AVEVO SAPUTO QUEL GIORNO CHE LA SCRITTURA ERA CAMPO APERTO, VIA D'USCITA.
(ERRI DE LUCA - IL PIU' E IL MENO)

13 ottobre 2014

Viva le gambe di Julia. E il suo cervello.







Mi piaci Julia.
Da quando vidi Mystic Pizza per la prima volta. Avevamo la stessa età. Lo stesso sorriso (dicevano).
Capelli ribelli e gambe lunghe.

Impastavi la pasta della pizza e ti innamoravi di un fighettino tutto occhi azzurri e nient'altro.
Uno di quelli che arriva in moto e poi dopo quindici anni te lo ritrovi sdraiato sul divano. Ma come si chiamava? Ah sì, Love. Tutto un programma.
Poi passasti a dare dello "stronzo" a Richard Gere. E va bene dissi, ci sta.
Ti aveva preso per una donnina allegra eh.
Tu non baciavi sulle labbra. Eri deontologicamente contraria. Lui ti disse che aveva un sacco di soldi. Mandasti a quel paese la deontologia.
Ma mi fregavi sempre.
Al tuo fianco ho dovuto sopportare malati terminali e maniaci.

Poi.

Il tuo migliore amico decide di sposarsi. Eh beh, si fa così?
Non te ne era mai fregato niente di lui; aveva pensato bene di ripiegare su Cameron.
E tu che fai? Lo ingelosisci con Rupert? Ma sarai mica matta?
Ti pare che qualcuno potrebbe mai crederci che gli piacciono le donne?
Infatti, resti zitella.

E poi ti vedo con le infradito e un golfino azzurro mentre dici a uno stralunato libraio  "sono solo una ragazza che sta chiedendo ad un ragazzo di amarla".
Certo, bella dichiarazione d'amore. Ti potevi sforzare un po' di più.
Uno che legge poeti antichi. Ti avrà preso per un'analfabeta.
E tu insisti. Sei piena di soldi. Ricca, bella e famosa.
E lo conquisti con un quadro. Una capra che suona.
Ah, se lo sapevo prima. Che bastava un disegno di animale domestico.
Che ne ho disegnati di gatti e cani. Ma mica ci sono riuscita a catturare Hugh.

Qualche anno dopo ci riprovasti con Gere. Insomma, quando una si fissa.
E per sposarlo? Ti inginocchi e gli regali delle scarpe da running.
Ma che avete tutti con sta' mania della corsa?

Ti rendesti conto che era meglio impegnarsi. E lavorare come segretaria di avvocato. Che magari vai a scoprire una truffa costata la vita a migliaia di gente e ti becchi pure l'Oscar.
Vero è che è meglio farle le truffe. Si guadagna di più e si lavora con George e Brad. Mica male. Lo sapevo che dovevo fare un altro mestiere.
Ma dopo tutta sta fatica mi cadi in crisi mistica. E parti alla ricerca di te stessa. 
SEEEEEE
Lo so io cosa cercavi tu... James!

Poi l'altra sera mi compari davanti nuovamente. Su di una sedia a rotelle. Fai la dottoressa spaccamaroni. Già, è la parte che ti viene meglio. Non sei mai stata più brava di così. Ma lì, in quel piccolo film capolavoro che si intola The Normal Heart, siete bravi tutti. Tu, Mark e Matt. E tutti gli altri. Ma proprio tutti.
C'è l'amore e quella malattia bastarda che si chiama AIDS. Ce la siamo quasi dimenticata. Ma non è mica scomparsa. Eh no. Che ora bisogna buttarsi sui film per la tv per tornare a parlarne. Non va mica bene.


Ecco,  mi sale un magone fin sopra. Lì tra la gola e gli occhi. E mi si sfracassa il cuore. 

E in mezzo ad una vagonata di problemi e frustrazioni, sei come una visione.
Potrebbe essere pure una dichiarazione d'amore. Fatta da una donna etero ad un'altra etero.
Machissenefrega.

