31 gennaio 2021

[INTORNO A ME]LA DOMENICA


A me piacciono molto le domeniche d'inverno. 
Soprattutto quelle in cui, a causa del tempo cattivo, resti in casa.
Allora, dopo una bella colazione a base di cappuccino e brioche passo del tempo dedicato a me stessa e alla mia metà.
È un piacere rimanere sotto le coperte un po' di più, parlando di tante cose che a causa della fretta del quotidiano, spesso si rimandano.
Ci piace confrontarci su tutto, attualità, letture, musica e viaggi. Tutto il mondo che ci circonda.
Poi lui si alza e mi prepara la colazione e il caffè.
Non so voi, ma a me questo rito così semplice, mette sempre il buonumore.
Mi piace poi, dopo la doccia, tentennare prima di vestirmi, impigrita dal calore della mia casa.
Apro il mobile in cui ci sono tutti i miei vinili e ne scelgo uno. 
Accendo il giradischi, spolvero leggermente la punta e metto il disco.
La musica invade tutto lo spazio, lo fa proprio e danza.
Io mi siedo sul divano e leggo qualcosa, che sia una rivista o il libro in corso.
Le parole e la musica ballano. Mi liberano, mi rendono leggera e ispirata.
La seconda parte della mattinata la dedico alla cucina.
Altro luogo caro, in cui investo parecchio del tempo che ho a disposizione durante il fine settimana.
Dopo pranzo, mi abbandono nuovamente alla musica e ai libri.
Oppure scrivo. Cose che ho in testa e che si trasformano in parole e sentimenti. 
Vengono fuori in maniera spontanea ed io ne sono quasi inconsapevole.
Le parole splendono, come diceva Emily Dickinson che le conosceva bene.
Arriva la domenica sera, la malinconia e il pensiero alla settimana che arriva.
Porterà fatica, problemi, stanchezza.
Ma presto sarà nuovamente venerdì.


E voi amate la domenica? Cosa vi piace e cosa detestate?



61 commenti:

  1. Dalla Domenica amo il mettere da parte tutti i pensieri che ci affaticano durante la settimana.
    Ma non ho abitudini scandite come te. Ogni Domenica capitano novità che mi portano a fare sempre cose diverse.
    Soprattutto il restare in casa, non è sempre possibile per me.
    L'unico spazio libero me lo trovo la mattina e non solo di Domenica. Sorseggiando il caffè leggo notizie sul web e mi diverto sui social. Giusto qualche minuto e poi via tra le varie incombenze della giornata.
    Ti abbraccio sorellina e felice Domenica.
    P.s. persino il cucinare che adoro come te non mi risulta sempre facile da programmare. 😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, essendo lontana dalla famiglia non è che, abbia granché da programmare, salvo qualche passeggiata fuori comune (quando si poteva) e nella bella stagione gite con amici. Tutto accantonato durante il lungo anno appena trascorso.
      Io di settimana non ho mai tempo da dedicare a me stessa e alla casa, per cui recupero durante il fine settimana.

      Elimina
  2. A me è sempre piaciuto di più il sabato. Il sabato prometteva un altro giorno festivo, l'indomani, cioè la domenica.
    Durante un lungo periodo la domenica poteva significare svegliarse ancora più presto che i giorni lavorativi: la mia attività nel club escursionista richiedeva di levarsi presto, prendere la macchina - oppure il pullman - e fare una bella gita di montagna. Ma adesso è diverso, si rimane nel letto presso le nove, faccio la colazione con mamma e poi dipende un po'... Cucinare, un giro in bicicletta...

    Buona domenica!
    PODI-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sei di natura Leopardiana, preferisci il sabato che è meno malinconico!
      Un club escursionistico? Meraviglia, allora era piacevole anche alzarsi presto, la domenica.
      Io ero abituata ad una sveglia all'alba, poi con la pandemia e il lavoro in smart working ora anche di settimana posso dormire un po' di più. Ma comunque, dovendo pur sempre lavorare anche se da casa, ho le giornate super impegnate.
      Mi rilasso il sabato e la domenica. Per esempio oggi, abbiamo fatto una bella passeggiata in paese. Il tempo è bello e fa caldo.
      Buona domenica a te e alla tua mamma!

