18 febbraio 2021

[POSTITIZIE] IL NOBEL DELL'INSEGNAMENTO AL MAESTRO CHE IN INDIA LIBERA LE BAMBINE DAI MATRIMONI FORZATI

LA NOTIZIA ERA  BELLA DOVEVO PARLARVENE:

Vince il “Nobel” dell’ insegnamento il maestro Ranjitsinh Disale che in India libera le bambine dai matrimoni forzati


DAL WEB

Ranjitsinh Disale è un’insegnante di un villaggio indiano che che ha dato una migliore possibilità di vita delle ragazze della Zilla Parishad Primary School, a Paritewadi, India, per i suoi sforzi verso cioè che è giusto, ha vinto i Global Teacher Prize, tenuti in collaborazione con l’UNESCO. il più famoso premio che celebra i migliori insegnanti dell’anno, l’equivalente di un premio Nobel per l’insegnamento.

Quando Ranjitsinh è arrivato alla scuola elementare Zilla Parishad nel 2009, la scuola non era altro che un edificio fatiscente, stretto tra una stalla e un ripostiglio. La maggior parte delle ragazze proveniva da comunità rurali dove la frequenza scolastica a volte poteva arrivare al 2%, quindi dove praticamente nessun bambino frequentava la scuola e il matrimonio tra minorenni, persino bambini, o tra ragazze minorenni e uomini adulti era comune. In più molti bambini che arrivavano a scuola e i genitori non parlavano la lingua ufficiale ma dialetti specifici, differenti da villaggio a villaggio per cui riuscire ad approcciarsi ai bambini e alle loro famiglie diventava ancora più complicato, 

Da quando è arrivato Ranjitsinh ha avuto un solo obiettivo, per cui era determinato a fare qualsiasi cosa, a cambiare la situazione, riportare le bambine a scuole e fermare i matrimoni tra minorenni, per prima cosa appena trasferito nel villaggio ha subito deciso di imparare la lingua locale. Appena è riuscito questo super maestro ha tradotto i libri di testo della classe nel dialetto dei suoi alunni, così che tutti potessero leggerli e capirli. 

Ma non si è fermato qui, li ha incorporati con codici QR univoci per dare agli studenti l’accesso a poesie audio, lezioni video, storie e compiti, anche dal proprio villaggio qualora non potessero venire fisicamente a scuola, facendo in modo di ricevere dai ragazzi giudizi e opinioni per rendere il loro apprendimento, differente e particolare per ognuno in base alle proprie necessità.Ranjitsinh ha girato villaggio per villaggio, casa per casa, per spiegare l’importanza di fare studiare i propri figli e spingendo ogni genitore a mandarli a scuola, il suo impatto sulla comunità è stato straordinario, ad oggi il 100% delle minorenni dei villaggi frequenta la scuola e adesso non ci sono più matrimoni tra minorenni. 

La scuola, che quando è arrivato lui era una baracca fatiscente, è stata recentemente premiata come la migliore scuola del distretto con l’85% dei suoi studenti che ha conseguito voti A negli esami annuali. Mentre una ragazza del villaggio si è appena laureata all’università, un traguardo visto come un sogno impossibile prima dell’arrivo di questo super maestro.Anche fuori dal suo impegno durante le lezioni come maestro, Ranjitsinh ha sempre cercato di aiutare i suoi studenti ad applicare i loro studi per affrontare i problemi del mondo reale, ad esempio il maestro si è impegnato con tutta la scuola a portare avanti un progetto di riforestazione che negli ultimi dieci anni ha portato al salvataggio dalla desertificazione 250 ettari di terreno che circondano il loro villaggio, facendo vincere alla sua scuola il premio “Wipro Nature for Society” nel 2018.

Ranjitsinh ritirando il premio come miglior insegnante dell’anno ha commentato: 

La pandemia COVID-19 ha messo a nudo l’istruzione e le comunità che serve in molti modi. Ma in questo momento difficile, gli insegnanti stanno dando il massimo per assicurarsi che ogni studente abbia accesso al diritto di nascita di una buona istruzione. Gli insegnanti sono i veri creatori del cambiamento che stanno cambiando la vita dei loro studenti con un misto di gesso e sfide. Credono sempre nel dare e nel condividere. E quindi, sono molto lieto di annunciare che condividerò il 50% del premio in denaro equamente tra i miei colleghi finalisti della Top 10 per sostenere il loro incredibile lavoro. Credo che insieme possiamo cambiare questo mondo perché la condivisione sta crescendo sempre di più.

