25 giugno 2022

[SABATO DI POESIA] Tieni viva la memoria di Caterina Alagna

La libertà insudiciata, stuprata,

circondata da un filo spinato,

con le mani imbrattate di sangue e di fango, 

con la pelle aderente alle ossa, 

osservava sorgere il sole oltre la fossa, 

anelando che un raggio di luce 

trapassasse quel buio atroce

in cui l’onda del male triturava

la carne umana. 


Le tenebre regnavano sovrane

su quelle povere teste umane. 

Dalle squallide bocche dei carnefici 

esalavano fetide parole di zolfo e di cenere.

L’innocente pianto dei bambini, delle donne 

e degli uomini, 

polvere nel vento,

si spargeva nei campi coltivati,

si posava sui tetti delle case 

dove le persone vivevano ignare. 


Nudi, malati, marchiati e torturati

per la colpa di non essere ariani,

perché erano ebrei, rom o omosessuali. 

Cosi pensavano i loro aguzzini

artefici di quel male insulso

che nella più ostinata ignoranza  trova gusto, 

che sfocia le sue voglie disumane 

nella  ferocia più brutale. 

 

Quella ferocia che in alcune anime,

quiescente, sempre riposa, 

come un vulcano addormentato

è pronta ad esplodere ancora.

Per questo bisogna tener viva la memoria, 

affinché mai più sfoderi i suoi artigli

quell'orrido avvoltoio di nome Odio.

(Caterina Alagna - 2022)


NOTE BIOGRAFICHE E RIFLESSIONI


Caterina Alagna  è una poetessa giovane e bravissima. Molti di noi hanno avuto il piacere di scoprirla grazie al suo blog: Farfalle Libere. Le parole splendenti con le quali ci accoglie,  ci immergono totalmente in quel che la poesia deve fare, quello a cui è necessaria: dare un senso alla vita, scoprire il miracolo della bellezza o l'orrore delle tragedie.  Il suo volteggiare sottile tra le righe ,  così pieno di grazia e accurato,  è un bellissimo modo di arrivare al cuore di chi la legge. La poesia di oggi è un importante appello ad avere cura della nostra memoria, per evitare che gli orrori del passato si ripetano. Attuale e dolorosa. Grazie Caterina. Il post appare sul mio blog  nel giorno dedicato alla lotta contro la violenza sulle donne e mi sembra più che mai appropriato. Visto che, parlando di libertà, proprio ieri in America è stato violentato uno dei diritti fondamentali delle donne, quello all'aborto.  #nonsoloil25novembre sempre!

La rubrica dedicata alla poesia va in pausa per il periodo estivo. La riprenderò a settembre, sperando di farvi sempre un regalo gradito. Un abbraccio a tutti.


35 commenti:

  1. Questa poesia è bellissima! La memoria è un bene prezioso da custodire per non smarrirci e ripetere gli stessi errori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella vita come nel virtuale la mia "lotta" per perpetuare la memoria non avrà mai fine!

      Elimina
  2. Condivido decisamente quel "volteggiare sottile tra le righe" che attribuisci alla nostra Caterina, delicata interprete di sentimenti che appartengono a tutti noi.. giorno triste sì.. un diritto ancora una volta maltrattato da un'America colma di contraddizioni.. spero solo che il mondo ritorni velocemente in sé.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quel volteggiare e sinonimo di delicatezza, base sulla quale Caterina costruisce i suoi versi e mi piace tantissimo. Quel che è successo negli Stati Uniti è colpa di Trump. Speriamo che non ne pagheremo il prezzo anche noi.

      Elimina
  3. Mariella mi onori con le meravigliose parole che mi dedichi. Grazie di aver pubblicato la mia poesia e non potevi scegliere giorno migliore per condividerla. Quel che è stato fatto ieri è una vera e propria violenza che si perpetua sul corpo delle donne. È un oltraggio alla dignità femminile e alla libertà. Spero che ci sarà una reazione da parte del Congresso. La rubrica va in pausa estiva e si sentirà la sua mancanza. Un abbraccio grande ,carissima ❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Caterina, ho aspettato che passasse un po' di tempo dalla tua pubblicazione ma allo stesso tempo ci tenevo a darti il meritato spazio sul mio blog. Apprezzo infinitamente i tuoi versi e sono davvero contenta di averti conosciuto, seppur virtualmente. Purtroppo i tempi bui di cui anche tu parli spesso nel tuo spazio, da qualche giorno e dopo questa sentenza, sono ancora più profondi. Speriamo bene per il futuro delle donne. Buona domenica😘

      Elimina
  4. Trump ha dimostrato l'altra anima dell'america.

    RispondiElimina
  5. Conosco Caterina, tramite il suo blog " Farfalle libere" è bravissima e molto sensibile ai temi attuali e questa poesia lo dimostra. Ciao Mariella, buon week end.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è brava e meritava ampiamente lo spazio da me. Buona domenica cara Mirti!