      Elimina
  3. La domenica è l'unico giorno in cui riesco a poltrire sul letto un po' più a lungo del solito (sempre in termini relativi, perché ormai l'orologio interno è avvezzo a una routine settimanale in cui alle sette e mezza devo uscire di casa per andare al lavoro). La domenica mattina è anche il momento in cui riesco a vedere qualche fiction con più calma, senza avere i minuti contati.
    La cosa che non mi piace delle domeniche invernali è la sensazione di freddo che non mi abbandona mai. Se piove e l'umidità sale a mille, è un tormento. Le domeniche davvero perfette per me sono quelle estive ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, l'orologio interno condiziona anche me. Un po' si è sballato da quando è cominciata la pandemia e ora riesco a svegliarmi con più comodo durante la settimana.
      A parte le incombenze domestiche della domenica (non ne ho parlato ma è chiaro che ci siano) io mi dedico al blog e a programmare i post settimanali.
      Sei un appassionato di fiction? Quali? Io sto guardando tutte quelle tratte dai romanzi di De Giovanni, che amo visceralmente!
      L'umido è una cosa che non sopporto nemmeno io, ma in casa, per fortuna non lo sento.Almeno non lo percepisco. E riesco a godermi anche le domeniche più piovose.

      Elimina
    2. Sfrutto soprattutto amazon prime, sul quale spesso trovo cose interessanti. Quando dico "fiction" non intendo solo serial, ma anche film, cartoni animati, documentari. Di recente ho visto un docu-film sulla cantante Janis Joplin, il film "Il cittadino illustre" girato con pochi mezzi ma molto ben costruito a livello di sceneggiatura (quello che purtroppo manca a molti film pompatissimi di oggi) e come telefilm mi vedo ogni tanto gli episodi di "The office", oltre a una gran quantità di anime (cartoni animati giapponesi).

      Elimina
    3. Amazon Prime ce l'ho pure io ma chissà perché non guardo mai quel che offre. È sufficiente la proposta di Sky, seguo un po' di tutto, dal cinema, ai documentari (in questi giorni ne ho visto uno bellissimo sui Beatles). Non conosco il film che citi, darò un'occhiata in rete. Sono meno propensa a guardare gli anime, ma nel tuo caso comprendo benissimo!

      Elimina
  4. Ora la domenica è un giorno come un altro. 'Prima', d'inverno andavamo a Madesimo, dove avevamo una casa deli; d'estate sul lago a Villa d'Este dove si mangiava sotto una quercia secolare e si faceva il bagno in piscina, Non sempre, ovviamente , soprattutto quando mio marito era in viaggio, figurati che stava via anche settimane intere, ci andavamo io e Paola.Ora leggo o guardo la TV )qualche serie in genere, non certo la Venier)con il mio cane accanto, è lui che fa la differenza.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hai messo una gran malinconia, non c'è nulla da aggiungere al tuo bellissimo commento. Ma so che sei una gran donna, hai una meraviglia famiglia attorno e Lila sempre accanto.
      Ogni giorno così è pur sempre un bel giorno.
      Ti abbraccio.

      Elimina
  5. Mi piaceva la domenica quando era ragazzo, con gli anni cerco di vivere ogni giorno, sperando che sia speciale.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che da ragazza, odiavo la domenica? Pensavo con sofferenza alla settimana scolastica e a tutto quel che avevo da studiare. Che poi ero una stacanovista per cui passavo il pomeriggio intero a riorganizzare lo studio e a prepararmi per le interrogazioni e i vari compiti in classe.
      Sono migliorata con l'età!
      Buona domenica a te.

      Elimina
  6. Adoro la Domenica, peccato solo che il giorno dopo sia sempre lunedì..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come darti torto,ma da qualche anno a questa parte, riesco ad apprezzarla fino a sera.
      Come dicevo a Vincenzo sopra, sono migliorata con l'età.
      Buona domenica!

