03 marzo 2019

LA STELLA DI ANDREA.







Oggi sono pronta a raccontarvi una storia.
Quella di un papà che sta partendo per un lungo viaggio e quella di Giulia, sua figlia, e di MariaLaura, sua moglie.

Andrea si ammala di cancro durante la gravidanza di Marialaura. Quando nasce Giulia è già in fase di chemioterapia. Il solito, maledetto bastardo, sta per portarselo via.  Ma guardando Giulia lui capisce che l'ultima cosa che vuole  è che sua figlia cresca in sua assenza con la sensazione che suo padre l'abbia abbandonata. Che si possa sentire tradita, che possa non capire mai quanto lui l'amasse. E allora scrive un libro che le racconti di lui, difetti e pregi. Le scrive lettere che possa aprire allo scoccare di ogni compleanno e apre una pagina INSTAGRAM con la quale raccontarle di se stesso, della moglie adorata e di quanto le ami, ambedue.
Andrea è morto venerdì scorso. Su IG ha pubblicato l'ultima foto con un messaggio ai suoi amori che mi ha spaccato il cuore in due:

"È solo questione di tempo... ci vediamo dalla mia stella."

Ciao Andrea fai buon viaggio. Sei un padre meraviglioso, un compagno prezioso. Rimarrai nei cuori di tutti NOI. Perché hai saputo cogliere e trasferire il messaggio più importante. Noi siamo quello che amiamo e che facciamo per amore. Nulla si disperde se il cuore ha questo comandamento.
Nulla morirà mai.

Ci vediamo sulla tua stella.



30 commenti:

  1. Cara Mariella, questi racconti portano tanta tristezza, è pure vero che non bisogna mai disperare, lo sappiamo che non può finire tutto così.
    Ciao e buona domenica con un forte abbraccio e un sorriso.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono storie tristi ma che insegnano quanto di bello c'è ancora nella natura umana. Per fortuna. Un abbraccio Tomaso caro.

      Elimina
  2. Meraviglioso. Quanto sarebbe bello se gli uomini TUTTI fossero questi. Mi chiedo se al posto di Andrea avrei agito allo stesso modo, mi sarebbe piaciuto andare via così INDIMENTICABILE. Sarò un coatto ma credo (= ho la presunzione di credere) che me ne sarei andato così lasciando le due donne della mia vita mai sole. Come sai io sono ai margini di questa religione che parla di resurrezione e di vita eterna. Non ci credo, ma VORREI per un momento crederci per poter sperare un po' e non per egoismo, anche se penso che desiderar di continuare a vivere per poter dare AMORE sia tuttaltro che egoismo. Mi capisci tu?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che la tua sia una domanda legittima. A cui nessuno di noi può dare una risposta concreta. Perché, per fortuna, non abbiamo vissuto un'esperienza simile. Di sicuro è un esempio meraviglioso (come dici tu) di Amore. Quella speranza ce l'abbiamo tutti, credenti o meno. Buona domenica.

      Elimina
  3. Che dire... un esempio bellissimo ma anche tristissimo.
    Una storia bella in mezzo a una storia brutta.
    Non ho altre parole, se non grande rispetto per Andrea.

    Moz-

    RispondiElimina
  4. Mariella carissima, che dolore mi ha preso il cuore leggendo questa storia.
    "Noi siamo quello che amiamo e che facciamo per amore." Com'è vero questo, io ci credo profondamente: è solo l'amore quello che resta, in tutte le sue forme e sfumature, e quello di questo papà e marito è un esempio splendente. Come la sua stella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Seguivo Andrea da poco tempo. Ma ero andata a guardare tutti i suoi post. Toccano l'anima. Di chi ce l'ha.
      Un abbraccio e buona domenica.

      Elimina
  5. sì l'ho letta..
    una storia tristissima..
    non so fino a che punto abbia vinto la morte..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Razionalmente potrei dire che ha vinto.
      Invece non l'ha fatto. No.

      Elimina
  6. Conosco questa storia, commovente, straziante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne ho voluto parlare in questa bella domenica in cui la primavera sembra alle porte. Straziante ma con tanta di quella bellezza dentro che non la si poteva lasciare da parte.

      Elimina
  7. Ho letto questa commovente storia che e' anche un inno alla vita, una vita che se ne va,ma vuole lasciare il"segno" a chi ha amato, ma che non potrà amare abbastanza.
    Mi ricorda il film "My life" questa mia vita...
    E la vita e', purtroppo anche questa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me lo ricordo bene il film con Michael KEATON in cui lui, si racconta al figlio con VHS. Ma a volte la verità supera la fantasia degli sceneggiatori. La vita e l'amore sono uniti in maniera indissolubile.
      Grazie Fiorella!

      Elimina
  8. Sono storie di vita che ti fanno star male, al pensiero della sofferenza che la malattia e la morte portano con sé...
    Ma al contempo commuove e riscalda il cuore pensare all'amore..., a quanto amore possiamo essere un grado di dare, se ci facciamo guidare da esso.
    In questo andrea resterà un meraviglioso esempio.

    Buona serata, mariella :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Quanto amore possiamo essere in grado di dare" bellissima frase.
      L'amore che possiamo trasmettere e che accompagnerà Giulia per il resto della sua vita.
      Bacio.

      Elimina
  9. Sì l'ho sentita: una storia tenerissima e disperata: commovente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e benvenuta da me.
      Al tuo tenerissima mi stavo sciogliendo. vero così. La fortuna è che siamo tanti, diversi e più belli di quel che ci vogliono far credere.
      A presto!

      Elimina
  10. Che storia triste, ma piena d'amore e di speranza :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello l'amore che vince anche sulla morte!

      Elimina
  11. Una storia che è un vero inno alla vita e all’amore, sebbene tristissima. Grazie.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero Sinforosa, nonostante tutto vince l'amore.

      Elimina
  12. La vita è un continuo susseguirsi di bellezza e tragedia; sopravvivere a quest'ultima dipende da quanta bellezza abbiamo incamerato e somatizzato prima. Dipende da quanta gratitudine riusciamo ad elaborare, da quanta grazia ci teniamo appiccicata addosso durante le bufere, quanta delicatezza e riconoscenza siamo capaci di distillare verso tutto il mondo che ci ama. E Andrea ci insegna Amore, autentico..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma mia che bello quello che hai scritto.
      È una tesi sull'amore ispirata dalla storia di Andrea.
      Grazieeeeeee

      Elimina
  13. Storia molto triste ma che lascia aperta la porta alla speranza.
    Molto toccante quell’arrivederci finale che fa Andrea.
    Purtroppo la vita è anche questo...un pugno nello stomaco è un dolore che non va mai via.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà se Giulia capirà fino in fondo tutto questo amore.
      Io le auguro di si, con tutto il cuore.
      La vita è tutto questo, hai ragione. Ma a volte i pugni presi in faccia ci rendono più forti e carichi.
      Ciao!

      Elimina
  14. È stato uno stupendo atto d’amore che avevo appreso dai media.
    Ciao buona settimana, un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Enrico.
      Ti abbraccio anche io, forte.

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)