Corri Julia corri. Io tanto ti sto sempre dietro. Tra i capelli qualche filo bianco, proprio come te.
Orgogliosa.
Già.
Donne.
Meraviglia.








55 commenti:

  1. Grandiosa e irresistibile! è anche la mia preferita!

    RispondiElimina
  2. hai citato Mystic Pizza. probabilmente il film che ho apprezzato maggiormente. lì è di una bellezza imbarazzante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che stasera me lo riguardo :-)
      E perché in Dying Young no?
      Io l'avevo trovata strepitosa.

      Elimina
    2. perchè non l'ho visto e non ce l'ho presente !

      Elimina
  3. Non la mia attrice preferita ma di certo un'icona con cui sono cresciuto! :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E chi è la tua attrice preferita?

      Elimina
  4. D'accordo su quasi tutto. Sul "ripiegare su Cameron" non posso seguirti.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va beh Franco, nulla da dire pure su Cameron.
      So' gusti!

      Elimina
  5. Bellissimo questo post. Anche a me piace molto.

    Buona giornata!

    RispondiElimina
  6. Ho guardato giusto una settimana fa “The Normal Heart” ed è stato un pugno nello stomaco. Da molto tempo non mi emozionavo e piangevo nel vedere un film. A mio avviso una prova meravigliosa di un attore che conoscevo poco, Mark Ruffalo. Julia beh… la Roberts è la Roberts. Ultimamente ho visto anche “I segreti di Osage County” e pure in quella situazione non ha per niente sfigurato accanto a quel mostro sacro della Streep. Non dico che Pretty Woman sia fotonica ma di sicuro poche volte mi ha delusa. E’ brava, bella, simpatica, intelligente ma senza esserlo in maniera eccessiva (anche se la considero tale nel film “Erin Brochovich”) e forse per questo non essere “issima” me la fa piacere tanto. In coppia con Denzel nel “Il rapporto Pelican”, o con Susan Sarandon in “Nemiche Amiche” e che dire del suo “Monna Lisa Smile”? Di certo Julia mi accompagna con i suoi film da molto tempo  bacio ragazza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un film notevole. Cerco di ficcarlo dentro quasi ad ogni mio discorso, perché vorrei che tutti lo guardassero.
      Preparati alla botta eh.
      I Segreti di Osage County lo avevo visto al cinema qualche mese fa. Il fatto è cara Morena, che è riuscita finalmente a venire fuori dal clichè bella ma non brava. Ed era ora. E la lotta con Meryl era ad armi pari.
      Anzi, ho trovato quasi più manieristica la seconda.
      Ma delusa, idem.
      Film con Julia Roberts visti tutti.
      Almeno credo.
      BACIO A TE FANCIULLA.

      Elimina
  7. Grandissima Julia. E appena ho visto il tuo titolo ho subito pensato anch'io a Mystic Pizza. Non per dare meno risalto ad altri suoi film anche più belli o umanamente notevoli (The normal heart andrebbe proiettato nelle scuole, ma sappiamo che in vatikalia lobotom-italy non succederà), ma perché quel filmetto così ben fatto e carino era uno dei preferitissimi della mia povera mamma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto Nick. Non succederà. Per cui promulghiamo per quanto è possibile e parliamone.
      L'ho detto prima, stasera me lo riguardo, Mystic Pizza.
      E mi ricorderò delle tue parole.
      Bacio.

