14 gennaio 2021

[CURIOSITÀ]: QUALE PERSONAGGIO DI ALTRA EPOCA AVRESTE VOLUTO CONOSCERE?

 


Qualche mese fa, sul mio blog, alcuni amici commentatori hanno avanzato delle proposte/idee per nuovi post.  Lory ad esempio,  ha suggerito di creare un post sui personaggi di altre epoche che avremmo voluto conoscere. Ipotizziamo quindi che, grazie ad una macchina del tempo, riuscissimo a tornare indietro e ad avere la possibilità di avvicinare miti e personaggi della nostra storia/cultura passata. Chi vorremmo incontrare?

Ed ecco il mio elenco personale:


10)Francesco D'Assisi: per la sua caparbietà nel riconoscere in ogni essere vivente, la Bellezza.  Gli chiederei di portarmi con sé a parlare di amore e povertà in giro per il mondo.

9)Maria Antonietta d'Austria: per la sua cecità, perché avrebbe potuto cambiare le sorti di un popolo e forse anche la sua. Per la sua dignità nell'avvicinarsi alla morte riscattando in un sol colpo tutto l'egoismo.

8)Federico II di Svevia: per la sua intelligenza e anche per l'arroganza. Per la presunzione, per il genio. E poi avrei voluto chiedergli se è vero, come ho sempre pensato, che il castello più misterioso del mondo,Castel Del Monte, lo abbia costruito solo per amore di Bianca e che l'esoterismo non c'entra nulla.

7)Elisabetta I D'Inghilterra: quasi per gli stessi motivi di Federico II. Del resto i più grandi si conoscono per la loro intelligenza e lungimiranza. Le chiederei se l'amore, quello vero e assoluto le sia mancato. Anche se immagino la risposta.

6)Jane Austen: per la sua ironia, per il suo essere così fuori tempo. Per l'emancipazione e l'autonomia di ognuna delle sue protagoniste. Troppo avanti perfino per i nostri poveri tempi moderni. Anche a lei farei la domanda sull'amore. Stavolta non riesco ad immaginare la risposta.

5)Emily Dickinson: per la sua musica interiore e per chiederle finalmente che cosa intenda davvero per Amore. Se è davvero tutto nelle "notti folli" che lei, in realtà, non ha mai vissuto. La mia poetessa preferita. 

4)Leonardo da Vinci: per il genio, indiscusso e indiscutibile. E che domanda mai potrei fargli? 33, 33,33!

3)Enrico VIII: per la sua grettezza e la sua dissolutezza. Per la sua misoginia che non lasciò scampo a molte delle sue moglie. E per quello strappo al Papato che avrebbe cambiato il corso della storia religiosa mondiale. Gli chiederei se ne valeva la pena.

2)Whitney Houston. La amo, l'amerò sempre. Canterei e ballerei con lei. Con i nostri capelli ricci così simili e il sorriso sulle labbra. La felicità.

1)John Lennon: credo non serva nemmeno chiedermi perché, se mi conoscete appena appena. Gli chiederei di cantarmi la sua (mia) canzone preferita, sottovoce, assieme a me. Anche qui, la felicità.


E ora campo libero ai vostri eroi!





90 commenti:

  1. Sicuramente Francesco d'Assisi per la sua mitezza d'animo e coerenza,ma anche Leonardo da Vinci per la sua creatività infinita. Non mi sarebbe poi dispiaciuto partecipare alla missione di Marco Polo nel Catai, o di Cristoforo Colombo verso le Indie Occidentali. Un caro saluto a te

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, Marco Polo. Ero affascinata dalla sua figura. Ricordo che, un "milione" di anni fa, sulla Rai trasmisero uno (sceneggiato televisivo) su di lui. Lo guardai incantata e mi convinsi che nel mio futuro c'era la Cina. Poi ho cambiato idea ahahah

      Elimina
  2. Marilyn Monroe, per la sua femminilità e per conoscere quella sua fragilità che forse un po' mi appartiene.
    Buona giornata Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo Marilyn, una persona speciale con tutte quelle fragilità che ci rendono imperfette e vere, come lo era lei.
      La mia preferita, tra le attrici del passato, è Audrey Hepburn, non l'ho inserita nell'elenco perché le riserverò tra qualche giorno un post speciale a lei dedicato.
      Ti abbraccio.

      Elimina
  3. Io avrei voluto conoscere Sissi.Guardo sempre tutti i film nei quali è protagonita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella e sfortunata principessa. Anche io guardavo i suoi film da ragazza.

