AVEVO SAPUTO QUEL GIORNO CHE LA SCRITTURA ERA CAMPO APERTO, VIA D'USCITA.
(ERRI DE LUCA - IL PIU' E IL MENO)

19 marzo 2017

UNA FOTO E...DAL BLOG DI OFELIA DEVILLE.









Partecipo ad un'iniziativa di Ofelia Deville del blog Pride che lei spiega molto bene nel suo post che vi lindo qui sotto.




Pubblico una foto che mi sta particolarmente a cuore e ci abbino una canzone, una frase, una poesia, una breve storia.
Mi pare un meme semplice e bellissimo che può spiegare tanto di noi. A partire da questo fine settimana sarà un post che volendo potremo ripetere ogni  secondo mercoledì del mese.
La mia passione per la fotografia è cosa nota (e chi mi segue su Instagram lo sa bene) quindi coglierò l'occasione per raccontarvi di volta in volta qualcosa di me.
Ringrazio la cara Ofelia per l'idea. E speriamo vi piaccia ciò che scriverò ispirandomi alla foto.








Il mondo intorno a Mariella (foto privata di Mariellaesseci)



La foto proposta l'ho fatta a casa di ritorno dal mio ultimo viaggio negli Stati Uniti. E con chi potevo partire se non con Audrey Hepburn? Colleziono libri, immagini, film, di tutto un po'riguardo lei. Cerco di attingere dal suo stile piccole gocce di bellezza e di eleganza. Non le somiglio neppure alla lontana ma non importa, è sintonia di cuore.
Per quel che riguarda poi le scarpe,  sono un altro paragrafo irrinunciabile della mia vita. Le amo, le colleziono, le uso. Sono iconiche, dicono tutto o la maggior parte delle persone che le indossano. Amo parecchio pure quelle da uomo e non ho mai sbagliato a "catalogare" un uomo partendo dalle sue scarpe. Quella della foto è un po' un simbolo al quale per me era impossibile rinunciare.
"Tapestry" è uno dei miei vinili feticcio. Come raccontavo alla mia amica Nella sul suo blog, l'originale di quel disco che avevo in casa in cassetta, l'ho trovato rovistando in un negozio di vecchi vinili nell'East Village di NYC qualche anno fa. Un gran colpo di culo per una come me che conosce a memoria ogni singolo dell'album.
Il libro. Ho trovato questa versione del romanzo di Anne Bronte nella celeberrima libreria Strand. Quella grande come un intero isolato. Vi immaginate quanto tempo ci sono stata dentro e cosa non mi sono portata via?
Alla base di tutto la cartina. La mia città del cuore. Nessuno al mondo può contenderle il diritto di essere l'inizio e la fine di ogni cosa. Il tempo che scorre la sorprende sempre diversa. La città che non dorme mai, con il continuo rumore di sottofondo di chi sarà sempre più avanti di tutti.

Alla prossima foto.


34 commenti:

  1. Anche tu Mari!!!!!!
    Pure io!! Ci si può tirare indietro con un meme così simpatico e semplice al tempo stesso?
    Buona domenica stella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimenticavo... come icona di stile mica hai scelto male eh... Audrey Hepburn. Non solo grande attrice ma l'eleganza e la classe fatta persona.

      Elimina
    2. Ahahah arrivo da te!
      Infatti come far finta di niente con un mene così?
      Sto già facendo la lista di foto per i prossimi secondi mercoledì del mese. Audrey, siamo lontane come la terra e la luna, ma vuoi mettere il fascino della luna per noi comuni mortali?
      Bacione.

      Elimina
    3. Penso che come ideale sia irraggiungibile, per me slmeno. Ma sognare è mica vietato, no?
      Regina del fascino!
      Ciaooooooooo