      Elimina
  8. Di Giulia ho visto tutti i film che ha girato e pure un reportage (che credo sarà sfuggito ai più) su un suo soggiorno in Mongolia.
    Il video in parola è autentico e non ha nulla della solita costruzione artificiosa e di maniera. Ne consiglierei la visione, perché rivela una Roberts inedita, che non si discosta troppo dai personaggi positivi interpretati nelle sue pellicole.
    Vive e si integra perfettamente con una famiglia mongola, che la ospita nel proprio capano, condividendone usi e abitudini, con curiosità e rispetto.
    Io non conosco la biografia della star, così come non ne conosco il comportamento nella vita provata, ma sembrerebbe una donna a posto, col sangue nelle vene e soprattutto, per quanto socialmente possibile, una donna semplice e alla mano.
    Ho apprezzato molto il taglio dell'articolo (lo dico senza piaggeria o affetto per l'amica di blog) è originale e scritto veramente bene!
    Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualcuno mi ha detto che non è il massimo della simpatia e ha un bel caratterino(ho le mie fonti).
      Ma cosa ce ne frega aggiugerei? E poi magari sarà stato proprio quel carattere a farla diventare quello che è.
      Ecco il documentario è sfuggito a me. Colmerò la lacuna.
      Grazie per i complimenti (graditissimi) al taglio dell'articolo. Non avevo voglia di scrivere la sua biografia. Sarebbe stato scontato e noioso. E allora mi sono divertita così.
      Abbraccio Nigel.

      Elimina
  9. Non conoscevo questo film, ma appena posso lo recupero :) Grazie della segnalazione Mariella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pier ti avverto. Pronto ad incazzarti e a commuoverti.
      Vale la pena.
      Bacio.

      Elimina
  10. Adoro la Roberts, ho visto tutti i suoi film e credo, cara Mariella, che questo sia un altro importante elemento che ci unisce.
    Scusa la brevità, ma ho approfittato di una breve pausa di lavoro, per collegarmi col tablet.
    Ti abbraccio caramente ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa molto piacere trovare sempre più cose in comune con te.
      Io sono appassionata. Ho moltissimi suoi film in video. Sono partita dai VHS ora sono ai DVD. Chissà in futuro.
      Come ti capisco. In ufficio non mi collego e aspetto la pausa per girovagare nei miei blog preferiti o rispondere nel mio.
      Ti abbraccio anche io.

      Elimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. Anche a me è piaciuta molto nella parte della dottoressa.
    Julia è sempre Julia, che ci vuoi fare.
    Baci Mari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te la immagini tra vent'anni? Secondo me più passerà il tempo più sarà se stessa nei film che farà. Come le più grandi.
      Bacio a te.

      Elimina
  13. Hai fatto Bingo. La Roberts è la mia preferita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E cosa ho vinto?
      Ahahah bacio W.

      Elimina
    2. Una di quelle donne che sa piacre alle donne, oltre che agli uomini. Raro.

      Elimina
  14. Per me Julia è un'ottima attrice, non c'è ruolo che non abbia interpretato bene (ma te la ricordi nel film "A letto con il nemico" per esempio?) e trovo che sia anche una donna molto in gamba.
    Vogliamo parlare di Normal Heart? Più che un film, una bellissima e tragica corale su una storia vera (tutto il cast è memorabile, ho visto anche su youtube l'intervista al vero giornalista, da piangere): in quattro anni troppi morti, cifre che sono aumentate, cifre che ora si dicono "sotto controllo".
    Ma quale controllo? Certo, chi è stato contagiato ora non muore più in 3 mesi, può anche vivere molto bene grazie ai medicinali... ma che razza di vita è se viene emarginato?
    Che modo di affrontare l'AIDS è quello che appoggia teorie secondo cui la malattia non c'è ed è frutto di una cospirazione?
    Perchè troppi ragazzi non usano il preservativo e le ragazze non usano il dental dam (è la protezione per noi lesbiche)?
    Perchè si diffonde l'ignoranza?
    Allora ben venga anche The Normal Heart, che scuota un pò di menti congelate.
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì me lo ricordo. Il maniaco di cui sopra. Quello che voleva nel bagno le tovagliette allineate. Da quando ho visto quel film le mie le lascio sempre non alla stessa altezza. Per dire...
      Ti sei mai chiesta Mel, come mai non si riesca ancora a trovare la cura per l'Aids? E poi, siamo sicuri che non ci sia?
      Molto meglio vendere farmaci che fruttano miliardi di dollari con una rendita eterna, visto che le cure durano anni; immettere sul mercato la cura definitiva farerebbe sparire per sempre il business.
      Lasciamo che se ne parli sempre di meno, così la gente continuerà ad ammalarsi credendosi ormai al sicuro e noi continueremo a fare affari d'oro.
      E potrei fare altri esempi di malattia incurabili per cui non si ha alcuna voglia di provare nemmeno a trovarla, la soluzione.
      Ho trovato tutto il cast del film straordinario. Mica facile parlare di una storia così(verissima certo) senza cadere nella parodia. Sì ben vengano film così. E parliamone.
      Bacio a te.

