10 maggio 2021

[SOCIETÀ] LA FAMIGLIA SECONDO ME: LETTERA A TAJANI

 

"La famiglia è per noi il nucleo fondamentale della società e va difesa, ma senza figli non esiste. Le nostre politiche sono sempre state a sostegno della maternità. Noi continuiamo ad andare in quella direzione."(Antonio Tajani, vice presidente e coordinatore unico di Forza Italia ) 


Buongiorno onorevole Tajani, prendendo le distanze dalle sue parole,  vorrei spiegarle cos'è la famiglia secondo me, innanzitutto partendo dalla mia e raccontandole la storia. Sono felicemente sposata  con Francesco, da 29 anni. Non abbiamo figli, non sono arrivati e secondo la sua "modesta" opinione è il primo punto a nostro sfavore. La prima  grave divergenza DIREI, perché se non li abbiamo avuti sarà affar nostro però sembra sia pure affar suo, che giudica egoisti chi non li ha voluti e imperfetti chi  non li ha potuti avere. Eh sì, saremo o stronzi o poveracci.


L'amore e la famiglia per noi, siamo esattamente noi due. Cresciuti insieme e strano a dirsi, ci amiamo quasi come il primo giorno (dico quasi perché nessuno è perfetto a parte lei);  abbiamo lottato ogni giorno per costruirci il nostro mondo con le nostre sole forze, combattendo in alcuni casi la società che avevamo di fronte.  Sa, lei non è l'unico che la pensa così. A partire da quelle "splendide" famiglie con figli le cui mamme per anni mi hanno chiesto quando avremmo avuto figli, dicendo di sbrigarmi perché all'improvviso sarebbe stato troppo tardi e poi me ne sarei "pentita" per sempre. Senza un minimo di sensibilità  e arrogandosi il diritto di giudicare la mia vita. Visto che una donna, per alcune sue simili, non è completa se non mette al mondo una nuova vita.  Per passare al mondo del lavoro, dove da mamme sono tutelate grazie a battaglie durate decenni (anche se alcune si lamentano non poco) e nel quale, se si assentano per maternità e conseguenze, avranno valido sostegno da parte di chi figli non ne ha ma tempo e spazio per svolgere le loro attività oltre alle proprie, lo troverà. La dura legge del mondo lavorativo e  mi creda, ho ancora nelle orecchie "confidenze" tra future mamme, inenarrabili.

Non ho alzato la bandiera dei diritti civili o quella della cattolica oltranzista, né quella della lavoratrice indefessa e soddisfatta.  Ma la bandiera di donna che non vuole subire e accettare discorsi e ragioni che sembrano provenire dal secolo scorso, quella l'alzo con forza.  Famiglia è amore, non è possesso. Nè uno status ipocrita. Lo sa vero, che esiste questa realtà? O vive ancora nel mondo delle favole, quello dei cattolici integerrimi, le cui "opinioni personali" buttate in pasto ai giornali e ai siti internet, condizioneranno per molto tempo anche quelle altrui?  Ma lei ha chiesto scusa, vero. Ha detto che il suo discorso è stato estrapolato da un contesto in cui si parlava della bassa natalità e del calo demografico. Insomma,  è sempre colpa nostra. Delle famiglie come la mia. Che pagano le tasse fino all'ultimo centesimo, che non hanno nessun tipo di privilegio o di sgravio fiscale o sanitario, che non sono in nessun decreto legge a sostegno delle famiglie, perché noi famiglia non lo siamo.

Ed io e mio marito dobbiamo convivere in un mondo retrogrado, con personaggi come lei da cui gli stessi cattolici dovrebbero prendere le distanze. Se non ricordo male, Gesù era figlio adottivo, non aveva proprio una famiglia, "tradizionale". Eppure è stato amato tantissimo. E qui dovremmo aprire una nuova parentesi. Perché le famiglie sono quelle dove c'è amore, senza condizioni o differenze. Come quella composta da me e mio marito, dai miei amici Riccardo e Massimo, dalla mia amica A. che è single e ha una bambina, ma vive all'estero.  F A M I G L I A.  È un sostantivo meraviglioso, abbraccia tutto e tutti. È assolutamente inclusivo, affronta il quotidiano e l'imprevisto con grande rispetto. E noi, rivendichiamo il diritto di rimanerci in quella parola. Con grande forza. Il più possibile lontano dalle persone come lei, che forse il rispetto per le opinioni e per le scelte altrui dovrebbe cominciare ad esercitarlo. Nella politica, nella società e nella vita. Ha solo da guadagnarci. 

