18 dicembre 2020

RIFLESSIONI: LE COSE CHE NON SO

PONTE DI BROOKLYN - FOTO PRIVATA


Quello che non so passeggia sul filo del futuro, allacciato alla mia vita come una stella cometa.

Tra  rocce e  detriti della sua coda si nascondono i misteri che non sono riuscita a comprendere. Insieme formano una scia così luminosa da attraversarmi tutta mentre li osservo attonita.

Quello che non so è raccolto nel cestino di vimini in cui, da bimba, conservavo la merenda dell'asilo. Avevo solo certezze e sorrisi ma non sempre, aprendo il mio scrigno, trovavo quel che desideravo. E la delusione provata mi si  è sedimentata addosso come calce viva.

Mai sono riuscita a scrollarmi di dosso la paura di non essere in grado di affrontare le prove che il destino mi ha regalato senza risparmiarmi. Eppure, una alla volta o più alla volta, le ho guardate bene ed ho incrociato le armi. Sono fatta di tutti i fallimenti subiti, di tutti gli insuccessi voluti. Sono fatta di luce e ombre, che si adagiano su di me come una coperta calda eppur ruvida affinché non li dimentichi.

Le cose cose che non so, mi sorridono beffarde, mi obbligano a non accettare compromessi, mi impongono le loro vittorie sulla mia ignoranza. 

Ma le cose che non so, sono come viti attaccate alla terra bruna dei campi. Possono dare l'impressione di essere vinte e perdute, morte. Poi col coltellino riesco ad aprirmi  il varco fino al loro cuore e trovarle ancora verdi a  campo aperto.  

Sono il mio conforto, la ragione per cui guarderò ancora avanti, verso quel futuro che pretendo.


40 commenti:

  1. Le cose che non si sanno possono far paura (alcune) ma altre sono davvero la molla per vivere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi è successo che alcune volte anche lo spavento o la preoccupazione di affrontare eventi di cui non conoscevo origine e sviluppo è stato lo stimolo necessario per affrontarli.
      Giusto la molla di cui parli e penso valga per molti di noi.

      Elimina
  2. Forse nella vita di ognuno di noi ci sono delle "cose che non so" Si, fanno paura anche a me, si spesso mi sono sentita inadatta a superarle. Io non conosco per esmpio, la causa dei miei attacchi di panico, specialmente in macchina, che mi stanno limitando a guidare, a uscire di casa. Nemmeno la mia dottoressa ha capito il perchè limitandosi a darmi dei farmaci. Vedi anche io ho paura delle cose che non conosco. Ma sono sicura che accanto a te c'è chi ti inonda del suo affetto, tu lasciati consigliare. Un immenso abbraccio ti possa arrivare ora mentre ti scrivo. Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho sofferto di attacchi di panico anni fa, mentre venivo fuori da un brutto periodo di depressione. Il mio fisico provava a rinascere mentre la mente si opponeva. Anche io non so bene da cosa fossero scatenati. Sono tornati qualche mese fa in pieno lockdown. Lo stare reclusa in casa mi aveva così stordita che non avevo voglia di lasciare l'unico nido che mi aveva protetta fino a quel momento. Sono stati episodi isolati e fortunatamente, passati. Gli ho dato quella spiegazione e ho cercato di scrollarmeli di dosso. La prima volta mi avevano aiutato le medicine, la seconda non è stato necessario nulla. Non ne avevo mai parlato qui e ora a leggerti, le parole sono un fiume in piena che scorre libero. Le cose che non sappiamo le teniamo strette, anche loro sono necessarie per la nostra sopravvivenza. Io mi lascio consigliare sempre da chi ho accanto, il mio rifugio, come ho detto spesso, l'unica roccia a cui avvinghiarmi. Non mi ha mai delusa e mi tiene stretta. Se mi consigli l'affetto mi fai pensare che anche per te vale lo stesso. E ne sono contenta, molto. Ti abbraccio forte anche io Valeria, grazie di cuore.

      Elimina
    2. Chi non ha mai avuto crisi d'ansia o depressioni scagli la prima pietra.