      Elimina
  15. Julia Roberts? Un mistero affascinante.
    Mi fa venire in mente la protagonista della commedia "Trovarsi" di Pirandello.
    Mille ruoli, mille facce, ma mi è difficile immaginarla fuori scena, quando è lontana dai riflettori.
    L'ho amata incondizionatamente in "Erin Brockovich" e in "Fiori d'acciaio".
    In "Mystic Pizza" confesso che facevo il tifo per la sorella, ma era perché era più credibile come personaggio.
    Trovo curioso il suo prestare il volto (e ora le gambe) alla pubblicità, ma senza mai pronunciare una parola.
    Fa parte del suo mistero.
    E ora, Mari, una provocazione. Mi sarebbe piaciuto vedere lei (quando aveva l'età, beninteso) in "Colazione da Tiffany".
    Credo sarebbe stata sorprendente...
    Off topic: vedo che sei già vispa e brillante come sempre. Ciao, Mari! nessie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Julia avrà pensato: meglio che tengo la bocca chiusa e sorrido piuttosto che fare la figura di Banderas con le galline e di Costner con il tonno.
      Mi ricordo che anche nella pubblicità di Lancome sta zitta.
      Insomma sa sempre bene come vendersi e come usare il suo personaggio.
      A casa? Sarà una noiosissima mamma di due gemelli.
      Lei ha trovato l'uomo normale che cercava in Notting Hill. Quello che non la scambierà mai per l'attrice.
      Tempo fa su VF (MA VA?) lessi un'intervista che le era stata fatta nel suo ranch. E mi piacque un sacco anche lì.
      Parlava della vita normale e pur difficile di una moglie e di una madre. Le auguro di avere veramente trovato quello che cercava.

      Elimina
  16. Preciso: in un remake di "Colazione da Tiffany" magari con Richard Gere (che a fare il gigolò era già abituato). ;-) nessie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulla tua provocazione: che nessuno e dico nessuno osi fare il remake di Breakfast At Tiffany's. Anche a Julia non lo perdonerei. L'ho detto da Fiorini: se ci provano " li spiezzo in due".
      E che non osino neppure fare un remake di Pretty Woman.
      Audrey e Julia Number One.
      Bacio Nessie.

      PS. Ancora Gere? Eddai... lo fa col bastone? ghghghgh

      Elimina
    2. Ma non certo adesso, Mari... ai tempi d'oro!
      Richard Gere l'ho scoperto solo dopo aver visto "Sommersby"...
      Prima per me era Quello che ora per molte è Garko... Bacio. nessie

      Elimina
  17. Non ho ancora visto "The normal heart", ma trovo grandiosa la Roberts in tutti i film che avete citato, a cominciare da "Mystic Pizza" dove è giovanissima. Ma insieme agli altri ricordo anche "Scelta d'amore".
    I film che rivedrei volentieri però sono: "Rapporto Pelikan", "Amiche nemiche" e la scena finale con Rupet Everett de "Il matrimonio del mio migliore amico". Troppo bella!
    Grazie Mariella di questo grintosissimo articolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Annamaria!
      Anche tu per i filmoni strappalacrime. Dying Young mi aveva fatto versare fiumi di lacrime.
      E se penso che l'attore dopo quel film ha fatto poco e altro.
      Era struggente; come la colonna sonora di Kenny G.
      Amiche nemiche è un altro film che mi piace molto. Lì se la battevano alla pari lei e la Sarandon. Molto bello e intenso il finale con la fotografia "tutti insieme".
      Grazie a te per essere passata!
      Un bacio.

