15 gennaio 2020

POSITIZIE: MARSUPI PER KOALA E CANGURI



Leggevo che in Australia  da tutto il mondo stanno arrivando marsupi realizzati per gli animali feriti dagli incendi che stanno devastando quel continente.
Una di queste mobilitazioni è portata avanti dall’associazione “Animal Rescue Craft Guild e riguarda proprio le migliaia di animali sopravvissuti agli incendi ma che hanno riportato lesioni, bruciature e ustioni di vario tipo. Ed è tutto un creare muffole, marsupi, copertine, sacchi a seconda delle esigenze dei singoli animali.

Si sono mobilitati tantissimi paesi, Germania, Cina, Francia, Islanda e Italia. Si stanno raccogliendo ovunque e poi i volontari di Rescue Kraft si occuperanno anche di distribuirli.







In un momento di difficoltà generale, mi pare bellissimo che si pensi agli animali; tra i più colpiti dalla grande tragedia di oltre oceano.



Fonte: Positizie.it



34 commenti:

  1. Bello davvero e sperobuon segno,un passo avanti verso l'umanità .
    Certo che in Australia è una tragedia!
    Ciaooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sempre le persone che fanno la differenza, come dico sempre.
      La tragedia australiana colpisce tutti, è globale!
      Ti abbracciooooo

      Elimina
  2. in mezzo a tanta tristezza per tutta quella devastazione, questa è davvero una bella notizia o come la chiami tu un positizia coi controfiocchi|

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah non la chiamo io positizia, in realtà mi sono "appropriata" del sostantivo usato dal sito presso il quale mi informo!
      Ci vogliono le buone notizie, ne abbiamo bisogno.
      Ti abbraccio.

      Elimina
  3. Cara Mariella, è interessante questo tuo post, oggi pensando alla grande tragedia dell'Australia, ogni piccola cosa che si fa è grande!!!
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, anche una piccola goccia nel mare dell'indifferenza va bene.
      Ti abbraccio forte, buona serata a te.

      Elimina
  4. Se devo essere sincero la notizia non mi è molto chiara: canguri e koala sono marsupiali... Quindi questi marsupi destinati a loro fungeranno tipo delle protesi per i loro marsupi danneggiati dagli incendi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio titolo è indicativo della notizia. Nello specifico, come dico nel post, le donazioni, oltre alle creazioni, riguardano diversi oggetti.
      Maggiori informazioni puoi trovarle nel link dell'associazione che ho lasciato appositamente.

      Elimina
  5. Una notizia tenerissima che mobiliterà molte persone, purtroppo non risolutiva per la tragedia immane ma che regalerà un po’ di sollievo. Buona serata Mariella.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Sinforosa, non è risolutiva purtroppo. Ci vorrebbe ben altro. Però mi pare che sia una bella iniziativa volta a favore di tutte le creature ferite dagli incendi.
      Una buona serata a te!

      Elimina
  6. Bene...è molto bello leggere quello che sta facendo questa associazione per aiutare i poveri animali in difficoltà' in Australia.
    Speriamo di leggerne ancora di notizie come questa.
    Ne abbiamo davvero bisogno.
    Che tragedia quello che sta succedendo in Australia pensando poi che oltre al cambiamento delle condizioni climatiche , la siccità ...c'è pure la responsabilità dolosa dell'uomo negli incendi.
    Ciao Mariella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa mia "minuscola" rubrica è stata creata con lo scopo di realizzare una breve "isola felice" rispetto al totale marasma di notizie e avvenimenti quotidiani, quasi sempre un po' duri da digerire.
      Per cui, stay tuned che qui, troverai un porto sicuro.
      Ne abbiamo bisogno, hai ragione. La vedo esattamente come te e mi incazzo: i cambiamenti climatici ecc...ecc...ecc... ma vogliamo parlare di tutti quegli arresti che ci sono stati per gli incendi provocati?
      Che poi, nel nostro piccolo, qui in Italia ne sappiamo qualcosa, vero?
      Un bacio.

      Elimina
  7. E' onorevole la mobilitazione del Mondo per la tragedia australiana , speriamo che riescano al piu' presto a domare questa bellissima Terra e polmone del Mondo .

    Un abbraccio cara per una buona giornata.
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le persone sono di gran lunga migliori di come vengono descritte. E questo lo sappiamo bene, se solo guardiamo a quante associazioni si reggono solo con l'aiuto delle donazioni private. Siamo tutti in apprensione per quel che succede in Australia, speriamo si risolva presto.
      Ti abbraccio anche io, buona serata.

      Elimina
  8. Una cosa semplicemente assurda quello che sta succedendo in Australia, sperando tuttavia che si risolva presto, perché troppe perdite insostenibili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La situazione è davvero drammatica e la soluzione non è vicina.
      Come qualche tempo fa in Amazzonia, ora in Australia. Stiamo distruggendo il nostro pianeta, e tutti zitti.
      Un abbraccio.