      Elimina
  4. Difficile, ce ne sono stati tanti ma adesso provo a stilare una lista senza un preciso ordine preferenziale
    Berlinguer
    Dante
    John Lennon
    Edgar A. Poe
    Kurt Cobain
    Sergio Leone
    Leonardo Da Vinci
    Van Gogh
    Pertini
    Orwell

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla prima voce del tuo elenco mi sono commossa. Una grave mancanza la mia, visto lo spessore della figura di Berlinguer. Ma quando ho fatto l'elenco pensavo a personaggi storici lontani dai nostri tempi e ad artisti che in campo musicale mi hanno dato tanto.
      Per cui Berlinguer mi è sfuggito. E pensa che seguii in diretta alla tele i funerali, anni fa.
      Interessanti gli altri personaggi dell'elenco. Tra i tuoi vorrei conoscere Pertini e Poe. Dante no, mi ha "stramazzato" tutta l'adolescenza ahahah

      Elimina
  5. Io vorrei conoscere Gesù, non avrei nulla in particolare da chiedergli semplicemente vorrei ascoltarlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, Gesù. Ma come te lo aspetti? Un grande oratore, sicuramente.

      Elimina
    2. Difficile rispondere, però sono certa che mi sorprenderebbe.

      Elimina
    3. Eh si, ci sorprenderebbe di nuovo;)

      Elimina
  6. Johann Sebastian Bach approfondì ed esplorò tutto lo scibile musicale, perfezionando il temperamento equabile, alla base di tutta la musica occidentale (Beatles compresi). In tutto quello che componeva mise anche una stupenda poesia che mi commuove ogni volta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come darti torto. Anche se io gli preferisco altri compositori, non c'è dubbio sull'apporto che ha dato alla musica e non solo.
      Adesso la poesia mi sfugge, di che parli?

      Elimina
    2. Poesia, sentimento, trasporto sotto la facciata della perfezione formale. Le opere più belle e carezzevoli sono di Mozart, le melodie più indimenticabili di Bellini e Schubert, poi c'è Beethoven, Wagner... Forse la poesia, l'amore di Bach si deve in parte al fatto che componeva anche per insegnare ai figli.

      Elimina
    3. Non avevo capito nulla, sono proprio una cretina ahahahah

      Elimina
    4. Anche Bach ogni tanto steccava (suonando la viola).

      Elimina
  7. Io avrei voluto conoscere Montanelli.

    RispondiElimina
  8. Io , che conosco a memoria tutti i film a lei dedicati, avrei voluto conoscere la principessa Sissi, che identifico in Romy Schnaider (non so se è scritto giusto) , mi sarebbe piaciuto indossare i suoi abiti ed avere la sua bellezza. Sono stata a Vienna sulla sua tomba , all'Achilleion di Corfù e a Mayerling (qui con i nomi scritti !!) . Però so che non ha avuto una vita felice ed era una maniaca della cura del corpo. Forse è il mito cinematografico che ammiro.
    Poi San Francesco, il santo che più amo e ammiro, quando vado ad Assisi, mi sento in pace. Ciao. Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai visitati i luoghi di Sissi, a parte il Castello di Miramare a Trieste. Bellissima e sfortunata. Anche io da ragazza ho visto diverse volte i film a lei dedicati. Quindi avresti voluto conoscere anche Romy Schneider, bravissima e sfortunata come la protagonista dei film a cui diede voce e carattere. Non sapevo avesse una cura maniacale del corpo...
      E su Francesco d'Assisi, come hai visto del mio elenco, siamo d'accordo. Anche per me Assisi è sinonimo di pace e quiete.
      Ti abbraccio!

      Elimina
  9. ristiana marzocchi14/1/21 2:29 PM

    Hitler per sputargli in un occhio
    Pitagora per prendere lezioni di matematica,
    Mozart, il più grande per me, e fare con lui una gara di parolacce
    Maria Callas e sgridarla per aver rovinato la propria vita a causa di Onassis che le aveva preferito
    Jaqueline Kennedy
    Rosa Parks per abbracciarla allorchè scese dall'autobus dopo aver rifiutato di cedere il posto a un
    bianco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa Cri, ho cancellato e ripostato il tuo commento perché mi aveva fatto casino nella pagina😉

      Elimina
    2. Me ne ero accorta e stavo per cancellarlo. Non mi funziona bene la freccetta Scusa

      Elimina
    3. Penso che Hitler, ovunque sia, stia cuocendo per bene, ma mi unisco all'idea dello sputo😜

      Elimina
    4. Scusa Mari, ho dimenticato uno dei miei beniamini, Van Gogh, al quale vorrei dire che i suoi quadri ora sono un patrimonio per l'umanità.

      Elimina
    5. Meraviglioso. Hai visto il film con Dafoe?

