25 settembre 2021

[SABATO DI POESIA] FORTUNA DI IDA VITALE



Ida Vitale


 

Per anni, godere dell’errore
e del suo emendamento,
poter parlare, camminare libera,
non vivere mutilata,
non entrare o sì nelle chiese,
leggere, udire musica che ami,
esser la notte come il giorno un essere.

Non essere sposata per contratto,
stimata in capre,
subire il potere di parenti
o lapidazione legale.
Non sfilare mai più,
non patire parole
che iniettino nel sangue
limature di ferro.
Scoprire da te stessa
altro essere inatteso
nel ponte dello sguardo.

Essere umano e donna, né più né meno.

(Pellegrino in ascolto - Bompiani - 2020)


Note biografiche dell'autore 

Ida Vitale è nata a Montevideo nel 1923. È poetessa, traduttrice,saggista e critica letteraria. Esponente della poesia essenzialista, ha ricevuto numerosi premi letterari in tutto il mondo  ed è la più longeva esponente del movimento Generación del 45. Al momento è in corso di traduzione tutta la sua opera grazie a Bompiani. Viene definita la poetessa dell'impossibile perché riesce a coniugare perfettamente la realtà con la vita interiore. Una maestra dell'empatia con un amore sconfinato  per gli animali. Un poeta eccezionale che ho avuto la "fortuna" di incontrare sfogliando un quotidiano.  La poesia scelta è  dedicata alle donne. A tutte quelle che, quotidianamente,  subiscono ogni tipo di sopruso. E il mio pensiero va alle donne dell'Afghanistan, visto che in un paio di settimane sono già scomparse dalle prime pagine dei giornali. Auguro loro di non   perdere quell'energia e quel coraggio che stanno dimostrando, lottando contro il nuovo medioevo in cui sono ripiombate e che vadano avanti sfidando la paura e la morte. E spero che nessuno di noi le dimentichi, semplicemente voltando pagina.  Io non mi rassegno e dal mio blog continuerò a stare al loro fianco. E al fianco di tutte le donne che subiscono violenza, fisica e psicologica. Perché ho visto troppi sorrisi spegnersi e trasformarsi in foto sgranate. Questo non dovrebbe accadere più. Tutti noi dovremmo poter  smettere di usare il condizionale. Ma oggi, purtroppo, non è ancora così. E lo trovo ingiusto e orrendo.

24 commenti:

  1. Quel reiterato "non" usato come delicata arma a sottolineare la bellezza e la libertà dell'alternativa possibile. Poter scegliere, poter offuscare una presa di posizione, poter dimostrare voce, in qualsiasi rigo, oltre che in capitolo. Poter vivere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che gli occhi mi si sono riempiti di lacrime leggendo quel "non"? Ho amato infinitamente questi versi, fin dal primo istante. So che mi comprendi💛

      Elimina
  2. Versi per tanti spunti di riflessione.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La poesia è anche questo. Solo che molti l'allontanamento convinti di non riuscire a comprenderla. E mentre lei tende la mano, noi ci ritraiamo. Buon sabato🌟

      Elimina
  3. Versi bellissimi per spronare le donne a non mollare. Le donne devono condurre tante battaglie, troppe volte incontrano sul loro cammino ostacoli creati da una società bigotta che le vuole sempre inferiori, zitte e sottomesse. Non conoscevo questa poetessa, voglio approfondire la sua conoscenza. Grazie, Mariella. Un abbraccio grande
    .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice di avere contribuito alla tua scoperta. Una delle funzioni essenziali dell'angolo che ho creato. Di donne non dobbiamo smettere di parlare facendoci accompagnare dagli uomini che ci amano. Un abbraccio a te.
      Ps: uno dei prossimi sabato di poesia vorrei dedicartelo. Che ne dici?

      Elimina
  4. Un onesto omaggio alla libertà. Non mi sono mai avvicinata molto alla poesia e sarà per questo che non riesco a cogliere tutte le sfumature e non mi è mai capitato di piangere per dei versi, ma non credo che sia a causa di insensibilità e ammiro il lato di questo tuo carattere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono io che a volte mi faccio travolgere dalle emozioni, non sono mai riuscita a dominare questo lato del mio carattere. Una volta me ne vergognavo, ora non ho problemi ad espormi. Non c'entra nulla la sensibilità, come dici tu. Secondo me ti piacerebbe, ora cerco una delle sue poesie che parlano di animali. Bacio😘

      Elimina
    2. AHAHAH Il massimo, per me, è 'Ode al cane', di Neruda

      Elimina
    3. Uno dei pochissimi poeti che non mi suscita alcuna emozione😉

      Elimina
  5. Non
    Non
    Non

    Libertà di vivere..e NON morire!
    Per le donne ..ma anche per gli uomini ..per i bambini ..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi ci dedichiamo alle donne.
      Visto che la lista delle morti non accenna a diminuire.

      Elimina
  6. Ciao Mariella, è difficile aggiungere altro (che non siano banalità) a versi come questi, ogni parola ha un potere spaventoso, dobbiamo fare in modo che questo potere venga "respirato", ispirarne la forze ed espirarla arricchita della nostra energia, la poesia è l'intensità massima delle sensazioni, delle emozioni, non lasciamole cadere, raccogliamole e facciamone dono a chi è disposto ad accettarlo, questo è quello che hai fatto tu (cosa che tra l'altro fai piacevolmente molto spesso).
    Grazie, buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le parole hanno un potere enorme e "splendono" come dice Emily Dickinson. A volte mi chiedo se, questo mio piccolo angolo, abbia davvero un senso. Molti sono quelli che si fermano al titolo del post e passano oltre, perché la poesia sembra spaventarli. Eppure io, attraverso Lei, affronto diversi argomenti, pongo questioni, cerco il confronto. Ma si preferisce leggere altro, che arriva più velocemente anche se poi, altrettanto velocemente, non sedimenta e si perde.
      La poesia resta ed è quello che tento ogni volta di far arrivare a tutti quelli che l'accettano e si mettono in gioco.
      Grazie a te, per essere passato e per avere apprezzato.
      Buona domenica.

      Elimina
  7. Una poesia di emancipazione!

    RispondiElimina
  8. È bellissima!!
    "Essere umano...ne' più né meno"
    Straordinario e semplice pensiero
    Grazie Mariella per questo tuo post
    Un sorriso e buona domenica :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella dignità che vorremmo fosse conclamata e che ancora non ci appartiene.
      Grazie a te cara, buona domenica.

      Elimina
  9. Un altro bellissimo e profondo inno alla donna ed alla sua indipendenza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Contro le differenze con cui ci tocca ancora combattere.

      Elimina
  10. un poetare delicato e semplice ma anche duro e diretto.
    mi è piaciuta per tutto questo. buon giorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poetessa eccezionale Ida Vitale.
      Grazie di essere passato e buona serata!

      Elimina
    2. grazie a te e buon giorno ancora

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)