AVEVO SAPUTO QUEL GIORNO CHE LA SCRITTURA ERA CAMPO APERTO, VIA D'USCITA.
(ERRI DE LUCA - IL PIU' E IL MENO)

10 maggio 2012

ORTICOLA 2012: MILANO TRASFORMATA DAI FIORI



Avrei potuto parlarvi di Torino e del Salone del libro che compie 25 anni, vero.
Già, ma  vedere il manifesto qui sopra mi riempie di gioia che ci volete fare, respiro tutti gli aromi, assaporo ogni colore.

Da venerdì 11 a domenica 13 maggio ci sarà l'atteso evento di Orticola.
Per un intero fine settimana il centro della città si trasforma.
Sperando che arrivi finalmente la primavera per farci  godere al meglio dei fiori e dell'arte che la decennale manifestazione ci regala.

Orticola è per me da 12 anni, un appuntamento irrinunciabile.

Sarà perchè si tiene nei miei giardini preferiti, Giardini Pubblici di Indro Montanelli, dove io trascorro spesso, in primavera e estate, la mia pausa pranzo.
Sarà perchè per una romanticona come me, niente è più bello agli occhi e al cuore di questa esplosione di fiori, piante rare, frutti e di profumi a cui dedicarmi con passione infinita.
C'è posto per tutti, per provetti giardinieri, professionisti, pollici verdi o semplici curiosi.Quest'anno una sezione speciale sarà dedicata alle rose.
                                              
Il percorso delle rose
Si chiama percorso delle rose, raccontate in maniera speciale come la collezione delle storiche coltivate in Costa Azzurra, ad esempio Bermuda Yellow Mutabilis e le spendide americane coltivate in 60 esemplari in cui spiccano quelli creati da Tom Carruth.


In mostra anche la Rosa Bankiase "Ibrido di castello" vigorosa e profumatissima,le rose indiane di Viru Viraraghavan o ancora quelle nate dalle mani di Tantau, ibridatore tedesco che nel 1964 fece nascere la rosa viola chiamata Sissi.

Ci sono i fiori di campo i miei preferiti
le splendide e profumatissime peonie

E poi ancora laboratori dedicati a diverse attività di cui vi lascio alcune indicazioni:

  1. Come decorare la casa
  2. I bouquet di Vogue sposa
  3. Dal prato alla casa
  4. Giardino da mangiare
  5. Disegnare il relax

E ancora Orticola e i bambini, dimostrazioni e iniziative dedicate ai più piccoli come alcuni esempi che riporto:

  1. L'amore per l'orto si impara da piccoli
  2. Mani in pasta e in terra
  3. L'orchestra della natura

Naturalmente non manca la sessione "piante grasse", per chi si illude di conquistare con il tempo il famoso pollice verde.

occhio piantine che se passa veru...


Io sono pronta ad affrontare l'intenso piacere che coinvolge la maggior parte dei nostri sensi in questo lungo e profumato week-end e ve lo racconterò!


QUESTO POST E' DEDICATO ALLA MIA MAMMA E A TUTTE LE MERAVIGLIOSE MAMME DEL MONDO!

116 commenti:

  1. Cara Mary,
    Che meraviglia questo post! Mi fa sentire tutta l'aria della primavera! Le immagini che hai postato sono splendide!
    Come ho già avuto modo di raccontarti, non ho mai preso parte a questo appuntamento. Dal cartellone, sembra essere proprio un evento molto ben organizzato. Il mercato dei fiori di Sant'Angelo, invece, e' qualcosa di molto piu semplice. Ma a me riaccende tanti ricordi, perché ci sono sempre andata con mia nonna a cui i fiori piacevano tantissimo.

    A Lucy, amante delle rose arancioni, questo post piacerebbe tantissimo! Posso invitarla a venirti a trovare? Super bacio

    RispondiElimina
  2. Se il tempo domani non sara' proprio brutto come indicano le previsioni faro' un salto vedremo... Adoro l'atmosfera senza tempo che lo avvolge come una brezza leggera e mi fa sentire parte di un mondo lontano che non esiste più! Ma certo che puoi invitare Lucy la mia casa e' aperta mi farebbe molto piacere! Buona giornata mari

    RispondiElimina
  3. Mari...ghghghghgh...grazie per la fotina di piante grasse.
    Sicuramente non potrei fare a meno di comprerne alcune.
    Mi spiace che l'evento cada in un fine settimana all'insegna (sembrerebbe) del brutto tempo.
    Mari ma le fotografie sono quelle che hai fatto quando ci sei stata l'anno scorso o sono tratte da internet?
    Recentemente mi hanno regalato un mazzo di Peonie.Bellissime.
    Ma io le ho rifilate subito a mia mamma ;-)
    Buona giornata
    a dopo
    bacio veru

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao veru ghghghhghghghghgh
      Le foto le faccio con il telefonino di solito e non riesco a postarle.
      Per questo motivo sono stata costretta a cercarle in internet.
      Belle vero?
      Se riesco e vado domani, porto la macchina fotografica e poi le lascerò sul blog.
      Le Peonie sono tra i miei fiori preferiti insieme ai fiori di campo, i tulipani, le calle e le rose gialle.

      Come avrai potuto notare nel blog di Vanity, il mio nuovo avatar ha due peonie bianche su fondo nero.
      Hai fatto bene a regalare le peonie alla tua mamma e con l'occasione ricordiamo che domenica è la festa di tutte le mamme.
      Chissà cosa regalerà Noa alla sua!

      bacio

      mari

      Elimina
  4. Brava Veru anche io "giro" i fiori a mia madre quando me li regalano, eccetto quelli di mio marito ovviamente. Non puoi immaginare quante piante ha avuto mia madre da me quando mi sono sposata....mi avranno regalato una ventina di piante e mi sono tenuta solo i 2 bonsai,purtroppo uno è morto a causa du un fungo, nonostante lo curassi tantissimo, l'altro è cresciuto tanto e mi sa che tra un pò faremo la solita fuga dal suo "parrucchiere" (il ns bravissimo fiorista) ed una pianta grassa con uno splendido fiore rosso.

    Anche a Perugia a fine mese faranno una cosa del genere, mi sto informando sulle feste nei dintorni di Assisi e Spello per quel fine settimana e diciamo che questa di Perugia non ci attira....magari se avessero aggiunto a festa della primavera anche ...e del grano (con vari tipi di pane e pizze) una scappatina l'avremmo fatta pure noi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già, anche quella di tuo suocero ghghghghghhghghghgh!
      Che ogni tanto fa raid sul balcone per controllare che ci sia ancora.

      Io e i bonsai siamo diversamente amici non sono mai riuscita a farne sopravvivere uno!
      Orticola è magica, credo non ci sia nulla di simile in Italia.
      Oggi, dato che come ben sapete, lavoro in zona, durante la pausa pranzo ho incrociato più di una signora in bici che si portava dietro, bouganville,rose e altri specie di piante rampicanti sul retro.

      Bellissimo, con questo sole vedere l'inizio di questo week end fiorito.

      Baci

      Elimina
  5. Piccola info:
    Sabato 19 maggio Chicco e Ai.Bi. organizzano il primo Open Day dedicato alle adozioni internazionali a Milano all’interno del Negozio Chicco di Via Dante,6

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!
      Siamo sempre informate su tutto con te.

      Elimina
  6. Ciao Mary,su invito di Manuela mi sono fiondata perchè quando si parla di rose ed in particolare arancioni io impazzisco!Mi piacerebbe partecipare a questo evento ma sono un pò lontana.Anche da noi c'è una manifestazione che si chiama"Marina in fiore" ed è molto bella credo sia fra due settimane.Io adoro le piante e i fiori recisi, a volte ,anzi, spesso me li regalo.Domani da noi c'è un bel mercato e lì comprerò il solito mazzo di rose per rallegrare la mia casa.Grazie per l'ospitalità ritornerò sicuramente! Buon week! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucy!
      Sono davvero contenta che tu sia passata a trovarmi.
      Manu mi aveva accennato alla tua passione per le rose arancioni un giorno che le avevo raccontato delle mie piccole rose (sai ho un balconcino minuscolo) che fioriscono sempre durante l'anno persino in pieno inverno e in questi giorni sono splendide.
      Non so bene dove abiti, ma ti immagino immersa in giardini fioriti, non so bene perchè.
      Forse traspare dalla gentilezza delle tue parole.
      Come te anche io il sabato mi faccio regalare o mi regalo dei fiori freschi.
      La primavera ( ma sarà primavera questa?) è il periodo che preferisco per circondarmene, e poi ci sono i miei fiori preferiti.

      Questo piccolo mondo ti spalanca le braccia torna quando vuoi e io ricambierò la tua visita di oggi davvero tanto ma tanto gradita.
      A presto e un bacio.

      Elimina
    2. Che bello vedere Lucy e Claudia!
      Questo post meritava di essere pubblicizzato, Mary, portandolo all'attenzione di chi lo avrebbe apprezzato!

      baci

      Elimina
    3. Cara Lucy,
      è inutile negarlo: ti vediamo tutte una Lady nel suo giardino a curare le rose e ad ammirarne i colori o a leggere libri con lo sguardo trasognato...!
      Quanta grazia puo' trasparire da un mezzo come la scrittura!

      Elimina
    4. Hai ragione Manu, è proprio così per Lucy!

