16 gennaio 2019

TWEET DELLA SETTIMANA: #IOSTOCONBAGLIONI.





Ecco un'altra novità del mio blog.
Una  rubrica nuova di pacca.

Ogni settimana, pubblicherò un post dedicato al meglio o peggio trovato su TWITTER e all'#hastag che ha fatto più tendenza durante la settimana precedente.

Spesso vi ho detto che seguo il social perché arriva per primo sulle notizie e lo confermo.

Sono una baglioniana della prima ora ma non pensavo che sarei partita proprio da lui.
Dal divo CLAUDIO BAGLIONI.

Mentre aspettiamo  il 69esimo Festival della canzone di Sanremo (non tutti lo so ma molti) che anche quest'anno "gode" della sua direzione artistica e del suo #melacantoemelasuonocomemipareepiace, 
vedasi mio post dello scorso anno, sappiate che sarò anche peggio nel 2019, in quanto a critiche. Se se le meriterà...

Bene.

Qualcun altro però mi ha preceduta, bocciandolo senza appello.
Un omone grande e grosso ma dal cuore di fanciullo a cui piacciono le divise e le armi. Come tutti i ragazzini che si rispettano. 
Ma che di mestiere  fa il ministro.
Procediamo con ordine.

Durante una conferenza stampa rivolta a presentare il Festival e i due conduttori(Claudio Bisio e Virginia Raffaele) Baglioni si è visto rivolgere una domanda relativa alla vicenda della Sea Watch e Sea Eye e in generale al problema dei migranti  a cui rispondeva in questi termini:

"Il nostro paese, ma non solo, è terribilmente incattivito nei confronti dell'altro. Guardiamo con sospetto l'altro e anche la nostra ombra. Credo che le misure messo in atto da questo governo ma anche di quelli precedenti non siano all'altezza della situazione ma ora la grana è grossa. Con una diversa impostazione non saremmo arrivati a questo punto. Non si può risolvere il problema di milioni di persone in movimento bloccando lo sbarco di 40 o 50 persone. O dicendo: due li prendi tu e cinque io. Siamo alla farsa, questo ce lo dobbiamo dire. Non credo che un dirigente politico di oggi abbia la capacità di risolverlo, ma ci vorrebbe almeno la verità di dire che siamo di fronte a un grave problema e di metterci tutti nella condizione di risolverlo. Siamo vicini all'anniversario della caduta del Muro di Berlino e noi invece ne stiamo alzando altri."

Il nostro ministro dell'Interno ha prontamente risposto via twitter che sa usare come una consumata soubrette: 
#Baglioni? Canta che ti passa...lascia che di sicurezza, immigrazione e terrorismo si occupi chi ha il diritto e il dovere di farlo".
Non fa una piega.

Ed io?

#IOSTOCONBAGLIONI

E fino a quando vivrò in quello che ritengo un paese democratico esprimerò il mio pensiero(magari anche sbagliato eh) in piena libertà e ovunque mi trovi. Perché altrimenti facciamo che il panettiere parli solo di pane, il calciatore solo di calcio, il prete solo di Dio e via discorrendo...







58 commenti:

  1. Cara Simpaticona di Mariella!!! sei veramente una super blogger ti ti sai spiegando un un modo dire spettacolare continua così cara amica.
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma Tomaso, vuoi farmi arrossire?
      Mi fa tanto piacere se qui da me trovi cose interessanti e che condividi. Hai un entusiasmo meraviglioso e sono felicissima che tu ti stia affezionando alla mia "casa".
      Aggiungo che sto leggendo il tuo libro, lo trovo molto bello ed evocativo. Sono arrivata al terzo capitolo e la descrizione della seconda guerra mondiale attraverso lo sguardo di un adolescente mi ha colpito molto. Ho provato poi grande tenerezza nel vivere assieme a te i sacrifici di tua mamma che per portare a casa i soldi per il sostentamento familiare, mentre tuo padre era via per lavoro, aveva trovato il modo fabbricando sandali con la suola di pneumatici.Mi hai fatto pensare a tutto quello che mi hanno raccontato le mie nonne e mio padre.
      Ti abbraccio io, forte forte.

      Elimina
  2. Cmq la si pensi è giusto che si possa esprimere la propria opinione. Guarda te che me tocca difende Baglionozzo :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente, qui vogliono imbavagliarci davvero per bene e intanto si improvvisano show con tanto di telecamere, all'arrivo di terroristi rimpatriati.
      Ti tocca si, ahahah te l'avevo detto che con Baglioni non avevo finito...
      Bacio.