      Elimina
  10. Ciao Mariella...avrei voluto conoscere Leonardo e Michelangelo e ancora Raffaello e Cellini. I grandi musicisti del passato come Verdi e Donizetti ma anche Vivaldi mentre componeva le mitiche Quattro stagioni e avrei voluto porre loro tante domande. In ultimo, avrei voluto conoscere quel genio di Tolkien e domandargli perché... 😜😜😜 non ha lasciato a me il tempo di scrivere il Signore degli anelli e Hobbit. 😊 Ciao Mariella un bacione grande.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vivì, innanzi tutto perdonami perché mi ero persa il tuo commento. Tra i miei compositori preferiti, un posto speciale c'è per Verdi e Puccini. A quest'ultimo chiederei perché salvò Turandot e condannò Madama Butterfly e Tosca, alcune tra le mie eroine predilette. Simpatica l'idea di rimproverare Tolkien sul suo libro che avresti voluto scrivere tu ahahahah
      Un abbraccio grande e buona serata.

      Elimina
    2. Dopo aver fatto piangere mezzo mondo con Boheme, Puccini decise di far soffrire tutte le sue eroine. Come sai morì prima di aver finito Turandot. Forse voleva cambiare o forse no. Forse trasferì tutto il sadismo sul personaggio.

      Elimina
  11. Non certo con Francesco Bernardone, vigliacco in guerra è fanatico in pace, dove ha sperperato il patrimonio famigliare per poter vivere in povertà, ma i famigliari non furono contenti.
    Vorrei incontrare Leonardo da Vinci ma non sarei alla sua altezza e per la musica John Lennon e Mozart due innarivabili della musica di ogni tempo.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mozart mi piace ma per quel che riguarda i compositori vorrei incornare Beethoven. Il mio grande amore.
      Interessante quel che dici su Francesco Bernardone. Chissà perché ne ho una visuale completamente diversa dalla tua, visto che lo amo.

      Elimina
    2. Francesco Bernardone era un uomo. San Francesco un mito della cristianità. Immagino tu ami il secondo.
      Ciao fulvio

      Elimina
    3. Io amo tutti e due. Sono la stessa cosa. Ma è una mia opinione, chiaramente.

      Elimina
  12. Oh, che bello, ho letto velocemente, già mi hai incuriosito con le tue scelte, devo andare in biblioteca a ritirare un DVD, ritorno al più presto, intanto ti dico Grazie e ti lascio un saluto!

    RispondiElimina
  13. Uh, mamma! Bella domanda.
    Prima di tutto il sommo Vate, DAnte Alighieri. Forse, piùche fargli domande vorrei v ivere con lui almeno qualche giorno. Poi, magari, le domande verrebbero da sole. Prima dovrei smaltire l'imbarazzo.
    Pablo Neruda. Quanto vorrei sentirlo narrare la sua vita, quanto vorrei vederlo mentre compomne una sua poesia. Anche per lui, le domande verrebbero dopo l'imbarazzo ma di fronte a certi mostri sacri...

    Alla fine vorrei incontrare (ae me lo concedi e rientra nel gioco) la cagnetta Laika. Vorrei sapere da lei cosa ha pensato quando sai è vista rinchiudere in quel "coso", quando si è sentita sparare verso l'alto... cosa ha pensato dell'uomo quando è morta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello incontrare Neruda, lui e la sua delicatezza amorosa, grandissimo poeta. Vero, chissà che darai anche io per veder comporre una poesia alla mia Emily.
      Certo che va bene Laika. Sai che quando lessi la sua storia, tanti anni fa, ci rimasi malissimo? Cosa vuoi che abbia pensato? Avrà finalmente riconosciuto che alcuni uomini sono delle vere e proprie merde!
      Ah, Dante" Alighiero" te lo lascio tutto ahahah

      Elimina
  14. Io vado un poco fuori tema, mi sarebbe piaciuto vedere il padre di Giovanni Pascoli la sera che lo hanno ammazzato anche per scoprire finalmente l'identità del misterioso assassino di quell'uomo. Se ci pensi quasi tutta la produzione poetica di Pascoli è stata influenzata da quell'evento.
    Faccio mio inoltre il pensiero su Laika espresso da @Patricia Moll

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Nick: Sono proprio ignorante su questo fatto, ne hai per caso parlato tu, eventualmente in qualche post? Mi riferisco a Pascoli.

      Elimina
    2. No, non ne ho parlato io, non ancora perlomeno. ;)
      Se sei interessata puoi trovare qualche info qui:
      https://it.wikipedia.org/wiki/La_cavalla_storna

      Elimina
    3. @Nick: Grazie.Letto. Non lo sapevo o l'ho rimosso? Incredibile davvero....come mai la tua scelta proprio su questo tra tanti? Segui la poesia?

      Elimina
    4. @Nick, perché fuori tema? La tua è una bella curiosità e nasce dalle tue passioni. Non so se ho mai detto che alcune poesie di Pascoli mi facevano piangere quando ero piccola, non sostenevo quella tristezza eppure sapevo ancora poco della vita dell'autore, ero una bambina. Ad esempio Novembre... Su LaiKa concordo come dicevo a Pat.