      Elimina
    5. Care Mari e Manu,si io ho un grandissimo giardino fiorito che curo con amore,anche se i risultati spesso non sono buoni non ho il pollice verde,purtroppo.Amo i fiori ,i loro colori mi mettono allegria, i loro profumi mi ingentiliscono l'anima.Grazie per i vostri complimenti! Buona domenica

      Elimina
  7. Ciao Mary!
    Adorabili fiori..le Peonie sono spettacolari in ogni colore,quelle doppie le mie preferite!
    Ringrazio te e Rue che mi ha avvertito di questo tuo post mi son lustrata gli occhi qui eh
    Ti auguro buon week .Sorrisi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Claudia!
      Ma questa è proprio la giornata delle belle sorprese!
      Non vorrei sembrare ripetitiva ma davvero mi fa felice la tua visita.
      Del resto noi non siamo proprio delle sconosciute vero? Ci siamo già incontrate tempo fa altrove e mi fa tanto piacere che tu sia passata a trovarmi.
      Come stai?
      Tutto bene in quel di Bergamo?
      Spero davvero di si.
      Le peonie sono dei fiori splendidi, dal profumo intenso che riescono ad emozionarmi tutte le volte che le incontro.
      Spero domani di trovarle, come lo scorso anno e di accaparrarmene un bel mazzo.
      Le peonie doppie sono straordinarie, hai ragione!
      Ti abbraccio e torna presto a trovarmi.
      Ricambierò con piacere passando a salutarti nel tuo blog.

      Buona serata e buon fine settimana, a presto.

      Elimina
    2. Ciao Mary!
      Grazieeeee,il piacere è stato mio e per davvero,siiiii ci siamo incontrate in altri blog ora ti ho aggiunto nei mie preferiti qui su blogger,Style piano piano lo abbandono giusto il tempo di trasferire alcuni post anche se le amiche le seguirò' comunque
      Io sto bene grazie,sei deliziosa le mie peonie quest'anno non fioriranno son piantine nuove devo aspettare il prossimo anno..uffi sto cercandole nei vivai ma mi dicono che è troppo avanti la stagione…ma se ancora non è iniziata! ehehehehe
      Ecco..faro' così' pure io cercherò' quelle recise che faccio prima.Certo che torno a trovarti,qui mi piace ed è un vero piacere
      Un abbraccio per il week
      Baci e sorrisi

      Elimina
    3. Ciao Claudia!
      Ho trovato le peonie recise e ora sono in bella mostra dentro un vaso in sala.
      Splendide!
      Allora dovrò aggiungere anche l'altro tuo blog alla pagina dei miei personali.
      Anche tu sei delusa vero dalla piattaforma di Style che spesso tradisce?

      Vado a cercarlo!

      Buona serata e a presto!

      Elimina
  8. La Lucietta e la Claudia (la bergamasca come la sottoscritta)?
    Brave.
    Però vi avviso che qui è il blog del "politicamente scorretto".
    Scordatevi le buone maniere...ghghghghgh
    Scherzo.Vi saluto perchè spesso vi ho letto.
    veru

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto veru che bella sorpresa?
      Sono proprio contenta.
      Questo blog talvolta può sembrare una baraonda è vero, ma è anche vero che ci piace così.

      Approfitto per dire al papero che io i piatti non li ho mai presi dalla credenza.
      E che quello pseudo amico di un post fa mi ha lasciata basita.
      Preferisco il solito rompipalle.

      Chissà perchè quando si parla di blog politicamente scorretto si fa presto a fare il collegamento con il pennuto?

      Elimina
    2. Mari, sei rimasta basita dal pseudo amico perchè hai frainteso: pensavo fosse evidente che stavo prendendo per i fondelli.
      Neppure sembrava sarcasmo così sottile.
      Insomma: neanche passassi mesi in clinica correttiva uscirei scrivendo così.
      Attualmente non sono ricoverato: ma mi sono messo in pausa ovunque.

      Paolino Paperino

      Elimina
    3. Papero, sono rimasta basita dal tuo tentativo di prendermi per i fondelli.
      Era tutto chiarissimo.
      Stavi imitando e spudoratamente.
      Eri talmente innaturale e sopra le righe che mi sono domandata che effetto farebbe una simil sortita sul blog del Dir o altri che frequenti.
      Di certo non salirei nemmeno su quel trenino...

      Vuoi che prenda i piatti dalla credenza così ricominciamo?
      Comincio a prenderci gusto!

      PS: però il post sul capitano era bello per davvero.

      Elimina
    4. Ciao Veru!
      Siiiii io son Bergamasca e avevo letto che pure tu lo sei.Ehehehhehe ma si ci può' stare tutti belli e variegati
      Buon week di sorrisi

      Elimina
    5. Vedi perchè mi piaci, Claudia???!!!!
      Ti adoro nella tua eccezionale semplicità.
      Ti bastano due parole per dire tutto... grande Claudia!

      Elimina
    6. ihihihih Rue mirai arrossire eh!
      Grazie sei tanto cara
      Buon week a tutti i passeggeri

      Elimina
    7. ops… mi fai arrossire….la tecnologia ha dato buca,,,

      Elimina
    8. Macchè arrossire...! Modestona!!!
      bacini e buon sabato!
      Adesso vengo a trovarti nel tuo salotto che è sempre pieno di cose buone e belle!

      Elimina
    9. Grazie Veru del saluto di benvenuto, mi fa piacere incontrarti in questo meraviglioso giardino di Mari.Sono pronta per la nuova esperienza anche se" politicamente scorretta" :mi piace imparare! Sorriso

      Elimina
  9. Farei acquisti col camioncino :D
    Non saprei più dove inserire fiori e piante,gli spazi sono full.Ed erano tanti.Si aspetta solo una sporadica morte nella foresta per sostituire..
    Le rose sono la passione della compagna di mio papà,io adoro solo quelle rampicanti.In particolare una specie creata per la regina Elisabetta,di cui abbiamo diversi archi alti e strecolmi di rose!
    Potrei fare qualche foto e inviartele :)
    Felice Orticola allora,buon week end Mary,baci!
    Nick

    RispondiElimina
    Risposte
    1. UUUUUUHHHHHHHHH Nick voglio vedere anche io le foto con le rose !!!
      anche a me tutte le piante rampicanti mi piacciono, ma il mio pollice il verde non lo vede neanche lontanamente

      Elimina
    2. Caro Nick,
      foto con le rose anche per me, please!
      Io sono attratta dalle rose antiche. Mi piacerebbe conoscerle bene...

      Elimina
    3. Nick, mi piacerebbe vedere le foto delle tue rose, ma come si può fare?
      Ci vorrebbero i piccioni viaggiatori!
      Ti abbraccio e intanto ti ho dedicato una foto del mio album-reportage su Orticola!

      Elimina
  10. Buona Giornata a tutti.
    Mary dai direi che la giornata è partita bene e a quanto pare dovrebbe tenere fino a sera.
    Il Papero che ti prendeva in giro stile Bianchini a me ha fatto sorridere.
    Dai è il solito.
    Non si può negare quando manca lui si sente la mancanza.
    Poi sempre meglio un PaperStronzo (quando ci si mette) che un PaperLeccapiedi.
    Nick ma quando inviti me,la Mary e la mia pistolina nella tua tenuta?
    BACIO GRANDE A TUTTI
    veru

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono così stronzo che mi assento solo per far sentire la mia mancanza?
      Come quegli uomini che si tagliano l' uccello solo per fare un dispetto alla moglie.
      Ma quella, poi, esce con le amiche – si rilassa - conosce altri uomini – si diverte – compra vibratore – si titilla .
      La vita continua: e pure bene.
      Ci sarebbe da sotterrarsi.
      E ricoprire la bara con mazzi di splendide rose viola - le Sissi - generate nel 1964, come l' anno in cui il brutto anatroccolo , mai divenuto cigno , vide la luce.
      Splendidi i fiori di campo vestiti con questo colore ; incantevoli i paesaggi assorti in questa tonalità.
      Disteso in un prato dorme un Papero in collina.
      Fortunatamente è solo una collina da cartone animato.
      E non si sta poi così male privi di quel pezzo di carne evirato che a fasi alterne, ogni tanto, chissà perché, si gonfia.
      Ma non esageriamo attribuendogli caratteristiche Super.
      A volte è semplicemente la realtà dei fatti, o la sincerità, ad essere stronza.
      Ed un po' di cattiveria è come un cesso abbandonato senza tirare l' acqua e senza spruzzare il deofresh ( profumo violetta? ). Più o meno intenzionalmente.
      E quando si pasteggia a topi di fogna i risultati sono più disturbanti rispetto a chi basa alimentazione, con grazie e delicatezza, con tè al limone e biscottini .

      p.s.
      Certo Veru che se dal Direttore parti con un commento recitante “ Sinceramente personalmente ... “ ( brrr … ) sembra che laurea in letteratura e filosofia l' hai presa all' università di Paperopoli.
      Hai messo in dubbio le mie certezze.
      Già dubbiose, per la verità.
      Ti farò svolgere un test invalso.

      Paolino Paperino

      Elimina
    2. Indubbiamente veru, il papero ha ragione ghghghghghhghghghghgh
      Grazioso il tocco che riesce a dare al mio blog!

      Elimina
  11. UNA STRADA ( P. BERTOLI)

    In un mattino tiepido mi siederò in un prato
    E tornerò giorno per giorno nel passato
    E solcherò le rapide della mia fantasia,
    dei giorni di poesia.

    E sarò consapevole che la mia testa strana
    sognava un mondo senza figli di puttana
    Un mondo senza deboli con essere pensanti
    Padroni della vita, un mondo senza santi .

