17 ottobre 2019

DONATORI DI COCCOLE.

"Non era niente quel bambino, se n'era andato tra i coaguli, senza un corpo visibile... solo un misero spurgo. Una morte senza bara, senza funerale. Un lutto che non avremmo dovuto avere. Vuol dire che non era lui nostro figlio. I figli che devono venire vengono, stai tranquilla." 
(Margaret Mazzantini - Venuto al mondo).


Immagine dal sito di La Repubblica.

Ieri ho letto una storia di cronaca bellissima, una di quelle notizie che fanno tanto bene, quasi ti costringono a sorridere, senza remore.
Nell'ospedale Maggiore di Parma, reparto Neonatologia,  un gruppo di volontari regala coccole ai bambini appena nati. Preparano pappe, si occupano del bagnetto, cantano ninne-nanne, donano sorrisi a piccoli pazienti  affetti da gravi patologie,  che non possono lasciare l'ospedale.
l'Associazione Donatori di Coccole è nata nel 2016 e da allora si occupa di regalare amore ai bimbi nei reparti quando non ci sono i genitori.Dopo avere frequentato un corso  e sotto la guida del personale specializzato,  offrono attenzione e cura tre volte alla settimana.
Per quelle persone ho stima infinita,per donare amore a bimbi che non sono tuoi, ci vuole una sensibilità poco comune assieme a tanta forza interiore e coraggio.
Non c'entra nulla l'istinto materno o l'esperienza. Perché un bimbo non tuo può diventare una trappola dolorosa. Se non si è abbastanza forti.

Io in tutta onestà, non so se ce la farei,  temo soprattutto il distacco. E so, per quel che mi conosco, che non riuscirei facilmente a superare quel momento

Ci ho messo una vita intera per superare il buio, l'ovulo cieco. 
Per guardare gli zaini sulle spalle dei genitori che accompagnano i loro figli a scuola con il giusto distacco.
Ci ho messo una vita ad accettare la frase finale del brano che ho postato all'inizio.
Perché quando "non vengono", non hai bisogno di frasi stupide e banali che ti lapidano. Perché a crocifiggerti basti da sola. Hai bisogno di ritrovarti e di persone che ti accompagnino in quel viaggio al buio fino a ritrovare la luce e la ragione. Ecco perché, io personalmente, ho accolto questa notizia con tanto piacere. Quelle persone sono davvero speciali. Sono uniche.

So che l'iniziativa sta facendo proseliti in altre strutture sia in Italia che nel mondo.C'è bisogno di persone così, che guardino all'amore fissandolo dritto negli occhi.




34 commenti:

  1. Vero, occorre amore ma anche distacco, il distacco giusto, nel momento giusto. Quindi non nel mentre delle coccole.
    Non è una cosa per tutti, e ci sta.
    Iniziativa bellissima :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo sia la cosa più difficile arrivare al distacco senza soffrirne. Io non ce la farei.
      Per questo giudico l'iniziativa qualcosa di speciale.
      Bacio.

      Elimina
  2. Cara Mariella, è sempre difficile dosare l'amore, la cosa però che sia sempre sincero, e non di interesse.
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso 

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tomaso, credo sia impossibile dedicarsi a donare amore a dei bimbi piccoli, fingendo un trasporto che non si ha.
      Sarebbe innaturale. Ti abbraccio forte anche io, buona serata e grazie di cuore.

      Elimina
  3. La bontà è fuori moda, fuori dai discorsi nel web e fuori web. Per fortuna una parte resiste ancora e ne parla con serenità e gioia.
    Che bello e quanta tenerezza in tutto ciò. Bacio Mari e buongiorno!!! 🌞🌞🌞

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non solo è fuori moda, come dici giustamente tu, ma appare come una debolezza , "piegarsi" "agli altri. Per cui si parla poco di queste iniziative perché non generano rumore...
      Chi fa de bene inoltre, non ama parlarne, per cui queste cose vengono fuori quasi per caso.
      C'è tanta bellezza, hai ragione. Un bacio a te e buona serata!

      Elimina
  4. e poi qui na nojos, in thaja, tutto deve essere regolamentato e consolidato dai giusti bolli.
    Non è facile aprirsi una associazione di volontariato, eppure basterebbe bastonare quelle finte che vanno in giro a raccogliere soldi per se stesse e facilitare così la vita di coloro che si spendono per il bene del prossimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avrei molto da dire sulle associazioni, le conosco molto bene, la stragrande maggioranza non sono come le dipingono. Ma per qualche mela marcia pagano tutte le altre.