      Elimina
  3. Attacco assolutamente ingiustificato verso Baglioni, tanto più che gli è stata posta domanda e lui ha giustamente risposto; ma un cantante DEVE avere delle idee e dovrebbe anche trasmetterle attraverso le canzoni :).

    Pensavo proprio a Baglioni quando, in alcuni commenti su De André, rilevavo con amarezza che oggi Faber sarebbe attaccato dai "buongiornissimo kaffè" per le sue posizioni a favore degli ultimi.

    Ah, assolutamente pretestuose le polemiche sulla canzone "caramelle" esclusa dal Festival.
    Esclusione opinabile, la canzone è bella, per carità, ma non è stata bocciata la nona di Beethoven.
    Caso strano a "Caramelle" grande spazio nel programma populista di Giletti...
    Facendo 2+2...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La domanda era pretenziosa in quel contesto e secondo me voleva innescare una polemica. Ma visto che gli era stata fatta, da uomo intelligente qual è, Baglioni ha risposto quel che riteneva giusto. Non dimentichiamo che per oltre dieci anni ha organizzato il Festival O'scià a Lampedusa, per cui da sempre sensibilizza l'opinione pubblica nel suo "bellissimo modo" ovvero attraverso la canzone, sul tema dei migranti. La kermesse che aveva assunto tratti ormai internazionali, chiuse definitivamente nel 2012 perché mancò il sostegno.
      Per dire.
      La questione "Caramelle" invece, l'ho seguita superficialmente, non dubito sia una bella canzone (mi riservo di ascoltarla non l'ho ancora fatto) ma strizza abbastanza l'occhio al tema sociale per far colpo. E mi dispiace che nella polemica ci sia entrato l'autore Pierdavide Carone, che ricordo come un ottimo autore, da tempo ormai disperso.
      Poi tra Giletti e Fontana, non c'è limite al peggio;)

      Elimina
  4. Non ho mai amato Sanremo e le sue canzonette, ma capisco che possa fare molti ascolti .
    In questo caso sto con Baglioni e con te , ovviamene.
    Quel "canta che ti passa" è estremamente meschino, tenendo conto delle parole di Baglioni che riguardano un problema molto serio ed umano.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Festival è una delle cose con le quali il mondo intero ci riconosce. Ai livelli di "Volare" pizza e mandolino e qualcos'altro. Per cui, va rispettato per l'ampiezza del fenomeno e per l'impegno che ci mette chi lo dirige, lo conduce e ci partecipa.
      Poi, può piacere o non piacere e questo mi pare pure giusto.
      Come le opinioni altrui che vanno sempre rispettate, si può non essere d'accordo ma come diceva Voltaire (anche se alcuni dicono che fu una donna a dire questa frase per prima ma non mi ricordo il nome) "posso non essere d'accordo con quel che dici ma difenderò il tuo diritto ad esprimere il tuo pensiero fino alla morte."
      La misura di chi gli ha detto di "canta che ti passa" è inversamente proporzionale alla sua mole.
      Che Baglioni ne sa di migranti molto più di lui di ministri e ministeri.
      Bacio Cri.

      Elimina
  5. Ah si, avevo letto questa notizia però non avevo approfondito, cioè non conoscevo le parole usate da Baglioni ma avevo sentito la risposta di Salvini.
    Comunque, leggendo la prima parte del post ho pensato la stessa cosa che hai scritto tu nella conclusione: a mio avviso tutti dovrebbero essere liberi di esprimere la propria opinione, che sia essa contro corrente o meno, purché lo si faccia con rispetto e senza volgarità. È giusto che Baglioni dica quello che pensa, se lo pensa, così com'è giusto che Salvini gli risponda sarcasticamente, se crede; l'importante è che non se ne faccia una questione di stato perché poi diventa una pagliacciata che toglie credibilità a tutti (vedi i casi in cui i rispettivi fan si offendono a vicenda, oppure i diretti interessati cominciano a pubblicare tweet imbarazzanti a palati)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Baglioni ha risposto ad una domanda, Salvini lo ha attaccato, con la prepotenza della sua carica, dicendogli che deve farsi i fatti suoi e non esprimere pareri su cose che non lo riguardano e su cui non ha competenza e di parlare solo di quello che conosce, quindi di canzoni. Mi pare che siano due sponde ben diverse. Non solo opinioni discordanti. La questione di stato è sempre stata portata alla ribalta dal ministro dell'interno che non perde occasione. Del resto naviga benissimo dalle onde del mar Mediterraneo alle onde di Nutella da spalmare sul pane.
      Poi chiaro che, a scadere nel mare di rimpalli di orde scatenate di fan ( ma pure Salvini ha fan????) ci rimettiamo tutti.
      CIAO PAOLA!