      Elimina
  2. Non parteiperò e sai anche il perché: non sono un fotografo e qualora lo fossi dovrei ogni volta farmi aiutare da mia nipote che non sta certo a mia disposizione, nel senso che non voglio io che lo sia; posseggo ancora dei vinile a 33 giri, addirettura uno rarissimo con il concerto in Si Bemolle minore Opera 23 di Cjiaikowsky per pianoforte e orchestra, al piano Rubinstein dirigente Leinsdorf; anche se so cosa significhino le scarpe per te e per tante donne, anche se per me, che non ci sono mai stato e certamente oramai non ci andrò più, NY è il principio e la fine del mondo.
    Ma vi leggerò ragazze.
    Audrey Hepburn aveva tutta la classe che tantissime altre nemmeno sapevano che esistesse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai tu una frana con la macchina fotografica?
      Chissà perché non pensavo, del resto tu imprimi le immagini che ti colpiscono sulla tela e sulla carta. E in queste due arti sei maestro. Io mi accontento di scattare, che sia lo smartphone, la mia polaroid o la mia Minolta. Avrei anche una Nikon ma non la uso mai, troppo scomoda.
      Audrey era una persona bellissima. E attenzione, ho detto Persona.
      Bacione.

      Elimina
  3. Io a a mi modo ho già partecipato lasciando un link di un mio vecchio post con una foto ed una mia poesia a commento. Non farò quindi un altro post ma ammetto che tu hai fatto di questo meme un post davvero bello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Daniele, sono andata sul link che avevi lasciato da Ofelia e ho commentato la bellissima poesia.
      Grazie di cuore per le tue parole, io sono qui come sono nella vita. Eccomi.
      Abbraccio.

      Elimina
    2. ho letto il tuo commenti infatti e l'ho apprezzato moltissimo grazie!

      Elimina
  4. Bellissima immagine, di te, di come sei o di come vorresti essere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sara. Hai centrato il punto: così come sono. Come sarei voluta essere e sono diventata a parte Audrey ahahah!
      Bacio grande bellezza.

      Elimina
  5. Post e foto alquanto interessanti ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È il tuo "alquanto" che mi preoccupa :-)

      Elimina
    2. Molto diplomatico! :D

      Comunque veramente bellissimo. Spero di trovare un po' di tempo...

      Elimina
  6. Ma dai, ho appena postato anche io!
    Belle le tue considerazioni su New York, così come la foto: non sono mai stata nella Grande Mela, ma ho imparato ad apprezzarla a furia di vedere Sex and the City.
    Un abbraccio,
    Franny

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono una "sexandthecity" dipendente. Dagli anni '90 ho visto tutte le puntate e non ho mai smesso visto che le repliche continuano ad essere trasmesse. Quindi hai riconosciuto le scarpe!!! :-)
      Arrivo da te!

      Elimina
  7. L'iniziativa cui hai aderito e' veramente bellissima e lascia spazio alla propria fantasia ma soprattutto a quanto sentiamo dentro il nostro cuore!!A me piuttosto e' capitato spesso di abbinare le canzoni alle persone reali o a determinati eventi della mia vita,sicuramente un qualcosa di insolito...qualche volta a certe foto,ma si tratta sempre di foto risalenti al passato anche piuttosto lontano...bellissimo abbinare ad una foto da noi scattata una canzone,poesia,pensiero o frase..quello che più ci viene dal cuore,ciò che è maggiormente in sintonia con il nostro modo di essere o pensare!L'abbinamento che hai scelto,il punto di riferimento il modello,incarnato da una Grande come la Hepburn non poteva essere più azzeccato,complimenti!!!:)).
    Un bacione e buon inizio settimana:)).
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosy, perché non provi anche tu? Foto e musica... Tu che sei bravissima a stuzzicare il palato con le foto delle tue ricette, non dovresti avere nessuna difficoltà!
      Grazie per avere apprezzato il post e la foto, sei sempre molto carina e molto vicina.
      Ti abbraccio forte.

      Elimina
  8. Non ci crederai ma istintivamente fin dalla prima volta che ti ho letto tra le pagine del tuo blog, la mia mente ti aveva associata a Audrey Hepburn. Forse perchè in fondo siete simili, fiori all'apparenza fragili ma con una forza interiore forte e trascinante. Bel post!
    Grazie per aver accettato di partecipare alla mia iniziativa.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tempo fa raccontai del mio primo incontro con lei. Credo di avere avuto circa sette anni. E non ho mai smesso di pensare che fosse il personaggio più "bello" che avrei voluto incontrare nella mia vita. Sicura che non avrebbe mai potuto deludermi. Grazie per averci paragonato a due fiori molto più forti nella realtà di quello che sembriamo. Perché è così soprattutto per quel che mi riguarda.
      Un abbraccio a te e alla prossima foto.