      Elimina
  18. Mi sono innamorato di Giulia appena vista. Mai più scordata. Sarà pure una grande attrice ma è una donna da favola dentro e fuori. Anche quando fa pubblicità alle calze Calzedonia, sempre che non sia una controfigura ma è impossibile: quello è il suo sorriso.
    Ciao sorellona della sorellina di Maria, ci azzecchi sempre coi tuoi revivals.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la sto guardando ora Enzo, la pubblicità di Calzedonia.
      Lei i suoi fuseaux neri e la camicia bianca.
      Semplice e perfetta.
      Con un sorriso che ti allarga il cuore.
      Bacio caro amico mio.

      Elimina
  19. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  20. Julia...donna meravigliosa. Julia attrice splendida. È una donna che ha il potere d'incantarti. Ha uno sguardo sensuale ma che ti. ..Commuove! Sì non so spiegare questa sensazione. La guardi e ti avvolge con romanticismo commovente, un po come dire... piango di felicità, che sembra una contrapposizione, ma succede. E poi un attimo dopo che incroci lo sguardo allarga il suo "disarmante" sorriso. Splendido! Penso che non ce ne sia uno più tenero e dolce. Vorresti che non smettesse mai di sorridere... e di guardarti! Non è, per me, quel tipo di donna che accende (solo) l'eros.
    Passano gli anni...ed io continuo ad adorarla.

    Una Buonanotte Mari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lei ha il potere di illuminare ogni cosa. Che sia il sorriso o il suo sguardo mai banale.
      La bravura che ci mette in ogni ruolo che interpreta.
      Nonostante sia di una bellezza incredibile è sempre riuscita a sembrare simile a tutte noi DONNE COMUNU. Non le abbiamo mai invidiato nulla. E ci ha sempre fatto sognare. In ogni suo personaggio c'è qualcosa nella quale ci rispecchiamo.Mai capito come ci riesce.
      E comprendo come possa piacere agli uomini in generale.
      Una sventola di donna che sembra si possa incontrare in ogni momento, svoltando l'angolo. Un po' come accadde in Notthing Hill.
      Sia noi che voi, non smetteremo mai di adorarla.
      Abbraccio.