      Elimina
  6. Mariella hai fatto la cosa giusta, nel giorno giusto. Queste parole sono di una persona dal animo sensibile, condividerle anche tu in questo giorno rende te altrettanto sensibile. Le donne hanno lottato per l'aborto, solo uomini maschi potevano prendere certe decisioni. E' una vergogna Grazie a nome di tutte le donne

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sensibilità non manca sul mio blog, ce ne è in abbondanza, mia e di tutti voi che mi onorate di partecipare a questo spazio. Le donne combattono per le pari opportunità da così tanto tempo e spesso accade che ad un passo in avanti l'uomo, l'essere in cui sempre meno ci riconosciamo, ci faccia tornare indietro con un altro assalto alla nostra libertà e ai nostri diritti. Ci temono, hanno una gran paura di noi e ci combattono, ci uccidono, cercano di riportarci indietro ad un passato buio e freddo. Ma non ce la faranno. Grazie e buona domenica.

      Elimina
  7. Ho conosciuto Liana Millu, che è riuscita a sopravvivere ad Auschwitz. Ha dedicato la sua vita a fare memoria nelle scuole. Prima di morire mi ha fatto promettere di continuare io la sua missione. Ogni 27 gennaio, giornata della memoria, incontro molti ragazzi ai quali racconto la storia di questa meravigliosa donna che fu maestra, giornalista, scrittrice, partigiana ed ebrea. Serena giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giò e benvenuta da me. Liana Millu l'ho conosciuta da adolescente, perché lo zio scrittore e giornalista che io adoravo, mi prestò uno dei suoi romanzi più famosi, Il fumo di Birkenau. Quei racconti, assieme alla storia della scrittrice partigiana, sono scolpiti nella mia memoria. Sei stata molto fortunata a conoscerla. Saprai bene che in Italia il suo ricordo è svanito, non c'è traccia dei suoi libri nelle librerie, trovi a fatica qualcosa nelle biblioteche e qualche riga nei luoghi italiani, come Fossoli. Da me la memoria viene ricordata e celebrata spesso, non solo il 27 gennaio. Solitamente nel mese della "Memoria" dedico un'intera settimana agli eventi di quel periodo ma durante l'anno ci sono da me più occasioni per perpetuare quel ricordo che mai deve farci dimenticare gli orrori. Che purtroppo, ciclicamente tornano.
      Buona domenica a te.

      Elimina
  8. Caterina è una grande poetessa, con i suoi versi trasmette forti emozioni.
    Buon pomeriggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed è stato un piacere e un onore ospitarla da me.
      Buona domenica.

      Elimina
  9. Non la conoscevo grazie per farmela conoscere..andrò sul suo blog .a curiosare..
    Stati Uniti ..paese della libertà ..ma de che???
    Armi in vendita ovunque e a chiunque ..salvo poi battersi il petto ad ogni strage..
    Donne..tornate agli anni bui.. libertà negate...magari tra un po toglieranno il diritto al voto 😡😱

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai Tissi, ti piacerà!
      Già le contraddizione di un paese che vende liberamente armi a tutti e non consente alle donne di avere il diritto di decidere per se stesse.
      Buona domenica.

      Elimina
  10. Adoro i tuoi sabati di poesia. Ti ringrazio di cuore per questo spazio meraviglioso dove si respira un'aria differente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sara, è un piacere per me e sapere che ami il mio spazio mi regala gioia. Buona domenica!

      Elimina
  11. Caterina usa sempre un linguaggio molto incisivo, si vede che per lei scrivere poesie non è un hobby ma piuttosto una passione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, la poesia "sgorga" naturalmente da lei, come acqua pura dalla fonte. Buona domenica.

      Elimina
  12. Molto brava la cara Caterina.
    Si merita tanto, hai fatto bene ad ospitarla da te.
    Abbraccio e buona Domenica. Ciao Mari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pia, è stato un gran piacere ospitarla. Ti abbraccio anche io, buona Domenica!

      Elimina
  13. Gli scritti della brava Caterina hanno il pregio di giungere direttamente al cuore, non hanno bisogno d’interpretazioni.
    Buona domenica, un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caterina ci trasporta nel mondo con passione e delicatezza. I suoi versi sono empatici ed armoniosi anche quando racconta il dolore che ci circonda. Buona domenica a te!

      Elimina
  14. Rinuncio a segnalare i commenti scomparsi perché non mi ricordo se erano apparsi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, credo di averli ripresi tutti;) e ti ho risposto!

      Elimina
    2. Impeccabile. Il ripescaggio sottolinea in fondo la futilità del mio commento.

      Elimina
  15. Caterina è molto brava e questa lirica ne è la prova lampante.

    RispondiElimina
  16. Una poesia che sconvolge, fa tremare di dolore e di rabbia e ci porta a riflettere e fare i conti con noi stessi. La discriminazione è uno schermo dietro il quale gente mediocre nasconde le sue insicurezze, il senso di inferiorità, i fallimenti e la paura che la gente capisca il loro vero valore. Trovare una poetessa che ha trascritto in versi la sofferenza e il crucio che la discriminazione può causare, non è da poco e sicuramente non capita tutti i giorni. Grazie per l'articolo e dunque anche per questa preziosa segnalazione.

    RispondiElimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)