19 aprile 2019

ASPETTANDO PASQUA



È tardi, sono le 11.30 di sera e sono qui a battere i tasti del mio pc mentre aspetto la fine cottura delle mie pastiere, ora in forno.
La giornata è stata lunga, ho lavorato fino alle cinque, poi di corsa a fare la spesa, cena e preparazione del dolce per eccellenza, che non può mancare mai  nel giorno di Pasqua, sulle tavole dei campani. Devo dire che, sempre più spesso, vengo a conoscenza che molti anche qui in Lombardia, la preparano o la comprano, per mangiarla poi, nel giorno della Festa.
È diventata tradizione di tutti gli italiani, e la cosa non può che farmi piacere.
Il profumo della Pastiera, per me vuole dire casa, famiglia, amore e soprattutto Resurrezione.
Un dolce importante, per prepararlo ci vuole molta cura e molta pazienza. Tanto tempo e tantissimo amore.
Di base gli ingredienti sono quelli cari alla migliore tradizione dolciaria. Ma ci sono degli elementi che la rafforzano e la rendono unica. Il grano in primis.
Il grano simbolo della nostra terra, delle nostre tradizioni contadine, rappresenta la forza e la costanza della gente italiana.  Bagnato nel latte. Vegetale e animale che si fondono.
E poi la farina, la ricotta,  le uova. Le basi. Simbolo di ricchezza, abbondanza e fertilità. 
Il profumo degli agrumi (limoni e arance) che è quello della Campania e del sud in generale.
Ognuno poi, seguendo la cultura familiare, aggiunge gli aromi che preferisce, così diventa ricca, profumata e rimembranza di tempi antichi, di comunione.
Perché la Pastiera è famiglia, è casa. È attesa.
L'attesa che viene ricompensata prima con il profumo delicato che si diffonde per tutta la casa, peccato che in questo momento non possiate sentirne l'odore.
E poi dal gusto, quando perfettamente cotta e a temperatura ambiente(mai fredda la pastiera), arriverà a coronare con il suo sapore perfetto, la giornata dedicata alla famiglia.
Intanto penso alle mille difficoltà quotidiane, ai problemi che non ci risparmiano mai, alla stanchezza che si accumula attorno alle spalle che si fanno più chine ogni giorno che passa.
Ma nel momento in cui preparo un dolce o una pietanza, quella fatica non la sento. Non la ricordo, sono impegnata a preparare un momento di felicità. 
Doso, impasto e assaporo. Ho sempre un sorriso leggero sulle labbra. Perché quando faccio qualcosa sapendo che altri ne saranno felici, sono felice. 
E dimentico tutto, i passi incerti degli ultimi giorni, quelle nuvole che si sono affacciate all'improvviso e che non so come scacciar via.
Non ho altro che le mie spalle da tirare su ed andare avanti.
Per qualche giorno però, sarò leggera, quasi ballando sulle punte e mi distrarrò mentre cucino, canticchiando.


Vi auguro leggerezza, dolcezza e amore da assaporare con lentezza.
Ci risentiamo tra qualche giorno cari amici miei,

BUONA PASQUA.


IL RISULTATO FINALE




50 commenti:

  1. E' proprio vero... impastare e preparare dolci rilassa :)belli i tuoi dolci nel forno!
    Buona Pasqua

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un ottimo modo per rilassarsi e divertirsi. Grazie Roby, auguri di Buona Pasqua a te e famiglia💛

      Elimina
  2. Io il profumo l'ho sentito... 😋
    Bacio sorellina, buon Sabato! 😗

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah il profumo che supera anche il pc😘😘😘

      Elimina
  3. Cara Mariella, per me impastare i dolci è come un rito, il profumo che si spande nell'aria è qualcosa di speciale.
    Ciao e buona e di una buona Pasqua con un abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione caro Tomaso. L'impastare ha qualcosa di antico e rituale e trasmette pace. Il profumo ti inonda di ricordi. Ti abbraccio forte😘

      Elimina
  4. Buona Pasqua carissima... adoro la pastiera, quella della mia amata Gaeta, dove ho trascorso momenti intensi della mia vita.. certo non viene prima del panettone (il mio dolce per eccellenza..); ma certi aromi, certi sapori, aiutano ad identificare le feste ed il momento, rendendone palpabile l'atmosfera.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Franco, tu sei proprio un romano anomalo. Milanista e amante del panettone😁😁😁 ti abbraccio forte per gli auguri ci sentiamo domani😘

      Elimina
    2. ...era destino... io sono stato concepito a Milano, i miei soggiornavano là per il lavoro di mio papà.. ma la mamma Milano non la reggeva proprio: la nebbia, presunti pregiudizi.. voleva farmi nascere col sole, a Roma...quindi partorì nella capitale, ma i primi due anni, poi, sono cresciuto a Milano.. evidentemente inalando lo spirito meneghino, l'amore per il panettone, per il rossonero, per il gotico, per i navigli, per l'orecchia d'elefante... ahah...