      Elimina
  7. Buona domenica!
    Le domeniche da un anno a questa parte sono più o meno tutte uguali. Quasi sempre lavoro, però al pomeriggio c'era il mio amato cinema. Nonostante la possibilità di stare a casa, ho letto meno e ho visto meno film, perché, come tutte le cose che vivo come un'imposizione, questo blocco forzato, ha tolto energia e cambiato il mio umore.
    Le domeniche normalmente sono il sunto di una settimana, o ti rilassi o sistemi quello che hai lasciato indietro. Con gli anni ho iniziato a vivere di più per me stessa, la casa è un rifugio, ma spesso la trascuro a favore di cose che mi facciano stare bene, anche semplicemente una dormita, è importante ricaricare le pile con il lavoro che faccio e non dover vivere tutto come una gran fatica, per cui faccio mio il motto: la casa al mio servizio e non io al servizio della casa.

    Ieri sera in DVD finalmente sono riuscita a vedere "Piccole donne", ho lasciato un commento al tuo post. Ciao Mari, un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io rivoglio il mio cinema, quello che lo aspetti ogni settimana. Quello a cui andare in attesa del suo abbraccio intenso che quasi mai ti delude. Il Cinema che ti avvolge nella sua magia. Il cinema da soli o in compagnia. il cinema lieve, forte, struggente, allegro, mai uguale.
      Lo riavremo, so che come me tu non vedi l'ora.
      Scusa la divagazione ma mi hai ispirata. Ora torno in carreggiata.
      Io non ho molta pazienza con quel che la vita tenta di impormi per forza, come te sono refrattaria. Capisco il tuo esserti in qualche modo ribellata alla passività a cui siamo stati costretti in questo anno. Ma sai che anche io ho letto di meno? Sembra incredibile ma è vero. In compenso, ho bloggato di più e si nota dall'aumento del numero dei post dello scorso anno. Ma forse non dipende del tutto dalla "cattività" ho solo avuto più cose da dire e da scrivere!
      "La casa è il mio rifugio" anche per me!!! La mia è così simile a quel che sono che a volte mi spaventa!
      E non me ne frega assolutamente nulla se per star bene rinuncio a spolverare, tanto per dire! Figurati poi se la domenica rinuncio ad esempio ad un sonnellino pomeridiano se mi vien voglia, d'altronde è un regalo che faccio al mio fisico quando non ne può più e capisco perfettamente la tua necessità.
      E ora veniamo al "mio libro del cuore" Piccole Donne. Hai visto il film e letto la mia recensione? Arrivo a leggerti.
      Abbraccio rilassante di una domenica di sole.

      Elimina
  8. Una volta amavo e aspettavo il sabato e la domenica. Da quando sono in pensione, questa attesa non c'è più ma io, che sono sempre stata particolarmente ansiosa, vivo meglio e sono rilassata. Io mi alzo alle 9.00 tutti i giorni, in inverno. Si sta così bene al caldo, sotto le coperte , poi faccio tutto con calma . Quando lavoravo, preferivo il sabato alla domenica, apunto perchè , dopo la domenica c'era il lunedì... Ciao e buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ansia? Hai detto ansia? ahahah come ti capisco...
      Bello allora che per te tutto sia cambiato in meglio con la pensione! Io dovrò aspettare ancora un bel numero di anni ma spero per prima cosa di stare bene e poi di prendermela comoda come hai imparato a fare tu, più rilassata e serena.
      Un abbraccio e buona domenica.

      Elimina
  9. Da quando sono in pensione con il lockdown le mie giornate sono tutte uguali.Buon pomeriggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Olga, spero che dipenda solo dal fatto che è un anno complicato. Ti auguro domeniche belle e varie, piene di cose da organizzare e fare appena si potrà.
      Un abbraccio.

      Elimina
  10. Da circa una mesata adoro la domenica.. come ben sai.. perché il giorno dopo, non è lunedì, ma sempre domenica, e trovo questa cosa davvero meravigliosa.. uno dei risvolti più evidenti della nuova condizione da pensionato.. il che forse toglierà anche un po' del suo fascino al giorno della settimana dedicato al dolce riposo, ma ne effonde la gioiosa essenza che hai perfettamente descritto, sugli altri sei in maniera uniforme, corposa, delicatamente armonica..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh no, ma è in atto la "congiura dei pensionati" qui sul mio blog, che invidia!!!
      Non vedo l'ora anche io di pensare che dopo la domenica arrivi un'altra domenica, un continuo slow di ore e giorniiiiii
      Bacio!