ARTICOLO TRATTO DA POSITIZIE.IT 

52 commenti:

  1. sono queste le meraviglie!!!

    RispondiElimina
  2. Ciao Mariella, la tua è una bellissima notizia, l'India e un meraviglioso Paese, ma la anacronistica divisione il caste crea tanti problemi di sviluppo, grandi ricchezze a pochi e tanta miseria e ignoranza a molti. Mi auguro che la volontà di migliorare di questo insegnante sia sia imitata da molti e magari anche da tanti insegnanti nostrani.
    Cari saluti, fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono a conoscenza del disagio sociale in India, per cui è importante dare maggior risalto a notizie come questa!

      Elimina
  3. Grande esempio di virtù, giustamente da ammirare visto che, in questo mondo, ce ne sono ben pochi. Buona giornata a te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un esempio di cui bisognava parlare. Non so che eco abbia avuto nel mondo ma speriamo se ne parli il più possibile.
      Grazie Fabio, buona giornata.

      Elimina
  4. Splendida davvero, ce ne vorrebbero di più di persone così.

    RispondiElimina
  5. Il Nobel se lo merita senza virgolette. Oltre a un incarico da noi come Ministro dell'Istruzione: se è riuscito a spezzare la piaga dei matrimoni combinati con ragazzine minorenni, dove una figlia viene venduta in cambio di bestiame, di sicuro saprebbe sbloccare un settore dove la Azzolina ha soltanto saputo balbettare senza dimostrarsi capace di fare svolgere un concorso fermo da tre anni. E non mi si parli di limitazioni da covid-19, perché come si discutono le tesi di laurea da remoto, si possono anche svolgere concorsi. Se solo ci fossero da noi passione e competenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un maestro così imparerebbe in pochissimo tempo la nostra lingua e non oso immaginare quella che potrebbe fare al Ministero dell'Istruzione!!!

      Elimina
  6. Non conoscevo la storia di questo grande uomo. Grazie.
    Ciao, buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una bella persona a cui sta veramente a cuore il destino dei propri scolari. Niente chiacchiere ma fatti! Un abbraccio💜

      Elimina
  7. Ce ne fossero di persone come questo maestro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari... le cose andrebbero molto meglio!

      Elimina
  8. Gli insegnanti sono il motore della crescita e della consapevolezza. Non scorderò mai il mio maestro delle elementari, Brutte notizie per gli altri miei insegnanti. Nessuno appassionato e generoso come il primo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece, il mio dei primi due anni, lo dimenticherei volentieri. Ne avevo il terrore. Poi, con i successivi, ho recuperato. La passione per l'insegnamento si è ridotta al lumicino e non so neppure se è tutta colpa degli insegnanti!

      Elimina
  9. Il Nobel era il minimo, una statua!

    RispondiElimina
  10. E caspita, è stata un'impresa titanica e avvolgente, 100%, totale.
    Addirittura i codici QR, cioè: impossibile sfuggire alla cultura.
    E si sa, la cultura porta alla fine di ignoranze arcaiche.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avrà avuto dalla sua anche la giovane età (32 anni) per riuscire ad organizzare tutto e a vincere quell'ignoranza arcaica di cui parli.

      Elimina
  11. Si dice che uno da solo possa fare ben poco se gli altri non lo aiutano. Evidentemente questo maestro non ne era al corrente, per fortuna :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahha no, direi che è andato avanti incurante di tutto. Forse anche con una bella dose di incoscienza. E che risultati ha raggiunto!

      Elimina
  12. ogni tanto una persona ci fa essere degni di esistere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, io mi sono così emozionata leggendo di lui, ho pensato a tutte quelle bambine salve!

      Elimina
  13. Queste sono notizie che fanno bene al cuore e fanno credere nella possibilità di un futuro migliore.
    Un plauso a questo Professore.

    ps il matrimonio tra una bambina e un adulto con vent'anni/trent'anni in più sarà tradizione ma è vergognoso come atto in sè

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me piace scovare queste chicche perché, come dico spesso, siamo migliori di quel che pensiamo😉
      Infatti, per me è pedofilia. Andrebbero condannati. E invece, nascondendosi sotto il velo della tradizione, la fanno franca.