    Spenderò attentamente la mia sincerità
    Parlerò di rivolta con caparbietà
    Seguirò, traccerò un sentiero ovunque sia
    Una strada forse buia, forse, ma mia
    Supino lungo un argine ricorderò gli amici

    e quanto fossimo distanti dai nemici
    Per poi trovarci fragili ai trucchi dei bugiardi
    Ma poi le cose cambiano e tutto lascia il segno
    E impari l'arte del cinismo e del contegno

    E credi di essere libero, diverso tra gli eguali
    Che il mondo ha un'altra faccia da sotto i tuoi stivali
    Spenderò attentamente la mia sincerità
    Parlerò di rivolta con caparbietà

    Seguirò, traccerò un sentiero ovunque sia
    Una strada forse buia, forse, ma mia
    Sì, sono stato giovane e privo di esperienza
    E ho amato molto la parola intelligenza

    Capace di una favola dove una vita vale
    In termini di vita e non di capitale
    Il tempo non è un giudice, non è nemmeno onesto
    È solo un modo per finirla troppo presto

    Ognuno vive attimi che cerca di fermare
    Con reti di egoismo in un immenso mare
    Spenderò attentamente la mia sincerità
    Parlerò di rivolta con caparbietà

    Seguirò, traccerò un sentiero ovunque sia
    Una strada forse buia, forse, ma mia.

    Paolino Paperino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho una mia teoria.
      Esiste un Papero per proteggere un Paolino.
      Psicologia spiccia. Senza presunzione, eh!
      Ma che tu stessi scherzando, fingendoti qualcos'altro da cio' che sei, in quel messaggio sdolcinato lo avevo capito anch'io (ed è tutto un dire ghghghhghgghghhg). E lo hai fatto solo per farci ridere, in fondo. Perchè era evidente che non era qualcosa scritto con la tua penna di Papero. E nemmeno con quella di Paolino (decisamente più sensibile e umano, ma non certo sul genere capace di scrivere in quel modo!).

      Ma poi, giusto per curiosità, che fai quando vai in stand by dai blog? Ti eserciti al tiro al piattello (della credenza delle tue amiche di blog)?!

      Elimina
    2. No: sparo alle mosche che ronzano intorno allo stronzo.
      E non lo fanno concimare in santa pace.

      Paolino Paperino

      Elimina
  12. Ghghghghgh
    Papero mi sono accorta pure io che quel ente...ente...
    Stava proprio male!
    E' che per età sono ho frequentato il vecchio ordinamento.
    Niente prove scritte.Tanto orale.
    Non quello che pensi tu.
    Mi spiace per i tuoi dubbi.
    Magari ci incontreremo per una prova invalsa orale... cambierai idea credo.
    In effetti con la tua terza media scrivi molto meglio di me.
    Tanto che qualche dubbio nei tuoi confronti l'ho avuto pure io.
    Vedi?
    Sarà che entrambi veniamo da Paperopoli.
    baci veru

    RispondiElimina
  13. Dimenticavo.
    Se come primo test mi facessi domande di geografia avresti persino il dubbio se io abbia fatto o meno le scuole d'obbligo.

    Poi.
    Mari hai ragione.
    Ci vuole la I !!!

    veru

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pero', Veru, a me il Papero dice che scrivo come se stessi svolgendo un compito in classe... E non mi sembra sia proprio un complimento.
      Io trovo che le tue tracce scritte abbiano l'immediatezza dell'eloquio. Leggendoti, ho l'impressione di ascoltare il dialogo con un'amica. E sono d'accordo su quanto hai scritto sullo stile di scrittura del Papero. Però in quanto a capacità di comprensione dei testi, ecco, forse lì dovrebbe lavorare un po' di più... ghghghghhgghhggh

      Elimina
    2. Manu tu si che mi capisci :-)
      veru

      Elimina
    3. Il test di geografia terrorizza anche me....
      Comunque veru, tu hai la magica dote dell'immediatezza e della spontaneità.
      Un bacio grande.

      Elimina
  14. Sono appena rientrata da Orticola.
    Ho fatto il pieno, e sono esausta per il gran caldo.
    Ma non si può apprezzare bene la mostra senza il sole e qui tra poco andrà via.

    Vi sto preparando una sorpresa, abbiate un po' di pazienza!

    A dopo.

    Baci e abbracci a tutti!

    RispondiElimina
  15. Papero quando ti ho dato del PaperStronzo non era nel significato effettivo del termine.
    Insomma è un po' come quando sei al bar con un'amico per due chiacchiere e ti viene da dire "che S che sei" o viceversa.
    No,perchè vedo che l'hai ribadito più volte,mica te la sei presa?
    Ti mando tanti bacetti...ghghghghghgh
    veru

    RispondiElimina
  16. Grazie Claudia.
    Chissà magari ci siamo pure già viste ;-)
    veru

    RispondiElimina
  17. Lavoro finito.
    Tutta per voi Orticola dal mio punto di vista.
    PAGINA IN ALTO: DI RITORNO DA ORTICOLA!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono senza parole...
      Grazie, Grazie infinite, Mariella!!
      A sembri sempre una ragazzina, comunque...!

      bacini

      Elimina
    2. Prego, prego!

      Mi sono divertita e molte foto le ho scattate pensando a voi tutti!

      Elimina
  18. Ciao, Mari
    mi sarebbe piaciuto tantissimo visitarla, peccato la distanza!
    Non so se capiti solo a me , ma ho provato 6 volte a vedere le foto che hai postato e tutte le volte mi si è bloccato il pc. Due volte si è bloccata la pagina e 4 volte mi si è spento il pc perchè mi segnalava un problema che avrebbe potuto danneggiarlo.
    Ci ho dovuto rinunciare, peccato, ma grazie per il pensiero! Sarebbe stato un po' come averla visitata...
    Buon week end!
    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna ciao!
      Ma come mi dispiace che tu non riesca a vedere le foto.
      Per ognuno di voi c'è una dedica.
      Ho collegato il fiore alle persone, cercando di farmi guidare da ciò che di voi ho imparato a conoscere attraverso quello che esprimete nella mia casa.

      Spero sia solo un problema di questa sera e che domani tu possa entrare.

      Qualche foto la posto anche sul blog.

      Bacio grande!

      Elimina
    2. Grazie per il bellissimo pensiero!!
      Domani riproverò,speriamo si sblocchi!
      Buona notte
      Baciii
      Anna

      Elimina
  19. Ciao Anna.
    Ti abbraccio forte
    veru

    Io non ho avuto problemi a visualizzare le fotografie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Veru!
      Come sta Noa? Ha iniziato a dormire un pochino di più??
      Immagino la stanchezza se lei dorme poco a te sarà impossibile recuperare energie!
      Un abbraccio grande anche a te e un bacino alla piccolina :-)
      Anna

      Elimina
  20. caspita Mary vedere tutti quei fiori fa fantasticare di vivere in un mondo tutto fate ed elfi, e tu sai quanto li adoro! ed un pò mi fa rabbia non avere il pollice verde perchè vorrei avere un bel balcone fiorito, cosa che invidio ai balconi in fiore soprattutto di Castel di Sangro.
    Oggi abbiamo comprato delle piante, Antonio si è regalato un gelsomino bianco ed un edera rampicante, mentre io ho comprato a mia madre ed a mia suocera quella pianta fucsia che si trova nella tua quarta fotografia, ovviamente versione un pò + piccola, speriamo la sappiano curare perchè ho visto che è molto delicata.
    Il fatto che tu ci abbia donato virtualmente dei fiori pensando ad ognuna di noi è stato bellissimo ed assai gradito, belle le rose arancio per me, ma andavi sul sicuro visto che sai che mi piacciono questi colori caldi come l'arancio ed il giallo, ma permettimi..... avrei molto gradito, visto il mio amore per i bonsai, quello splendido rododrendo bonsai, ma non voglio neanche immaginare il costo.
    Sfioziosa la foto finale in cui ci hai fatto notare di esserti regalata anche tu dei fiori ma ovviamente non in maniera virtuale!

    RispondiElimina
  21. E' vero Ai, sembrava quasi di essere nel mondo fatato che ti piace tanto.
    Sono sicura che saresti rimasta a bocca aperta per tutto il tempo.
    Oltretutto la giornata era davvero splendida solo un tantino calda.
    Io ti consiglio per Castel di Sangro di provare a comprare dei gerani rampicanti e di circondare tutto il tuo terrazzo.
    Ce ne sono di magnifici, hanno bisogno di acqua, di sole e del tempo magnifico che c'è da quelle parti.
    Sono il fiore ideale per quelle altezze.
    Prova, poi per dettagli sulle cure non esitare a chiedere a me o a mia madre.
    Stai tranquilla per i fiori che hai preso per le mamme domani, almeno per quello che riguarda la mia le piacciono molto e li ha avuti per anni sul suo balcone.

    Il Bonsai di Crespi dell'età di 45 anni, ha un prezzo che non si può dire, infatti credo che come sia arrivato alla mostra così tornerà alla sede del negozio, capisciammèèèèè!
    Oggi mi hanno regalato una peonia doppia bianca, un girasole di quelli piccini da balcone e una verbena arancione splendida.
    Più il mazzo di peonie recise.
    Io avanti con il mazzolin di fiori e la mia metà con le mani occupate dal resto, capirai che ad un certo punto è arrivato il momento di tornare a casa!

    Bacio.