      Elimina
  11. Essendo casalinga devo dire che tra domenica e lunedì non c'è differenza.
    Col marito in pensione ci si alza un po' più tardi ma ppoi.... letto, pulizie, pranzo cena.... il solito.
    Se non viene la figlia e allora è un pomeriggio di chiacchiere e risate... ma con il covid!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche le mie domeniche da covid sembrano tutte uguali. Ma riesco comunque a trarne il meglio che posso.
      Bacio.

      Elimina
  12. Ho sempre amato di più il sabato, leopardianamente inteso come unico momento di gioia senza appunto... che ricominci tutto già il giorno dopo.
    Ma la domenica ha il suo fascino, e tu lo descrivi benissimo: mi è piaciuto come scandisci la giornata.
    Diciamo che le domeniche per me hanno un tocco anche amaro...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il sabato è il giorno migliore, carico di speranza e senza un briciolo di malinconia.
      Lo amo anche io chiaramente ma col tempo sono riuscita ad apprezzare pure la domenica.
      Mi spiace per il tocco di amarezza che ti regala l'ultimo giorno di settimana, come una "coda" di cui faresti volentieri a meno...

      Elimina
  13. Mi alzo abbastanza presto, perchè se sto a letto mi viene il mal di testa. Faccio una colazione abbondante, come sono solita fare ogni mattina, insieme al mio marito preferito.
    Comincio subito a cucinare, perché a pranzo ci sono, solitamente, o mio figlio con la compagna o mia figlia con il compagno. Preparo una o due torte, poi quello che ho programmato o quello che mi chiedono, ad esempio oggi volevano i pizzoccheri. Mio marito cerca di scomparire in salotto a guardarsi le gare di sci, ma io quasi sempre lo costringo a fare le cose più noiose tipo pelare la verdura e la frutta, lavare le stoviglie, grattugiare il grana. Mentre siamo affaccendati in cucina ascoltiamo musica o stiamo in silenzio, io se parlo dimentico di mettere le uova nella torta, o il lievito, cose così. Quando è tutto pronto vado a fare la doccia, di solito quando arrivano gli ospiti io sono ancora in bagno e aspettano. Durante il pranzo parliamo dei nostri problemi di lavoro, mio marito e mia figlia hanno il vizio di interrompere chi sta parlando e io e il mio futuro genero ci incazziamo benevolmente.
    Nel primo pomeriggio i giovani se ne vanno, portandosi via nei tupperware o nei frigoverre tutto ciò che è avanzato, e mio marito si lamenta perché toccagli tutto ma non il cibo.
    Dato che ho già rigovernato la cucina mentre loro bevevano il caffè, vado a trovare mia mamma, a piedi da quando l'endocrinologa mi ha prescritto esercizio fisico. Sto con lei fino all' imbrunire, o meglio fino a quando mi caccia via perché *el ve fosch*.
    Tornata a casa, leggo, e dopo aver finito il libro di Gianluca nicoletti do un'occhiata ai blog e commento un post di Mariella. Di cucinare per cena non se ne parla, mangerò una fetta di torta e berrò una tisana, sorbendomi le lamentatorie del marito. La domenica sera la passo a deprimermi perché domani è lunedì.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti "invidio" il pomeriggio passato con tua mamma meno il preparare il pranzo sulla base dei desideri dei figli anche se mi rendo conto benissimo che ti viene naturale, fa lo stesso anche la mia. Non conosco lo scrittore a cui accenni ma andrò a curiosare. Anche noi la domenica sera mangiamo quasi nulla, tra poco tisana e poi accenderò la tele perché iniziano le nuove puntate della fiction che sto seguendo. Ma il televisore è rimasto spento tutto il giorno, praticamente un soprammobile;) Grazie per avere trovato tempo anche per me! La tua domenica resta faticosissima! Trascinante l' ironia nel descriverla e mi tocca chiedertelo: ma quanti mariti hai? Ahahah Bacio.