      Elimina
  14. Queste sono persone vere, sono eroi del nostro tempo, persone come lui sono una ragione di vita e speranza per ognuno di noi, e danno ad ognuno di noi energia per convincerci che tutto è possibile e che non ci si deve arrendere mai. Questa non è una positizia, questa è luce per l'anima che racconta di un'impresa epocale. Davvero straordinario!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vale, tu trovi queste news ed io io poi ci scrivo...

      "Ranjitsinh Disale"

      Ranjitsinh Disale
      Questo è il mio nome

      Vivo in India
      Insegno in una scuola
      Di un villaggio del mio Paese

      Quando sono giunto lì
      L'istruzione non era qualcosa
      A cui dedicare tempo
      Quando sono giunto lì
      Abbrutimento ed amoralità
      Spose bambine
      Maritate ad altri bimbi o ad adulti

      Ignoranza profonda
      Dialetti molteplici
      Rendevano arduo l'imparare
      Da libri di testo scritti
      Nella nostra lingua madre.

      Imparo ogni dialetto possibile
      Traduco i libri
      Voglio cambiare le cose
      Voglio la mia scuola con bambine innocenti
      Che si sposino al sapere ed all'istruzione
      Che si innamorino follemente della cultura
      E che si svincolino da catene oscene
      Che le costringono a vedere cancellata
      La loro infanzia
      E la loro intera vita per sempre.

      E poi
      Materiale audio e video
      Poesie ed ogni contenuto
      Che possa aprire la mente ed il cuore.

      Ed ho girato villaggi
      Propagandando l'importanza della vita
      Offerta al culto della conoscenza
      E qualcosa è successo.

      Le bambine che frequentano la mia scuola
      Non si sposano più
      Ma crescono, studiano e vivono.

      Sto raccontando la mia storia
      Non per vanto o piacere edonistico
      Ma perchè quando sono giunto qui
      Ho giurato a me stesso che non avrei potuto
      Mai dormire sereno fino a quando
      Una sola di queste bimbe
      Avesse corso il pericolo
      Di vedere finire la sua innocenza
      Senza conoscere la vita attraverso
      La letteratura
      E conoscere l'amore non attraverso
      Le mani di un vecchio viscido e bavoso
      Ma leggendo le poesie d'amore di Tagore

      Per quello che ho fatto
      E sto continuando a fare
      Mi hanno dato un premio
      Ma il mio vero premio
      La mia vera gioia
      La mia immensa soddisfazione
      È il loro sorriso quando apprendono
      Una nuova nozione dell'esistenza
      Ed è lo sguardo riconoscente e felice
      Di lei
      Lei che si è laureata
      Ed ora è una donna bellissima e luminosa
      Felice
      Indipendente
      Libera.

      DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®






      Elimina
    2. Evviva Daniele!
      Son quasi stufa di dirglielo ma è un Grande!!!!

      👏👏👏👏

      Elimina
    3. Grazie sono commosso e sono contento che vi piaccia l'ho scritta di getto e sentita tantissimo. Ho pensato di postarla da me l'otto marzo per mettere in luce anche chi fa qualcosa per la condizione femminile e dare un segno di speranza.

      Elimina
    4. È perfetta per l'otto marzo👍

      Elimina
  15. Daniele, una poesia meravigliosa. Grazie infinite❤

    RispondiElimina
  16. La poesia di Daniele mi ha emozionata per l'immediata risposta che riesce sempre a dare rischiando di precipitare in quello che oggi viene definito "buonismo" o "demagogia". Vengono dal cuore le sue parole, come le tue ogni volta che ci racconti questi meravigliosi successi di persone normali ma con quello sguardo chiaro, persone che fanno e danno pieno senso alla loro vita. E allora ben vengano questi premi che sono solo una gratificazione morale, tant'è che ha giustamente voluto dividere con altri. In questo nostro tempo sempre più demenziale, esistono queste persone e sono certa ne verranno alla luce altre, ci inoltriamo sempre di più in un mondo che chiede, richiede condivisione, se perdiamo questo treno perderemo la nostra umanità, già questo "distanziamento sociale" ha messo in atto meccanismi di guerra fra poveri. Bisogna ripartire da zero.
    Ciao Mari, buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dividerà anche il milione di dollari con gli altri insegnanti arrivati alla selezione finale e questo è assolutamente in linea con il suo modo di essere. Lasciare acceso il faro su persone come lui è indispensabile sempre; a maggior ragione in momenti così duri come quelli che stiamo affrontando. La vicenda di Disale ci sprona a non arrenderci e a continuare a lottare per quello che riteniamo sia indispensabile: un mondo più sicuro per tutti, più libero dalle disuguaglianze, più ecologico e soprattutto più umano.
      Grazie per le parole sulla poetica di Daniele, sono sicura che apprezzerà. Un abbraccio forte a te di cuore, come sempre.