    RispondiElimina
  22. Buongiorno Mari non riesco a vedere le foto ,comunque grazie di cuore lo stesso sei sta gentilissima.Io abito in Versilia vicino a Forte dei Marmi e Viareggio ,è un bel posto a due passi dalle Apuane e dal mare ,chi ha voglia di venire a trovarmi sarà il benvenuto!Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono testarda e a forza di provare ce l'ho fatta! Che roseeeeeee! meravigliose grazie ancora!

      Elimina
    2. Buon giorno Lucy!
      Buona domenica, sono contenta che tu sia riuscita a vedere le foto!

      Elimina
  23. Ciao mariiiiii!!
    Ma daiiiiii mi hai dedicato le Peonie in fotografia,fantastico! Hai pure scelto il mio colore preferito..ahahhahahah sei una favola,questo tuo pensiero lo stringo al cuore,sai che non sapevo esistesse il geranio stellato? E' meraviglioso,ogni fotografia da te scattata è gioia degli occhi
    Grazie,grazie infinite.Un abbraccio grande per la Buona Domenica
    Bacio!
    PS…mi son presa la foto dei fiori dedicata ad Anna,ho letto che non riesce a vedere le immagini la spedisco io con mail ne sarà' felice.Posso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero, il tuo colore preferito?
      Erano splendide quelle che ho visto ieri, talmente belle che non riuscivo neppure a sfiorarle.
      Ma la tua Anna e la mia Anna sono la stessa persona?
      Una persona meravigliosa e sensibile come poche!

      Fai pure ci mancherebbe!
      Ti abbraccio, buona domenica.

      Elimina
    2. Ciao Mari!
      siiiii la tua Anna e la mia Anna sono identiche eheheheh
      Condivido,una ragazza davvero speciale ed ho avuto la fortuna d'incontre nella vita
      Buona Domenica

      Elimina
    3. Mari, Claudia,Rue....grazie!!!
      Mari, grazie dello splendido pensiero!! Grazie di cuore ♥ Claudia mi ha mandato una mail per farmi vedere i fiori che hai scelto per me, bellissimi,scelgo quasi sempre fiori nelle tonalità del rosa per la mia terrazza!!
      Un abbraccio grande!!
      Anna

      Elimina
    4. Ciao Anna.
      Grazie di cosa? Mi hai mandato così tante cartoline splendide (e lo sai quanto mi mancano) che mi sembra di avere fatto così poco per ricambiare.
      Chissà che bel terrazzo che avrai, ora che la stagione di fioritura è al massimo!

      Baciiiiiiiiiiiiiiii

      Elimina
  24. Che sia chiaro a tutti che mi asterrò dal partecipare a trenini su altri blog.
    Anche se partono dal mio e ci vorrebbero le battutacce che mi vengono in mente.
    Ma faccio la brava.

    a dopo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissimi,
      vi auguro una felice serata!
      Ho fatto del mio meglio sul Blog del Dir. Ho fatto errori di battitura. Verranno commentati dal Papero come orrori, ma pazienza.
      Riguardo ai trenini, ne ignoravo l'esistenza... mi sono trovata in carrozza senza neppure aver comprato il biglietto! Mica mi faranno la multa, eh?!

      Riguardo ad Anna, sono convinta anch'io che sia una persona speciale. Ma in fondo lo sono tutte le belle persone che bazzicano di qui, Mary! La tua casa è così: un giardino pieno di rarità e di preziosità. Altro che Bonsai del Crespi!!

      baciotti

      Elimina
    2. Concordo, le persone che frequentano la mia casa sono tutte preziose, ognuna di loro arricchisce con il suo tocco questo luogo.
      Certo, alcuni hanno un tocco non proprio gentile, io posso solo cercare di non prendermela più di tanto.
      Sto imparando.

      Un abbraccio grande.

      Elimina
    3. Cara Mary,

      sono d'accordo: le buone maniere non sono alla portata di tutti. Purtroppo me ne rendo conto quotidianamente. Me ne sono resa conto in passato quando ho avuto a che fare con chi era apparentemente gentile, ma in realtà era tutta una parata: spitava veleno alle mie spalle. Incurante del fatto che la sottoscritta non sia poi tanto scema quanto sembra... Questo per dirti che interagire con gli altri non è mai molto semplice. Che spesso scambiamo per gentilezza cio' che è solo ipocrisia. E succede nella vita reale, quando abbiamo di fronte volti e corpi.
      Qui è più difficile capire con chi si ha davvero a che fare, te ne do atto. Ma nello specifico, posso dirti che davvero c'è chi non si cura degli effetti che produce. Pensando che qui, nel mondo dei blog, ci si possa prendere delle libertà, come quella per esempio di "dimenticarsi" che ci siano delle persone in carne ed ossa dietro il video. Che hanno una loro sensibilità, un loro carattere, una loro educazione. Se ne sbattono altamente. Perchè conta di più la frase "ad effetto", la resa stilistica, l'adesione al personaggio. Non so se mi sono espressa a dovere...
      Per questo, ti dico che comprendo il motivo per cui tu sia amareggiata, ma da persona intelligente, colta, sensibile, esperta frequentatrice di questo mezzo virtuale che è il mondo dei blog dovresti anche cercare di considerare in modo oggettivo e obiettivo ciò che ti ha ferito. Partendo dal personaggio che ti ha ferito. Pensaci un po' su, lasciando da parte l'emotività.
      Con questo, lungi da me il desiderio di diventarne l'avvocato difensore...! Non sia mai! Ma devo dirti che devi contestualizzare l'avvenimento per circoscriverlo e recuperare la serenità di giudizio. Questo lo devi fare perchè non devi starci male più di tanto. A modo suo, ti ha chiesto già di scusarlo, Mary. Perchè qui si è definito tuo amico. E nel suo linguaggio di tutor di Paperopoli vuol dire molto. Vuol dire tutto.

      Certo che l'età gioca proprio brutti scherzi, eh...!

      Elimina
  25. Buon inizio di settimana, Mary.
    Il viaggio tra i colori e i profumi di Orticola mi regala un ottimo risveglio stamattina!
    baci

    RispondiElimina
  26. Ciao Manu! Anche io per prima cosa questa mattina ho dato uno sguardo al mio post e alle foto per iniziare meglio la giornata! Buona settimana anche a te e a tutti voi! Mari

    RispondiElimina
  27. E finalmente, con incredibile ritardo, eccomi qui anche io!
    Il post è davvero un'apoteosi di colori e fiori che mi hanno rilassata.
    L'anno scorso mi sono trovata a sfiorare Orticola: una coppia di amici si è sposata proprio lì vicino, e hanno fatto proprio nei Giordini Indro Montanelli le fotografie dopo la cerimonia. C'erano fiori splendidi, anche se io li ho visti molto di corsa!
    Adesso vado a guardare la pagina che suggerisci poco più su.
    Per il momento, un bacione. E buona settimana!

    RispondiElimina
  28. Se dopo mesi di conoscenza con Mariella questa debba ancora mettere in dubbio la stima e affetto che provo per lei, al limite, quello ferito, devo essere io.
    Ma non lo sono: sin dagli albori ho sempre dichiarato che chi semina vento raccoglie tempesta.
    Ed inconvenienti sono da mettere in preventivo.
    Tuttavia, prima o poi, visto le mie “cattive” ( a volte brutali ?) maniere, qualcuno mi dovrà spiegare perché, nonostante tutto, molta gente mi resti agganciata.
    Claudia, una mia vecchia conoscenza, è l' unica ( unica !) che abbia trovato il coraggio di sbattermi fuori dal suo blog.
    Ma quando c' incrociamo in casa altrui, capita che scambiamo ancora due battute.
    E che dire di Anna?
    Una volta si è offesa per una mia battuta e non mi ha più rivolto la parola.
    Se Mari è rimasta turbata per qualcosa che ho scritto qui, o altrove, è un problema suo: non mio.
    E non ho chiesto da nessuna parte, a modo mio, di scusarmi.
    Se chiedessi scusa sarebbe ammettere che le frasi espresse in qualche luogo, in qualche parte, contenevano realmente distima o disaffezione.
    Non è così.
    Non è così.
    Sono fatto in un certo modo: tale rimango.

    Paolino Paperino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra poco, "questa" risponde...
      Abbi pazienza papero, la cosa è un po' lunghetta e non mi aiuta nemmeno la compagna solita di merende, ormai è chiaro che ha scelto te!

      Anzi è stato sempre chiaro.

      Elimina
  29. Paolino ti rispondo questa sera ora non posso. Sappi che non ti ho chiesto scuse non le voglio ti conosco. Ti voglio bene e la stima e' reciproca ho anche lottato in altri luoghi e in altri tempi per te e per Veru. Devo aggiungere qualcosa per mettere la parola fine a questa storia e per spiegarmi meglio, sappi comunque che il problema riguarda solo me. A stasera papero!

    RispondiElimina
  30. Paolino io sono con te.
    Sempre.
    Ma sai quanto litigo con la Mari...ghghghghghg
    Al cuor non si comanda.
    veru

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infingarda! ghghghghgh
      a dopo e come dice la mia attrice preferita dopo Audrey: ci sono cose da dire...

