AVEVO SAPUTO QUEL GIORNO CHE LA SCRITTURA ERA CAMPO APERTO, VIA D'USCITA.
(ERRI DE LUCA - IL PIU' E IL MENO)

15 marzo 2014

La strada che non presi


"Due strade divergevano in un bosco giallo
e mi dispiaceva non poterle percorrere entrambe
ed essendo un solo viaggiatore, rimasi a lungo
a guardarne una fino a che potei.

Poi presi l’altra, perché era altrettanto bella,
e aveva forse l’ aspetto migliore,
perché era erbosa e meno consumata,
sebbene il passaggio le avesse rese quasi simili.

Ed entrambe quella mattina erano lì uguali,
con foglie che nessun passo aveva annerito.

Oh, misi da parte la prima per un altro giorno!
Pur sapendo come una strada porti ad un’altra,
dubitavo se mai sarei tornato indietro.

Lo racconterò con un sospiro
da qualche parte tra anni e anni:
due strade divergevano in un bosco, e io -
io presi la meno percorsa,
e quello ha fatto tutta la differenza."
(Robert Frost)


Ci sono amiche che ti lasciano parlare. Altre che aspettano. Altre che ti stanno vicino tenendoti semplicemente la mano.
Che ci sono. OVUNQUE TU O LORO SIATE.
Ci sono amiche che aspettano quando tu avrai la forza per poter parlare.
Quando le lacrime smetteranno di scendere e torneranno i sorrisi.
Ci sono amiche preziose. Come le gemme più belle. Come l'amore più grande.
Da non mollare mai. 
Ti dedicano una poesia che ti ammutolisce.
Tu non hai avuto la forza per parlare. Loro ti hanno compreso fino in fondo.
Ci sono amiche come le mie amiche. Che non ho bisogno di nominare. Che ti spronano a lottare.
Lo so che sono fortunata.
LO SO. 
GRAZIE.


42 commenti:

  1. Mi ha colpito particolarmente questo tuo inno all'amicizia, gemma preziosa e paziente.
    Senza amicizia, la dvita è sprecata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza amici veri si è soli. Per quanto ci possa essere gran rumore attorno.
      Ma l'amicizia sincera può essere anche quella data dal calore della tua casa.
      A presto Costantino.

      Elimina
  2. Ci sono amiche che "piangono" in silenzio e ti
    accarezzano perché rappresenti il mondo che vorrebbero.
    Ci sono amiche che "ridono" in silenzio
    e ti accarezzano perché rappresenti il mondo
    gioioso che il tempo ha cancellato.
    Ci sono io che scrivo "accarezzando"
    le problematiche della vita cercando di donarti un sorriso
    per non farti piangere visto il periodo che attraversa il Paese.
    Tu che scrivi di un mondo che vorresti migliore
    e che esalti le qualità della vita, dell'amore, dell'amicizia.
    Dai l'esempio:
    se stanotte non riuscirai a dormire per colpa dei ragazzi rumorosi,
    metti in pratica la canzone di Gianni Morandi: "Scende la pioggia".
    Ciao Mariella.






    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho apprezzato molto le tue parole Nicola.
      Come apprezzo sempre l'ironia che ti contraddistingue quando scrivi.
      Nella mia vita ho spesso accarezzato e poco graffiato.
      Sono più gli altri che hanno lasciato i loro graffi sulla mia pelle.
      E di alcuni graffi non sono riuscita a capire fino in fondo il perché.
      Ho dormito per fortuna stanotte.
      Abbraccio Nicola.