      Elimina
  6. #iostocobaglioni
    Buona serata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh cara, non avevo dubbi.
      Abbraccio della sera.

      Elimina
  7. Non tutti aspettano il Festival, ma molti sì: io, ad esempio 😊 e poi aspetterò il tuo post a manifestazione conclusa.
    E, va senza dire, #iostoconbaglioni.
    A maggior ragione se poi a sbeffeggiarlo e a fare il superiore è Salvini.
    Abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E come ogni anno tireremo le somme a fine kermesse. Prendendolo un po' in giro e senza lasciarci prendere dall'acredine Ahahah bacione buona giornata!

      Elimina
  8. Mi tocca stare con Baglioni, relativamente alla polemica con Salvini, per Sanremo invece, lo boccio sonoramente (rimanendo in tema), sia per la qualità pessima, sia per la canzone copiata vincitrice lo scorso anno.. una vergogna della quale si sono vergognati in pochi (vergogna doppia!!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non lo guardare il Festival visto che parti prevenuto come ogni anno! Vai al cinema che ti piace di più😉

      Elimina
  9. Non è un discorso di essere prevenuto ma di avere i prosciutti davanti agli occhi .
    Mi riferisco a Franco😀😀
    Vuol dire negare l’evidenza .
    Comunque ognuno è libero di pensarla come vuole.
    Le uniche cose scopiazzate son certi post ( non mi riferisco ne a te ne a Franco) di certi blog filosofici del cazzo ...!’Scusa il francesismo, ma quando ci vuole ci vuole/
    ������
    Lasciate in pace Moro e Metal.
    Naturalmente sto con Baglioni non bisogna mai tappare la bocca a nessuno.
    Massima libertà di espressione ( senza mai offendere naturalmente).
    Ciao Mariella .
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma chi è Metal?
      Non so bene a cosa si riferiscano i tuoi commenti sui filosofi da blog, ma ne conosco qualcuno e non posso che darti ragione!
      Con Franco è una vecchia e divertente diatriba sul festival che va avanti da qualche anno, lui prova a distruggerlo sistematicamente, ed io non glielo lascio fare :-)
      Potrebbe andare in vacanza giusto in quel periodo così si risparmia la fatica di dover trovare il pelo nell'uovo!
      A me il festival piace, senza se e senza ma. Da sempre, sono praticamente sposata e come nei matrimoni lo affronto nella buona e nella cattiva sorte ahahahah
      Bacio.

      Elimina
    2. Credo che quel qualcuno sia la stessa persona che "conosco" anch'io... se vai nel suo blog e se ci trovi 30 commenti dentro un suo post 24 li ha scritti lui , "aggiunti lui" ahahha!
      Quasi per far salire il numero dei commenti altrimenti lo seguirebbero veramente in pochi...poi se tra i suoi
      commentatori c'e una che ha cambiato non so quanti profili e gli risponde in continuazione nascono dei teatrini che rasentano il trash , va beh dai come si dice il mondo è bello perchè è vario.
      Metal ..Ermal Metal (?) ah ..adesso ho capito META ahahaha !!
      L'anno scorso appunto, chi cerca il pelo nell'uovo c'è andato a nozze con la questione dell'auto plagio dentro la canzone vincitrice.
      Ma alla fine son state critiche sterili e inconcludenti e lo dicono i fatti non io.
      Quindi vergogna un c***o!
      E che a volte chi vuole distruggere Sanremo parla senza nemmeno mai aver visto manco una puntata o che ne so ascoltato una canzone.
      E a me sta gente sta sulle palle .
      Franco nel suo post contro Sanremo ,leggendolo capivi che ,per me chiaramente, stava parlando senza sapere dove volere andare a parare solo per il gusto di essere contrario e sicuramente da quello che scriveva il dubbio che non avesse seguito piu' di dieci minuti di Festival, perdonami ce l'ho pure avuto.
      Ah ..preciso non mi sta sule palle Franco!
      Ho letto le canzoni che hai scritto in basso e che hanno vinto Sanremo negli anni.
      Hai tralasciato proprio quelle che piacciono a me .. .!!
      Ciaooo