      Elimina
  31. Partiamo dall’inizio.
    Anzi no, partiamo da adesso.
    Ora io non ho bisogno delle tue scuse. Non hanno senso per quello che mi riguarda.
    Non hai mai fatto mistero di come sei fatto e del personaggio in cui ti cali.
    Ma nel mio blog e nei miei confronti, nonostante le deflagrazioni, hai sempre avuto nei miei riguardi una quasi “incomprensibile” grazia.
    A cui mi sono abituata.
    Fin dalla prima volta che sei apparso quando presentandoti con il la-si mi dicesti che avresti fatto attenzione a non fracassare le chitarre.
    Bene, non è mai successo che tu abbia dimenticato la promessa.
    Sul blog del Dir. non è così.
    Spesso è capitato che tu mi abbia fatto tiri mancini e abbia usato parole più dure rispetto a quelle che usi con altri.
    Di solito cerco di non farci caso.
    E osservare le tue parole considerando la baraonda in cui nascono e il contesto.
    Poi capita che mi passi per la mente che magari lì in quel luogo specifico, io non sia considerata (da alcuni) un granchè come persona, magari non ho spirito giusto e l’affabulazione che serve; oppure l’ironia giusta, del resto c’è chi mi considera patetica e non ne fa mistero.
    Anche se, per me, patetico può essere chi pensa di avere sempre la parola e la risposta giusta!
    Per tale motivo, magari per uniformarti, a tuo modo e con i tuoi mezzi, usi con me una misura diversa, più cattiva.
    Capita che mi passi per la mente in questo periodo un po’ duro della mia vita, in cui sono più indifesa e le parole mi fanno più male del solito.
    Se poi vengono da una persona che io considero mio amico, fanno ancora più male, perché proprio non me le aspetto.
    Allora mi arrabbio è vero.
    Poi ci rifletto perché è giusto che avvenga.
    E mi rendo conto che non posso evitare che le parole mi facciano male se in questo momento non ho le armi per difendermi.
    Allora decido di evitare di creare nuove occasioni di sofferenza.
    Almeno fino a quando non sarà di nuovo in grado di leggere e reggere il tuo modo di porti.
    Questo altrove.
    Perché lì mi sento più indifesa, ho come dici tu, un modo diverso di propormi da quello solito che uso in questo blog.
    Cambierò anche lì, ma ci vuole tempo.
    In questo contesto invece, tutto come sempre, non cambia un virgola.
    Ci potremo gettare addosso tutti i piatti che vuoi, sono più sicura, è il mio mondo.
    POSSO RISPONDERTI COME TI MERITI SE DOVESSE SUCCEDERE.
    Credo che sia abbastanza chiaro ora, almeno spero.
    Alla domanda perché c’è tanta gente che nonostante il tuo carattere ti viene dietro, rispondo per quel che credo: tutti quelli che vedono oltre il personaggio sanno di che pasta sei fatto e sanno di non sbagliarsi nel volerti bene.
    Sanno anche che tu non vuoi dimostrazioni di affetto e te lo dimostrano salendo sui tuoi trenini.
    Ci avevo provato anche io, ma per ora è meglio che resti giù, sulla banchina della stazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D' accordo, non ho incendiato chitarre ma non sono certo il miglior allievo di arpeggio.
      L' istinto mi porta talvolta al fracasso.
      Tuttavia, visto le tue parole, almeno in questo blog sembra che ho superato il test invalso.
      Mia mamma , quando porterò casa la pagella, sarà contenta della sufficienza.
      La classe del Direttore è un ' altra realtà.
      Come generalmente lo sono i Franti degli ultimi banchi godo di un certo livello di popolarità: ma questo significa poco o niente. Da un certo punto di vista è più semplice essere giullare di corte.
      Certo che l' Emanuela ha sfruttato bene - più che l' affrontare il tema del post – i papero i battibecchi recentemente avvenuti : e si è guadagnata diverse simpatie ( e curiosità) nell' aula.
      Dovrebbe ringraziarmi.
      Ghhghghgh.
      Diciamo che questo favorisce la mia tesi: per quanto stronzo posso essere, il pallino rimane sempre nelle mani dell' interlocutore.
      E sfruttare le sue risorse, le sue forze, il convincimento di ciò che è: e non vacillare per le cose scritte da persone ( più o meno conoscenti ) all' interno di un blog.
      Ma anche da un “amico”.
      Sul mio modo di agire ( forze e debolezze, ragione e istinto , persona e personaggio , stile di verga e realtà di scrittura ) si potrebbe anche discutere; e periodicamente, qua e là, l' argomento è affiorato. Ma senza entrarne nel merito credo che in parte alcuni scricchioli siano stati determinati dall ' impressione di una perdita di stima e affetto nei tuoi confronti.
      Ribadisco: non è così.
      Rimani sempre finalista della mia Isola dei Famosi.
      Sarei un pazzo a lasciarti fuori dopo aver visto le tue gambe distese su di una sdraio a New York.
      Come andiamo con la prova costume?

      Paolino Paperino

      Elimina
    2. Ah, ho dimenticato di dirti che la prova costume mi ha soddisfatto!

      ghghghghhghgh

      Elimina
  32. Mary, scusa, so che è una cosa che riguarda te e il Papero quella che hai scritto qui sopra e dovrei starne fuori, ma leggere che pensi che ci sia chi ti considera patetica, sinceramente, mi dispiace. Sei una persona splendida e nessuno può pensare male di te. E se hai quell'impressione "di là", fregatene: sono loro che ci perdono (di chiunque si tratti).
    Sul resto non mi esprimo, riguarda voi e voi soli.
    Un abbraccione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Arnika, vedi le parole sono importanti.
      Sto lavorando intensamente affinchè riesca a fregarmene, almeno a distinguere se vale davvero la pena di prendersela oppure no.
      Ma ti assicuro che chi ha usato quella parola per me vale zero.

      Bacio.

      Elimina
  33. Mari te l'ho già detto sbagli.
    Allora.
    Hai ragione quando dici che ci sono momenti nella vita in cui inevitabilmente siamo più fragili e quindi si è meno reattivi e più esposti alle interperie.
    E' andata così anche quando ho litigato con mio fratello.
    Se le stesse cose lui le avesse fatte in un'altro momento (per intenderci non quando ero incinta di tre mesi e nessun medico credeva che sarei arrivata alla fine) sono convinta le avrei prese in altro modo,e sempre io se non fossi stata in quel determinato frangente certe cose non le avrei dette.
    Tutto vero.
    Accetto questo discorso se si tratta di persone che amiamo viviamo e con cui condividiamo la nostra vita.
    Ma il blog Mari.
    Insomma ci sono simpatie e antipatie che nascono solo esclusivamente nel modo in cui ci poniamo nello scrivere.
    Non sempre questo aiuta.
    Allora una persona che mi appare fantastica potrei conoscerla di persona e trovarla orribile.
    O viceversa.
    Per intenderci.
    Se uno del blog mi scrivesse "veru non sai quanto mi stai sui maroni...o sei patetica...antipatica...etc etc...".
    Risponderei :"mi spiace,avrei preferito piacerti,ma visto che in fondo non so manco chi cazzo sei penso che questa notte potrò dormire tranquillamente".
    Certo,capisco,che se un brutto pensiero arriva dal Papero,o da Aldamar,Arnika Bri Anna (Manu ci sei anche tu...ma ci conosciamo da poco)...con cui scrivo da tempo ci starei male,ma conoscendoli sono sicura che avrebbero modo di dire le cose senza ferire.
    Magari il Papero no perchè non ha filtri,però tu lo sai,quindi non ha senso che tu abbia pensato oltre.
    A me ha dato della pallista in fondo di recente.
    Detto da un altro la cosa mi avrebbe fatto andare in bestia.
    Detto da lui no perchè so che lo pensa davvero e proprio non riesce a non dirmelo.
    Pace.
    Mi spiace solo che io scriva davvero così di merda e che i miei genitori abbiano buttato via fior fior di soldi inutilmente...ghghghgh
    Quindi Mari avanti tutta.
    TI ADORO ALLA FOLLIA

    PS...però visto che so che mi ami...a me hai fatto un po' paura su sopra con le frasi iniziali...ghghghgh

    veru

    RispondiElimina
  34. Veru mi spiace ma non hai capito.
    Pazienza.

    RispondiElimina
  35. Mari se non ho capito mi spiace.
    Domani rileggerò con calma il tuo commento.
    Purtroppo non riesco mai a fare tutto con la dovuta calma.
    Tuttavia preciso che non mi riferivo alla vicenda personale,perlavo in generale,facendo in particolare riferimento a quel "patetica".
    Ribadisco non al commento in specifico,in cui appunto tu parli direttamente al Papero.

    RispondiElimina
  36. Mari il tuo commernto in cui la tua grande sensibilità fa capolino mi è chiarissimo.
    Insisto il mio era un commento generale.
    Non ha senso stare male per quel "patetica".
    Perchè tu sei stata mele,lo so.
    Quindi insisto riguardo quella parentesi voglio che tu non te la prenda più.
    Invece le tue parole rivolte al Papero sono un capitolo vostro,in cui però lui mi pare di avere dato una risposta.
    Hai pensato non avesse stima
    ..." di te credo che in parte alcuni scricchioli siano stati determinati dall ' impressione di una perdita di stima e affetto nei tuoi confronti.
    Ribadisco: non è così".Copia Incolla.
    Chi non stima una persona come te è un coglione...e il Papero non lo è!

    RispondiElimina
  37. Ma un po' fallocefalo, il Papero, a volte sembra proprio esserlo, eh!
    Certo che ora capisco perché il pennuto voglia te e te soltanto come compagna in finale, sull' Isola dei famosi... Noi altri siam buoni solo per sfamare gli squali o spaccare le noci di cocco. Come e' giusto che accada agli ultimi arrivati. La gavetta del galupin, insomma. O i giorni della 'spina' (anche se sotto la naja, a quest'ora, forse sarei già un 'vecchio' a cui rifare la branda...). Ma qui, in questo mondo tra il reale e il virtuale, e' chiaro che l' ultimo arrivato debba pagare pegno a oltranza. E se adesso il Papero verga l'arringa difensiva per la sua fedelissima ancella, siete perfettamente alla pari. Ma se questo cerchio si chiude da se', allora resterà sempre un hortus conclusus... Che non e' una bestemmia, Papero. Ma fa male lo stesso. E con questo salvo Mariella: la vera patetica sono io...!
    Con affetto e immutata stima, Veru. Ma io un po' me la prendo si'.