      Elimina
    2. Si Mari, avevo inteso, e infatti i soldi (questo premio) che ha vissuto solo come mera gratificazione, ha avuto il suo senso profondo solo avendolo voluto dividere, è una sottigliezza, sembra niente, ma è questa la sua vera forza, la credibilità, la sua ragione personale che non ha ragione alcuna tranne il bene comune. Spero di non essere stata troppo contorta. Bacio.

      Elimina
    3. Hai ragione, è una sottigliezza che amplifica ancora di più il suo gesto straordinario.
      Quando ho letto per la prima volta la sua storia, avrei voluto abbracciarlo e non lo dico per dire. So che mi credi, avevo il cuore che mi scoppiava di gioia pensando a tutte quelle bambine che aveva aiutato e agli sforzi che aveva sostenuto per raggiugnere i suoi obiettivi. Immagina cosa potrà ancora fare. Un esempio incredibile.
      Abbraccio

      Elimina
    4. Grazie lory davvero con tutto il cuore per le tue parole

      Elimina
  17. Finalmente, ogni tanto, qualche buona notizia! Molti Stati indiani hanno avuto per decenni un sistema scolastico molto efficiente, con tassi di scolarizzazioni anche abbastanza alti. Purtroppo però in India ci sono ancora moltissime situazioni di povertà, disagio sociale, discriminazione, assenza di diritti civili. Persone come Ranjitsinh Disale accendono un po' di speranza.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente in India come in tanti altri paesi asiatici la situazione sociale e civile è peggiorata molto, negli ultimi anni, non posso che concordare con te. Bello quindi che ci siano esseri umani disposti a lottare per porre fine alle disparità.
      Notizie come questa indubbiamente ci fan stare molto meglio. La speranza avvolge anche noi.
      Ti abbraccio anche io e grazie!

      Elimina
  18. 🙏🙏🙏🙏🙏Grazie Gesù!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un abbraccio Francesco, spero tu stia bene.

      Elimina
  19. è fantastico ciò che ha fatto questo insegnante!!
    le cose possono cambiare se e quando ciascuno, nel suo piccolo, non tace, non si arrende, non gira la testa dall'altra parte... ma fa qualcosa di concreto per portare cambiamenti e benefici a chi è bistrattato, ignorato.
    Una notizia che fa sorridere il cuore, mariella. Un caro saluto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io immagino un mondo in cui ognuno di noi compie un piccolo passo per cambiare il mondo. Se fosse così, il futuro potrebbe brillare.
      Buon sabato Angela e grazie🌟

      Elimina
  20. A parte Daniele che ha scritto parole straordinarie, tanto da leggere le sue lacrime di commozione mentre le scriveva, grande. Devo dire che questa notizia è di una potenza estrema e dovrebbe essere esaltata da tutti.
    Questa persona non è solo un insegnante. È un uomo di massimo valore, qualcuno che dovrebbe essere preso come esempio da tutti nel mondo.
    Che bello, davvero Mari. Non ne sapevo niente quindi grazie a te di averla riportata qui.
    Ciao e notte serena.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho fatto nulla di speciale e ti ringrazio per le belle parole su Daniele e su di me. Ti abbraccio, buon sabato💗

      Elimina
  21. Il nostro Daniele è un autentico poeta e i suo versi che riguardano il sociale poeta lo distinguono in assoluto.

    RispondiElimina
  22. Che uomo meraviglioso! Grazie per questa condivisione, per la commozione che ne deriva e per la grande speranza che porta con sé! Grazie di cuore!
    Gabriella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gabriella, un uomo speciale. Ha regalato a tante bambine un futuro di cui non dovranno vergognarsi. Ti abbraccio forte e a presto!

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)