      Elimina
    3. Si preciso ahahaha proprio lui!
      Ma si che avevo capito ti stavo solo prendendo un po' in giroooooooo
      Franco si sentirà fischiare le orecchie ad una velocità supersonica, meno male che sa che qui lo prendiamo un pochetto in giro!
      Mi spiace non avere beccato nemmeno una delle tue preferite, del resto era ma mia vista. Ma visto che Iacoponi sta grattando gli specchi con le unghie e ha iniziato a sferrare i colpi delle percentuali che mi sembra sto'governo e pure quello di prima, vai ad allungare la lista con le tue così arriviamo al 50% e chiudiamo il discorso :-)
      Ciaoooooo

      Elimina
  10. Sicuramente sto con Baglioni, ognuno può esprimere la propria opinione. Purtroppo in questo Paese molti amano la dittatura, dimenticando la storia e le sue vittime.
    Sereno giorno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un paese dalla memoria debole e corta.
      Un paese senza memoria è un paese morto.
      Abbraccio.

      Elimina
  11. W CLAUDIO! Io sto con lui da una vita, e non mi spiace neppure come conduttore.
    Senza contare che la sua mi è sembrata un'opinione per nulla aizzante ma realistica ed assolutamente veritiera: il problema immigrazione di questo periodo storico è veramente di una portata gravemente mastodontica...

    Attendo il festival, come dicevamo nel tuo precedente post, tutto ciò che è musica è droga pure per me!
    Buona giornata, Mariella :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Baglionone è rigido come una mazza da golf (quando presenta) e ogni tanto non si capisce dove va a parare con i suoi discorsi, ma questo mi è parso lucido e chiaro. Non mi pare abbia detto nulla che non sia minimamente condivisibile da chi riconosce che il problema non si risolve sparando dichiarazioni a destra e a manca e lasciando le persone a marcire nei lager libici.
      Si risolve con dignità e collaborazione. Forse.
      Anche io attendo il Festival per cui STAY TUNES!
      Bacio.

      Elimina
  12. Secondo me ha fatto bene a rispondere e a dire la sua, anche se effettivamente la conferenza stampa per il Festival non era il momento né il luogo per discutere di politica. Detto ciò io non vedo l'ora che inizi Sanremo, amo commentare sui social! Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto Sara, ha risposto ad una domanda, di un giornalista che ha provato ad innescare una polemica. Sicuramente non lo poteva evitare né nicchiare, che non è il suo stile.
      Commento sui social, qui, ovunque io quando è tempo di Festival. Per cui, passa a trovarmi!
      Bacio.

      Elimina
  13. Il festival di San Remo NON mi piace. Poche volte ha vinto una bella canzone, ma credo che in questa Italia conti sempre e solo il santo protettore. E adesso a noi due. Tutti hanno il diritto di dire la propria opinione. Ufficialmente la nostra è una democrazia, quindi Baglioni può dire la sua, tu ne hai il sacrosanto diritto ed anche io.
    Io non sto né con Baglioni, né con Salvini. Tutti e due toppano. Lo fa Baglioni, intenditor di canzonette, ad immischiarsi in faccende di politica sporca con il ministro meno adatto a dargli retta. Lo fa il ministro perché usa espressioni NON da ministro, ma da servotta. Un bel tacer sarebbe stato meglio, oppure assai meglio una battuta ironica alla "mo te pjo per culo".
    A tal proposito avrei qualcosa da recriminare sul comportamento di due ministri della nostra Repubblica.
    Detto che io sottolineo ed applaudo alcuni dei comportamenti assunti dal Ministro degli Interni -la sua posizione intransigente confrontata con quella appecoronata del precedente governo, ha riscattato in Europa la nostra intera classe politica, costringendo l'Europa e i pecorai di Bruxelle a rivedere almeno un po' le cose della questione emigrazione scaricata fino allora sul groppone degli italiani- non posso essere d'accordo con lui e con quell'altro tapino, ministro della giustizia per il loro comportamento nella questione Cesare Battisti. Primo perché loro due hanno solo avuto in sorte la conclusione di una caccia iniziata da altri. Secondo non è stato arrestato Dillinger o Toto Reina, ma un terrorista di seconda fascia, assunto ad importanza reale in virtù di una latitanza di oltre 37 anni. Terzo perché un ministro non va in giro vestito una volta da poliziotto, una volta da pompiere, un'altra da crocerossino. A quando da cassamortaro? Ultima ma definitiva perché secondo me un ministro non va ad accogliere un latitante, chiunque egli sia all'arrivo sull'italico suolo e SOPRATTUTTO non pronuncia quelle sciocchezze definendo il prigioniero terrorista -e ci sta- assassino -ed ha già sforato- "infame e vigliacco". No, mister, un Ministro in giacca e cravatta se dice qualcosa si limita a dire "abbiamo arrestato un latitante, un terrorista" ed AMEN, signor ministro degli Interni, nonché vice presidente del consiglio. Una figura di merda che doveva evitarsi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul Festival e le (poche) canzoni belle che hanno vinto, ti rispondo dopo.
      Sul resto mi viene da dire che: forse non hai letto bene il mio post, in primis. Baglioni ha risposto ad una domanda fattagli in conferenza stampa e dato che, non si intende solo di canzonette (allora tu, da oggi in poi, parla solo di poesia e di pittura e non esprimere più tue opinioni su altro se interrogato) ma molto e molto di immigrazione ha fatto solo una breve riflessione sul momento critico che stiamo attraversando dicendo cose corrette e fin troppo ovvie. In quanto al ministro mascherato (non so che divisa avesse su in quel momento) lui ha reagito a sproposito con l'arroganza che lo contraddistingue offendendo come suo solito. il solito cliché a cui ci ha abituato dai tempi in cui diceva che "i napoletani puzzano" che poi molti glielo hanno perdonato grazie alle promesse sul reddito di cittadinanza.IO NO. E anche qui, ne vedremo delle belle tra poco.
      In Europa poi, se prima ci prendevano in giro per Berlusconi che insultava la Merkel, ora ridono a crepapelle per i suoi cambi d'abito. Mi pare che a parte quattro chiacchiere e qualche barcone pieno di povera gente respinto che ci ha reso ridicoli agli occhi del mondo, siamo ancora a zero. Che non ho capito cosa ha rivisto l'Europa sulla questione migranti...boh.
      Su Battisti ti applaudo. Non avrei saputo scriverlo meglio.
      Ora torno sul Festival, ah se torno :-)