      Elimina
  5. Non vi è nulla d'imperfetto in una donna che non può avere figli, soprattutto in quelle che , come te cara Mariella, hanno una tale carica umana che , l'istinto materno, fa riversare sulle persone che amano. Anche senza figli la vita può essere bella, interessante e , a pensarci bene, anche più tranquilla.
    Senza dubbio un'iniziativa encomiabile quella di cui parli, lo dirò a mia nipote Martina che studia psicologia infantile, spinta dal grande amore che ha per i bambini.
    Un abbraccio.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo credo anche io. Ho sempre detto di essere imperfetta, ma di sicuro non mi sento tale perché non ho avuto figli. Sono imperfetta come essere umano, e ci sta. Lo siamo tutti.
      E la vita riesce ad essere meravigliosa e completa in ogni caso. Questo però lo dico oggi, sono realizzata, ho superato la tristezza e tutto quel dolore subito. Mi ci è voluto tanto tempo ad andare oltre quella frase e molte altre.
      Fammi sapere cosa ne pensa Martina, sappi che l'associazione si può contattare, ho lasciato il link della loro pagina Fb.
      Ti abbraccio anche io, e grazie per le belle e preziose parole che mi hai dedicato.

      Elimina
  6. Che bello, apre il cuore leggere tutto questo.
    Sai che in Italia ci sono persone splendide che ogni giorno regalano amore, tempo e cura come volontari e questa è l'unica notizia che dovrebbero dare ai tg... che tra l'altro ho smesso di vedere da anni.

    La tua ferita sanguina, si capisce da come ti esprimi e non dovresti lasciarti questa cosa dentro, perchè ci sono tanti modi per donare amore e non si deve aver paura del distacco o della perdita, perchè l'amore che si è dato ci riempie il cuore e ci aiuta a stare bene. Prova a fare la volontaria, forse ti si aprirà un porta che non avevi considerato. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Elisa, sono anni che mi occupo di associazioni, sia sul lavoro che nel privato.
      Un tempo ne parlavo più spesso qui da me, ma non tutti amano discorsi che si basano sull'altruismo e spesso si vede il marcio dove non è.
      Ultimamente poi, non ne parliamo. Ci sono fatti di cronaca recente, che hanno sbattuto il mostro in prima pagina.
      Fa comodo, al caldo delle proprie case, puntare il dito, senza conoscere assolutamente nulla di quello che c'è dietro, su chi si occupa degli altri da sempre. Farsi trascinare da discorsi populisti senza degnarsi di andare a fondo e dalla pancia.
      La mia "ferita" ha sanguinato per tanto tempo, ci ho impiegato anni a farla rimarginare.
      Ci sono riuscita perché ho realizzato che una donna è tanto altro. Essere madre è importante ma non è tutto per una donna. Certo, il male è arrivato anche da parte di molte madri che non capivano e giudicavano la persona che si trovava loro di fronte senza vederla davvero.
      "Ci sono tanti modi per donare amore" verissimo.
      Grazie di cuore, ti abbraccio forte.

      Elimina
  7. Ho iniziato a leggere temendo si parlasse di aborti, figli non voluti o non attesi. Invece poi continuando ho inteso il senso dell'articolo, completamente diametrale. Bellissima iniziativa, quando fu ricoverato mio padre vennero in stanza dei volontari vestiti da clown per portare un sorriso ai malati e ai familiari al loro capezzale... Ci sono queste belle persone, hanno una grande pace interiore se riescono in queste attività.
    Come dici ci vuole un certo distacco, nonché professionalità, come nell'assistere qualunque persona in ospedale: cosa della quale un familiare non è dotato in natura, specie se si rende conto di non essere capace di aiutare, o è troppo coinvolto emotivamente... Può però scegliere di affidarsi a questi angeli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'incipit tratto da uno dei miei romanzi del cuore, di cui scrissi tanto tempo fa, in realtà mi serviva a spiegarvi meglio il perché io non ci riuscirei. Almeno non ancora. Non sarei pronta al distacco.
      Mi è capitato, proprio nell'ambito delle associazioni che frequento, di soffrire l'allontanamento da una bimba con la quale ero stata in contatto per soli tre giorni. Sono un caso limite però, per fortuna i professionisti delle Associazioni che conosco non hanno questo tipo di "problema".
      E sono angeli, davvero.
      Grazie e buona serata.