      Elimina
    5. "o cavallina, cavallina storna, che portavi colui che non ritorna".
      Vabbè reminiscenza scolastica!

      Elimina
    6. @ Lory
      Seguo la poesia ma quello che m'interessa è unire le mie passioni per la Storia, la letterature e i misteri. Quello del Pdre di Pascoli è uno dei misteri più interessanti della storia della poesia italiana.
      @Mariella
      E pensa che un anno mi costrinsero ad inparare a memoria questa poesia per Pasqua.

      Elimina
    7. @Nick: grazie per la tua risposta 😄

      Elimina
    8. Nick, ho sempre odiato imparare a memoria le poesie arghhh!!!

      Elimina
  15. eh ce ne sarebbero diversi, ed alcuni sono in comune con te, come Maria Antonietta, zia Jane, Federico II; aggiungo Lutero, per aver portato un'aria di cambiamento non indifferente in seno al Cristianesimo, Anna Frank (quanto l'ho sentita mia amica, sin dalla prima volta che lessi il suo diario!), le sorelle Bronte (le amo)..., ma su tutti Gesù <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna Frank, ma certo! Anche io assolutamente, il suo diario mi ha aperto un mondo intero. Avrei millemila domande.
      Le sorelle Bronte ECCO!
      Vedo che la figura di Gesù affascina molti. Come darvi torto. Io non ho mai preso in considerazione l'idea d'incontrarlo, non so mi sembra così distante. Eppure sono stata nella sua tomba, ho visto il Getsemani e la grotta dove nacque.
      Con tutto quello che c'è di marcio in questo mondo gli chiederei chi glielo ha fatto fare...

      Elimina
  16. Pier Paolo Pasolini, John Lennon (e nota che io sono un Maccaniano di ferro ^___^) e Stan Lee.
    E, molto indietro, Buddha.
    Pasolini secondo me è stato il più grande intellettuale del 900 italiano (e non solo). Manca tantissimo oggi, qui e ora, una figura come la sua. E invece guardiamoci intorno...
    Lennon perché avrei mille cose da chiedergli, ma la prima sarebbe: "Perché alla fine odiavi così tanto Paul?..."
    Stan Lee perché ha letteralmente cambiato la mia vita. Moltissimo di ciò che sono "arriva" da lui, dal mondo fantastico che ha creato e che da quando l'ho scoperto non ho più lasciato, sempre nel mio cuore. Proprio come i Beatles.
    Buddha perché, pur non essendo io buddista (almeno, non ancora...) è uno dei Personaggi più interessanti e innovativi, e coraggiosi, che hanno calcato questa palla di fango. Avrei mille domande da fargli, ma temo che lui opporrebbe il suo famoso Nobile Silenzio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, avremo modo di discuterne allora, di John e Paul. Ma sicuramente sul genio di ambedue non ci sono dubbi... Dici che si sono odiati? MA DAI.... A parte gli scherzi, ho letto diverse cose in proposito ne dobbiamo riparlare.
      Con Pasolini sfondi un altro portone, io sono d'accordo con te quando dici sia il più grande intellettuale del '900. E a proposito di Pasolini hai mai letto qualcosa di Walter Siti? È uno dei miei scrittori italiani preferiti...
      Stan Lee è stato un grandissimo, così ironico da apparire pure nei film sui supereroi nati dalla sua matita.
      Di Buddha conosco troppo poco, sinceramente l'ho sempre visto come una figura evanescente e lontana. Ma chiaramente dipende dal fatto che non ne so praticamente nulla!

      Elimina
    2. ...ho un po' timore a parlare con te di John, perché so quanto tu sia lennoniana... Riusciremo a restare tranquilli e civili? :)))
      (Certo che ci riusciremo!)

      Elimina
    3. Ma no, che saremo capaci di una bella discussione "filosofica", magari di persona e con davanti un bel bicchiere di vino rosso!!!

      Elimina
  17. Eccomi qua, tra una corsa e l'altra, mi avevi annunciato una sorpresa ma nonostante ne avessimo accennato, non mi sono preparata una lista. Intanto la tua potrebbe essere anche la mia, forse non conosco il n.8 Federico II, al momento non riesco a fare un collegamento, poi andrò a leggere qualcosa.
    Non ho letto i commenti degli altri, me li godrò alla fine, così evito anche di farmi influenzare. Partiamo:

    1) Gesù. È esistito? Io credo di sì, fosse solo un profeta, un visionario, un asceta, chiaramente è il mio numero uno. Mi sarei accontentata di vederlo da lontano, sai..... comunque avrei voluto fare un viaggio in quel tempo, per vedere, sentire....