      Elimina
    3. Ahahah milanese inside. E dire che in famiglia ci tramandiamo da generazione la ricetta del panettone calabrese, nato dall'anima generosa del mio bisnonno, ma io, come te, preferisco quello milanese!

      Elimina
  5. Cara Mariella, ho assaggiato la pastiera preparata dalla mamma di una collega/amica campana e che dirti? Buonissima. Copierò la tua ricetta, non si sa mai che mi riesca bene come quella, ho i miei dubbi, però, sebbene ogni settimana prepari torte e biscotti che spariscono nel giro di due giorni.
    Buona Pasqua a te e a tutta la tua famiglia.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa tanto piacere leggere che ami questo dolce. Segui la ricetta e vedrai, molte mie amiche l'hanno fatto e i risultati sono stati ottimi. Ti abbraccio forte, auguri di una Pasqua serena a te e ai tuoi cari😘

      Elimina
  6. Quelle pastiere sembrano molto invitanti! ^_^ Ti faccio tanti auguri di Buona Pasqua, un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al primo assaggio vi darò conferma se il "tocco magico" anche quest'anno avrà la sua conferma da morso😁 un abbraccio a te e serena Pasqua😘

      Elimina
  7. leggo un po' di malinconica nostalgia in questo tuo post..
    forse le feste ti mettono un po' di tristezza??
    a me succede..
    senti come...una mancanza..


    intanto ti faccio i migliori auguri per Pasqua..

    con un caldo abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente nostalgia per gli affetti lontani, che non ho mai nascosto, in realtà. Anche perché la mia è trasparente: mi assomiglia. Ti abbraccio forte Juliette, passa una Pasqua serena😘

      Elimina
  8. Anche mia moglie stanotte ha fatto la pastiera.
    Serena Pasqua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tua moglie è campana? Un abbraccio Cav, serena Pasqua a te e alla tua famiglia.

      Elimina
  9. Che meraviglia le tue pastiere in forno cara Mariella , e' un dolce tipico napoletano , lo faceva sempre mia suocera a Pasqua , con il casatiello , io non sono brava a fare dolci , ma lo gustero' lo stesso fatto dalle cognate :-)
    Grazie degli auguri , ti lascio un abbraccio ed un Augurio di Serena e Buona Pasqua .

    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul casatiello è imbattibile mia cognata, napoletana verace. La ricetta delle mie pastiera è beneventana, quella che da tradizione ci trasmettiamo di madre un figlia. Ti abbraccio forte cara Rosy, serena Pasqua😘

      Elimina
  10. Che bello questo post che odora di cose buone e di casa !! Io sono lombarda, da noi non si usa la pastiera, veramente non abbiamo un dolce tipico per la Pasqua, a parte la colomba. Ma ti assicuro che il profumo della tua pastiera è arrivato fin da me !! Buona Pasqua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che, come dicevo nel post, sempre più famiglie lombarde, tra quelle che conosco, hanno adottato la pastiera come dolce di Pasqua? Sono contenta che l'odore del post vi sia giunto come un abbraccio. Buon a Pasqua Mirty😘

      Elimina
  11. Questo post sprigiona profumi e ricordi, sensazioni agrodolci e affetti profondi.
    Che bello, Mari. Grazie per questa condivisione.
    Assaggio virtualmente una fetta della tua pastiera e ti sento vicina in tutto ciò che scrivi e descrivi ❤
    Serena Pasqua, di cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che non ti ho mai chiesto se anche tu la prepari? È proprio il dolce della nostra terra, penso che le sue vibrazioni ti abbiano raggiunta assieme al mio affetto. Ti abbraccio, ma per gli auguri, ci sentiamo domani😘

      Elimina
  12. Ammetto che leggendo questo post ho sentito anche io l'odore della pastiera...e ho percepito l'amore che ci metti nella preparazione.
    Che sia allora una Pasqua "golosa", felice e ricca di belle sensazioni.
    Auguri di cuore a te e ai tuoi cari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah la "mia pastiera" ha avuto effetti positivi su tutti voi! Sono davvero contenta che tu abbia "sentito" l'odore e percepito l'amore che ci metto nel prepararla! Ti ringrazio e ricambio con affetto. Auguri a te ed ai tuoi cari😘

      Elimina
  13. Ciao Mariella! È vero, la pastiera ormai unisce nord e sud, e credo sia bello che almeno nel cibo siamo tutti d'accordo. Anche io amo molto cucinare per gli altri, c'è sempre più amore nel farlo.
    Ti mando un abbraccio e ti auguro buona Pasqua :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma intendi noi due sul cibo o in generale? Ahahah scherzo! Amore e glucosio, che meraviglia😁😁😁 ti abbraccio anche io, Buona Pasqua...

