21 settembre 2022

[VIAGGI] Ritorno a Parigi

 

Stazione Metro Le Bonne Nouvelle

Dopo oltre dieci anni, in occasione di un viaggio itinerante che,  ci ha portato in alcune città europee, siamo tornati a Parigi per la quarta volta.

Io, sempre un po' scettica sulla città romantica per eccellenza, avevo parecchi dubbi. Non sulle bellezze della città, che sono indiscutibili, bensì sui parigini, che hanno una pessima opinione degli italiani e dell'Italia in generale e non mancano mai di farcelo capire, quando siamo a casa loro.

E invece...

Abbiamo passato dei giorni incantevoli, visitato strade e quartieri poco inclini al turismo, ci siamo attardati a chiacchierare con una molteplice umanità parigina; ed è stata una riscoperta. Chissà se è stato il covid che li ha migliorati nettamente. Chissà se la guerra o la crisi economica. Chissà se le bollicine italiane, in gran rispolvero da loro, hanno compiuto il miracolo.

Ma siamo stati bene a Parigi, anche grazie ai parigini. Più colloquiali e più simpatici che mai. Si è parlato di tutto, dalla politica alla cultura, allo sport.

In generale, abbiamo riscoperto un'Europa più accogliente. E fatemelo dire, gli italiani all'estero non sono il massimo dell'educazione e della cortesia.  Restiamo uniti che è il modo migliore per superare questi dannati venti di guerra che ci stanno impaurendo.

Di Parigi e le sue bellezze parlano anche le foto che ho scattato. Ve ne lascio qualcuna.

Angoli:  Le Touleries

Mercato parigino sulla Rive Gauche




Rive Gauche

Montmatre



Giostra a Montmatre


Fermata Palais Royal



Arco dell'Anniversario 



Pittori


Le Folies Bergere

La Comédie Francaise





Palazzo del Louvre




35 commenti:

  1. Che belle le immagini, me le godo tutte perché non so se mai potrò ammirare ogni cosa dal vivo.
    Parigi è bellissima e non bisogna mai credere alle chiacchiere della gente ma vivere di persona ogni cosa, parlare con loro per conoscere la verità.
    Forse oggi si viaggia di più e con più consapevolezza per cui ci si rende conto di sbagliare e di aver avuto opinioni non reali. I pregiudizi danneggiano la socializzazione e queste tue parole lo constatano.
    Sono felice che tu ti sia divertita e grazie di averne scritto. Un bacio sorella cara. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si mi sono divertita molto. Ma ho solo modificato la mia opinione sui parigini. Ho notato che hanno mutato atteggiamento con noi italiani, forse perché la vita dell'Europa e del mondo è
      cambiata, dopo gli eventi di questi ultimi tre anni. Hai ragione quando dici che bisogna viaggiare. Conoscere gli altri apre mente e cuore e ci aiuta a comprendere tutto quello che è distante dal nostro quotidiano. Su Parigi, mai dire mai, potrebbe essere un tuo nuovo obiettivo da raggiungere. Baci💛

      Elimina
  2. Un punto di riferimento per tutto il mondo.

    RispondiElimina
  3. Bellissime foto, hai colto l'anima di Parigi. Credo che questi ultimi tre anni e le paure profonde derivanti dalla visione di un futuro ancora oscuro ed incerto, abbiano lasciato un forte senso di fragilità e quindi un bisogno di stare tutti più insieme, unendo pertanto di più i popoli, ossia la gente, le persone e facendo cadere quelle barriere di pregiudizio ed antipatia prima presenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono accordo. Qualcosa di positivo dovrà pure averci lasciato questo lungo periodo da incubo. Mi sono sorpresa a prestare più attenzione alle persone che ai luoghi e ne sono rimasta conquistata!

      Elimina
  4. Che meraviglia queste foto, una bella vacanza !! Io sono molti anni che non vado a Parigi, ci sono stata due volte in tutto, spero di tornarci !! Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse sono riuscita a trasmettervi la serenità e la positività che la vacanza mi ha regalato. Spero tu possa realizzare il tuo desiderio. Buona serata🌹

      Elimina
  5. Mai stata a Parigi, ma so che è un gioiello. Bellissime le foto che hai scattato, così piene di vita, hanno cuore. Credo che gli ultimi tre anni, ma anche i venti di guerra che soffiano sull'Europa, abbiano smosso le nostre paure, i nostri dubbi, i nostri sogni, le nostre certezze. Forse la gente sta sentendo il bisogno di essere più unita. Mi fa piacere che tu abbia fatto un bel viaggio, tutte le persone che sono state a Parigi mi hanno detto che si sono trovati benissimo, che Parigi e la Francia in generale sono meravigliose. Un grande abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quel senso di unione di comprensione l'ho sentito ovunque sia stata. A Parigi mi ha impressionato maggiormente, conoscendo l'indole dei parigini solitamente arroganti e presuntuosi. L'ho trovata più bella di quanto la ricordassi e anche questo mi ha piacevolmente colpito. Spero tu possa visitarla presto. Un abbraccio e buon serata.