      Elimina
  9. Mamma mia, a me stringe il cuore ogni volta che penso a quel pezzetto di mondo che sta morendo sotto quelle fiamme.
    Persone che rimangono senza casa, dopo magari chissà quanti sacrifici, dispersi, poveri animali decimati...ed è bellissimo ricevere però questo calore con questi gesti alla fine semplicissimi, con la donazione di un marsupio, niente di più.
    Ecco perché ogni tanto adoro l'essere umano :-D Ogni tanto però xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi, io ho cucita addosso la paura di perdere tutto a causa di un terremoto devastante, che distrusse il paese di mio padre portandosi via in un solo minuto affetti, amicizie, ricordi.
      Come te, penso con strazio alle vite che questa tragedia si sta portando via, al disagio e al dolore di chi ha perso tutto, alla fauna e alla flora completamente azzerate. A questo nostro Pianeta a cui stiamo dando tanti di quei calci senza renderci conto che in realtà ci stiamo autoeliminando. Per questo, quando leggo notizie così lievi e belle, che parlando di comunità e partecipazione, gli "umani" recuperano punti. Solo qualcuno eh.
      Bacio.
      PS: sempre bello leggerti, arrivo.

      Elimina
  10. Ho visto anch'io diverse associazioni che si stanno dando da fare per aiutare questi sfortunati animali e questa è una bella cosa. Mi spiace molto per tutto ciò che sta succedendo. Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Mirtillo, Importantissime le associazioni. Che riescono a veicolare iniziative coinvolgendo tantissima gente, in ogni parte del mondo.
      Una bellissima cosa.
      Un abbraccio.

      Elimina
  11. È incredibile come possa essere accaduto un simile disastro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mano dell'uomo è in larga parte colpevole. Poi la natura sta facendo il resto.
      Terribile.

      Elimina
  12. so nice post :) I follow you on gfc #222 , follow back?

    https://bubasworld.blogspot.com/

    RispondiElimina
  13. Tu sei tenera e gentile e dici "Le persone sono di gran lunga migliori di come vengono descritte." Non ci credo molto . Chi si occupa di aiutare e sostenere gli altri, in questo caso gli animali terrorizzati e impotenti, sono una misera percentuale, nel mondo, a mio parere.
    Mai dimenticherò le risate e la gioia di coloro che, dopo il terremoto in Abruzzo, si rallegravano perché loro ci avrebbero guadagnato tramite la ricostruzione. Ecco, penso che la maggior parte delle persone al mondo appartenga al genere mors tua vita mea.
    Cri
    PS. Grazie per i voti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stavolta non sono d'accordo con te, Cri.
      Sono tantissime le persone che aiutano gli altri, solo che fanno ben poco rumore.
      Io ricordo, un altro terremoto di cui ho più volte parlato qui nel blog, e tutti quei volontari che si mossero da ogni dove per raggiungere una regione, l'Irpinia, distrutta da uno dei più violenti sisma del secolo scorso. Scavarono a mani nude per tirar fuori le persone dalle macerie, per asciugare le lacrime di chi aveva perso tutto. Ricordo questo e altro. Nonostante il dolore non dimenticherò mai l'umanità, la sensibilità, il donare se stessi, durante una tragedia come quella, immensa. La Protezione Civile nacque solo dopo.
      Ho fatto un solo esempio, perché fa parte del mio vissuto, ma potrei citare migliaia di altri episodi. Neanche io dimenticherò mai quelle risate, chiaramente. Ma continuo a pensare che siano loro la minoranza.
      PS: prego.

      Elimina
    2. Penso che tu sia ingenua e illusa. Certo che ci sono coloro che si attivano, che partecipano spontaneamente, dico solo che Sono un numero irrisorio in confronto a ciò che occorrerebbe fare. A volte, quando avevo bisogno di un cambio notturno all'ospedale, per assistere mia madre, mi hanno dato lunghi elenchi di volontari, che si rivelavano tutti a pagamento un tot all'ora, e non poco.
      Io potevo, ma chi non può si trova in situazioni a volte insostenibili.
      Cri

      Elimina
    3. Ma non tocca ai singoli porre rimedio alle inefficienze dello stato, o no?
      Il mondo del volontariato è fin troppo presente, che poi ci siano delle quote da pagare per usufruirne è legittimo. Come si manterrebbero altrimenti?
      Poi se apriamo sul vasto mondo della sanità pubblica che è inadempiente sotto tutti i punti di vista, lo sappiamo benissimo perché ci troviamo in queste condizioni e non posso che essere d'accordo con te sul fatto che se non te lo puoi permettere sei nella merda.

      Elimina
  14. Un’iniziativa di grande sensibilità, vista la tragedia in Australia. <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, mi sembrava importante divulgarla.
      Bacio.

      Elimina
  15. Risposte
    1. Che non si riesca a trovare una soluzione è oltremodo drammatico.

      Elimina
  16. Bellissima notizia, speriamo di sentirne presto di simili per la mobilitazione per gli esseri umani. Ma la notizia è bella davvero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo è davvero. Adesso speriamo che con la pioggia si riescano a limitare i danni.

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)