      Elimina
  14. La Pastiera mai mangiata, ma gli Auguri mille volte fatti, anche a te oggi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai mangiata perché non ti piace o perché non è mai capitato? Auguri anche a te e alla tua famiglia, con tutto il cuore😘

      Elimina
  15. Buona Pasqua Mariella, ma le pastiere non si infornano il giovedì? Vabbè sono buone sempre! I miei non la mangiano ed io non la faccio... forse ne comprerò una piccola piccola solo per me :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi chiamo Scaturchio e le inforno quando ho tempo...le mie sono buone senza ombra di dubbio😉 Buona Pasqua anche a te!

      Elimina
  16. Un patrimonio dell'umanità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahhahah hai ragione, io proporrei una petizione! Buona Pasqua Sara bella😘

      Elimina
  17. Risposte
    1. Cara Giusy, una serena Pasqua a te e famiglia😘

      Elimina
  18. guarda, sulla bontà delle tue pastiere ho qualche dubbio. quindi ti darei il mio indirizzo così puoi mandarmene una da assaggiare:-)

    sii leggera, sì. e balla sulle punte mentre canticchi e cucini. buona pasqua

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manda l'indirizzo, ti nomino mio assaggiatore ufficiale😜 Ballarò sulle punte delle mie scarpette neroazzurre😉 ti abbraccio. Auguri a te e Scott😘

      Elimina
  19. Mi raccomando una volta cotta spegnete er forno e lasciatela dentro finche' si fredda, guai a chi lo apre se no mi' madre se arrabbia.
    Un caro augurio a tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si lasciano raffreddare all'interno del forno spento, tenuto socchiuso dalla "cucchiarella" (per l'etimologia della parola cerca sul vocabolario napoletano-italiano)...

      Elimina
  20. Grazie per i tuoi auguri che contraccambio con piacere. La pastiera la mangiavo quando ero fidanzato con Adriana, napoletana appassionata, quasi ogni giorno. La faceva sua madre. Una sciccheria, la pastiera, la madre e la figlia.
    Da quassù mi sembra di sentire il profumo della tua.
    Buona Pasqua, Mariè.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accidenti, fare la pastiera quasi ogni giorno, ai tempi, era un'attentato al fisico! Adesso non c'è più pericolo, siamo tutti eternamente a dieta!
      Un bacio, amico mio.

      Elimina
  21. Mi ritrovo molto nelle tue parole.
    Che sia una Pasqua lieta e serena.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo è stata, cara Hermione.
      Spero anche per te.
      Un abbraccio.

      Elimina
  22. Mi ricordo anche quella dello scorso anno che avevo chiamato crostata :-), bellissima!
    Auguri Mari, serena Pasqua a te e famiglia. Abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah è vero, la "crostata" di Pasqua.
      Un abbraccio Sciarada, spero che anche per te sia stata una Pasqua leggera e serena.

      Elimina
  23. La Pastiera è davvero un dolce particolare che a me piace molto. Spero tu abbia passato serenamente le feste pasquali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un genovese che ama la pastiera, sempre più bello scoprire le passioni dei miei amici di blog! Tutto bene grazie Dany, spero anche tu😘

      Elimina
  24. Quest'anno non ho avuto energia per preparare la pastiera. Piace tantissimo a tutti noi. Ho trovato in pasticceria, fatte solo per Pasqua, pastiere monoporzione e ho preso quelle. La ragazza si è raccomandata che le intiepidissimo un po' prima di servirle, e così ho fatto. Il mattino della Pasqua ho preparato una torta salata di magro: quest'anno è trascorsa così!
    La tua torta è favolosa! quando cucino penso anch'io alla felicità che seguirà di mangiare una cosa buona e genuina, tutti assieme. Cucinare i piatti della tradizione italiani è un atto creativo, ma soprattutto di unione.
    Un abbraccio
    Nou

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo dire che la pastiera fatta in casa non ha paragoni con quelle di pasticceria anche se, alcune, sono discrete. Ma a volte sono così profumate che disturbano. I piatti della cucina tradizionale italiana dovrebbero essere riconosciuti come patrimonio dell'umanità😉 Un abbraccio grande Nou😘

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)