      Elimina
  21. A me è piaciuta molto la cazzutissima Julia di Erin Brokovich che non le mandava a dire a nessuno e che non si faceva spaventare da nessuno.
    Scritto questo, parliamo di AIDS perché mi sento coinvolto, parliamone attraverso film, documentari, fumetti, libri, incontri, interviste. Parliamone con chi ha l’AIDS, perché spesso chi non ce l’ha (per fortuna) preferisce adottare la tecnica dello strunzo, cioè dello struzzo.
    Nasconde la testa sotto la sabbia, emargina chi è malato, finge che la malattia non esista.
    Ecco, ci terrei a sottolineare che quando incontrate una persona con l’AIDS o anche solo sieropositiva potete stringerle la mano e abbracciarla, non è così che si contagia l’AIDS (Mariella, non mi riferisco a te o a chi ha commentato, è solo un’osservazione generale).
    Perché nel mondo si parla poco di AIDS?
    Allora, tanto fa la religione, tanto fa l’ignoranza: esistono sul serio siti web di persone che continuano a scrivere che l’AIDS non esiste, che è solo un’invenzione delle case farmaceutiche e che non si vuole trovare una cura.
    Credetemi, vorrei che fosse così ma siccome questa cosa la vivo sulla mia pelle posso assicurarvi che sono tutte palle: la ricerca si fa, abbiamo fior di ricercatori che si stanno impegnando per trovare una vera cura.
    Ma essendo un retrovirus mutante della famiglia lentivirus (cazzo che bei nomi) che si insinua dentro di noi, entra nel nucleo cellulare e comincia a stampare il suo codice genetico sfruttando l’RNA.
    Dunque?
    Può il nostro sistema immunitario considerarlo un nemico? No, lo riconosce come proprio, quindi lo aiuta a crescere e a proliferare.
    Si muore di AIDS?
    A dire il vero no, si muore per le conseguenze perché il sistema immunitario va a puttane senza divertirsi, quindi si può morire per un raffreddore, polmonite, infezioni… non crepi di AIDS direttamente, ma crepi lo stesso.
    Le medicine ci sono, sono cocktail che servono a stabilizzarti, a sollevare le misere difese immunitarie e cercare di darci una vita possibilmente quasi normale.
    Ma non ci fanno guarire: si può resistere anche tanti anni, ma la fine poi è sempre la stessa per tutti, prima o poi il tuo fisico ti dice “vaffanculo” e ti molla.
    L’AIDS è così e non c’è niente che mi fa più incazzare di chi dice che nessuno si impegna per trovare una vera cura o che le case farmaceutiche vogliono guadagnare sulla nostra pelle: ma che cazzo ne sa questa gente di come si vive con l’AIDS o stando vicino a chi ce l’ha?
    Quindi parliamo di AIDS, di prevenzione (quella vera, perché la prevenzione è l’unica vera cura per evitare l’AIDS, quindi usate sempre il preservativo), di sesso, di sanità. Parliamone, parliamone fino alla nausea, facciamolo perché se anche un solo ragazzo si salva grazie a questi discorsi allora è una grande vittoria.
    Grazie Mariella per questo tuo post,
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Xavier. Poi ti rispondo con calma. Anche io a volte penso che la cura ci sia gia'. E mi incazzo perche' penso sia questione pure di soldi. Invece e' importante che scrivano di questa malattia persone come te che la conoscono meglio. Bacio.

      Elimina
    2. Ti ho riletto con calma. Cosa aggiungere? Nulla.
      Perfetto come sempre.
      Bacio ragazzo!

      Elimina
  22. Come attrice mi piace moltissimo.
    Come persona l'ho trovata sempre piuttosto antipatica.
    Resta comunque di una bellezza disarmante.
    Veru

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì probabile abbia un carattere di merda.
      Per dirla tutta.
      Ecchissene...
      Non c'è nessuna al mondo che sia riuscita a farmi piangere o ridere o emozionarmi quanto lei in questi ultimi vent'anni.
      Ogni suo film.
      Cazzo se è brava.
      BACIO.

      Elimina
  23. Dimenticavo il film devo assolutamente vederlo 😃

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, del film riparleremo.
      Puoi scommetterci.
      Intanto guardalo.

      Elimina
  24. Vita privata e lavoro dovrebbero sempre viaggiare su binari separati: uno influenza l'altro e viceversa, inevitabilmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Specialmente per chi fa quel mestiere. Difficile trovare due attori che sono stati insieme tutta la vita ad esempio.
      Mi vengono in mente solo Paul Newman e Joanne Woodward.

      Elimina
  25. Faccio ammenda: non ho ancora visto The Normal Heart ma recupererò presto.
    Della Roberts ho amato moltissimo anche Mona Lisa Smile; quella professoressa è la docente di vita che tutti avremmo voluto avere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adesso sono io che ti dico prepara i fazzoletti per vedere questo film. Julia: sono anni che prendo lezioni da lei. Abbraccio ragazzo.

      Elimina
  26. MI sa di "pulito"....
    Non lo so, ho visto la pubblicità della calzedonia, e ho pensato a quanto esprime un senso di pace e pulizia questa donna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mentre ti leggevo ho pensato all'acqua pura, quella di sorgente.
      Ha sempre dato l'idea della freschezza e della pulizia. Verissimo.
      Bacio.

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)