      Elimina
  3. Hai ragione.
    Non ho sorelle, non ho fratelli ma ho molte amicizie.
    Due però sono le amiche che considero sorelle. Le conosco dalla prima elementare, una è mia testimone di nozze, l'altra la madrina di mio figlio. Non ci siamo mai trasferite dal paese di nascita nemmeno dopo esserci sposate per cui non ci siamo mai perse di vista, nemmeno per un istante. So di essere fortunata, ho condiviso con loro tante esperienze che se soltanto fossi capace vorrei scrivere un libro.Ma non ho questo talento e mi spiace tantissimo perchè sarebbe meraviglioso poter descrivere la meraviglia del nostro rapporto dopo oltre quarant'anni. L'assoluta certezza di trovare un porto sicuro nel momento del bisogno ma anche la leggerezza delle risate e delle chiacchiere infinite giusto per passare il tempo davanti ad un aperitivo organizzato all'ultimo momento, ma al quale non rinunceresti mai anche a costo di fare i salti mortali per organizzarti. L'amica è quella che ti dice chiaro in faccia quello che pensa di te ma poi non ti giudica e ti accetta perchè ti vuole bene comunque. Sono matematicamente sicura che tu sei proprio un'amica di questo tipo. Ciao Mariella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando nel post precedente ci siamo raccontate di affetti e di famiglia e mi hai detto che ti è mancato non avere avuto sorelle, ho proprio pensato alle amiche.
      Sono come un balsamo. Ti curano anche solo con lo sguardo. Riescono ad arrivare fino a dove tu non puoi immaginare. Addirittura prima di te.
      La famiglia è fondamentale, ma anche l'amicizia. Quella vera. Quella che non nasconde e non teme. Che ti affronta a testa alta quando non è d'accordo con te. Che te lo dice ma resta al tuo fianco.
      Che non giudica mai. Proprio come dici tu. Che aspetta paziente che arrivi il momento giusto. Se non te la senti.
      Che ti trascina fuori di casa il gjorno esatto in cui tu vorresti poggiare la testa sul cuscino. E la testa è troppo pesante.
      Che resta coerente sempre. Che dice e fa. Che ti pensa.
      Io sono un'amica difficile a volte. Ma credo che in tutti questi anni le mie amiche abbiano avuto prova che sono un porto sicuro. A volte traballo anche io. Come in questi ultimi tempi. Anche se cerco di non farlo trasparire in questo blog creato per essere un luogo leggero e piacevole.
      E loro lo sanno. Ci sono.
      Morena anche io ho la stessa netta impressione di te.
      Abbraccio.

      Elimina
  4. Ogni giorno c'è sempre il dilemma della strada da scegliere... Fortunata/o chi trova l'amicizia con la A maiuscola.
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni giorno una strada. E una scelta. Sì, quando si trovano delle amicizie sincere è tutto più facile.
      Ciao Francesca bella.

      Elimina
  5. come non essere d'accordo con te? anche loro, sono sicura, si reputano fortunate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, dopo tanti anni di affetti e affanni condivisi, mi auguro davvero di sì!

      Elimina
  6. E ci sono quelle amiche speciali, che possono trascorrere mesi, ma quando le incontri ritrovi sempre il filo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Altro bel tasto Gioia.
      Ci sono anche le anime preziose che pur non essendoti vicine fisicamente sai che puoi ritrovare all'istante, appena le vedi o le senti, il bandolo dell'ultima matassa districata.
      Come se ci fosse una linea invisibile che unisce pur lontane.

      Elimina
  7. che poi le donne sono speciali nel rovinarle le amicizie, per cui il fatto che tu/voi ci sia/siate è un fatto importantissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, siamo molto brave quando ci facciamo prendere da opportunismo ed invidia. Riusciamo a rovinare tutto.
      Quando scioccamente ci facciamo trascinare dalla competizione. E uno dei mali peggiori che assilla noi donne.
      Tutto a vantaggio di voi uomini che sapete fare squadra meglio di noi.
      Ma quando tutto questo non esiste e capita, allora bisogna sapere conservare e proteggere.

      Elimina
  8. E' una poesia bellissima.

    Per il resto, io ho due amiche cosi'.
    Non importano i periodi di silenzio e il fatto di vivere a migliaia di km da loro.
    Quando le vedo e' come se niente fosse cambiato.

    Un sorriso,

    B.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me è bellissima.
      Mi è stata dedicata da una delle mie amiche del cuore. E le altre del gruppo mi stanno spronando a lottare.
      Come diceva Nicola ci sono persone che accarezzano.
      Come dicevo anche a Gioia, nell'amicizia vera le distanze non hanno alcun peso.
      E si annullano immediatamente quando riusciamo ad abbracciarci nuovamente.