      Elimina
    3. Ma no, c'è chi ha avuto ansia e depressione e chi mente😉

      Elimina
  3. Che belle le tue parole Mariella.
    Mi piace quando scrivi che sia.mo luci e ombre.
    Io vorrei scrollarmi di dosso le ombre della mia esistenza.
    Vorrei cancellare le cose di me che non mi piacciono ma è così difficile e questo mi fa soffrire
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai Eliana, io ci tengo pure alle ombre. Non sarei quella che sono se non avessi tutte le mie imperfezioni. Da ragazza la pensavo come te; da adulta ho compreso che mi sono servite eccome... ti abbraccio 💛

      Elimina
  4. Certo, ma pensiamo anche a tutte quelle cose che sappiamo, forse sono troppe. Per esempio Mariella scrive poesie in prosa...
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo faccio apposta a scrivere così, mi viene facile. Forse è la dimensione migliore che trovo per parlarvi di me. In ogni caso, grazie, mi piace💛

      Elimina
  5. Mariella è una poesia vera, è bellissima! Non è prosa!!!!

    RispondiElimina
  6. Molto bello !!Mi ci ritrovo nelle tue parole... anch'io avevo pauradi non riuscire a superare le prove difficili che la vita mi avrebbe presentato. Invece ce l'ho fatta, perchè, quando è stato il momento, ho saputo trovare la forza che non credevo neanche di avere e sono andata avanti.
    "Sono fatta di luci ed ombre..." , anch'io credo di essere fatta di luci e ombre, forse più ombre che luci, per il mio carattere un pò solitario , però ho anche un poco di luce che, quando posso, quando si presenta l'occasione, cerco di offrire agli altri...
    Però ci sono anche tante cose che so, che ho imparato con l'esperienza e sono un pò la mia forza. Saluti . Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è facile trovare dentro di noi la forza necessaria per superare le prove che la vita ci mette sul piatto. Siamo brave e nemmeno ce ne rendiamo conto. Che bello quel tuo volere dare un po' della tua luce agli altri. Che bella persona che sei. Ti abbraccio💛

      Elimina
  7. Le cose che non sappiamo, carissima Mariella, donano forza e stimolo, perché a quelle che sappiamo, deleghiamo serenità e rassicurazione, e sempre da queste, traiamo la saggezza per affrontare le prime. Con il sorriso che ci contraddistingue.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quel sorriso a volte è faticoso, ma lo indossiamo lo stesso anche quando non ne abbiamo voglia. Lo dobbiamo a noi e alle persone che amiamo. Anche al resto dell'umanità che non se lo merita sempre. Sarà questa la saggezza?

      Elimina
  8. Il carattere, assieme alle  peculiarità individuali, dipendono principalmente dalla crescita  personale che ognuno fa ,dall'infanzia alla maturità  Conoscendoti, anche soltanto virtualmente, mi  appari una persona estremamente positiva e sensibile , perfino entusiasta per alcune situazioni della tua  vita  : SOLARE e , anche se è un aggettivo che non amo, per te è perfetto. Ognuno di noi ha luci  ma anche ombre, che io chiamo 'enigmi' perchè a volte assalgono   a tradimento , come una spina nella mente che non riusciamo ad estirpare dato che non ne scopriamo la provenienza. Come si suole dire, "Chi sei veramente lo capisce solo chi va oltre... e  oltre si sa non e un posto per chiunque" Ma tu sei un'anima pura e 'OLTRE' non ti riguarda.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Cri, a volte con l'entusiasmo che mi riconosci ho nascosto tanto dolore. E per abitudine, resto solare. Da abitudine poi, è diventata attitudine. Ci gioco, mi consola, ci vivo. Travesto le ombre traditrici con la luce. E ci hai azzeccato, quell'oltre non mi riguarda😘

      Elimina
  9. Magari cio che non so ..non mi serve ..oppure non può farmi male..non e che devo saper tutto..insomma avolte meglio non sapere .insomma ignorare ..vale il detto ..meno sai più salute hai..
    Poi può esser che quello che non so ..si intrinseca con quello che so ..e creano la trama della tela della mia vita.
    😉

    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, non è obbligatorio venire a capo di tutto, ma alcune domande necessitano di risposte, anche solo per andare avanti. Una trama dici? Sicuramente, ma come avrei voluto in tanti frangenti foss stato tutto più semplice...💛

      Elimina
  10. La paura ci accompagna in alcuni periodi della nostra vita, non è facile superare momenti difficili, ma bisogna sempre provarci.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, io sono proprio una che non si arrende. Buona serata a te🤗