    RispondiElimina
  38. Come il Papero, anch'io amo leggere il dizionario. Ma non è quello della lingua italiana: è il dizionario etimologico che acquistai ai tempi del mio studio "matto e disperatissimo". Ma per chi ha qualche ricordo del latino non bisogna nemmeno aprirlo, quel volumone, per leggere che "patetico" deriva da "pathos", che significa passione, affetto, sentimento. Chi è patetico smuove questi sentimenti, stando all'etimo. Anche se nel gergo comune patetico è usato solo per chi susciti compassione.
    Se mi metto con il muso del Gatto con gli Stivali ce la fo' a smuovere in voi dei sentimenti del genere? Mi tenete? Davvero davvero? Oddio, soffro della sindrome dell'abbandono! (no, no... dappertutto ma non in mezzo agli squali, eh)

    RispondiElimina
  39. Per molti versi è anche patetico discutere di sto patetico che non si sa neanche chi l' abbia pronunciato e in che contesto.
    Sembrate consolare una bambina dell' asilo che gli hanno fatto la bua.
    Fortuna sono nato papero.
    Mamma mia, quando vi mettete a piagnucolare mi fate voglia di partire solitario, per l' isola dei Famosi.
    Se proprio avrò voglia di parlare mi metterò a chiacchierare con Wilson.
    Comunque, Emanuela, che non c'è scritto da nessuna parte che Mariella accetterebbe.
    Magari preferisce partire con Federico, Dorian, il Fiorini.
    Decisamente meno fallocefali.
    Sì, perché la finale non è a due.
    E quando avevo estratto questa ipotesi avevo citato Veru come primo invito.
    E poi Mariella.
    Ma si sa: in storia dei blog sei scarsina.
    Mica prenderesti la sufficienza nei test invalsi.
    Eppure ti abbiamo già spiegato diverse volte che con le due ragazze ho vissuto una storia di cameratismo imbarcati come ciurma sulla nave di Capitan Findus.
    Nelle mie gerarchie ho ancora loro due nei primi posti: al massimo, per il momento, puoi cercare di lottare per il bronzo.
    Che varrebbe la scialuppa di partenza.
    Certo che se fai queste scene ti dovrai accontentare della medaglia di legno.
    O di cartone.
    Che vorrebbe dire fare ciao ciao con la manina dal porto per salutare - da terra - i partenti.
    Certo che sono dotato di puro talento per finire dentro i casini.
    Dopo aver fatto sparire il Cattivik mi sta venendo la voglia di tirare il collo al Papero.
    Purtroppo quando si creano degli affetti è pure dura mollare.

    Paolino Paperino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mariella me lo aveva detto che ero una donna fortunata ad avere un marito che sapeva regalare gioielli. Perché medaglie di legno (?!) o di cartone (??!!!!) meriterebbero la fine degli orecchini della mia nonna. Anche se questi ultimi non se la meritavano affatto.
      Comunque, caro Papero, ti ringrazio per il pensiero: alla fine, e' quello che conta. Starò in piedi sulla banchina del porto a salutare voi prodi, con il mio cappello di paglia di Firenze, il fazzoletto inamidato e le lacrime di commozione di rito. Che mescoleranno la gioia di non dover patire fame, caldo, freddo, punture di insetto e beccate di Papero per 24 ore al giorno. E rammarico per tutte queste cose, invertendone l'ordine.
      In storia dei blog e' molto probabile che la mia preparazione sia scadente: del resto, non ci sono manuali che aiutino il neofita. E neppure tu che in questa materia eccelli, ne conosci tutti i capitoli (come rivela il caso "patetico" di questo post). Ma la mia riflessione verteva su altro. E cioè sul fatto che alla fine ho l'impressione di essere comunque l'infiltrata in un gruppo storico e affiatato che vive di vita propria. Che, per carità, può essere anche così. Ma magari dopo aver sformato l'angolo del divano di Mariella che occupo ormai da tempo quasi ogni sera e mi si dice che mi si conosce ancora troppo poco... Che vuoi che ti dica? Un po' di patetismo mi viene... E se va in coppia con il latte alle tue ginocchia... Be', e' quanto di piu normale possa accadere.
      Poi pero' mi spieghi perché dovresti tirare il collo al Papero. A parte che credo ci sarebbero orde di volontari che eviterebbero di farti sporcare le mani... E non guardare me, per favore: sai che sono convinta non violenta e amante dei pennuti (ancorché fallocefali di tanto in tanto). Il papero gode di fama e gloria, al di la' delle minuzie. E l'affetto che ti circonda non e' un miraggio. Mica siamo nel Sahara, no? A volte faccio fatica a seguire i tuoi ragionamenti. Ammetto i miei limiti. Per fortuna non sei materia di test invalsi!!! Almeno per ora...

      Elimina
    2. papero, non fare scherzi.
      E poi mi diverto un sacco quando riesumi Paperinik dal Bianchini ghghghghghhghghghgh

      Elimina
  40. Emanuela, quando tu e Mariella state lì 32 commenti a discutere di bagnoschiuma mica son geloso.
    Per quanto riguarda il Papero, come vedi, siamo qui a parlare di me, nel blog di Mariella, in un post di fiori, che sta sotto ad un nuovo post - fermo a 2 interventi - sul libro di Ligabue.
    E ribadisco: son spesso in mezzo ai casini.
    Prima o poi farò litigare pure te, con Mariella e con Veru; e Veru con Mariella.

    Paolino Paperino.

    RispondiElimina
  41. Il mio rammarico viene dalle parole di Veru.

    RispondiElimina
  42. Ragazzi, leggervi stamattina è stato uno spasso.
    Vi adoro.
    Quando discutete, quando ve la prendete, quando fate di tutto per scuotermi.
    Partendo da veru: cara non hai capito che quello che ho scritto era per mettere la parola fine alla storia.
    Sono perfettamente cosciente che le parole vanno prese nel contesto in cui sono, alcune volte non riesco ad essere distaccata, altre di più.
    Hai ragione sul mondo del virtuale, ma certamente alcune volte come ammetti anche tu, non è facile non considerare che comunque sono persone quelle dall'altra parte dello schermo che dovrebbero in ogni caso dosare le parole.
    Con il papero dai, sto imparando.
    Pensa che cercherà anche di farci litigare, ma è impossibile.(papero ti adoro anche io, mica veru è l'unica).
    Per Manu: tu non sei assolutamente l'ultima ruota del carro, grazie per l'etimologia della parola patetico dal greco Pathos-sentimento(me lo ricordo ancora). Sei a pieno diritto parte della triade benchè veru voglia salire sul trenino di Paolino, sono sicura che un po' di tentennamento c'è, visto anche le minacce di essere lasciata a terra.
    Ricordo al papero che all'isola ci sono quattro finalisti, per ovvie ragioni e per altre guerre veru ed io da tempo abbiamo le valigie pronte, ma comincia a preparare anche le tue; l'unica cosa che temo è il quarto nome...
    Per il papero: nella mia personale lista di finalisti hai fatto entrare sicuramente le tre persone del virtuale che porterei(anche perchè il principe Nick che sembra escluso, andrebbe nella lista di Manu), ma ti sei dimenticato il quarto (o primo?) della lista TU.

    E con questo vi saluto, vado a lavorare e vi prego da oggi prestate un po' di attenzione alla parola pregiudizio scritta a chiare lettere di sopra!

    baci.

    RispondiElimina
  43. Ue ma quella che si fuma la canne pensavo fossi solo io.
    Ragazzi a voi qualcosa ha fatto male.
    Manu ma quale rammarico?
    Sopra era un esempio.
    Certo che mi spiacerebbe se tu mi ritenessi antipatica stronza etc etc ...
    Però visto il contesto,per rendere l'idea a Mari di ciò che volevo dire mi sembrava giusto citare persone con cui ho condiviso molto altro oltre il blog del Dir.
    Persone con cui mi scrivo anche privatamente.
    Alessandra 66 è la seconda persona che ho sentito dopo Mariella in ospedale quando è nata la mia bambina.
    Questo intendevo dire.
    Sai che ti stimo e che mi piaci molto.
    Quindi niente rammarico.
    Ripeto a volte scrivere non è facile come poterci esprimere a parole.
    Come vedi sempre nell'esempio non ho citato nemmeno Ale66 ma non penso proprio se la prenda.
    Comunque vieni a Bergamo ti dò un bacio e suggelliamo il nostro patto di blog ;-)

    PS Papero macchè litigare...
    tanto lo sanno che io sono con te...e poi scusa a un gentiluomo che invece di consigliarmi di gettarmi direttamente nell'organico mi dice di starci solo vicino come potrei resistere?...ghghghg

    RispondiElimina
  44. Ma poi scusa Manu anche se ho detto che ci conosciano poco non mi pare un'offesa.
    Quant'è tre mesi?
    Veramente non mi pare di aver detto nulla di male.
    Se ci fossimo conosciute in palestra e per simpatia avessimo preso a frequentarci da qualche mese sarebbe la medesima cosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Veru,

      forse dipende dall'importanza che si dà al fattore tempo. Per me non è il tempo che passa a determinare la solidità o la profondità di un rapporto. O, almeno, non basta quello per portarmi a dire che ho costruito con una persona qualcosa di importante. Io e mio marito abbiamo acquistato la nostra casa dopo due mesi che ci conoscevamo. Avventati? Sì. Ma abbiamo avuto ragione noi. E alla fine abbiamo convinto anche gli altri. Con le amicizie, è un'altra cosa, ma non del tutto. Ci sono cose che senti o non senti. Ci sono persone per le quali quel qualcosa scatta subito o mai più. Succede. Il tempo è una dimensione poco significativa se c'è tutto il resto. Ma resta una mia opinione...

