09 dicembre 2020

NATALE IN ARRIVO: IL PANETTONE SOSPESO


Il logo dell'Associazione - dal sito web



Anche quest'anno torna a Milano l'iniziativa del PANETTONE SOSPESO.

Dal giorno di Sant'Ambrogio fino al 22 dicembre in quindici pasticcerie della città, sarà possibile lasciare un panettone già pagato che poi sarà donato a CASA JANNACCI e alla rete di solidarietà MILANO AIUTA.

Anche chi non è in città può donare tramite l'associazione PANETTONESOSPESO.ORG

Un modo ulteriore per fare del bene e per portare lo spirito della festa più importante dell'anno anche a chi si trova in difficoltà. Mai come quest'anno se ne sente un gran bisogno, pur nella distanza a cui siamo costretti.


Questo, l’elenco delle pasticcerie coinvolte:

  1. Alvin’s (via Melchiorre Gioia 141)
  2. Cake l’Hub – I Dolci del Paradiso (via Luigi Mengoni 3)
  3. Davide Longoni (via Gerolamo Tiraboschi 19, Via Fratelli Bronzetti 2 e Mercato del Suffragio – piazza Santa Maria del Suffragio)
  4. Gelsomina (via Carlo Tenca 5 e via Fiamma 2)
  5. Giacomo (via Pasquale Sottocorno 5)
  6. Marlà (corso Lodi 15)
  7. Martesana (via Card. G. Cagliero 14, piazza Sant’Agostino 7 e via Paolo Sarpi 62)
  8. Massimo 1970 (via Giuseppe Ripamonti 5)
  9. Moriondo (via Marghera 10)
  10. Panettone Cracco Pasticceria (Galleria Vittorio Emanuele II)
  11. San Gregorio (via San Gregorio 1)
  12. Baunilla, (via Broletto 28)
  13. Polenghi (via Lamarmora, 31)
  14. Ungaro (via Ronchi 39)
  15. Vergani (corso di Porta Romana 51 e via Mercadante 17)

34 commenti:

  1. Avevo scelto Vergani ma, dopo un'ora di tentativi PayPal mi crea problemi , ma riproverò
    Di solito pago con carta di credito

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, io vado da Massimo 1970, perché conosco la pasticceria da molti anni;è il cognato di un nostro caro amico!

      Elimina
  2. Bella iniziativa peccato che non la fanno qui a Genova.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'iniziativa nasce a Milano che storicamente è la patria del panettone. Magari a Genova ce ne sono di simili, non so. Ma si può partecipare da qualunque parte d'italia.

      Elimina
  3. Una bella iniziativa, cercherò di partecipare anch'io, tramite web. Ciao .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero bella. Grazie se vorrai partecipare. Un abbraccio.

      Elimina
  4. ottima iniziativa mi auguro di trovarne una anche qui a Genova

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, sarebbe importante ci fosse qualcosa di simile ovunque in Italia.

      Elimina
  5. L'iniziativa mi piace, per quanto riguarda me e mia moglie penso che faremo una spesa solidale da donare alla locale caritas.
    Sono iniziative fantastiche, un modo per rendere più felice il Natale a tantissime famiglie in difficoltà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono tante le iniziative di beneficenza atte ad aiutare chi è in difficoltà nel periodo natalizio, speriamo che vi aderiscano quante più persone possibile.

      Elimina
  6. Per fortuna che esistono queste iniziative. Il Natale è bello anche per questo. Ciao Mari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A maggior ragione quest'anno visto che la causa del virus le persone in difficoltà sono aumentate in maniera esponenziale...
      Un bacio.

      Elimina
  7. Pure Cracco^^
    Bellissima iniziativa.

    Moz-

    RispondiElimina
  8. Una bellissima iniziativa, spero sia copiata anche in altre città.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io penso che la solidarietà nei comuni come nelle regioni sia più vasta di quel che immaginiamo.
      Ognuno, nel suo piccolo, cercherà di dare il proprio contributo;)
      Buona serata!

      Elimina
  9. Beh, c'era da immaginarselo, bravi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ognuno sta facendo il possibile, il cuore degli italiani;)

      Elimina
  10. Bella iniziativa!
    Mi piace anche l'idea di Nick e Venusia. Credo che la copierò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La spesa solidale, l'Opera di San Francesco, facciamo quel che possiamo;)
      Un bacio.

      Elimina
  11. Bella iniziativa, mi ricorda quella avviatasi a Napoli (o forse in tutta la Campania) nella quale era possibile inviare delle pizze agli operatori negli ospedali durante la prima emergenza Covid.

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Le pizze erano un'iniziativa di un ristoratore italo-americano che ha una famosa catena di ristoranti (ci sono anche andata a mangiare quando sono stata a NYC da Kestè) ne avevo parlato da me e aveva coinvolto tutto il suo settore.
      Emergenza e solidarietà vanno a braccetto;

      Elimina
  12. Buona idea!
    Farò come Nick, così potrò aggiungere qualcosa ; ora cerco uno di quei cesti con cibi gustosi, magari con cioccolato.
    Amazon consegna ovunque.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello questo passaparola sul mio blog!
      Diamoci da fare;)
      Bacio.

      Elimina
  13. Natale davvero gramo per molti, troppi.. iniziative del genere fanno piacere e riscaldano gli animi.. da noi funzionano molto le spese solidali, e tante catene di supermercati si muovono efficacemente.. ma c'è sempre più bisogno..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono tutte iniziative che sono molto seguite. Io credo che la generosità sia molto più diffusa di quanto si creda, perché non fa rumore...

      Elimina
  14. Bella iniziativa solidale. Grazie Mariella per averla pubblicizzata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per averla apprezzata. Buona serata.

      Elimina
  15. Davvero una bellissima iniziativa... sicuramente la faranno anche a Roma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sicuramente a Roma ci saranno iniziative simili! Bacio.

      Elimina
  16. Peccato che sia possibile donare solo con PayPal che non ho .
    Non ho carte di credito , se ci fosse la possibilità tramite altri mezzi ( bonifico ad esempio) contribuirei molto volentieri.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, senza paypal non si può effettuare l'acquisto. Bisognerà segnalarlo magari per il prossimo anno. Grazie💛

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)