      Elimina
    2. @Silvia. Mi piace come scrivi.

      Elimina
    3. Anche a me piace tanto come scrive Silvia;)

      Elimina
    4. Grazie, gentilissimi!

      Elimina
    5. Gianluca Nicoletti è un giornalista-conduttore radiofonico, ha un figlio autistico e ha scritto libri su questo tema. Il libro che ho letto settimana scorsa è "figlio di mio figlio", interessante ma a tratti difficile da seguire, avendo lo scrittore un quoziente intellettivo superiore alla media i suoi ragionamenti non sono sempre lineari, specie per una "tarella" come me :)))

      Elimina
    6. Sono andata a curiosare in rete e ho trovato Nicoletti. Sarà un buon consiglio di lettura per Maris che ha due figli autistici. Un abbraccio!

      Elimina
  14. Ciao, trovo la tua una ottima domenica, per la mia che posso dire, che un tempo la domenica la passavo in montagna nel periodo invernale, amo la neve è lo sci. Durante l'estate la domenica era dedicata al mare.Da un anno tutto e cambiato e allora la mia domenica che è fatta di sette giorni perché, privilegio dell'età, sono felicemente nullafacente. Se il tempo è brutto rimango in casa e mi dedico alla lettura e alla cucina, se spunta il sole mi dedico a lunghe passeggiate sulle colline del Carso triestino.
    Un caro saluto.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le passeggiate sul Carso triestino mi sembrano fantastiche altro che le mie nel parco di Desio. Sei un nullafacente che invidio un po'. Ciao!

      Elimina
  15. Grazie per questa condivisione della tua domenica invernale <3

    per me è sinonimo di relax, e sì.., se fuori il tempo è poco clemente, restare al calduccio è ancora più piacevole!!
    solitamente mi dedico a preparare un dessert, mi dedico al blog, programmo la settimana di lavoro.... e leggo ^_^

    un abbraccio cara :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi è piaciuto parlare della domenica con voi. Relax assoluto è quel che ci vuole. Ti piace preparare dolci, ho scoperto un'altra cosa di te! Un abbraccio e buona settimana.

      Elimina
  16. Io mi chiedo come sia possibile che i uichend durino solo 15 o 20 minuti e poi è già lunedì...
    Eccheccavoli! Ma non c'è una legge per la difesa dei fine settimana?
    Possibile???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me lo chiedo sempre pure io, secondo me, nel fine settimana, gli orologi barano😉

      Elimina
  17. Guarda con te ho in comune la colazione.
    Caffè latte con biscotti , torta della mamma , fette biscottate con la marmellata e brioche.
    Ah...mi alzo alla dieci.
    Accendo la tele e guardo la replica del GF su mediaplay fino a mezzodì e mezzo.
    Mangio abbondante a pranzo ( vado dalla mamma) torno sulle tre riaccendo la tele e mi guardo Barbara D’Urso e Mara Venier alternandoni tra l’una e l’altra durante la pubblicità.
    Arrivano le otto la moglie porta a casa le pizze .
    Dopo cena replica di C’è posta per te di Maria De Filippi.
    Ecco questa è la mia domenica tipo.
    True or False?
    Secondo te?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cioè, non vai nemmeno a prendere le pizze? Ma che gran bugiardo😜