      Elimina
  9. Io posterei l'immagine di padre e figlia seduti sui gradini della propria veranda, tratta dal film IL BUIO OLTRE LA SIEPE e come frase a corredo, metterei quella della compianta Harper, pronunciata da Atticus a Scout "Ricorda che non riuscirai mai a capire una persona se non cerchi di metterti nei suoi panni".
    Buona serata, Mari e a ben rileggerci...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo perfettamente la scena che descrivi e soprattutto le parole, tra le mie preferite del libro di Harper Lee.
      Potresti partecipare no?
      Un abbraccio e a presto.

      Elimina
    2. http://langolo-del-sorriso.blogspot.it/2017/03/lezioni-di-civilta.htm
      E' questo che intendevi?

      Elimina
  10. Dire eccezionale è poco , peccato che sia un mezzo semovibile in questo periodo e non abbia forse tempo di rispondere a questo veramente interessante meme..
    Ma ci sono così tante cose in comune mia cara ---la Audrey.... e chi non ha voluto essere lei, le luci della città, i negozi di dischi di vinile sempre aperti e accesi,il rumore costante di sottofondo, la penombra di una finestra che ti dà su di un panorama che non dimenticherai mai, le scarpe si le scarpe e poi metto sempre le stesse...
    Ti adoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima cosa, perdona il mio ritardo nella risposta. Ma sono stati giorni complicati e altri ancora ce ne saranno.
      Anche tu ricordi la mia NYC.
      Bellissima e indimenticabile. Ti abbraccio forte cara Nella.

      Elimina
  11. Ci sono fotografie, blocchi di immagini che dicono più di mille parole, momenti fermati nel tempo che sembrano parlare. Lo hai fatto
    brava

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa Ernest per il ritardo, ma è un periodo complicato per me.
      Grazie per avere apprezzato il mio post.

      Elimina
  12. Quella foto dice tutto! Per me che ti leggo da un po' ormai, è un condensato di te ^_^ E la King... *__* L'album è strepitoso!!!
    Un grande bbarccio e buona settimana cara Mariella ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Glò cara, scusa il ritardo. Sono stata lontana dai blog ed è un periodo complicato.
      Vero che la foto mi somiglia? Grazie!
      Ti abbraccio forte anche io.

      Elimina
  13. Ofelia. Già il nome sai quanto può farmi sognare.
    E niente, Mari, spero tanto che mi perdoni per questo lungo spazio vuoto. Mi sei mancata più di tutti, tu e il tuo angolo pastello che mi fa tanto bene all'anima. Ho in serbo una lettera per te, e spero di inviartela, prima o poi.
    Per il momento ti abbraccio forte, pronta a raccontarti di nuovo di me e leggere tanto di te.
    Riguardo le foto...sei un anima pastello anche nel modo di immortalare, non ti smentisci mai.

    Ti abbraccio forte con tanto affetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ofelia è una gran donna. Un'altra bella persona conosciuta nel mondo virtuale che mi piacerebbe conoscere in quello reale. Come te.
      Bentornata ragazza e scusa per il ritardo.
      Tu torni ed io sparisco. Periodo difficile ma passerà, spero.
      Sono ancora pastello per te? Grazie tesoro, ti abbraccio forte.

      Elimina
    2. Tu per me sei SEMPRE pastello!

      Ti stringo forte forte, e spero non faccia tanto male per qualche istante almeno.

      Elimina
  14. Hai ragione Mari,
    è una bella idea questa lanciata da Ofelia, pubblicare una foto, un nostro scatto, che ci racconta e che ci permette a nostra volta di raccontarci e di farci conoscere ancor di più. Come tu hai fatto in questo post, ma come poi, alla fine, riesci a fare sempre, anche senza fotografie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mauri, sono contenta di leggerti.
      Scusa anche tu il ritardo nella riposta, ma è un periodo difficile.
      Dirai che ne sai qualcosa...
      L'idea l'ho trovata bellissima, poi io che amo le immagini quasi quanto le parole. Grazie per riuscire sempre a trovare le parole giuste. Un abbraccio circolare.

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)