21 gennaio 2020

OGNI 20 GENNAIO: AUDREY HEPBURN




Qualche anno fa, feci una promessa.

Avrei ricordato la mia attrice preferita ogni 20 gennaio.
Sono un po' in ritardo, ma non penso sia un problema😀

Voglio parlarvi di lei attraverso i disegni originali di Valerio Piccioni, disegnatore ufficiale di Julia e Dylan Dog, realizzati in esclusiva per il libro scritto da Margherita Lamesta Krebel:

"Audrey Hepburn immagini di un'attrice"











"Quella che vedevi nei film era la stessa che vedevi nella vita reale. Audrey era davvero come speravi che fosse"
(Ralph Lauren)


Fonte: Audrey Hepburn - immagini di un'attrice di Margherita Lamesta Krebel.
Edizioni Tabula Fati - 2017

38 commenti:

  1. Ohhhhh! Che bello! Il primo disegno è fantastico! Ciao Mariiii!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono riuscita a fotografarli tutti.
      Sono davvero bellissimi.
      Smack.

      Elimina
  2. Il secondo di più! 😘

    RispondiElimina
  3. Cara Mariella, io direi che entrambi i disegni sono bellissimi!!!
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo Tomaso, sono bellissimi.
      Ti abbraccio e buona serata.

      Elimina
  4. Disegni davvero molto belli per ricordare una grande attrice ed una grande donna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce ne sono molti altri nel libro, ma era complicato fotografarli e postarli.
      Buona serata, Daniele.

      Elimina
  5. molto belli!
    la hepburn è un'icona di bellezza ed eleganza!
    ciao cara :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una Donna unica, in realtà. Fascino ed eleganza indiscutibili, oltre ad una intelligenza rara.
      Buona serata Angela.

      Elimina
  6. Audrey Hepburn, una donna stupenda!
    Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente caro Giancarlo.
      Una buona serata.

      Elimina
  7. Grande! Disegni bellissimi, davvero.
    E mi piace la frase su di lei. L'ho sempre immaginata molto aggraziata :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino che tu conosca bene Piccioni ;)
      Anche a me è piaciuta molto, se poi l'ha detto un maestro d'eleganza come RL...

      Elimina
  8. Traspare da questi due disegni tutta l’eleganza che la caratterizzava.
    Belli davvero.
    Ciao Mari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono rimasta impressionata dal tratto dell'artista che ha saputo così bene interpretare l'unicità e l'eleganza di Audrey.
      Piccoli gioielli questi disegni.
      Buona serata Max.

      Elimina
  9. No nessun problema, comunque era davvero una donna di classe ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E meno male;
      Verissimo traspare da ogni cosa, perfino dai disegni. Quando si dice la perfezione.
      Buona serata Pietro.

      Elimina
  10. Piaceva molto anche a me, mi piaceva la sua eleganza e invidiavo il suo fisico e il suo modo di vestire.I disegni sono molto belli, mi piace il primo, in particolare. Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fin da ragazza è stata il mio punto di riferimento, per l'eleganza e la classe indiscutibile. Con il tempo e le letture ho scoperto una donna intelligente, coltissima, sensibile, con un passato di grande sofferenza. Una persona vera, una donna unica. Il primo disegno è un vero incanto, hai ragione.
      Buona serata Mirtillo.

      Elimina
  11. Forse era troppo magra, ma era una donna affascinante,desiderabile e piena di classe.
    Ciao.fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sua eccessiva magrezza è una delle conseguenze di quello che aveva patito durante la guerra. Nonostante questo, come dici tu, è una donna meravigliosa, dal fascino indiscutibile.
      Buona serata, Fulvio.

      Elimina
  12. Oltre che un'ottima attrice, io direi che era perfetta.
    Sai che non ho un'attrice preferita? Solo masculi.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfetta? Nessuno di noi lo è, il suo più grosso cruccio fu quello di dovere delegare ad altri la cura dei figli. Fu il motivo per cui abbandonò il cinema.
      Lei è la mia preferita in assoluto, ma amo tantissimo Monica Vitti, tra quelle ancora viventi e poi Julia Roberts e Meryl Streep.
      E chi sono i masculi?

      Elimina
    2. Monica Vitti grandissima! 😍
      Comunque Julia Roberts e Meryl Streep sono viventi. 😀

      Elimina
    3. Dici che mi sono spiegata male? Ahahahah

      Elimina
  13. Bellissimi disegni. Saprai che Audrey Hepburn ha ispirato il personaggio di Julia Kendall, la criminologa della Bonelli. Caratterialmente il personaggio è molto simile a Regina di "Sciarada", però ha un gatto come Holly di "Colazione da Tiffany" e l'intraprendenza di Nicole di "Come rubare un milione di dollari e vivere felici".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si lo so, per questo l'autrice chiese a Piccione, il disegnatore di Julia di creare questi disegni.
      Ho letto qualche volume anni fa, quando uscì, ma non è riuscita a catturarmi del tutto, strano vero?

      Elimina
    2. Il fumetto di Julia è prigioniero di sé stesso.

      Elimina
  14. Per quello che ne so, poteva essere una donna mediocre e gretta, intendevo fisicamente , di classe.
    Fra Roberts e Streep, preferisco di gran lunga la seconda.I primi a cui penso sono Kenin Spacey, Jack Nicholson, tranne quando gigioneggia, Sean Penn...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non avevo capito a cosa ti riferirvi, scusa.
      Beh, un giorno ti racconterò perché per me viene prima Julia...
      Mica cotiche i tuoi attori preferiti. Anche a me piacciono molto, assieme a Pacino, De Niro e Gregory Peck, il mio preferito in assoluto.

      Elimina
  15. semplicemente meravigliosa

    RispondiElimina
  16. Oh si davvero una persona unica ... ogni disegno è bellissimo perchè rappresenta Lei ...Bello averLa ricordata
    un bacio Mariella a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse,come intuisci tu, la bellezza dei disegni dipende dalla modella. E che modella.
      Prego, un bacio grande Giusi bella.

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)