AVEVO SAPUTO QUEL GIORNO CHE LA SCRITTURA ERA CAMPO APERTO, VIA D'USCITA.
(ERRI DE LUCA - IL PIU' E IL MENO)

30 gennaio 2015

Specchio.



Sono esatto e d’argento, privo di preconcetti.
qualunque cosa io veda subito l’inghiottisco
tale e quale senza ombre di amore o disgusto.
Io non sono crudele, ma soltanto veritiero –
quadrangolare occhio di un piccolo iddio.
Il più del tempo rifletto
sulla parete di fronte.
E’ rosa, macchiettata. Ormai da tanto tempo la guardo che la sento
un pezzo del mio cuore. Ma lei c’è e non c’è.
Visi e oscurità continuamente si separano.
Adesso io sono un lago. Su me si china una donna
cercando in me di scoprire quella che lei è realmente.
Poi a quelle bugiarde si volta: alle candele o alla luna.
Io vedo la sua schiena e la rifletto fedelmente.
Me ne ripaga con lacrime e un agitare di mani.
Sono importante per lei. Anche lei viene e va.
Ogni mattina il suo viso si alterna all’oscurità.
In me lei ha annegato una ragazza, da me gli sorge incontro
giorno dopo giorno una vecchia, pesce mostruoso.
(Sylvia Plath)
Ecco oggi va così.

44 commenti:

  1. sindrome da venerdì piovoso e burrascoso? gli inglesi hanno teorizzato che, il terzo lunedì di gennaio, lo chiamano blue monday, sia il giorno più triste dell'anno... beh io penso sia l'ultimo giorno di gennaio, perché febbraio, i giorni della merla, corto e amaro, e' il mese più brutto...però poi spuntano le mimose...nuvole gialle nel grigio, preannuncio di primavera. come dice Liga " il giorno di dolore che uno ha...."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh mamma no! Venerdì con neve che si è sciolta quasi subito, visto il bel sole. Ma più che blu monday il mio è un venerdì da post influenza. Mi sto faticosamente riprendendo.
      Ma la faccia che questa mattina ho visto allo specchio, mi è piaciuta pochissimo. Peggio delle altre volte. E mi è venuta in mente questa poesia della Plath.
      Sarei tutta da rifare... e nemmeno un po' di Liga a tirarmi su.
      Vabbè dai, teniamo botta.
      Bacio.

      Elimina
    2. Quante volte mi capita, Marì...allora sai che faccio? Mi specchio negli occhi di quelli che amo. E mi amano.

      Elimina
    3. Ad averli vicini... Per fortuna a sera almeno uno non scappa!

      Elimina
  2. "WARNING" di Jenny Joseph

    Quando sarò vecchia mi vestirò di viola
    con un cappello rosso che non si abbina né mi sta bene
    e spenderò la mia pensione in brandy e guanti estivi
    e in sandali di raso e dirò che non ho i soldi per comprare il burro.
    Quando sarò stanca mi siederò sul marciapiede
    e inghiottirò gli assaggi nei negozi e farò suonare gli allrami
    e farò tintinnare le inferriate col mio bastone
    e compenserò la sobrietà della mia gioventù.
    Uscirò sotto la pioggia in pantofole
    e coglierò i fiori nei giardini altrui
    e imparerò a sputare.
    Si possono indossare camicie orribili e ingrassare
    si può mangiare un chilo di salsicce in una volta
    o solo pane e sottaceti per una settimana
    e si possono accumulare penne e matite e sottobicchieri e altri oggetti nelle scatole.
    Ma ora dobbiamo avere vestiti che ci tengano asciutti
    e pagare l'affitto e non imprecare per strada
    e dare il buon esempio ai bambini.
    Dobbiamo invitare gli amici a cena e leggere i giornali.
    Ma forse dovrei esercitarmi un po' adesso?
    Così la gente che mi conosce non sarà troppo scioccata e sorpresa
    quando improvvisamente sarò vecchia e comincerò a vestirmi di viola.

    Spero di averti strappato almeno un sorriso ;-) nessie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allrami = allarmi. Ovviamente.

      Elimina
    2. Ci sei riuscita Nessie. Bellissima poesia che non conoscevo.
      Ma dici che davvero da vecchia mi potro' permettere di accumulare qualunque cosa senza che nessuno venga a rompermi i c...... come dice Jovanotti?
      Abbraccio circolare e bentornata.

      Elimina
    3. Tu puoi permetterti tutto ciò che ti pare e lascia che i critici si seppelliscano assieme alle loro critiche ;-)
      E sappi che non sono mai andata via. Sono una commentatrice random, ma una lettrice fedele! Abbraccio a te!

      Elimina
    4. Mi sono commossa
      Come sempre :)

      Elimina
    5. @Nessie, i critici li ho già seppelliti da tempo sotto le lapidi che sai mi piacciono a Spoon River. Sono contenta quando oltre a leggere partecipi. Un bacio.

      @Gioia bella...

      Elimina
  3. Ieri sono stata sfiorata dalla stessa tua sensazione, oggi già va meglio, ma sono certa che domani andrà potrò specchiarmi senza alcun rammarico.... ;-)
    Abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va già meglio anche per me, ora. Mi sono riguardata allo specchio e ho pensato che forse quella di stamattina, se ne è già andata...
      Ti abbraccio pure io.