      Elimina
  45. La finale dell' isola dei famosi ( quella personale) prevede 4 posti.
    Uno è il mio.
    Poi le tre nomination alle medaglie oro, argento, bronzo.
    Le quali, durante la permanenza sull' isola, potrebbero anche cambiare collo.
    Per il momento le qualificate sono Veru e Mariella.
    L' indecisione è per il terzo partente.
    Ribadisco: Emanuela è in lizza.
    Che sia una conoscenza recente influisce fino ad un certo punto.
    Il problema - e la mia preoccupazione - è il timore che al posto di una cassa contenente viveri ( fagioli e carne in scatola) imbarchi clandestinamente, ed in sostituzione, un baule pieno di creme e saponi per imbellettarsi le chiappe.
    Veru, che ha trascorsi nella giungla, mi sembra più affidabile.
    Mariella andrà in crisi quando comunicherò che può portare solo UN libro: e solo UN cd musicale.
    Ma penso possa farcela .
    Di bikini ne può portare quanti ne vuole.
    Dovrò pure consultare nel regolamento se è possibile portare un extracomunitaria : la “ tranquilla “ Arnika ( Svizzera ) mi sembra un soggetto affidabile.
    Non possiede una vitalità estremamente superiore a Wilson : ma questo può rappresentare un pregio.
    Va be', al limite chiederò se è possibile allungare la scialuppa: 4 italici + uno straniero.
    Comunque i giochi sono ancora aperti.
    Manca tempo e può accadere di tutto: le cose cambiano.

    Paolino Paperino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho pensato ad un'altra soluzione.

      Mentre i quattro prodi della scialuppa a becco di papero si dirigono sull'Isola dei Famosi conteggiando lo stretto necessario per la sopravvivenza (al vaglio delle insensibili zampe di Papero), io avrò appena il tempo di abbassare il mio cappello, riporre il mio fazzoletto nella borsa... ed ecco che subito alle mie spalle un giovane dalle sembianze di un dio greco si avvicinerà alla banchina, sventolando bellissime rose. Allora mi sarà chiara la sua identità: il Principe Nick!!!! Salirò a bordo del suo 162 metri: un 5 stelle galleggiante in cui godere al meglio il panorama dei Tropici. Credo che Nick potrebbe trovare un posticino anche per Arnika. E mentre i due ragazzi si daranno alla pazza gioia saltellando qua e là sul ponte al ritmo della musica scatenata dei loro anni, io mi rilasserò tra libri, profumi e abiti estivi sulle note di qualche notturno di Chopin. Certo, in una delle mie notti insonni, salirò sul ponte. Scruterò il mare all'orizzonte e mi chiederò come se la caveranno i miei amici naufraghi... Che amerò ancora di più sapendo che non mi volevano tra loro perchè così mi avrebbero regalato una vacanza a 5 stelle superior a spese di Nick!! Chissà che cosa penserà, poi, il Principe... Fossi in lui, recapiterei il conto-spese a casa del Papero e della Veru ghghghhghghghghghgh

      Elimina
  46. Ci sono amicizie che nascono in una frazione di secondo e durano tutta la vita.
    Questione di pelle.
    Vero.
    Però è innegabile che se frequento una persona da tre mesi un suo sgarbo può ferirmi meno di uno che magari potrebbe fare la mia amica Annalisa che conosco da quando ho 14 anni.
    Ci sarebbe delusione ovvio.
    Se dico questo è proprio perchè credo profondamente nell'amicizia.
    Quando dico amica è AMICA.
    Quindi virtualmente posso dirti che mi piaci e ti leggo volentieri.
    Ma la stessa cosa posso dirla per molti altri.
    Nel mondo blog certo che ti considero un'amica,se dovessi prendere le tue parti per qualsiasi motivo io per te sarei in prima fila.
    Ma l'affetto che si è creato ad esempio,visto che citi lui,per il Papero è reale.
    Ma certo è cresciuto nel tempo,non è stato immediato.
    Quindi se ho ferito la tua sensibilità mi spiace.
    Se però mi hai capita penso che tutto sia ridimensionabile.
    Per il resto mai detto di non volerti come naufraga.
    Comunque va bene così.
    Per il conto spese non è un problema,Nick è un signore non ce lo manderebbe mai.

    RispondiElimina
  47. Ma ragasssi, che ci sto a fare io qui a pettinar le bambole?
    Avevo sperato di mettere la parola fine all'argomento e Manu mi cade in paturnie?
    Ma come tutti a dirmi di non dare troppo peso alle parole e io che ci sto arrivando e qui si continua la lungaggine su amicizia di blog e amicizia di vita?

    Io credo che nel blog le amicizie di vita possano nascere, io e veru ne siamo la prova concreta.
    Ci siamo piaciute e poi frequentate anche fuori di qui.

    Ma concordo con l'idea, almeno per quel che mi riguarda, che l'amicizia debba essere coltivata e che ci voglia tempo.
    Nasce a pelle sì questo è vero, ma ci devono essere altri luoghi e altri spazi affinchè si rafforzi.
    Oppure circostanze (anche virtuali) che ti avvicinano in maniera maggiore alle persone.
    E' accaduto con il papero e veru.
    Per questo non prendertela Manu, come ha detto il papero sei in lizza per l'isola dei famosi (la sua).
    Per quel che mi riguarda sei una amica (virtuale) come dici sempre anche tu.
    Ci sarà una qualche differenza o no se anche tu tendi a sottolinearlo?

    PS: io credo che tu e tuo marito siate stati fortunati e molto, tutto qui.

    Baci

    RispondiElimina
  48. Aggiungo, che amica da amica virutale ad amica di vita il passo è breve.

    aribaci

    RispondiElimina
  49. Credo che se dovessi puntualizzare ulteriormente mi giocherei del tutto il viaggio a bordo di qualsivoglia imbarcazione: bagnarola a becco di Papero o mega-yatch del Principe! Diciamo che tu e Veru siete andate mooooolto al di là delle mie parole.
    Per pura curiosità, ho cercato la data del mio primo intervento a casa di Mariella: era il 19 Novembre 2011 quando commentai il post dedicato a Ligabue (ma guarda un po'?!); è firmato come Ruecambon. A mio modo di vedere, comunque, il tempo non conta proprio nulla. Io e mio marito siamo stati fortunati, certamente. Ma forse lo sono anche quelli che si conoscono a 15 anni, quando tutti ti dicono che passa, e invece quei due ragazzini stanno insieme per tutta la vita. Quello che voglio dire, Mary, è che nei rapporti di coppia si è sempre fortunati quando dura... Per quanto riguarda l'amicizia, è ovvio che nella realtà tangibile e concreta le cose siano diverse. Credo che nessuno possa smentire una tale evidenza. Peccato che io dicessi altro, pero'. Ed evidentemente non sono riuscita a spiegarmi. E visto che non mi voglio giocare la gita in barca credo che sia il momento di chiudere il mio "patetico" discorso. Mi dispiace non essere riuscita ad esprimere il mio pensiero. E' il limite di questo mezzo che sono le parole.
    Buona serata

    RispondiElimina
  50. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era il blog su Style: avevamo scelto anche la stessa impostazione grafica. Io ho fatto una ricerca utilizzando l'archivio qui a lato, ovviamente!
      Ad ogni modo, sono più di tre mesi, il termine ventilato dalla Veru. Prendiamone atto, come si dice in gergo!
      Per il resto, sì, stiamo scendendo sempre più nel patetico. Per questo dico che tu e Veru siete andate moooooolto al di là delle mie parole. Facevo un discorso più semplice e circoscritto, in verità

      Elimina
  51. Ho eliminato il commento precedente e rifo perchè riletto mi sembrava non esatto.
    Perdono perchè sono stanchissima.
    Dicevo Manu, che tu sei arrivata in casa Mariella ben prima di novembre, ricordo che il tuo primo commento risale ad agosto quando arrivasti dicendo che avevi scoperto il mio blog casualmente e che avevamo aperto nello stesso periodo e tutte e due eravamo appena rientrate da NYC.
    Se non è destino questo...
    Poi forse hai ragione, non ho capito bene fino in fondo cosa intendevi.
    Ma di parole ne sono state già scritte tante e vorrei riacquistare tranquillità.
    Sull'amicizia virtuale che è possibile trasformare con un po' di tempo in vera, magari la pensiamo in maniera differente.
    Tu non ne fai una questione di tempo ma di sostanza, io magari che di mio ci metto un pochino di più, aggiungo la sua importanza anche al tempo.
    Di tempo fra noi c'è stato.
    Direi che abbiamo passato la barriera no?
    Ora dovremmo pensare a guardarci negli occhi.

    Ecco ora sono soddisfatta, mi sono spiegata meglio.

    Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Mary,
      c'è un'altra cosa che mi è venuta in mente, passando dalla casa di Arnika. E così passiamo dal fazzoletto sulla banchina del porto al lettino di Freud nel giro di un paio di messaggi!
      In questa casa, sul tuo divano, ho lasciato tantissime tracce della mia biografia. Ne sapete tutti un sacco di me, davvero. Non ho dato indicazioni "colorite": sono reali. E della mia "biografia" qui c'è davvero molto. Non sono così misteriosa... o almeno, non mi sembra di esserlo!
      Quasi tutti sapete il mio nome e il mio cognome (dall'indirizzo email con cui abbiamo interagito sulle varie piattaforme). Tutti sapete che faccia ho. Che ho le misure di una 12enne. Giusto quelle, perchè se spremete le meningi, arrivate anche alla mia data di nascita. Sapete che abito vicino a Milano. In un casa con due bagni e un grande terrazzo. Che sono laureata in lettere e filosofia orientamento storico-artistico. Che ho un fratello gemello. Che ho perso mio papà per un tumore al pancreas nell'ottobre 2010. Che mia madre ha partorito me e mio fratello a 40 anni (e che quindi oggi ha 78 anni). Sapete che ho perso mia nonna alla fine del 2011. Sapete da dove discendono i rami delle mie famiglie materna e paterna. Sapete le origini della famiglia di mio marito. E quindi sapete che sono sposata (con un grande appassionato di Oriente). Che ho due gatte certosine. Vi ho detto che lavoro da dieci anni e mezzo. Che ho avuto in passato esperienze di ricerca all'interno dell'università. Che amo la Francia. Che sono stata in vacanza nel Rajastan e a New York.

      Caspita, sono davvero cosi misteriosa?!
      A me sembra di avervi raccontato davvero molto di me stessa...
      Io non ho letto un granchè della vita e della famiglia di Veru, di Nick, di Anna o di altri. Certo, voi avete il vantaggio di aver avuto anche altri luoghi ove potervi raccontare. Ma di giocare alla "donna del mistero", boh, non saprei, a me proprio non sembra.

      Per essere più dettagliata, bisognerebbe che il blog non fosse visibile e leggibile ovunque e da chiunque. Le remore di Veru, insomma. Quando sarà il momento di guardarci negli occhi, lo sentiremo. E sarà lì il momento in cui il quadro sarà completo. Ma credimi: non manca poi così molto...

      Elimina
  52. Non ho il tuo indirizzo mail.
    L'ho cancellato quando mi sono accorta che non avevi piacere ad inviarmelo e lo avevo ricevuto per puro caso.
    Per rispetto nei tuoi confronti, ho cancellato la mail e non ricordo il tuo cognome.
    Alcune cose di te le ho scoperte ora.
    Ma non volevo questo.

    Sei misteriosa Manu, non sappiamo nemmeno dove abiti.

    Manderemo il papero a cercarti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma guarda che tu ci metteresti meno del Papero ad arrivare da me!
      Senza dimenticare che il pennuto si muove con mezzi preistorici: credo che avrebbe delle difficoltà a coprire un tragitto superiore a quello che lo porta al supermercato sotto casa (sua)...

      Per il resto, posso dirti che TUTTO quello che ho scritto qui sopra è disseminato nel tuo blog. TUTTO. Forse sei più attenta adesso a cio' che scrivo e hai rimosso quello che scrivevo all'inizio, non saprei. Se credi che io sia misteriosa, pazienza: non è che posso dirti "no, non è vero" e te mi rispondi "sì che è così"...! Arriveremmo a 450 messaggi e non ci sarebbe una conclusione. Se vuoi, possiamo anche provarci, eh, giusto per il gusto di farlo, pero'.

      Per il resto, sì, sono d'accordo: le parole hanno un loro peso. Soprattutto quando ci sono solo queste.

      Buonanotte, un abbraccione!

      Elimina
  53. Lo dico sempre io che le parole sono importanti.
    Vedete?
    Mi state dando ragione.
    e' bastato un misteriosa e un patetica ghghghghghghhghgh

    RispondiElimina
  54. Emanuela, ma da piccola i tuoi genitori ti hanno dimenticato in un Autogril?
    Tranquilla!
    L' idea dell' isola ( quanto mai ...) è una delle mie tante bislaccate che misi sul piatto tempo fa.
    Ma esprime un idea soggettiva.
    Non rappresenta una decisione da prendere in gruppo.
    Nel senso che ognuno, se desidera fare questo giochetto di consapevolezza ( per molti versi difficile e crudele ) può crearsi la sua isola personale.
    Tu vorresti partire con Mariella, Nick, Arnika ? ( o è solo un espediente per fare ingelosire?)
    Benissimo.
    Mica mi dispero.
    Mariella - per esempio - con te, Arika , Veru?
    Nessun problema: capirei.
    Insomma, averti messo in lizza per un posto sulla mia scialuppa mi sembra già un ottimo risultato.
    Eppure frigni.
    Non sono legato a Veru e Mariella per un mero fattore temporale di frequenza.
    Ma per specifici episodi legati alle comuni esperienze .
    Poi sai, non sempre le amicizie – anche di blog – nascono e si sviluppano per questioni razionali.
    A volte domina l' epidermide. ( Ma sono sensazioni che possono anche cambiare nel corso del tempo)
    La dimostrazione di stima e di affetto che mi hai tributato dal Direttore ( ma non solo: spesso intuibile dentro le righe dei tuoi commenti ) non nasce dal fatto che sia un grandissimo consumatore di shampoo, belletti, moda .
    In ogni caso mi pare eccessivo quel tuo questionare intorno al mio vissuto con Veru e Mariella ( non sempre facile ) come rappresentassimo un trio chiuso ed esclusivista.
    Rasserenati. Ed accetta la situazione senza forzare – magari inconsapevolmente – la mano.
    E' che alcune volte sembri debordare.
    Hai troppe cose dentro di te.
    Vuoi fare affondare la scialuppa per eccessivo peso?
    Accidenti sono ancora impaludato nell' orticola...

    Paolino Paperino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Papero,

      ma devo scriverlo che tu hai un posto ANCHE sulla mia isola personale?! Incredibbbbbbile: D-E-V-O S-C-R-I-V-E-R-L-O!!! Ci sei, ci sei, come non potresti esserci???!! Ho disseminato dichiarazioni di affetto e di stima in tutto l'orbe terracqueo e in tutta la rete virtuale... E io che manco guardo la Tv, mi sono lasciata prendere da questo giochetto idiota partorito dalla tua mente pennuta in chissà quale momento di difficile digestione o di acuta stipsi delle tue sinapsi... Tu dimmi se sono normale... No che non sono normale!!!

      Ad ogni modo... Mi si pone un problema: se imbarco te, dobbiamo portare anche chi è "penna e piuma del tuo corpo", e cioè Veru e Mariella. Restano a terra Nick e la Arnika. Nisba, non se ne parla. Se imbarcassi loro due e te, Veru e Mariella si taglierebbero le vene. Ussignur, mi sento già male io...!

      Mi sa che devo ripassarmi la storiella della pecora, del lupo e del cavolo...

      Elimina
  55. Ma poi, Papero, la logistica ha una sua importanza! Se ti devi imbarcare sulla tua bagnarola e ti vogliamo imbarcare anche io, la Mary e la Veru, tu, le tue zampe palmate, ove le dirigi? O sei "uno e trino" o ci rifili un cartonato o altrimenti ti devi fare più edizioni dell'isola...

    Ma non era più facile il gioco della torre, a questo punto?! Mi ci buttavo io di mia spontanea volontà e saremmo stati tutti contenti. Niente patetismi, per favore. Con queste ultime battute, abbiamo consumato anche le scorte!!!!

    RispondiElimina
  56. ANSIA.
    Ragazzi siete riusciti a mettermi ansia.
    Quindi partite per l'isola o per dove cazzo volete.
    Io me ne sto a Bergamo.Tranquilla.
    La mia vita?in altri blog ho detto molto.
    Molto dolore e a volte felicità improvvise che non ci si aspettava.
    Ma mai mi si vedrà senza il sorriso sulle labbra.
    Chi mi conosce lo sa.
    L'esperienza blog è iniziata tempo fa e devo dire che mi ha entusiasmata.
    Leggo e rispondo volentieri.
    All'inizio non sapevo che Rue fosse Manuela.
    Motivo per cui ho confuso le tempistiche.
    Il gioco del Papero è divertente.Si deve saper rischiare senza paranoie e essere consapevole che a volte potrebbero venir fuori cose poco piacevoli.Il bello è quello.

    vi abbraccio vi bacio etc etc
    veru

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veru, ma abbracci più forte me, Mariella, o Emanuela?
      Ghghghghghghgh....

      Paolino Paperino

      Elimina
  57. Emanuela, che tu non fossi normale l' ho capito dalle tue prime performance.
    Successivamente ho avuto conferme.
    Adesso certezze.
    Ma il tuo regolamennto d' imbarco prevede 4 umani + un animale?
    Guarda cosa si fa per trovarmi un posto.
    Comunque, Veru , il gioco dell' isola è pure interessante per vedere gli effetti che provoca nei soggetti che stanno intorno.
    Resti a Bergamo?
    Cercherò un itinerario di scialuppa che preveda una risalita del Brembo: così potrai farci ciao con la manina al passaggio visto che sei in zona.

    Paolino Paperino

    RispondiElimina
  58. Io,Noa e il Pelosetto vi faremo ciao con la manina...e zampina.
    "Se ami qualcuno lascialo andare se torna sarà per sempre"...mica Leopardi.Jim Morrison.
    Ghghghghghghgh

    RispondiElimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)