    2) San Francesco assolutamente! Una delle figure più carismatiche, incredibili, assolutamente si, con lui avrei voluto parlare, il primo volontario dell'epoca, amico dei poveri, con il lavoro che faccio sono tante le figure che mi riconducono a loro.

    3) A livello storico assolutamente Ipazia, già ti dissi il mio interesse per questa figura, avrei fatto lezione con lei, l'avrei seguita senza dubbio.

    4) Cavallo Pazzo, capo indiano, ho letto la sua storia e me ne sono innamorata, come può succedere solo quando qualcosa ti colpisce al cuore.

    5) Per l'arte, vado sul cinema e ti dico Robin Williams, quando è morto ho pianto, non ricordo un dolore così, per qualcuno che neanche conosci, ma tramite i suoi personaggi mi è sembrato di conoscerlo ogni volta di più, è stata una perdita...

    6) Marilyn Monroe, mio mito da sempre, bella e fragile, complessa e semplice, mi sarei messa in platea per vederla recitare, l'avrei seguita in un set. Avrei voluto vedere come si muoveva tra la gente, nel mondo... avrei guardato in faccia gli altri mentre la guardavano, per carpire i loro pensieri.

    7) Freddie Mercury. In verità non lo conosco da molto, ma abbastanza da aver desiderato conoscerlo. E si, con lui avrei voluto chiacchierare, non era interessato al dopo, a quello che avrebbe lasciato di sé, perché come disse, lui non ci sarebbe più stato, e allora, non gli interessava, ma avrei voluto approfondire, sapere veramente qual'era la cosa di sé, o la canzone, che avrebbe voluto restasse immortale.

    Al momento, non mi viene altro in mente, in verità ce ne sono di personaggi che avrei voluto ascoltare o conoscere: Giordano Bruno, Cleopatra, figure interessanti ce ne sono tante.
    Per assurdo avrei voluto anche conoscere (più o meno) un serial killer, quello che non ti aspetteresti, l'insospettabile, capire se era veramente insospettabile, o se poteva leggersi qualcosa di diverso in lui, immaginarmi a parlare con lui, per vedere se percepivo un'aura strana....

    Mi fermo, ora vado a leggere gli altri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che belli i tuoi personaggi, vediamo di rispondere a tutti i tuoi punti.
      Vedo che Gesù ha un grande potere su molti. Sai che non me lo aspettavo? Avrai scoperto che è stato il più gettonato assieme a Francesco d'Assisi tra i commenti. E non so nemmeno dire perché nei miei punti non c'è. Sono stata sulle sue tracce in Israele e mi sono fatta l'idea che era il più grande comunicatore che sia mai esistito. Essendo credente, ritengo di non avere bisogno di incontrarlo ora perché fa già parte di me. Forse è questa la spiegazione.
      Su Francesco siamo d'accordo, Ipazia la conosco poco ma ricordo che ti piace, dopo ti dico una cosa.
      Anche io sono affascinata dalla figura di Cavallo Pazzo, qualche anno fa lessi un libro di Vittorio Zucconi che me lo fece amare un sacco. Marilyn bellissima e fragile, troppo intelligente per il mondo in cui viveva. A proposito di quel che hai scritto su Robin Williams, io ti capisco. Mi accadde lo stesso quando morì Massimo Troisi, piansi tutte le mie lacrime. Lo ricordo come se fosse successo ieri. Freddy Mercury, ti consiglio, quando si potrà, di andare a Montreaux in Svizzera. C'è molto di lui, lì dove scelse di vivere gli ultimi anni.
      Però la tua idea di conoscere un serial killer mi fa venire i brividi:-)
      Tornando ad Ipazia: mentre ti leggevo pensavo che se vorrai parlarne più approfonditamente, potrei ospitarti con un guest post. È una figura affascinante che non conosco benissimo e mi farebbe piacere parlarne. Pensaci su!

      Elimina
  18. Bellissima la tua lista, in particolare anch'io avrei voluto conoscere la Dickinson.
    Tra i miei sogni impossibili, forse, Shirley Jackson: autrice horror dalla vita oscura, ma molto affascinante. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ MrInk: 🎵 Si può dare di più!...🎼
      Davvero Michele non ti sei sforzato molto... nessun'altra/o vorresti incontrare? 😄

      Elimina
    2. @ Mic, non ho idea di chi sia Shirley Jackson, ma basta il tuo accenno per accendere la mia curiosità, andrò a cercarla.
      Ma appunto, ha ragione Lory, dacci qualche altro nome su!!!

