia ..
    E molto bello il blog. Io adoro i libri quindi mi piace leggere recensioni per trovare qualche libro nuovo o un autore che non conosco ..ti leggo con piacere.
    Se ti va passa da me nuovo post e potremmo seguirci a vicenda ..

    http://fashionsoulbys.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fashion So(u)l, benvenuta.
      Ci leggeremo a vicenda. Grazie per il passaggio. Arrivo presto da te.

      Elimina
  19. Bella poesia, non la conoscevo!!!
    sono arrivata sul tuo blog grazie alla festa dell'amicizia...ora mi unisco ai tuoi lettori. se ti va di dare una sbirciata la mio blog, mi trovi qui: http://ideedililli.blogspot.it/
    Un saluto affettuoso =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elis, benvenuta sul mio blog.
      Spero di vederti presto tra i miei lettori.
      Tra poco arrivo da te.
      Un abbraccio.

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)