      Elimina
    2. Sulle canzoni vincitrici del Festival, tralascio i primissimi anni perché erano davvero altri tempi e faccio un "breve" elenco di quelle BELLE.
      Ma partiamo dal 1958 con la canzone che ha cambiato il mondo.

      1958 - NEL BLU DIPINTO DI BLU - DOMENICO MODUGNO E JOHNNY DORELLI;
      1959 - PIOVE - DOMENICO MODUGNO E JOHNNY DORELLI
      1964 - NON HO L'ETA' ( PER AMARTI) - GIGLIOLA CINQUETTI E PATRICIA CARLI
      1966 - DIO COME TI AMO - DOMENICO MODUGNO E GIGLIOLA CINQUETTI
      1968 - CANZONE PER TE - SERGIO ENDRIGO ROBERTO CARLOS BRAGA
      1970 - CHI NON LAVORA NON FA L'AMORE - ADRIANO CEMENTANO - CLAUDIA MORI
      1978 - E DIRSI CIAO - MATIA BAZAR
      1981 - PER ELISA - ALICE
      1986 - ADESSO TU - EROS RAMAZZATI
      1987 - SI PUO' DARE DI PIU' - MORANDI RUGGERI TOZZI
      1988 - PERDERE L'AMORE - MASSIMO RANIERI
      1993 - MISTERO - ENRICO RUGGERI
      1995 - COME SAPREI - GIORGIA
      1996 - VORREI INCONTRARTI FRA CENT'ANNI - RON E TOSCA
      2001 - LUCE (TRAMONTI A NORD EST) - ELISA ( LA CANZONE PIU BELLA DELLA NOSTRA AMICA DI MONFALCONE
      2002 - MESSAGGIO D'AMORE - MATIA BAZAR
      2007 - TI REGALERO' UNA ROSA - SIMONE CRISTICCHI
      2011 - CHIAMAMI ANCORA AMORE - ROBERTO VECCHIONI
      2013 - ESSENZIALE - MARCO MENGONI
      2014 - CONTROVENTO - ARISA
      2016 - UN GIORNO MI DIRAI - STADIO
      2017 - OCCIDENTALI'S KARMA - FRANCESCO GABBANI ( A ME MI E' PIACIUTA UN SACCO)

      Mi sembra un gran bell'elenco altro che poche...

