23 giugno 2021

[POSTITIZIE] FINALMENTE IN ITALIA VIENE RICONSCIUTA LA LINGUA DEI SEGNI


Linguaggio dei segni  dal web


Dopo un percorso lungo più di 10 anni, l’Italia raggiunge tutti gli altri paesi europei riconoscendo ufficialmente la lingua dei segni: un passo importante di giustizia e di inclusione delle persone con sordità.


L’ENS, ossia l’Ente Nazionale Sordi, lo ha definito “un momento storico”, soprattutto perché lungamente atteso: la Lis, acronimo che descrive appunto la Lingua Italiana dei Segni, il 19 maggio scorso ha ottenuto il proprio riconoscimento ufficiale con l’approvazione del Decreto Sostegni.
Il decreto, infatti, contiene un articolo che riguarda le «Misure per il riconoscimento della lingua dei segni italiana e l’inclusione delle persone con disabilità uditiva».

UN TRAGUARDO ATTESO DA MOLTO TEMPO.

Il Governo italiano, già nel 2009, aveva ratificato la «Convenzione dell’Onu sui diritti delle persone con disabilità», che conteneva norme specifiche relative alla materia. Cionostante, il vero riconoscimento dell’identità linguistica delle persone sorde non era stato fatto e questo rendeva l’Italia parzialmente inadempiente rispetto alla Convenzione.

Ma, fortunatamente, 12 anni dopo finalmente questo gap è stato colmato. L’articolo 34-ter del decreto, infatti, «riconosce, promuove e tutela la lingua dei segni italiana (Lis) e la lingua dei segni italiana tattile (List)».
Inoltre, nello stesso documento, si riconoscono le figure dell’interprete Lis e dell’interprete List quali professionisti specializzati nelle attività di traduzione e interpretazione.

La speranza è che, dopo questo importante riconoscimento avvenuto, l’attenzione per il tema resti alta e si tramuti in impegni concreti, per consentire alle persone affette da sordità di poter condurre una vita il più possibile agevole. 


DELLA LIS AVEVO PARLATO NEL 2014 SONO SEMPRE STATA ATTENTA ALL'ATTUALITÀ E AI DIRITTI CIVILI. VI LASCIO IL LINK AL MIO VECCHIO POST (QUI). 


Dal sito POSITIZIE.IT

22 commenti:

  1. Grande riconoscimento. Finalmente!
    Mi fa piacere, anche perché così ci sarà anche un'opportunità di lavoro per i tanti che hanno appreso tale lingua, credo. Un traguardo importante per tutti. Abbraccio Mari e buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente sarà anche un'opportunità di lavoro in più.
      È un traguardo importante e tanto atteso.
      Bacio

      Elimina
  2. Scusa fammi capire, ancora fino ad adesso non era stata riconosciuta ufficialmente? Beh, dopo aver fatto ammenda per non saperlo, a mia difesa dico però che trovo allucinante che per una cosa così ovvia, giusta, importante ci siano voluti 12 anni da quella ratificazione. È una bella notizia per il futuro ma resta l'amaro per il fatto che siano trascorsi inutilmente e colpevolmente tutti questi anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sconcertante la situazione ma purtroppo realistica visto che parliamo dell'Italia...

      Elimina
  3. Mi sembra una cosa molto bella !!! Forse andava fatta prima !! Un passo avanti, un aiuto concreto alle persone in difficoltà. Ciaoo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi di sì, ma la lungaggine legislativa italiana è un dato di fatto.
      Ciao!

      Elimina
  4. Giusta l'ufficialità , anche se fino ad ora nessuno l'ha presa in considerazione.

    RispondiElimina
  5. Risposte
    1. Come succede spesso e volentieri qui in Italia.

      Elimina
  6. la vergogna è quella di uno Stato che arriva sempre in ritardo e a volte nemmeno arriva

    RispondiElimina
  7. Avevo letto questa notizia. Finalmente è stata riconosciuta. La cosa triste è che ci sono voluti 12 anni ed era già assurdo che non fosse stata mai riconosciuta. Comunque meglio tardi che mai. Ciao, Mariella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono leggi che attendono da più tempo.
      Abbraccio.

      Elimina
  8. Finalmente è stata riconosciuta

    RispondiElimina
  9. Bene, questa è una bella notizia. Qualche giorno fa, su un canale dedicato ai bambini, ho visto un cartone animato dedicato alla lingua dei segni. I personaggi parlavano e temporaneamente si aprivano delle finestrelle con ragazzi che inossavano gli stessi costumi del personaggio del cartone e comunicavano con il linguaggio dei segni. Mi è piaciuto tantissimo. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bel cartone, ti ricordi come si chiama? Vorrei suggerirlo a mia sorella e mio fratello per i miei nipoti.
      Un abbraccio a te!

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)