      Elimina
  19. Filippo Tommaso Marinetti, inventore del Futurismo e mio eroe indiscusso; Aristotele, per sapere cosa ne pensa della sua Politica ridotta così, Italo Calvino, Voltaire, l'ateo(!) per due chiacchiere su Gesù, Bach, magari per vederlo su un sintetizzatore, Da Vinci, John Bonham a dirmi cosa ne pensa della musichetta di oggi e magari Hemiunu, l'architetto della Piramide di Cheope, per farmi svelare il più grande segreto del mondo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marinetti, eccome. Tutti quei colori bellissimi. È uno dei pochi futuristi che non mi da ansia a guardarlo! Certo che tu, Aristotele, Voltaire, e finisci con Hemiunu (chi?)
      Mi meraviglio che non hai messo in lista Gesù, ma credo di sapere perché...

      Elimina
    2. Perché (e finiranno nei miei Luoghi del cuore) le piramidi mi hanno stupito più di tutto ciò che ho visto finora.. ;)
      ed il loro architetto lo ascolterei rapito..

      Elimina
    3. Ti ho mai raccontato di quando volevo scappare dalla Piramide di Chefren e non potei farlo perché non si può tornare indietro e bisogna proseguire fino in fondo al percorso? Sono stata così male. MAI PIÙ altro che ascoltare rapito l'architetto a calci lo prenderei ahahah

      Elimina
  20. Beh tanti personaggi ma mi basterebbe uno, incontrare Gesù così forse mi farebbe il miracolo che mi servirebbe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che se ti avessi vicino in questo momento ti stritolerei in un abbraccio fortissimo e al diavolo il Covid?

      Elimina
    2. Pietro te lo auguro davvero.. ;)

      Elimina
    3. Anche io Pietro caro...

      Elimina
  21. Allora donna dalla grande testa, ormai io ti definisco così....mi è innanzitutto piaciuto leggere i commenti di tutti, grande è stato il mio stupore, hai indovinato, nello scoprire che Gesù... è nella nostra lista (si può dire, o sembra blasfemo...nella nostra lista, non mi viene altro termine), sono contenta di questo.

    Chiaramente il serial killer, è in lista solo per semplice curiosità....non quella che uccise il gatto! 🤣

    Su Cavallo Pazzo, allora abbiamo letto lo stesso libro, mi ha affascinato, commosso, dilaniato.

    Veniamo a Ipazia. Non ne sarei capace, figura complessa oltre a un periodo storico dove le religioni si facevano guerra. Non so dirti perché lei mi colpisca così, in parte lo so, sono attratta da persone con un proprio pensiero, in questo caso una donna forte nelle sue idee, scomoda, intelligente. Tanto è andato distrutto dei suoi studi, dei suoi scritti, anche le testimonianze a volte divergono. Leggere, guardare film è una cosa, recensire, discuterne è un'altra. Su certi argomenti non mi sbilancio, neanche ci provo. Però posso consigliarti il film "Agorà" di Amenabar che in qualche modo ha allargato la mia conoscenza, anche se lì, bisogna capire quanto è ricostruito o veramente documentato, ma rende l'idea. Nel caso, fammi sapere che ne pensi, o ancora meglio lo potrai recensire tu, sei preparata e comunque hai una buona scrittura e...una gran testa! 😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho visto il film che citi, me lo segno sperando che passi presto alla tele. Male che vada proverò a cercarlo in biblioteca. Anche io non conosco molto di lei a parte qualcosa che studiai molto tempo fa.
      No, non recensisco film ,sono assolutamente impreparata, l'ho fatto credo solo un paio di volte ma mi sono resa conto da sola che non è il mio "mestiere".
      Dici che ho una gran testa? Probabile di si, soprattutto quando permetto ai miei ricci di prevalere sul liscio con il quale li domo:-)
      Buona giornata cara.

      Elimina
    2. Buona giornata a te, le biblioteche hanno riaperto e sto recuperando un sacco di film, senz'altro lo troverai.
      Grazie per aver accolto un suggerimento, in ogni commento ci sono personaggi incredibile, ognuno di loro meriterebbe un post, mi associo a Pia 👋🌷, Caravaggio l'ho proprio dimenticato...
      Scrivi molto bene, questo è un dono bellissimo!
      Buon weekend a tutti!

      Elimina
    3. Domani passo in biblioteca ma ancora non ho capito se saranno aperte o meno per il nuovo DPCM...