      Elimina
    3. Ti sei inc...avolata peché mi sono permesso di Baglioni tangere? È facile chiamarsi Baglioni e mettersi sto fiore all'occhiello dicendo al ministro in pratica di starsene zitto. Nemmeno tu hai letto bene: io dico che si è immischiato in "faccende di politica sporca con il ministro MENO adatto a dargli retta" Non te l'ho sputtanato il tuo Baglioni solo invitato a scegliersi meglio il competitore. Sono tanti gli argomenti dove mi sento in grado di dire la mia, ma come vedi non faccio mai lo sborone. Mi applaudi per Cesare Battisti. Applauso ricevuto. Grazie.
      Elenchi ventidue titoli su cui poso trovarmi d'accordo, ma i Festivalle sono stati sessantotto, in pratica poco più del 32%. Un po' pochino, niente maggioranza, non trovi? E io che avevo detto?
      Ciao e rilassati, Baglioni piace anche a me.

      Elimina
    4. Enzo, fai finta di non capire perché non vuoi e ti diverti. A dopo...

      Elimina
    5. Enzo caro, tu lo sai che ti stai attaccando agli specchi vero? Dico sulla questione Baglioni che ha risposta ad una domanda come avresti fatto tu al suo posto. Che avresti detto molto peggio altro che stare zitto, vero? Quale competitore che in conferenza stampa c'erano loro e i giornalisti? E DAIIIIIIII
      E sai anche che Baglioni mi piace strapazzarlo per bene, quando se lo merita, ma stavolta no, stavolta non lo consento.
      Siamo alle percentuali? Ma tu sai che con quella percentuale ( poi o meno se non ricordo male) il ministro dei ministri sta governando e dice di parlare per i 60 milioni di italiani?
      Eh, facciamo 59.999 non per me sicuro.
      E non ti preoccupare per la lista che adesso arrivano i rinforzi!
      Auf WiedersehenNNNNNNNN

      Elimina
    6. Non martellare su un ditone già pesto, bitte. Non mi diverto a contraddirti, stanne certa solo sono costretto a dirti che chi si arrampica sugli specchi non sono io.....
      Per esempio tu indossi i paraocchi come i cavalli e guardi solo davanti. Lo so che c'erano solamente giornalisti, ma lui doveva respingere al mittente la domanda, in un momento così difficile per la nazione, laddove San Remo capita come eccezione e spartitraffico volendo intendere che l'intera nazione si concentrerà sul festivalle e non su quel che fa o non fa il governo. Sbaglio ancora? Tu dici di conoscermi bene, ok è così: allora dimmi quando io ho scantonato di fronte ad un problema? Io parlo in faccia e se mi accorgo di avere sbagliato mi fermo e chiedo scusa.
      Diciamola così: Baglioni non doveva cadere nella trappola del giornalista e tirare dritto. A meno che non abbia ragione quel tuo commentatore alla fine di questo dibattito -Lucertolus o come cacchio si chiama- che accusa Baglioni proprio di un accordo semipolitico col giornalista. Questo mi darebbe il voltastomaco, perché io della vita privata a Roma, a Lampedusa e all'inferno non so nulla e nulla mi interessa, ma se così fosse allora Baglioni mi cadrebbe a mille metri sotto il mio ombelico
      Ciao bellissima amica mia, che quando le si toccano i suoi miti s'incavola di brutto. TSCHÜSSSSSSSSSSSSSSSSSS!!!!!

      Elimina
    7. Scrrrrrr, allora se tu non scantoni mai ad una domanda, perché avrebbe dovuto farlo Baglioni? Dipende dal contesto quindi? Sanremo spartiacque come Mosè davanti alle acque del mare? Io non difendo a spada tratta proprio nessuno e vedrai con il prossimo treet della settimana😉 Lucertolone giù da basso ha detto quel che pensava lui, bada bene. Proprio per far passare tutto come una latrina. Ma noi, sappiamo distinguere vero? Bacioooooooooo

      Elimina
    8. Mi piace lasciar chiudere il discorso col tuo Bacioooooooooo
      A ri t quindi.weet

      Elimina
  14. Bella idea questa nuova rubrica, un occhio sull'attuale :D Inutile dire da che parte stia, specie se Baglioni ha solo risposto ad una domanda posta e non si sia messo a fare politica di punto in bianco, cosa che appunto non ha fatto (e non ce lo vedrei).
    Un bacio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta ti piaccia Pier, tu che sei così social!
      Esatto, ha risposto ad una domanda e bene. Si poteva benissimo andare oltre, invece si è preferito insultarlo.
      Bacio a te e grazie!

      Elimina
  15. Mariella, da me c’è un premio anche per te, sebbene non nominata, perché ho voluto dare risalto a blog per me nuovi, sempre se ti va.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arrivo presto Sinforosa cara e grazie per l'invito!