      Elimina
  8. Non sapevo della loro esistenza, e saperlo mi illumina l'anima. Sono davvero delle persone speciali per tutte le ragioni che hai perfettamente evidenziato nel tuo post. Vero, affezionarsi è facile, staccarsi è dura, e questo li rende ancora più "eroi". Ho sentito anche il dolore per non aver avuto figli, o meglio per il fatto che non siano venuti, ma come ti ha scritto Cristiana "Non vi è nulla d'imperfetto in una donna che non può avere figli" soprattutto in una come te, che ha una sensibilità unica ed un cuore immenso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È stata una bella "botta" anche per me, venire a conoscenza di questa iniziativa. Non ho avuto dubbi a parlarvene, sapevo che avreste apprezzato. Non a caso anche i miei amici di blog sono speciali.
      La mia vita, in ogni caso, è ricca e preziosa. Dono amore e regalo amore, ho superato da tempo quel periodo oscuro. Non da sola, per fortuna ho avuto ed ho accanto una persona che mi completa.
      Grazie per la tua amicizia e per le parole che mi hai dedicato.

      Elimina
  9. che poi a pensarci bene le coccole servirebbero a tutti. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti, ed io me le faccio fare ahahahah

      Elimina
  10. La bellezza interiore e la bontà di queste persone, che donano il loro tempo a chi ne ha più bisogno anche sapendo che il distacco sarà un dolore, ci fanno capire che non c'è solo superficialità, violenza... ma persone belle ce ne sono ancora e questa è una speranza. Mi spiace per te, per il tuo dolore,perchè sei molto sensibile. Anch'io non ho avuto figli e ne avrei voluto uno, però sono stata un'insegnante e posso dire che comunque i "figli" non mi sono mancati, anche se , ora che sono una novella pensionata, mi sento un pò sola. Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna parlarne di tutta questa bontà, altrimenti scompare nel mare di indifferenza e superficialità che ci circonda.
      Il mio dolore l'ho superato perché la mia vita è piena di amore, ne ho preso consapevolezza.
      Un' insegnante come te di "figli" ne ha avuti tanti che le hanno riempito la vita. Comprendo bene anche la tua malinconia, quella di fondo non ci abbandona mai. Ti abbraccio forte forte e grazie!

      Elimina
  11. Io non ho avuto figli, una dinamica del mio matrimonio finito, non mi mancano,ma sono felice per i figli altrui . Credo che faticherei a fare le coccole a un piccino e poi a vederlo allontanarsi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere leggere che sei serena con quello che hai. Soprattutto condivido quel che dici a proposito del distacco, è il mio stesso timore. La spiegazione a tutto il mio post.
      Bacio.

      Elimina
  12. abbraccio grandissimo a te in primis
    poi concordo ci vuole molta empatia per fare una cosa del genere ..ho un'amica che ha una figlia sua e poi per una serie di motivi ha preso in affido prima 3 fratellini per circa 4 anni poi quando se ne son ritornati alla famiglia di origine( li vede ancora tutt'ora ) ha detto mai più !! ,mi diceva fà troppo male ..sai dall'inizio che se ne andranno ..ma poi più li tieni e più non vorresti andassero ..posso dirti che ha sofferto moltissimo ..
    adesso più che in affido bimba ha mamma e bimba ;))
    insomma aiuta una ragazza madre a tirar sù la sua bimba ..praticamente fà babysitter gratuita quando serve... molto spessoooo ..perchè la ragazza studia e lavora ..e se non c'è lei c'è figlia e marito ..un giorno mi ha detto con bimba in braccio ..questa è un amore /bimba in cooperativa ;)))
    penso che a far del bene ci si guadagna sempre in termini non di soldi ..ma tutto il resto ..e poi a volte per farlo basta girare appena lo sguardo ..
    per i figli :io ne ho avuto 1 andando contro tutti , sopratutto medici ..anche con l'inganno;))
    poi avevo provato far domanda adozione ..niente ..potevo morire ,NIENTE adozione ..
    e li si potrebbe obbiettare :Dimmi qual è il bimbo/a che nasce e ha certezza matematica di aver genitori sempre al fianco...lasciato perdere ..ah e son ancora quà ! alla facciaccia loro .
    ma anche ieri una "signora" mi ha detto..:mah un solo figlio???.. la mia risposta SI ! a me piacciono figli unici!!!
    ma che ne sai della mia vita ?? non sò perchè si permettono di giudicare ..tu sai quanto dolore si nasconde dietro certe situazioni ...o magari possono esser scelte ..insomma ho la mia via ..faccio le mie scelte a volte magari obbligate..poi perchè siamo donne non è detto che Tutte dobbiamo aver figli o non averli ...una ragazza che conosco a breve avrà 5 figlio ..per sua scelta ed è contentissima..lavora, viene aiutata da suocera che vive praticamente con loro(ha piccolo appartamento attaccato a loro) e son molto felici dei bimbi ..beh mi ha detto che l'ha detto a sua madre e sorelle quando era al 4 mese di gravidanza e ha ricevuto un sacco di male parole ..
    vedi comunque fai sbagli ..importante è star serene con la propria vita il resto vada a...
    bellissima comunque questa iniziativa ..ho divagato un pò dal discorso
    Serenità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tissi, non hai divagato. Piuttosto grazie alle esperienze di vita vissuta (tua e di persone che conosci bene) hai puntato i riflettori sulle mille problematiche(oltre che sul dolore) di una donna; sia che desideri un figlio sia che non lo voglia. Purtroppo le persone che ci circondano sono carenti in intelligenza e sensibilità, estremamente superficiali. Ed è terribile quando è la tua stessa famiglia a non comprenderti, come nell'ultimo esempio che hai fatto. Siamo ancora troppo lontane e spesso sole, frettolosamente giudicate da chi non sa assolutamente nulla di noi.
      La realtà è ciò che hai fotografato tu.
      Ben vengano allora, iniziative confortanti come quella di cui ho parlato nel post.
      Ti abbraccio forte forte.