      Elimina
  9. Qualunque sia il motivo per cui ti spronano a lottare, le tue insostituibili amiche, tu lotta! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto lottando. Alti e bassi. Insomma ci provo. Avere intanto loro che mi sostengono è un enorme aiuto!
      Grazie Stefania,

      Elimina
  10. Ciao Mari!
    È bello avere amiche vere,quelle che sanno "tirare fuori " il meglio di noi senza farti dei cazziatoni enormi,sai amica cara che io non ho mai sentito la necessita' di averne..ovvio che parlo di amiche vicine quelle con cui fai un sacco di cose insieme che prima di prendere una decisione importante le consulti oppure alle quali fai confidenze personali,sarà' che riesco ad essere un libro aperto solo per le persone di casa eh si che sono una persona così' espansiva....mah vai a capire!
    Bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente è strano che tu non abbia mai sentito la necessità di avere accanto delle amiche con cui condividere gioie e dolori. Conoscendo la tua solarità e la bellezza interiore, ti ho sempre immaginato con uno stuolo di amiche enorme. E' evidente invece che ti completi in casa.
      Comunque non vorrei disilluderti, ma io di cazziatoni ne ho fatti e ricevuti dalle amiche!!!
      Mi hanno fatto molto bene. E lo stesso al contrario. Anche perché quando ho qualcosa da dire non è che me la tengo.
      Sono diplomatica sì, ma ci sono state volte che non si poteva evitare di arrivare al punto usando le maniere "forti"!
      Bacio Claudia.

      Elimina
  11. Mari, tu qui racconti di solito solo le cose belle.
    Quelle meno belle le accenni solamente.
    Ora, io non so nulla di quanto ti stia succedendo e non mi va di fare ipotesi a casaccio.
    Parli di lottare, di non mollare. So che lo farai. Un abbraccio. Lara58

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Lara, il mio blog è stato creato con l'obiettivo di essere un luogo sereno dove potere staccare completamente dalla mia vita e dai problemi che spesso l'affliggono. E' come un giardino segreto. E il mio intento in tutti questi anni è stato quello di conservarlo così.
      Le mie battaglie di vita le conduco altrove. Non qui.
      Magari sono costretta a farlo in altri luoghi virtuali a volte.
      Ma qui no.
      Questo è il mio mondo.
      Mi piace confrontarmi con gli altri ma ci sono dei limiti che non valico quasi mai.
      Ti abbraccio anche io e grazie.

      Elimina
  12. Hai ragione Mariella: sei davvero fortunata ad avere tante amiche che ti apprezzano e vogliono bene.

    Paolino Pap

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ignorato?
      Bene: almeno adesso lo so.
      Che mica è la prima volta, che mi scarichi.
      Perlomeno ti lascio in compagnia di tante mani affettuose e gentili.
      Stammi bene, Mari.
      E forza!

      Paolino Pap.

      Elimina
    2. Io non riesco piu' a fidarmi di te. Mi hai fatto troppo male. e alle sincerita' delle tue parole ormai non credo. E in quanto a scaricarmi sei stato il primo.

      Elimina
    3. Mariella, sei tu quella troppo fragile.
      Alle volte te la prendi e t' immusonosisci per cazzate ( non solo per quello che mi riguarda)
      È un problema tuo ( e da stronzate da blog)
      Se non sei in grado di reggermi, fai bene a lasciarmi perdere e dedicarti alle persone con requisiti diversi dai miei.
      Per cui, stai tranquilla: eviterò di replicare ai tuoi commenti, citarti, entrare in questo blog, nel bene, nel male.
      Se ti avessi "scaricato", questa cosa l' avrei iniziata a fare già da molto tempo.
      Chi semina vento raccoglie tempesta: per cui non resta che prendere atto delle mie azioni.
      Stammi bene, Mari.
      Che tu mi creda, o no.

      Paolino Pap

      Elimina
    4. Ti vorrei credere.
      Ma anche tu sai bene quanto le parole mi fanno male. E te ne sei sempre fregato.
      Forse POI c'è stato uno "stronza" di troppo.
      Stammi bene anche tu.