M.S.





44 commenti:

  1. Risposte
    1. Daniele, sono infuriata a causa delle parole inutili di quest'uomo. Inutili e dannose.

      Elimina
  2. E basta con le ipocrite giustificazioni!
    Brava Mari! 👏👏👏

    RispondiElimina
  3. Tajani è un coglione e la sua affermazione lo autodefinisce ampiamente. Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato che quelli come lui condizionino parecchio le persone.
      Quelle incapaci di ragionare con la propria testa. E sono tante...

      Elimina
  4. Le famiglie sono composte da mamma (femmina) papà (maschio )naturalmente SPOSATI ..in chiesa e anagrafe..
    ed da una nidiata di bambini !
    questo sbandieravano anni fà i tipi come lui alle manifestazioni per la famiglia ..salvo che il primo che incontravi s'era sposato 3 volte, 5 figli avuti da 4 donne diverse ..
    ah e con questo non giudico ..ti giudico solo se predichi bene ..ma razzoli come più ti fà comodo .
    la famiglia secondo me è composta da persone che si vogliono bene ,si rispettano ..femmina ,maschio, omosessuale , lesbica ..e chi se ne frega importante che si amino e rispettino ..i bambini devono esser seguiti e curati e rispettati ..chi se ne frega se hai 2 mamme o 2 papà o 1 solo dei due .?
    la frase che ho messo ieri x festa della mamma :chi ha potuto esser mamma ,chi non ha potuto ..o chi non ha voluto..tutte però rispettate ..
    ah la frase che mi ripetevano :ma hai un figlio ,quando fai il secondo ? i figli unici nooo!
    ma che ne sai della mia vita? ..già per farne 1 c'ho rimesso quasi la vita ,son andata contro medici e quant'altro .. devo averne un'altro perchè i figli unici nooo..che alla fine sarà anche figlio unico ma mi sembra venuto bene !!

    tu hai la tua bellissima famiglia !!
    lascia perder Tajani

    ciaoo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi che non abbiamo avuto figli (il come e il perché è affare nostro) subiamo discriminazioni assurde. Ne ho già parlato in passato ma pare che debba nuovamente tornarci.
      Per non parlare delle ingiustizie in campo lavorativo. Nel mio lungo percorso ho subito di ogni, umiliazioni, ricatti, imposizioni.
      Perché le aziende tendono a risparmiare e appena possono sebbene ci siano leggi adatte, non sostituiscono alla pari. Per cui o prendono gente senza esperienza che costa poco e poi deve venire istruita da quelle che restano oppure non prendono nessuno, tanto ci sono quelle di prima. Ma questo, alla maggior parte della gente interessa poco.
      Io ho una bella famiglia. FAMIGLIA.
      Bacio.

      Elimina
  5. Cosa aspettarsi da un berlusconiano che lo ha seguito come un lacchè nonostante il bunga bunga?
    Dovrebbe sciacquarsi la bocca prima di parlare di famiglia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi aspetto rispetto. Anzi, lo pretendo.

      Elimina
  6. Argomentazioni giustissime, interlocutore sbagliato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho capito, chi sarebbe l'interlocutore giusto?

      Elimina
    2. Qualcuno meno bacchettone (forse in senso religioso, sicuramente in senso berlusconiano). I politici come T. badano solo al partito e parlano in pubblico solo per propaganda.

      Elimina
    3. Quindi, lui dice la stronzata ed io chiedo spiegazioni ad altri?
      Vabbè

      Elimina
    4. Parli come se lo stessi difendendo?! Ironizzavo sulla pochezza del personaggio, ma ovviamente quello che dice merita le tue rimostranze. 😀

      Elimina
  7. Come già in altre occasioni, dialettica pessima da parte di Tajani. Se avesse almeno chiesto scusa avrebbe quanto meno riparato parzialmente, invece niente. Politico davvero mediocre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha chiesto "scusa" dicendo che quelle frasi sono state estrapolate da un contesto più ampio, che non è stato riportato.
      Insomma, la solita arrampicata sugli specchi...