      Elimina
  13. Molto bello il post, e mi piace questa Associazione Donatori di Coccole.
    Buon sabato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piace tanto anche a me, doveroso parlarne.
      Un abbraccio e buon sabato, caro Giancarlo.

      Elimina
  14. Leggi e ascolti sempre notizie così terribili, di morte, di violenza, di follia. E a volte ti sembra che non se ne esca mai fuori, che il mondo sia fagocitato da queste brutture, che lo sporcano, lo sommergono, lo affossano.
    E poi, invece, spunta un raggio di sole tra le nubi. Notizie e iniziative come questa portano luce e calore.
    Quanto sembra retorico eppure quanto è vero! Perchè finchè ci sono persone così speciali che o in ambito ospedaliero o proprio in famiglia, con l'affido, sanno donare quell'amore che è così puro e disinteressato... beh, c'è speranza per questo nostro mondo.
    Io non so se riuscirei, sono sincera.
    Grazie per avermi regalato un sorriso, di quelli pieni di positività. E grazie, ancora di più, per aver scritto nel post quelle frasi così intense e così "tue". Posso immaginare il dolore e il lavoro interiore fatto per arrivare a scriverle oggi. E non ti dico altro. Sei bella, Mari.
    Abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passiamo intere giornate a rattristarci per il susseguirsi di eventi drammatici che ci lasciano senza respiro, ad arrabbiarci perché non vediamo soluzioni positive rispetto a nulla. Bombardati da notizie orribili, con davanti lo spettro di un futuro sempre più lacunoso e scuro.
      Le notizie belle e buone, sono sempre rilegate nell'angolo, in fondo alla pagina. Perché il male è una certezza e cattura di più. Il bene invece, sembra solo una bella favola. Non è così e bisogna impegnarsi nel dimostrarlo. Anche con un breve post come ho fatto io.
      Amica mia, tu mi comprendi. Sai cos'è il dolore e sai riconoscerlo tra parole dette e non dette. Non sono l'unica "bellezza" qui.
      Ti abbraccio.

      Elimina
  15. Sono cose bellissime, che danno speranza e luce all'umanità, ben vengano :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna parlarne, che la gente sappia e si riconosca. Anche noi, siamo pieni di bellezza. Quella vera.
      Ti abbraccio ragazzo bello.

      Elimina
  16. Che storia commovente! C'è ancora tanta brava gente al mondo.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le persone speciali ci sono, ma non fanno rumore.
      Un abbraccio a te e buona domenica.

      Elimina
  17. E' una bella storia e hai fatto bene a sottolineare l'aspetto del distacco. Una cosa bruttissima e a maggior ragione le persone che fanno questa opera sono speciali e fantastiche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'aspetto del distacco, almeno per quel che mi riguarda, come ho già sottolineato, è importante. Credo sia estremamente complicato trovare l'equilibrio giusto per dare affetto a chi, poi, dovrai lasciare. Non è facile. Ed è durissima poi...
      Per questo ribadisco che quei volontari sono davvero unici.

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)