      Ecco ora l'ho riscritto meglio.

      Elimina
    5. Veramente mi avevi scaricato, in maniera plateale dal Direttore - partendo poi per le vacanze – e lasciandomi lì fesso, mesi fa.
      Per cui, a livello personale di valutazione ( personalissimo, come ho scritto dal Bianchini) , avevi tutti i requisiti per vincere il titolo.
      E confermo: con me ti sei comportata da stronza.
      E visto il mio linguaggio, sai che roba atroce, essere finita in un mio classico di repertorio ( le classifiche).
      Che poi è un fatto soggettivo l' interpretazione di quel termine.
      Chi la fa grossa, chi la fa meno, chi ci ride su.
      Io avrei esultato, per essere arrivato primo.
      Diciamo che quel POI, non è così decisivo: che mi avevi fatto fuori prima.
      Ed altre volte precedenti ti eri messa di traverso, contrastando i miei modi.
      Evidentemente gli ultimi mesi nei quali siamo andati ugualmente avanti erano troppo incrinati per poter reggere.
      Tu hai scelto una strada poco battuta?
      Pure io.
      Ed anche più impervia, visto il modo in cui mi sono proposto e relazionato – in generale - in questi anni di blog.
      Ribadisco: Blog.

      Paolino Pap

      Elimina
    6. Mi mancherai? Sì.
      Ti mancherò? Può darsi.
      Nemmeno la Veru, li a mezzo, sarà contenta.
      Facciamo l' affido condiviso?
      Tu la tieni durante la settimana, io al sabato e alla domenica.
      Per quanto riguarda i blog, visto che dal Gamba e Bianchini non tira buona aria per me, mi prendo almeno il Direttore: magari incroceremo, senza dividerli, i nostri commenti lì.
      La porta del gruppo facebook, inoltre, è aperta. (Nel caso un giorno cambiassi idea)
      Per l' assegno di mantenimento ti ringrazio di averlo rifiutato: se Renzi mi darà le ottanta euro ( me le darà) ne avrò bisogno del tutto.
      L' impressione finale è, in questa storia, che ci perderemo tutti e due qualcosa: ma tant'è.
      Così è la vita.

      Paolino Pap

      Elimina
    7. L' ho scritto meglio? L' ho scritto peggio?
      Certo mica si può andare avanti all'infinito.
      Se desideri replicare, ti lascio l' onore, in quanto padrona di casa, dell'ultima parola.
      Che la mia è l' ultima, di 'sto fatto.
      Altrimenti, chiarito o inchiaribile, che finisca qui, il trenino dei commenti.
      Ciuff ciuff.
      Che tra una strada a destra, ed una a sinistra, nell'indecisione, ci si può anche schiantare nel palo di mezzo.

      Paolino Pap.

      Elimina
  13. Mi aspettavo sempre troppo dalle mie amicizie più forti, col tempo ho imparato che non bisogna dare niente per scontato e che se a volte non capiscono non devo farne un dramma.
    Stasera rivedrò una di quelle amiche che non vedo da tempo, che due anni fa piangeva a dirotto per un problema ed io le ho dato la spinta per risolverlo semplicemente ascoltandola. Le voglio un gran bene, anche se ci vediamo poche volte all'anno.
    Vorrei tanto che gli amici mi fossero più vicini quando le cose non vanno bene, ma ho accettato anche questa mancanza perché spesso non possono capire una cosa che non vivono.
    E allora ho detto loro "facciamo tutto come prima, solo non arrabbiatevi per qualche no".
    Mi dispiace che tu stia passando un brutto periodo, sarebbe bello incontrarci di nuovo a Milano a fare due chiacchiere, spero presto!!