      Elimina
  22. Mari ma io voglio incontrare tutti gli artisti del mondo, come si fa a scegliere.
    Prima di tutto Pertini. Ho domande da fargli circa quel che ha vissuto nella sua vita e poi per chiedergli dei suggerimenti per come essere il presidente italiano perfetto. 😉
    Vorrei conoscere Caravaggio per alcuni segreti sia di vita che di tecniche pittoriche. Questo vorrei chiederlo a tutti i pittori ovviamente ma a lui di più. Vorrei incontrare Wright per capire alcune cose che non ha detto sul suo operato e Van der Rohe per scoprire cosa si sono detti lui e Wright durante il loro incontro, perché credo che sia stato altamente influenzato da lui.
    Vorrei conoscere una delle mie artiste musicali preferite come Winehouse, perché vorrei capire come sia potuto accadere che si fosse fatta influenzare così negativamente dai cretini che parlavano male di lei tanto da distruggere la sua esistenza... Ma forse i motivi sono al di là di questo, vorrei conoscerli per tirarla fuori dai guai.
    Vorrei conoscere Pirandello e forse non gli chiederei niente perché mi sentirei talmente inferiore a lui da vergognarmi terribilmente. Lo seguirei passo passo però, perché ha sicuramente molto da insegnarmi.
    Vorrei conoscere Fellini... punto. E vorrei conoscere Morricone... punto.
    Vorrei incontrare James Dean per chiedergli perché ca...o ha voluto provare quella macchina ad alta velocità. Ma dico era troppo - strafantastico! Non doveva lasciarci così!
    Ok. Finisco qui, ma uffi... Non volevo neanche scrivere questo commento... sono troppiiiiii! Li voglio incontrare tutti! Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che idea chiedere a Pertini come riuscire ad essere il Presidente perfetto. Me lo immagino con la pipa in bocca osservarti mentre ti dice: come posso aiutarti io che sono stato quello meno tradizionale di tutti? Sarebbe bello... hai ragione!
      Nella tua lista non poteva che esserci Caravaggio, e tutti gli artisti che hanno segnato sia il tuo cammino di studio che la tua passione per la pittura! E tutti gli altri da Fellini a Morricone. Dean e Amy Winehouse. Artisti talentuosi e scomparsi troppo presto. Noto che le liste si allungano perché più ci pensi più aggiungi personaggi che in un primo momento ti sono sfuggiti...
      Bacio!

      Elimina
  23. Se ho capito bene valgono anche personaggi non esattamente storici, quindi direi: Audrey Hepburn, Cary Grant, Corrado, Hermann Hesse, Edgar Allan Poe, Mark Twain, Totò, Gino Cervi, Aldo Fabrizi, Bud Spencer, Massimo Troisi.
    Troppi? 😄

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, vanno bene tutti.
      Di Audrey, che ho volutamente lasciato fuori dalla lista, parleremo più diffusamente il 20 gennaio. E tu sai perché;)

      Elimina
  24. Ci sono personaggi storici (ma anche del mondo della letteratura, dell'arte e della musica) che ammiro molto ma che forse avrei paura a incontrare di persona. Come Pia ammiro Pirandello, però se mi trovassi a parlare con lui che figura farei? Lui magari esporrebbe un concetto esistenziale particolarmente complesso e io gli risponderei chiedendogli se preferisce il vino bianco o quello rosso... Farei la figura del nano stupido di fronte a un gigante di intelligenza. E lo stesso mi accadrebbe con Voltaire, con Ada Negri, con Yukio Mishima...
    Oppure, Lucio Battisti. So che era molto riservato, sarebbe stato difficile conoscerlo realmente. Magari avrei voluto vederlo cantare dal vivo, questo sì, cosa che non mi è stata possibile perché aveva già smesso di esibirsi quando io ero ancora un bimbetto. Dal vivo avrei voluto vedere anche Jimi Hendrix, evento impossibile a prescindere perché lui se ne era già andato prima ancora che io nascessi.
    Mi sarebbe piaciuto conoscere Camillo Benso di Cavour e magari consigliargli di avere più cura della sua salute, perché lui avrebbe dovuto essere primo ministro della neonata Italia almeno per dieci anni, non per pochi mesi...
    Concludo rammentando però un mio professore che ci diceva spesso che i personaggi cosiddetti storici sono comunque esseri umani come noi, spesso con le loro debolezze, e che conoscerli dal vivo può essere una delusione. Meglio apprezzare le loro gesta e la loro arte, e qui fermarsi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai cosa penso Ariano di tutte le aspettative sui personaggi famosi, storici o meno? Che davvero sono persone come tante, non diverse da noi e probabilmente, se avessimo la fortuna di conoscerle ci stupiremmo della loro semplicità e come dici tu, ne resteremmo delusi.
      Però l'idea di conoscere Camillo Benso conte di Cavour è pazzesca! Vengo con te!
      Invece Battisti te lo lascio tutto, sebbene abbia amato tantissimo le sue canzoni, penso proprio che mi avrebbe deluso. Non era schivo era proprio stronzo ahahah
      Abbraccio!