      Elimina
    2. La verità è che è da tanto che non sento la domenica.
      Prima quando potevo “sentirla “ ( adolescenza) preferivo il sabato ovviamente.
      Dai 19-20 anni cominciando a lavorare come turnista e avendo fatto il decennio dei 90 praticamente lavorando quattro giorni ..due a casa a volte anche tre di riposo i sabato e le domeniche libere capitavano a random.
      Son stati gli anni migliori con il lavoro che mi permetteva anche di studiare ( riprendere gli studi) avere comunque diverso tempo libero e grazie alla ragazza che sarebbe poi diventata la mia dolce metà , che lavorava pure lei i weekend ( tutto il sabato e la domenica a mezzogiorno) non ho mai conosciuto l’ansia da weekend.
      Andavamo al mare di lunedì per dirti ..niente code , stress ecc..
      Lei lavorava il sabato .
      Se io invece lavoravo il pomeriggio ero comunque libero dopo le dieci di sera e andavo via con gli amici che mi aspettavano.
      La domenica sera e il lunedì erano per la morosa.
      Non ho perso niente.
      Adesso che con il mio lavoro in teoria son a casa il sabato e le domeniche ( non sempre) rimpiango comunque quegli anni che le mie “ domeniche “ erano molti giorni feriali.
      Se alla domenica son a casa .
      Non dormo tanto , massimo le nove ma è raro.
      Poi dedico mezza mattina a correre .
      A mezzogiorno faccio da mangiare per me e la figlia .
      Al pomeriggio mi rilasso suonando , leggendo e poi quando torna la moglie andiamo via con gli amici ..e ceniamo assieme
      Quando ancora si poteva.
      Ciao

      Elimina
    3. @Max. Barbara D’Urso e Mara Venier, e poi anche Maria De Filippi. Come stai? Come ti senti?
      😊

      Elimina
    4. @Cesare
      Soddisfatto 😁

      Elimina
    5. @Max, sai che a volte ho immaginato come sarebbe stata la mia vita se avessi avuto un'attività che mi imponeva we di lavoro e magari il riposo settimanale? Oppure dei turni come nel tuo caso? Ho sempre pensato che mi sarei abituata benissimo e forse avrei "sofferto" meno la domenica come mi è accaduto per anni. Vero , tu hai un sacco di hobby (suonare ecc...) quindi non ti annoi mai, anche se hai dovuto rinunciare al coro ad esempio, causa pandemia. Mi hai fatto tanto ridere quando hai descritto la domenica tipo dell'italiano nazional popolare ahahah, il telecomando della tele ben saldo in mano!!!

      Elimina
  18. Allora visto che siamo già a lunedì una cosa che odio della domenica è che il giorno dopo non è più domenica :-))) Poi, diciamo che di questi tempi il rito della partita una domenica sì l'altra no allo stadio mi manca, Per il resto non ho un rituale particolare la domenica. Certo di questi tempi la domenica è anche divieto di cinema, o di teatro (più al sabato quello) o di fare quello che ti viene in mente così decidendo sul momento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per tutti le domeniche sono diventare più tristi. Anche del ritorno a questa "normalità" abbiamo decisamente bisogno...

      Elimina
  19. Anch'io felicemente pensionato he he!
    Da allora della domenica manco me ne accorgo,poi basta sapersi organizzare,tra orto,vigneti,giri in mountain bike,i miei modellini in legno non ho tempo per annoiarmi,ad esempio tra poco esco a tagliare un pò di legna e comincio a potare gli alberi da frutto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fortunello! Fai la vita che piacerebbe anche a me. Il contatto con la natura ti mette in pace col resto del mondo! Buona settimana!

      Elimina
  20. Alla domenica tocca a me portare il caffè a letto, sia a mio marito che ai miei figli. Poi a pranzo cucina papà e ci sono sempre pietanze nuove. Il pomeriggio dopo che Miki ha studiato, ci mettiamo comodi sul divano, tutti e quattro sotto le coperte per guardarci un film. Qui piove e fa freddo, il caminetto è sempre acceso. Buona settimana Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Compiti ben distribuiti in famiglia a quanto vedo!
      Mio marito si avvicina ai fornelli solo per i dolci (è bravissimo) ma per il resto il regno della cucina è tutto mio.
      Che bello, vi immagino tutti e quattro accoccolati sul divano a guardare un film insieme. Lo facciamo anche noi due, nel nostro piccolo è bellissimo. Però ci manca il camino!
      Grazie per il bellissimo quadro familiare che mi hai lasciato, ti abbraccio forte. Buona settimana a te.
      PS: ripreso tutto vero? Negozio aperto ecc...