    RispondiElimina
  14. " Io le ho dato la spinta per risolverlo semplicemente ascoltandola" ecco Mary. E' perfetto così.
    Capita anche che carichiamo di troppe aspettative le nostre amicizie e dato che le persone non sono come vorremmo che fossero, la delusione diventa cocente.
    Mi è capitato e mi capiterà ancora. Ma non chiuderò mai la porta alla possibilità di avere una nuova amica.
    Insomma ci proverò sempre, prenderò ancora botte ma continuerò.
    La primavera sta arrivando chissà. Magari ci incontreremo a metà strada.
    Anche se stavolta non ho molta voglia di organizzare. Ma mi lascerò coinvolgere volentieri.
    Abbraccio cara.

    RispondiElimina
  15. Anche il silenzio,con gli amici veri,ha degli effetti magnifici!
    Ciao Mari,un grandissimo abbraccio!
    Nick

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte alle parole che non ti aspetti finisci per non credere. Quando ad esempio in altre occasioni sono state usate contro di te. Gli amici veri ti restano accanto anche senza parole. Abbraccio ragazzo bello! Spero tutto bene!

      Elimina
  16. Non hai solamente amiche, Mariella, ma anche amici. Magari a volte scompaiono per cause varie, ma poi ricicciano, come se dica a Roma. Sempre più bella. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo lo so Vincè! Sono piena di amici belli.
      Simpatici, strafottenti, intelligenti,eleganti, caciaroni e rompiballe.
      E li adoro.
      Vedi di "ricicciare" più spesso da queste parti.
      Bacio.

      Elimina
  17. gli amici sono preziosi e diciamo la verità pochi quelli veri... quando si trovano bisogna tenerli stretti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me li tengo stretti.I miei amici.
      Con l'età ho imparato la regola fondamentale. Pochi ma buoni.
      Tu secondo me sei un ottimo amico.

      Elimina
  18. il silenzio ha poe.
    un potere tutto suo, anche nell'amicizia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta sapere ascoltare.
      Ciao Pata!

      Elimina
  19. Mi presento.
    Sono Veruska amica di Mariella.
    Come tutti ho molti difetti ma tutto sommato credo di essere una buona amica.
    Parlo troppo a dire il vero però so anche ascoltare.
    Ho amiche dai tempi del Liceo che mi dimostrano affetto e che nei momenti più
    bui della mia vita ci sono state.
    Quando amicizie reggono al tempo che passa, a figli, mariti e quant'altro
    significa che si è davvero messo tempo ed energia per farle funzionare.
    Ora io e Mariella siamo quanto di più lontano, il giorno e la notte, il sole e
    la luna.
    Io continuo a sostenere che lei dovrebbe prendere la vita con più leggerezza.
    Glielo ripeto sempre "Mari il giusto peso".
    Quello che piace a me di solito non piace a lei.
    Ha la capacità di farmi incazzare come una iena, ma ovviamente vi lascio
    immaginare, la cosa è reciproca.
    Io vorrei che fosse un po' meno permalosa, lei vorrebbe che io fossi meno
    superficiale su certe questioni.
    Lei è seria io sono caciarona.
    Io dico troppe parolacce...lei è la finezza in persona.
    Eppure siamo ancora qui.
    Si lei ogni tanto minaccia di chiudermi la porta in faccia, io sbuffo.
    Aspetto, so che passerà.
    Ma poi un'altra Veru dove cazzo la trova?


    (commento di Veru arrivato via mail perchè non riesce più a commentare direttamente sul blog)

    PS: ti rispondo stasera nè!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rispondere? E come si fa a rispondere ad un commento così bello?
      Le amiche vere, sono insostituibili.
      Conferno tutto. Noi due siamo proprio come ha descritto lei.
      Io sono permalosissima e prendo tutto troppo sul serio. Lei è molto easy e se ne frega.
      Ci incazziamo di brutto a volte.
      Andiamo d'accordo su poche cose: la politica, i bambini e la dignità delle donne ad esempio.
      Ma non è vero che non dico parolacce. Le dico ma non a quintalate come lei.
      E che non ci riesco ad arrivare a quei livelli :-)
      Le voglio un bene dell'anima.
      E spero che le nostre litigate possano continuare per molto ma molto tempo.
      Tutta la vita.
      Una come me a dirla tutta poi, dove "caspiterina" potrebbe mai trovarla?

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)