      Elimina
  25. Ciao Mariella, intanto auguri di Buon Anno, che dici, andrà meglio?
    Quella che poni è una bella domanda: io, per esempio, vorrei incontrare i miei scrittori preferiti, partendo da Marcel Proust. Poi, farei una chiacchierata con Dostoevskij e con Singer (Israel, non Isaac). Incontrerei volentieri Chopin, Skrjabin e, passando dal classico al contemporaneo, Jim Morrison e Kurt Cobain, belli e dannati (non sono proprio di un’altra epoca, ma comunque direi che hanno lasciato la loro impronta nella storia).
    E chissà quanti ne troverei ancora solo a pensarci un altro po’! 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marina, cari auguri di Buon Anno anche a te! Non so davvero sai? Vedo l'orizzonte assai distante...
      Su Proust, conoscendoti un po' ci avrei scommesso;) chissà che bella chiacchierata saresti in grado di sostenere con lui, lo metteresti a tappeto! Non mettiamo limiti ai desideri sui personaggi famosi, vanno bene tutti e poi, non vorrei contraddirti, ma Morrison e Cobain sono di un altro secolo :-)
      Se ti viene in mente qualche altro nome sono qui ad accoglierti. Un abbraccio e buona serata.

      Elimina
  26. Il libro di Vittorio Zucconi lo lessi anch'io, non pensavo scrivesse così bene!
    I nativi americani e i loro capi erano una passione di mio padre, che diede a mia sorella un nome pellerossa.
    Io sono affascinata dalla cultura tibetana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A quanto pare il libro di Zucconi ha soggiogato un bel po' di fanciulle ahahahah
      Ti faccio anche io la domanda di Lory, come si chiama tua sorella? Oramai ci hai incuriosito, non ti puoi tirare indietro...
      Bacio.

      Elimina
  27. @ Silvia: bellissimo quando i genitori riescono a trasmettere una passione, sui nativi americani c'è da leggere tantissimo, la storia è piena di ingiustizie atroci. Come si chiama tua sorella? (solo se vuoi dirlo) Evidentemente tuo padre era più che appassionato!
    La questione del Tibet, certamente, hai letto o visto qualcosa che ti ha colpito più di tutto? Qua siamo sempre curiosi, vero Mari? I blog hanno il nobile scopo di portare all'attenzione, gli utenti condividono, continuo a ribattere il potenziale immenso di questi spazi. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Curiose sempre, io sul Tibet però sono una frana, l'unica cosa che mi ricordo sono un paio di film e di uno in particolare ricordo solo il capello biondo di Brad Pitt. OKKEI scherxavooooooo

      Elimina
    2. Sette anni in Tibet, lo vidi tempo fa, non lo ricordo benissimo ma mi era piaciuto, esiste anche il libro.

      Elimina
  28. ohi ohi.... domandona ! qualche nome mi viene facile facile : Gesù ed Einstein. (carino vederli assieme a disquisire !) ... poi Margherita Hack, (della quale sono follemente innamorato), Robin Hood (of course),e poi Sebin, il piccolo principe, ma anche ovviamente Emily Dickinson e George Weels.... e vabbè anche quello scontroso di Freddy Mercury e quel simpaticone (si fa per dire di David Bowie.... l'elenco è lungo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Stefanover: dici che Robin Hood è esistito realmente, ci avevo pensato anch'io....o mamma mia, quanti sono i personaggi che vorremmo incontrare....

      Elimina
    2. Caspita Stefano, Gesù e Einstein, che coppia da sballo. Ma se decidi per questo dibattito facci sapere dove e quando:-)
      Un artista che mi metterebbe in soggezione visto quanto mi piace è proprio Bowie. Ho passato la vita intera ad ascoltare la sua musica, a guardare i suoi film eppure non avrei il coraggio di chiedergli nulla, ma starei ad ascoltare per giorni.

      Elimina
  29. Sono davvero felice per questa grande partecipazione. Un post nato dall'idea di Lory che ci ha unito tantissimo e ci ha fatto raccontare, attraverso i personaggi che ci affascinano, anche il nostro mondo. QUESTA È LA BLOGSFERA CHE MI PIACE.
    Grazie a tutti, di cuore.

    RispondiElimina
  30. Grazie a te Mari. Buona notte!

    RispondiElimina
  31. Io Maria Antonietta la adoro: ha dimostrato come il popolo bue, certo affamato, sia in grado di non costruire un kaiser anzi solo distruggere.
    E da qui mi ricollego: incontrerei volentieri Robespierre.
    Poi, vediamo... qualche imperatore romano ma ancora di più qualche alchimista... e Galileo Galilei :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un collegamento tra Maria Antonietta e Robespierre ci sta, se poi pensi che quest'ultimo è rimasto vittima del suo stesso odio e della sua stessa arma ahahah
      Ma per imperatore romano ti affascino di più quelli che hanno reso grande l'Impero o quelli che hanno provato a distruggerlo? Se ci penso io vorrei conoscere quel folle di Nerone per scoprire che poi così folle non era...
      Persone affascinanti gli alchimisti!
      PS: ti ho detto che il cofanetto Le Rose di Versailles è bellissimo? Ci sono alcune tavole delle copertine originali del fumetto che non sono mai uscite in Europa, una vera chicca.

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)