18 ottobre 2020

LE PAROLE SPLENDENTI IN GRADO DI CAMBIARE IL MONDO


Ieri, su consiglio di Franco Battaglia con il quale si va d'amore e d'accordo su tutto tranne per quel che riguarda  un autore italiano (ma si sa che nell'imperfezione e nel difetto c'è la vera bellezza) ho letto come prima cosa, su La Repubblica, l'intervento di David Grossman  all'apertura della fiera di Francoforte. Uno degli autori più incisivi del secolo, che ho avuto l'onore di conoscere personalmente e che ammiro profondamente. 

Grossman  nel suo articolo regala alla parola il senso di vera libertà, il potere di cambiare il mondo. 

A dire il vero non è l'unico che le da un potere salvifico, anche Erri De Luca dice che è "via d'uscita, campo aperto". Sappiamo che i grandi autori hanno una visione della vita così ampia che sfugge ai comuni mortali. Ma sono in grado di prenderci per mano e farci raggiungere lo stesso traguardo. 

Ci dice che gli scrittori hanno la possibilità, grazie all'osservazione della realtà, di documentarla con la scrittura, nel momento in cui,  le criticità che il mondo attraversa, saranno un ricordo lontano. Che si tratti di cambiamenti economici, politici, sociali, culturali. 

"Noi scrittori, documenteremo, osserveremo, scriveremo e metteremo in guardia da chiunque cerchi di attuare manipolazioni linguistiche e cognitive. Da chiunque minacci i nostri diritti civili e umani. Saremo testimoni attenti, attivi, curiosi, acuti. Non necessariamente della pandemia, è anche il nostro modo di resistere ai cliché, ai vuoti slogan, ad affermazioni indiscriminate che spianano la strada all'istigazione, al pregiudizio e al razzismo".


Dice " tutto ciò non indebolirà il virus, nel caso specifico, ma ci permetterà  di ricordare chi eravamo prima della pandemia. E di quando potrebbe essere bello e luminoso il mondo dopo che saremo usciti da questo incubo."


Ora è chiaro che, la visione di noi che riusciremo a  migliorare il mondo grazie ai nostri autori preferiti in missione salvifica tramite la parola,  può sembrare un'utopia. Ma dato che io, da sempre, la ritengo la nostra arma migliore (anche la peggiore a volte), voglio crogiolarmi nell'idea di speranza che mi ha instillato David. 

Del resto, come dice Emily Dickinson , sono ancora in grado di osservare una parola fino a quando non comincia a splendere.

22 commenti:

  1. Grazie Mari, non l'avevo proprio letto. Grossman è un genio con la parola , sempre illuminata dalla speranza.
    Voglio seguire il tuo esempio e crogiolarmi anch'io nella speranza, combattendo il mio pessimismo. Però, la domanda mi sorge spontanea " La TV, non ne ha parlato , i giornali vengono letti sporadicamente dagli italiani 'normali' per cui in quanti saremo a non abbandonare la speranza e a ricordare "quanto potrebbe essere bello e luminoso il mondo dopo che
    saremo usciti da questo incubo." ?
    Cri



    RispondiElimina
    Risposte
    1. I giornali vengono letti da un numero sempre più esiguo di lettori. E parlo del cartaceo che ritengo ancora in grado di approfondire. Il web è materia di curiosità, non di conoscenza. È una mia vecchia battaglia e la combatterò fino alla fine dei giorni. Sempre di meno, sempre più resilienti.

      Elimina
  2. Io credo nella cultura in generale, nell'arte, nel teatro,nella storia. Comunque da anni ho scelto con poche eccezioni di regalare ai ragazzi e ai bambini, solo dei libri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Idem, la cultura rende liberi.

      Elimina
    2. la cultura rende liberi e PENSANTI ::
      che non è poco !!
      serena settimana

      Elimina
    3. 😉 grazie Tissi.
      Buoma settimana a te!

      Elimina
  3. Conosco Grossman da un pezzo, ma ho cominciato a seguirlo di più da quando lessi "A un cerbiatto somiglia il mio amore" che in qualche maniera ricordava la tragica morte del figlio soldato a 20 anni. Trovo nei suoi scritti molti spunti che mi fanno meditare, come in questo articolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno scrittore che induce a riflessioni approfondite è da tenere stretto. Ciao Alberto.

      Elimina
  4. comr sempre dipenderà da noi ricordare o dimenticare o, ancora, far finta di nulla.
    dipende sempre da noi. da ogni singolo io che compone questo più o meno grande noi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, speriamo di non farci condizionare dal tempo che passa. Un abbraccio.

      Elimina
  5. Parole quelle di Grossman che condivido in pieno, anch'io sostengo l'importanza totale della parola come mezzo per denunciare le storture sociali e l'uso mistificatorio della parola stessa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu, con la tua etica e onestà intellettuale, sei il simbolo di quanto la parola possa essere usata come mezzo di denuncia.

      Elimina
  6. Grazie per aver ripreso questo fantastico articolo.. a volte leggere cose del genere ti rende leggero e ti fa respirare meglio.. è come volare e sentirsi migliori, e acquisire nuovi spunti e rinnovati stimoli.. chiudi il giornale e ringrazi di esserci ancora, a stupire e commuoverti..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non avrei potuto tirarmi indietro, l'articolo era troppo stimolante per chiunque ritenga la parola e la scrittura anima e vita.

      Elimina
  7. Un po’ come fanno i nostri politici...a parole🤗.
    Allora io son d’accordo con la potenza della parola ..solo che dobbiamo capire quando questa è ingannevole e palliativa .
    È salvifica per lo scrittore per il poeta ..lo sarà anche per l’uomo comune?
    Non so ho i miei dubbi..nel senso che dopo le parole , belle finché vuoi dovrebbero parlare i fatti e ripeto dovrebbero essere costruttivi , propositivi mai nocivi e se questi non avvengono allora restano solo parole ,parole , parole come cantava Mina .
    Ciao

    RispondiElimina
  8. Giuste queste parole di Grossman che fanno riflettere.
    Ciao Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che autori come Grossman siano una grande ricchezza per tutti noi.
      Buona serata!

      Elimina
  9. Que la palabra tenga siempre la libertad para la denuncia contra toda injusticia.
    Esperemos que cuando esto termine seamos capaces de haber aprendido algo y ser mejores.
    Buen martes Mariella. Cuídate.
    Un abrazo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura, dire fondamentale che la parola sia l'arma più potente per denunciare ingiustizie e gli orrori del mondo. Come te spero con tutto il cuore che serva soprattuto dopo questo periodo a darci la forza di ricominciare. Ti abbraccio anche io. Abbi cura di te💖

      Elimina
  10. Parole che fanno riflettere.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parole che scuotono e che devono sollevare le coscienze.
      Buona serata.

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)