10 settembre 2020

LA FELICITÀ È



MONICA VITTI 


"Forse la felicità è svegliarsi ogni mattina con un desiderio".


La più grande attrice italiana, secondo me, tra le più grandi al mondo. Ho preso una delle sue frasi iconiche è l'ho portata qui, per discuterne con voi.

La felicità secondo lei.

E la felicità secondo voi.

Ma possiamo ancora parlare di felicità al giorno d'oggi?



37 commenti:

  1. Svegliarsi ogni mattina con un desiderio vorrebbe dire , a mio parere, non essere mai soddisfatti, non aver mai conosciuto quello stato d'animo che ti trasmette, in un attimo, il piacere di essere nato.
    La felicità è molto soggettiva ; c'è chi la identifica con il possesso di denaro, o con la soddisfazione di piacere ed essere desiderati.
    Esiste una felicità di tipo egoistico , " mors tua vota mea" ma, sempre a mio parere, il maggiore senso di felicità deriva da far felici gli altri, specialmente nell'ambito famigliare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so dirti se svegliarsi ogni mattina con un desiderio diverso, possa far pensare a un'insoddisfazione di fondo. Magari ci sono persone che amano mettersi continuamente in gioco e questo per loro è felicità. Chi si attacca ai beni materiali è solo egoista e non penso che dia felicità. Sono assolutamente d'accordo che pensare alla felicità degli altri sia un buon passo verso la propria. Bacio Cri.

      Elimina
  2. La felicità non può essere uno stato permanente, come si potrebbe pensare immaginando di soddisfare un desiderio dopo l'altro all'infinito (lo vorrebbe fare il bambino che chiede in continuazione di avere un gioco sempre nuovo o l'adulto che fa lo shopping compulsivo, ma in realtà entrambi sono divorati dall'agitazione continua).
    Forse un po' di felicità è il risultato di qualcosa che abbiamo faticato a realizzare o che la vita ci ha regalato inaspettatamente. Quanto al desiderio citato dalla Vitti, credo che potrebbe essere anche, semplicemente, il desiderio di vivere oppure di stare meglio o di far stare meglio qualcun altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La felicità è uno stato, a mio parere, fugace e provvisorio.
      E può essere emotivamente molto forte. Io non credo a quella perenne né ad uno stato di grazia rinnovabile.
      Sicuramente e condivido la tua visione, avere realizzato qualcosa che desideravamo e magari averla ottenuta con fatica, è gratificante, ma non direi che mi porterebbe a pensare di essere felice. Io sono una perennemente in movimento per cui, il pensiero di Monica Vitti, non è così lontano poi, dal mio sentire.

      Elimina
  3. Col tempo inizio a credere che la felicità sia anche nel solo svegliarsi ogni mattina. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari con accanto qualcuno che ci ama e che amiamo, profondamente. Cosa non da tutti.
      Condivido pienamente.

      Elimina
  4. Si potrà spero. Felicità è anche svegliarsi ogni mattina non solo contenti per quello che si è raggiunto ma anche per la speranza per nulla consumata di poter realizzare il o i sogni ancora irrealizzati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente sì, Daniele.
      Lo sai che come te, non smetterò mai di sognare e di cercare di vedere realizzati i miei sogni.
      Allargando l'orizzonte anche quelli di quella parte di umanità che ci somiglia.

      Elimina
  5. L'unico caso in cui ho percepito un senso di felicità svegliandomi è stato quando ho trovato accanto la persona che amo.
    Per il resto non associo nulla di felice al risveglio, se non l'essermi svegliato in salute, ma credo rientri più in un ringraziamento alla vita e non in un motivo di felicità.
    Felicità oggi? Forse nelle piccole cose, forse in piccoli "regali" che dobbiamo farci, tipo una telefonata a chi vorremmo ci telefonasse, un saluto al cane del vicino che scodinzola ogni volta che varco il mio cancello, un'innocua trasgressione gastronomica...

    Anche se è solo l'aggancio per il tema dell'articolo, due parole su Monica Vitti: grandissima attrice, ho visto pochi suoi film, prevalentemente commedie, ma mi piace molto. E al di là del gusto personale, la collezione di premi vinti in carriera le rende il giusto merito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido la tua idea di felicità fatta di attimi, di momenti sfuggenti che in ogni caso ci lasciano un senso di appagamento. Io amo il sorriso dei bambini, per me è fonte di gioia immensa che potrei quasi chiamare "felicità". Non la cerco ad ogni costo, preferisco perseguire la serenità.
      Monica Vitti è la mia attrice italiana preferita, se hai voglia di leggere qualcosa, trovi, in coda al blog, tra le etichette, un mio post di qualche anno fa dedicato a lei.