      Elimina
  16. davvero una bella idea questa rubrica… per quanto riguarda il personaggio che fa il ministro e crede di essere a Carnevale ho quasi finito i commenti
    un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che al Carnevale di Venezia ci andrà ben organizzato con tutti quei cambi d'abito...
      Ho appena iniziato con questa rubrica ma credo che ne vedremo e ne scriveremo delle belle!
      Abbraccio.

      Elimina
  17. Giustamente ognuno ha la propria opinione e veduta sulla questione in oggetto e su cui Claudiuccio nostro è stato criticato..
    Ma il punto è che ha espresso uma posizione personale con toni pacati ed educati (lo è sempre) e davvero non capisco sto sdegno, sto clamore.
    Ma ora un conduttore/artista ecc non è libero di esprimere pareri su quesiti fondamentali??
    #iostoconBaglioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, erano giorni che avevo da dire un pochettino sull'argomento e mi sono fin troppo trattenuta. Ma non per Claudio, perché è Claudio ( e vabbè gli si vuol bene si sa) ma perché mi sembra che in Italia ormai si comincino a calpestare i diritti fondamentali e la china si stia avvicinando, mentre facciamo finta che vada bene.
      Tutti abbiamo il diritto di esprimere la nostra opinione, opinabile o meno. Tutti. E la strumentalizzazione delle parole mi fa orrore.
      Orrore puro.
      Bacio cara Angela e grazie!

      Elimina
  18. La domanda a Baglioni è stata posta ad arte, doveva essere respinta perché assolutamente fuori contesto. Ma Baglioni la voleva, probabilmente era stata combinata prima, Baglioni ha da anni interessi specifici su Lampedusa e sui migranti: io la sua megavilla sull'isola l'ho vista di persona e non mi pare certo una baracca da migranti. La serie di spettacoli dello " O Scià" fa parte della stessa situazione. Baglioni ha detto quello che tutti sanno della sua idea, ma non lo ha detto solo lui. La Raffaele e Bisio hanno rafforzato il concetto: sarà un festival in cui il tema migranti verrà affrontato chiaramente. E allora io dico che se il festival deve diventare un tali show politico nemmeno mascherato bisogna invitare anche personaggi che la pensino diversamente!
    Io non sto con Baglioni, la politica (?!) Migratoria che ha preceduto questa di Salvini, quella che piace tanto a Baglioni e vedo anche a tutti i tuoi commentatori fa letteralmente schifo. Oltre ad essere palesemente contro gli interessi della maggior parte dei cittadini italiani è anche oscena perché appoggia e difende l'azione di nuovi negrieri e criminali, gente che usa gli esseri umani come nuovi schiavi sul territorio italiano. Sarebbe meglio che Baglioni e ttti gli altri cantanti e opinionisti da passerella riflettessero prima di atteggiarsi a difensori dell'umanità con 800 mila euro di parcella per presentare un ex festival della canzone.
    Claudio ha rappresentato la colonna sonora del mio più grande amore giovanile, indimenticabile. Peccato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh buongiorno Liberius, vedo che ogni tanto passi a trovarmi. Magari cambi nome e blog ma mi pare che il concetto di essere sempre contro tutto e tutti, resta come un chiodo fisso.
      Grazie per la tua opinione sempre molto obiettiva e lucida, peccato che ti diverta a dire la tua basandoti sul nulla.
      Quindi sei sicuro che la domanda fosse stata architettata ad arte perché c'eri e hai visto gl accordi sotto il tavolino tra il direttore del Festival e il giornalista.
      Pensa che io ero convinta del contrario e come me praticamente tutti. Ma ci sbaglieremo noi, è evidente il "tornaconto politico" di Baglioni.
      Gli "gli interessi specifici" di Baglioni sull'isola, saranno sicuramente quelli di farsi costruire a GRATIS la megavilla che ha lì. E tu non conosci quella che si è fatto costruire a Roma, grazie agli aiuti e agli interessi specifici che ha da sempre nel suo "regno" romano. Quella siciliana impallidirebbe. Mica sarà che ha soldi suoi da buttare via, che ha anche investito nella "famigerata" manifestazione O'Scià per oltre dieci anni poi chiusa, proprio per manifesta indifferenza da parte della politica. E mi pare che nel 2012 non ci fosse Salvini (ops Conte) al governo. Poi mi domando dove tu possa avere letto che io e i miei commentatori siamo pro politiche precedenti sull'immigrazione. Hai desunto questo come hai desunto gli accordi tra il giornalista e Baglioni. Solo per ricordarti di rileggere quel che ha detto, mi pare fosse una critica sia verso questo governo che verso quelli precedenti. Baglioni ammazzatutti.
      Facciamo sempre così, andiamo a criticare Baglioni, Fazio, e tutti i precedenti direttori artistici di Sanremo per i soldi che prendono e poi mixeriamo per poterli criticare meglio.
      Peccato che Claudio sia stato la colonna sonora del tuo più grande amore giovanile, peccato.
      Buona giornata.