      Elimina
  6. Bella Parigi, ci sono stata, ma vorrei ritornarci una volta nel periodo natalizio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono stata, durante il periodo pre-natalizio. È tutta sfavillante, molto bella. Ti auguro ti tornarci!

      Elimina
  7. Non sono mai impazzito per Parigi.. preferisco decisamente altro in Europa, da Londra a Barcellona, da Praga a Bruges, ma piace molto a Lulù, quindi prima o poi mi ritoccherà.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Idem, ma qualcosa dopo questo viaggio è cambiato. Eccerto che ci devi portare Lulù!

      Elimina
  8. Avevo già sbirciato su instagram ;-)
    Parigi è certamente una città da vedere, però quando ci sono stato mi sono accorto che i suoi spazi così enormi non fanno per me, preferisco città più "raccolte".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, è enorme. E la cosa può infastidire. Se ti piacciono le città belle ma più a misura d'uomo, aspetta il mio post sull'altra città europea che ho visitato. Immagino tu intuisca😉

      Elimina
  9. Foto interessanti, Sono stato in Francia tanti anni fa e forse causa il mio francese che risale ai tempi della scuola faticavo a farmi capire e non sembravano propensi ad aiutarmi. Probabilmente oggi le cose sono cambiate.
    Felice giornata, un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No Enrico, ti capiscono benissimo ma fanno finta di non comprenderti riuscendo solo a farti irritare di più. A me capitò in un viaggio precedente che un cameriere, nome e cognome italiano, facesse finta di non comprendere il francese di mio marito che è ottimo. Provammo in inglese e fu lo stesso. Capimmo che lo faceva apposta perché comprese perfettamente le nostre parolacce in italiano😆 oggi qualcosa sembra essere cambiato. Buona serata!

      Elimina
  10. Le tue foto dicono tanto, evocano suoni, musica, profumi! Alla quarta volta, sei una parigina pure tu!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Resto sempre un po' english in realtà. Ma stavolta mi è piaciuta di più😉

      Elimina
  11. Parigi mi trasmette romanticismo, magari mi sbaglio.

    RispondiElimina
  12. Paese che vai ..bellezza che trovi ..nelle persone .nelle vie..nell'aria...
    Bellissime foto..grazie per avercela fatta conoscere questa meravigliosa città

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho respirato a pieni polmoni un'aria colma di profumi e colori. Sono tornata felice come una bimba.

      Elimina
  13. Io non riesco a capire il francese e, allora, sono stato sempre in dubbio quando mi parlano se mi rimproverino o, invece, mi adulino.

    podi-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse hanno smesso di prenderci in giro e sarebbe un bel passo avanti.

      Elimina
  14. Belle foto. Sono stato varie volte a Parigi e mi hai fatto respirare di nuovo quell'atmosfera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alberto, mi fa davvero piacere averti trasmesso un pizzico dell'atmosfera unica di Parigi.

      Elimina
  15. Chissà cosa sarà stato, ma città eterne come Parigi sempre soddisfazione danno per fortuna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo riconoscere che stavolta sono tornata soddisfatta!

      Elimina
  16. Son stato a Parigi nel gennaio del 2002 quando siamo passati all'Euro .
    Mi è piaciuta tantissimo , l'ho trovata una città multietnica e magica.
    Non ho faticato a girarla e ho pure un buon ricordo dei parigini...con i quali poi parlavo inglese , non conoscendo un acca di francese.
    La Tour Eiffel mi ha un po' deluso mentre al Louvre c'ho lasciato il cuore.
    Poi le brioches zeppe di burro a colazione in hotel ..mamma mia che buone , ingrasso solo al pensiero.
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei stato fortunato nel 2002! Solitamente i parigini non amano parlare altre lingue oltre la loro;)
      Bella è bella, non ci sono dubbi. LA TORRE È SPETTACOLARE, la cosa che amo di più. Quando vuoi trovare la strada basta guardare lei e tutto torna. Più sbirluccicosa che mai, ultimamente.
      Sul cibo ahhhhh brioche, baghette, omelette, tutto perfettoooo. Ma io trovo tutto buono ovunque vada. Non capisco gli italiani che si lamentano del cibo all'estero. Ma che volete la pasta al forno della mamma? Allora restate a casa vostra!!!

      Elimina
  17. Mai stata a Parigi, come in tante altre belle capitali europee. Ho viaggiato molto poco all'estero, preferisco sempre i contorni nostrani, per diverse ragioni ma anche per una questione economica, indubbiamente.
    Però almeno l'ho goduta attraverso i tuoi scatti, quindi grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sara, Parigi l'adoreresti. Ti auguro di poter organizzare presto qualche giorno lì, che foto faresti con la sensibilità che hai. Angoli, persone, colori, è perfetta. Tra qualche giorno parlerò di un'altra città europea che ho visitato questa estate, sono certa ti piacerà. Bacio e buon sabato.

      Elimina
  18. Non amo visitare le città, preferisco le vacanze nella natura. Sono da poco tornata da una vacanza in Normandia, e per la verità ho ritrovato i francesi meno altezzosi di qualche anno fa ma ancora superbi e soprattutto poco propensi a parlare in una lingua diversa dalla loro !

    RispondiElimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)