      Elimina
  6. Sono d'accordo, anche se alterno momenti felici a momenti di tristezza, spesso quegli attimi di felicità arrivano al improvviso e mi strappano un sorriso. Si al giorno d'oggi si può ancora sorridere. La felicità poi la senti nel cuore, te lo fa vibrare ed è bellissimo poter sentire certe emozioni. Buona giornata VAleria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andrea Camilleri diceva di prestare attenzione alle cose che ci capitano, perché a volte la felicità ci passa accanto e non facciamo in tempo ad accorgercene. Mi hai fatto pensare a lui con il tuo commento e mi ci trovo, sai? Anche io sorrido quando percepisco i brevi momenti di felicità e li riconosco. Certo che si può sorridere, io cerco di farlo spessissimo, perché è una cosa che, prima di tutto, fa stare bene me. Un abbraccio💛

      Elimina
  7. Felicità / serenità ..SVEGLIARSI al mattino !!
    ..poi altre piccole grandi cose ..piccoli momenti di serenità ..
    ultima felicita ..arrivato esito esame medico ..tutto OK
    !!
    sorriso a 44 denti !!! ;)))) ho esagerato coi denti
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sempre mi sveglio felice e contenta, e a volte invidio, in senso buono, chi ne è capace...
      Però sono davvero contenta di leggere che l'esame è ok, immagino la tua felicità.
      Un abbraccio grande e grande e vabbè esagera pure con i denti, ci sta!!!

      Elimina
  8. Secondo me la felicità è avere accanto a noi ogni giorno i nostri affetti più cari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Stefania e spesso le persone non si rendono conto della fortuna che hanno.
      Bacio.

      Elimina
  9. Felicità oggi? Essere vivi, eppure non ci si accontenta neanche di questo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, non ho nulla da aggiungere, hai assolutamente ragione.
      Bacio.

      Elimina
  10. Io non vorrei svegliarmi ogni mattina con un desiderio perchè mi sentirei perennemente insoddisfatta.
    Preferisco svegiarmi ogni mattina con la coscienza a posto e sentendomi in buona salute che, quando gli anni passano, conta moltissimo.
    Credo che la felicità vera sia uno stato di grazia che dura poco.
    Io , adesso, punto sull'essere serena , in buona salute, contenta delle piccole cose che ho, cercando di approfittare della opportunità che la vita da pensionata mi offre. Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dicevo sopra, dipende dai punti di vista, non ci leggo insoddisfazione nel desiderare qualcosa ogni giorno ma giusta anche la tua considerazione.
      Che poi, Accontentarsi di quello che si ha e vivere la nostra vita nel miglior modo possibile, è sicuramente un ottimo modo per assicurarsi tanti piccoli e non trascurabili momenti di felicità.
      Ti abbraccio.

      Elimina
  11. La felicità è la salute !
    Se manca quella ...
    Ciao

    RispondiElimina
  12. Cara Mariella, parlare di felicità non è che si può, si deve. La mia felicità è desiderare e amare ciò che posso avere. Non è un pensiero mio ma di un mio Professore di filosofia che mi ha insegnato il pensiero positivo anche nella cattiva sorte.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già io mi freno ad affrontare questo argomento, altrimenti vi sommergerei molto più spesso ahahah
      perché sono un'inguaribile sognatrice e vedo sempre il lato positivo delle cose. Beh, quasi sempre...
      Desiderare quello che si può avere. Il tuo professore era davvero un filosofo.
      Ti abbraccio.

      Elimina
  13. Per me sarebbe - almeno oogi la penso cosù - uno stato di benessere nel quale si possono affrontare le cose cattiva con una serenità ammirabile "non succede niente che non abbia soluzione", diciamo; una sorta di stato ottimista (forse domani avrò un'altra forma di definire la felicità, non lo so).

    Ciao,
    podi-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una sostanziale positività che si traduce in stare bene con noi stessi. Il che ci porta a stare bene anche con gli altri, nonostante tutto. Mi piace Carlos.
      Abbraccio💛

      Elimina
  14. Il mio esempio di felicità? Il giorno del matrimonio... poi tutto si è perso strada facendo... ahahahahah...
    A parte gli scherzi, ho visto ieri l'omaggio su Rai1 alla grande Monica. Il pezzo più di valore per me è la sua intervista da Biagi. Lei, la sua seria saggezza ed ironia.
    Un grande ricordo dedicato a lei e la sua domanda non è semplice come appare. Bacio Mari, stasera non ho sonno si vede? 😉
    Notte serena. 🌟⭐🌟⭐🌟⭐

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello è,solitamente, un giorno bellissimo. Anche se a volte, non comincia nel migliore dei modi ahahah.
      Sì anche io ho visto Techetechete, da lì sono partita per questo omaggio a Monica Vitti. Baci

      Elimina
  15. Felicità per me è donare, vedere intorno a me sorrisi e stupore che posso suscitare anche con poco. la felicità la trovo nelle relazioni. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, donare agli altri procura una tale gioia che somiglia e molto, alla felicità.
      Un abbraccio a te💛

      Elimina
  16. Concordo que na vida de cada um tem que haver um propósito, de outra forma ela não faria sentido.
    Abraço.
    Juvenal Nunes

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto, grazie per averci dato la tua idea di felicita💛

      Elimina
  17. La felicità è :
    trascorrere una serena domenica

    ti auguro che lo sia ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tissi,
      è stata una buona domenica.
      Spero anche la tua.

      Elimina
  18. La felicità è anche addormentarsi... prima di svegliarsi... addormentarsi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che addormentarsi sia un non trascurabile momento di felicità!

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)