      Elimina
  4. Lo specchio non riflette le immagini, ma riflette il dentro.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Moz. Io credo che pure le fotografie lo facciano.

      Elimina
  5. A me gli specchi, e lo sapete, giocano brutti scherzi.. eheh.. perché riflettono - e qui non ha torto Moz- quello che vogliamo vederci...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Battaglie fra i molteplici te stesso? Idem. Ma ti assicuro che io, stamani volevo vedere altro.
      Una figa, insomma.

      Elimina
    2. Allora serve l'oculista, non lo specchio.. eheh..

      Elimina
    3. Serve uno che sappia fare i miracoli...

      Elimina
  6. vabbè, maha smesso di nevicare....:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed è uscito il sole :-)

      Elimina
    2. E sarà così anche nel weekend

      Elimina
  7. terrificante verità che si tenta di nascondere col passare veloce degli anni.... specchio specchio delle mie brame perchè non sono più il bello del reame?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai stata la più bella.
      Sono quella simpatica.

      Elimina
  8. Di giornate così ne capitano spesso, quando mi guardo allo specchio di venerdì diciassette, ma oggi è venerdì trenta ed abbiamo il dovere di star su.
    Abbraccio solidale e...senza specchi ^__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei più scaramantico di me.
      Ci passi sotto le scale? ahahahah

      Elimina
    2. Passo sotto alle scale... ma solo se non ho altra scelta ^___*
      Buon w.e.

      Elimina
    3. No, io mai. Piuttosto cambio isolato :-)

      Elimina
  9. Strumento interessante lo specchio: mostra ciò che si vede, talvolta anche l'interiorita', poi però dipende sempre da chi ci si specchia dentro, che alcuni hanno ben poca "consistenza" mentre certi altri al contrario tantissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, di sostanza ne avevo tantissima stamattina.
      Tutta "molliccia ai bordi" e con segni blu sotto agli occhi che sembravano sgommate di ruote...

      Elimina
  10. "È uno di quei giorni che rivedo tutta la mia vita, bilancio che non ho quadrato mai.": Ornella Vanoni oggi è perfetta.
    Sorridi, domani è un altro giorno.
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io per lavoro quadro i bilanci degli altri. Ma per il mio, ho perso da tempo le speranze.
      Grande Vanoni.
      Ma mi citi pure Rossella? Quella fighissima, bellissima, credelissima, bellezza del sud? Non si fa, non si fa...

      Un bacio a te.

      Elimina
  11. Adoro la Plath! ^^ Riesce a descrivere determinati stati d'animo femminili in modo perfetto. Anche se la sua poesia è spesso "crudele" e durissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era sfibrata da quei stati d'animo lì. E li descriveva così bene, perché c'era dentro fino al collo.
      Tormentata, fragile, grandissima Plath.

      Elimina
  12. Per anni, lunghi anni, interminabili anni
    ho detestato il volto che mi guardava acerbo, guance imberbi,
    occhi nitidi, capelli mai tranquilli, sorriso da moccioso.

    Ogni mattina ho sperato
    di vedere una ruga, un ghigno, un capello grigio,
    inutilmente.

    Ho odiato la mia faccia da eterno ragazzo belloccio e sorridente.
    Sorridevo anche facendo la faccia brutta, sorridevo sempre.

    Adesso, che non mi guardavo più da anni
    in quello specchio
    ho scoperto che la mia faccia ruvida, triste, piena di rughe
    e di peli irsuti e bianchi, scomposti
    e di capellii diradati e stanchi
    mi piace,

    sì mi piace perché finalmente è bella,
    strapazzata dagli anni, dalle intemperie, dalle sconfitte
    molto più copiose delle vittorie.
    Mi piace perché mi ricorda tutta la vita mia,
    in ogni momento e in ogni giornata, che non vorrei
    cambiare con nessun altra mai.

    Scritta al volo e te la dedico altrettanto al volo.
    Ciao sorellona, ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del regalo, Enzo.
      Mamma mia, è bellissima.
      Ti abbraccio forte.

      Elimina
    2. Aggiungo che adesso, mentre la giornata ormai scivola via, la mia faccia e quello che vedo attraverso lo specchio è tutto quello che sono.
      E mi piace.

      Elimina
    3. Vedi che l'oculista è servito? ;)

      Elimina
  13. Posso solo dirti che ti voglio bene :-)
    Ciao bella donnina dalle scarpette rosse!
    Xavier

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao a te ragazzo meraviglia.
      E grazie, per esserci sempre.

      Elimina
  14. Ciao Mari!
    Ma no cara non ci posso credere tu possa trarre similitudine da questa bellissima e terribile poesia,hai ancora gioventù da mostrare,dentro e fuori!
    Ti abbraccio stretta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Claudia cara, succede pure nelle migliori famiglie ahahah. Non preoccuparti è già passata. Smack!

      Elimina
  15. Specchio specchio delle mie brame.....
    buona giornata un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Enrico! Dici
      Che la colpa è tutta delle fiabe? Ahaha un bacio a te:)))

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)