      Elimina
    2. Io commento dove capita e da dove mi capita, non certo per nascondermi dietro un dito o per altri reconditi motivi.
      Ho un nome proprio valido come l tuo Mariella, mi chiamo Enzo e la cosa finisce lì.
      Se quello che scrivo è basato sul nulla io non replico perché sinceramente di fare chat politico- ideologiche non ho voglia. Ho detto la mia, non piace? Che importanza può avere? Ciao.

      Elimina
    3. Dimenticavo: il sarcasmo puoi tenerlo per te! Baglioni non è tuo o mio e non c'è un imprimatur per ascoltarlo o ricordarlo.

      Elimina
  19. Un Paese incattivito e pure ignorante. Baglioni mi piaceva da ragazzina, credo che il suo ruolo al Festival sua strameritato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parole da incidere sulla pietra. Si merita quel ruolo,a prescindere da quel che a detto. Bacio🌻

      Elimina
  20. Vabbè dai .
    Adesso non so se riesco a ricordare tutti i vincitori del festival , poi per ovvie ragioni partirei dagli anni 80 .
    E poi ci son state tante belle canzoni partire da Sanremo e poi sdoganate in tutto il mondo che non necessariamente sono salite sul podio della manifestazione canora.
    Sarà perché ti amo dei Ricchi e poveri , Non voglio mica la luna di Fiordaliso L’italiano di Cutugno ecc..
    Tra o vincitori che non hai nominato ricorderei Renga con Angelo , Sentimento degli Avion Travel , la Oxa da Sola e in coppia con Leali che ha vinto due edizioni
    Emma e Scanu ...Mengoni ( l’hai già scritto?)
    Poi non hai citato i vincitori tra i giovani: Britti con Oggi sono io , Caccamo , Paola e Chiara ..Masini ecc..
    Fra quelli che non hanno vinto Zucchero , RAF la Mannoia i Negramaro , Malyca Ayane ...dai c’è solo da sbizzarrirsi
    Credo che Sanremo sia una realtà molto importante per la discografia Italiana sia come vetrina per gli artisti che come possibilità di far vendere più dischi ( si spera).
    Ma la crisi discografia in Italia non dipende certo da Sanremo😀.
    Non so se son riuscito a incrementare la percentuale...della tua lista di canzoni belle dì Sanremo e far cambiare idea a Vincenzo.
    Mi sento di contraddirlo su una cosa che ha scritto a proposito di lasciare fuori la politica da Sanremo.
    Credo sia impossibile .
    Anche parlare del pane che si mangia è fare politica.
    Avere delle idee , esprimerle è fare politica.
    Vivere assieme agli altri nella società è politica!!
    Baglioni ha fatto bene a dire la sua STOP.
    Sanremo oltre alle canzoni è anche politica è inevitabile , lo è sempre stato.
    Non voglio nemmeno credere a quello che scrive Liberius ..mi sembra un discorso che non sta in piedi.
    Quello dell’accordo tra il cantante e il giornalista...sul discorso come i governi negli anni hanno trattato il problema immigrazione preferisco non intervenire ...meglio parlare di Sanremo!

    Ciaooo

    RispondiElimina
  21. Hai ragione, mi sono concentrata sui vincitori detti "BIG" e chiaramente, ho pensato a ciò che piaceva a me.
    Diciamo che, alcuni dei tuoi non li ho mai presi in considerazione, non sono mai andati incontro ai miei gusti. Fra quelli che non hanno mai vinto ci metto al "primo posto" Vasco, che mi pare arrivò ultimo.
    Enzo ha espresso il suo pensiero, sul quale, come te, non sono d'accordo. Anche perché, non mi ricordo che pochissimi Festival della Canzone Italiana che sono stati esenti da polemiche politiche. Il Festival, la politica, siamo noi. Gli italiani sono questo. L'ultimo discorso a me pare surreale.
    A breve su questo blog si ricomincerà a parlare di canzoni. Il 5 febbraio si avvicina!
    Buona domenica Max!

    RispondiElimina
  22. Non vedo l’ora di leggerti e naturalmente commentare🤗
    Buona domenica

    RispondiElimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)