      Elimina
  21. Ciao Mariella!!
    Le mie mattine sono così; cappuccio e brioche che amo consumare rigorosamente in pigiama e sul divano. Il sabato e la domenica invece, visto che Tomo lavora, sono io che preparo la colazione e la consumiamo a letto. Quando vivevamo in Brasile e lui lavorava da casa, in settimana lui mi portava la colazione e il fine settimana toccava a me.
    Prima della pandemia andavamo a mangiare in un ristorante al porticciolo di Yasmine e poi passeggiata, ora invece si sta a casa guardiamo la TV sul divano. Appena tornerà il bel tempo staremo insieme in giardino a dondolare sulle amache! Come vedi ci piace stare sdraiati!!😂

    RispondiElimina
  22. Uhhh La colazione sul divano... non lo faccio mai, dovrei provare.
    Certo che la pandemia ha cambiato di gran lunga ogni nostra abitudine ma confido che, torneranno tutte. E magari ce ne saranno di nuove. Io in questi mesi ho particolarmente apprezzato il "poltrire" della domenica pomeriggio sul divano, tutte e due insieme a goderci dei film. Dato che abbiamo gusti diversi in fatto di cinema, alterniamo un film che piace a me ad uno che piace a lui. Ecco, questa nuova abitudine non vorrei perderla nemmeno quando torneremo all normalità. Anche a noi piace stare sdraiati ahahah
    Sono indiscreta se ti chiedo che lavoro fa Tomo per cui è impegnato durante il we? Sei libera di non rispondere se vuoi... un abbraccio grande e buona settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh Mariella sentiti libera di chiedere ciò che vuoi, amo le persone curiose!
      Ops, ho fatto un errore, in verità volevo scrivere che siccome in settimana lavora la domenica, alla colazione, ci penso io. Scusa!
      Comunque lui è direttore di reparto in una tessitura di lino e canapa.
      Io trovo che questa pandemia ci ha mostrato bellezze che non avremmo mai scoperto. Come amo dire c'è della meraviglia in ogni cosa, a questo punto non ci resta che gidrne, non ti pare?
      Ah, pure io ho una curiosità se posso: quanti anni hai? Va bene anche la decade!😋

      Elimina
    2. Grazie, che bel lavoro il tuo Tomo, a contatto con i tessuti!
      Condivido pienamente quel che dici sulla pandemia, poi conosco il tuo bellissimo modo di godere appieno di ogni giornata!
      Ma non c'è nessun problema sai? Sono una splendida fanciulla nata nel 1966! Adoro i miei anni pieni di vita e passione;)
      Siamo coetanee?

      Elimina
    3. Il lavoro del Tomo è bello ma qua sta impazzendo, ha fatto consulenze ovunque ma qua è il peggio del peggio... speriamo ne esca sano di mente!
      Lo siamo dai, io classe'67 fresca di compleanno!

      Elimina
    4. Saremo coetanee fino a luglio;)

      Elimina
  23. Ciao io a volte non faccio caso se è domenica o lunedì o altro giorno. Dipende dai turni di lavoro. Se non lavoro colazione con the e biscotti e qualche volta briosce in cucina con mio marito. Adoro vedere un filmetto alla tv. Passeggiata con Will. Prima alla domenica in particolare nel periodo di primavera o in estate gita fuori città. Adesso che è inverno sto benissimo anche al calduccio in casa, al pomeriggio una bella cioccolata calda. Adoro anche leggere. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Robby, non avevo considerato, quando ho scritto il post, che molti di voi hanno dei turni di lavoro e giustamente vedete la domenica sotto un altro aspetto. Direi che resta una giornata da occupare al meglio. Ma certo, la cioccolata calda!!! Purtroppo non posso berla perché ho dei problemi di stomaco che con il cioccolato si acuiscono e già devo stare attenta a causa della mia passione smodata per la Nutella!
      Ecco, anche la tua domenica invernale al caldo e con un buon libro mi sembra perfetta.
      Fai una carezza a Will da parte mia!

      Elimina
  24. Ultimamente lavoro la domenica..dunque ore 7.30 già messo banco vendita frutta mercato km0 ..ma freddo a parte mi piace..mi piace anche quando posso coccolarmi e godermi la casa e chiacchierare con marito in "pigrizia"

    Serenita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma, certo che con questo freddo non deve essere mica facile iniziare la domenica così. Ti ammiro tantissimo!!!
      Bacio!

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)