      Elimina
  11. Le cose che non sappiamo ci aiutano a crescere nella curiosità e in esperienza. Le cose che sappiamo ci aiutano a non commettere gli stessi errori ma, cosa più importante, a tenercele strette fin quando la memoria regge.
    Baci Mari! Buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che poi, senza tutto quel bagaglio non saremmo affatto come siamo. Ed è importantissimo, come dici tu, ricordare😘

      Elimina
  12. Cavolo, che bel post!! :o
    Mi è piaciuto molto. Tutti siamo le cose che non sappiamo, rimaste nel nostro passato, tentennanti nel presente o incerte nel futuro...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo quello che abbiamo vissuto e vivremo anche se indecifrabili. Bene? Male? Non lo so... grazie Moz💛

      Elimina
  13. Nel mio paese, tanta pioggia, pochi danni, ma 9 giorni senza internet. Cerco per leggere con tante post, anche le tue. Buona notte Mariella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbi cura di te, mi raccomando! Un abbraccio e buona giornata💛

      Elimina
  14. Molto interessanti le tue riflessioni e del tutto condivisibili. Le paure, le incertezze, i dubbi e i tentennamenti fanno parte della nostra indole e solo un avventato va poi a cozzare contro le sue presunzioni. Un bel post riflessivo Mariella, complimenti per aver condiviso le tue sensazioni. Un abbraccio e un sorriso di cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente d'accordo con te. Importante e necessario avere l'umiltà e la consapevolezza di ammetterlo. Grazie cara, un abbraccio grande grande. Buon sabato💛

      Elimina
  15. Ciao, ti ho scoperta con questo post a mi sono subito aggiunto ai tuoi lettori. Se ti va, poi, passa da me, mi fa piacere.
    Mi hai davvero molto colpito. Hai una malinconia e una spendibilità che mi appartengono: io, a tratti, credo di essere anche le cose che non ho. Assenza, mancanza e dubbi ci plasmano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e benvenuto da me. Vero che sono malinconica, è un tratto peculiare della mia personalità, molto bravo a coglierla. Siamo sicuramente anche le cose che non sappiamo ed è bello e onesto riconoscerlo. Certo che passo a trovarti. Alla prossima e grazie💛

      Elimina
  16. Ciao Mariella, è sempre bello leggerti, per me è quasi terapeutico...in questi ultimi anni ne ho passate davvero tante e non so cosa arriverà, speriamo in bene! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere io ti abbia fatto riflettere sul tuo recente passato e che quel che scrivo sia terapeutico anche per gli amici di blog come te oltre che per me! Non sappiamo quel che accadrà ma direi che siamo forgiate per qualunque evenienza dopo quest'ultimo anno;)
      Un abbraccio Carmen e grazie.

      Elimina
  17. Proprio vero, siamo fatti (anche) di tutte le numerosissime cose sballiate che abbiamo fatto.
    Se siamo e saremo abbastanza umani da imparare da sbagli e dolori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E per fortuna, altrimenti sai che noia saremmo?😘

      Elimina
  18. Questa è poesia, hai scritto col cuore, con un po' di malinconia ma sempre con quella forza indomabile che pur non conoscendoti ti riconosco.
    Mi ritrovo un po' in ogni commento, queste testimonianze così intime, che mi hanno fatto rileggere più volte il tuo post e le parole di tutti.
    Quello che non so è dietro me, episodi che avrei voluto sbrogliare, emozioni che mi hanno imbrigliata, caduta e rialzata, ma col tempo smetto di voler capire, di voler sapere, perché ho imparato a guardare avanti.
    Quello che non so è davanti a me ogni giorno mi appartiene, e non mi abbatte più. Solo gli anni regalano quel meraviglioso senso di libertà, del lasciar andare, quella dolce indifferenza che è semplicemente un presente da vivere senza guardare oltre, senza sbirciare in avanti, semplicemente andare.... è così che lo vivo oggi, quello che non so è bello, è brutto, lo vivo, lo scarto, lo sento. Viviamo così, teniamo il bello.
    Un abbraccio Mari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa importante, necessaria come respirare, è guardare avanti, pur avendo un grosso bagaglio addosso che si fa membra ed è tutt'uno con noi.
      Teniamo il bello amica mia, l'unica cosa che conta e se, talvolta, avremo voglia di sbirciare alle nostre spalle facciamolo con la dovuta malinconia ma senza tristezza, quasi a ritrovare un amore antico che ha smesso di farci male. Ti abbraccio anche io, forte forte.
      Grazie di cuore per avere gradito ed esserti ritrovata tra le mie righe.

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)