      Elimina
  8. Famiglia è dove amore, attenzione, rispetto scorrono al di là delle difficoltà, dei diversi caratteri e opinioni. Questo vale, per me, sia per la famiglia in "piccolo" che per quella "in grande" ossia la famiglia umana.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra il modo "perfetto" per definire la famiglia.
      Grazie Sinfo.

      Elimina
  9. Stamattina, quando ho lasciato il mio commento al post di ieri, ho visto che avevi appena pubblicato questo nuovo post ma non ho avuto modo di fermarmi a leggere e sono tornata poi adesso perché mi era chiaro quanto fosse importante.
    Tajani con questa penosa, retrograda, ingiustificabile e offensiva dichiaraziobe è degno rappresentante di una schiera di bigotti ottusi da cui io come cattolica prendo ampiamente le distanze. Ma che discorsi sono?
    Quanto è bello, potente ciò che hai scritto tu, Mariella: "FAMIGLIA. È un sostantivo meraviglioso, abbraccia tutto e tutti. È assolutamente inclusivo, affronta il quotidiano e l'imprevisto con grande rispetto."
    Andrebbe scritto a caratteri cubitali un po' ovunque, affinché tutti possano leggerlo e rifletterci.
    Ce ne fossero di più di famiglie belle e ricche d'amore e spirito di condivisione come la tua, il mondo sarebbe migliore. Altroché.
    Bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E sono parole come le tue quelle che vorrei sentire dai tutti i cattolici che hanno rispetto delle opinioni e dell'altrui sentire. La mia preoccupazione, ogni volta che leggo ottuse prese di posizione, è che ci siano moltiche approvano senza batter ciglio. Convinti di essere nel giusto e per di più avvallati da personaggi di spicco del mondo politico. Sono indignata e ferita, ritengo che dal medioevo in cui siamo precipitati negli ultimi anni, sia sempre più difficile venire fuori. Oggi guardavo alla vicina Croazia, che ha approvato le unioni omosessuali, noi siamo sempre più fanalino di coda per quel che riguarda i diritti. Il processo evolutivo sociale che procede a grandi passi altrove, da noi resta al palo.
      Grazie per le parole e per la presenza, sempre graditissima. Ritrovarti è una gioia. Sapendo quanto condividi dei miei pensieri e delle mie preoccupazioni.
      Ti abbraccio forte.

      Elimina
  10. Come sai non ho figli, motivi personali che non ho voglia di raccontare. Non sono nemmeno l'esegeta di Tajani, credo tuttavia che i figli debbano nascere in un percorso tradizionale, cioè tra un uomo e una donna. Non reputo che fare figli sia un diritto, ci sono i diritti dei bambini. Punto. Poi avere i figli fuori dal matrimonio dà vantaggi, perchė anche se hai 45 anni e hai scelto di avere un figlio senza convivere con il padre, sei ragazza madre, con tutta una serie di diritti e non mi sembra giusto rispetto a chi ha figli in un matrimonio.
    Che poi siano famiglia le coppie che non ne hanno mi pare fuori discussione, idem le persone dello stesso sesso che condividono un progetto di coppia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le tue scelte sono personali, le tue opinioni su figli e diritti dei figli posso non condividerle ma le rispetto.
      Il punto oggi però non sono figli fuori o dentro il matrimonio, ragazze madri o meno.
      Il punto è cosa pensiamo sia famiglia. Di sicuro su questo siamo sulla stessa lunghezza d'onda.

      Elimina
  11. mi viene da parafrasare Tolstoj: tutte le famiglia felici si assomigliano, così come gli ignoranti come taiani e la sua degna compagnia ..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo ignoranti e compagnia bella ce li ritroviamo sempre sul gobbo e ogni volta che dicono una stronzata poi tocca correre ai ripari o infuriarsi. Anche perché dietrofront non lo fanno mai...

      Elimina
  12. Condivido tutto quello che hai scritto , Mariella. E quello che più mi fa indignare è che noi donne veniamo considerate solo in relazione alla maternità. Siamo donne, siamo persone prima di essere madri. La famiglia è famiglia anche quando non ci sono figli perchè è retta dall'amore. Le famiglie sono sempre famiglie. Vanno riconosciute e tutelate tutte, comprese quelle che figli non ne possono avere e quelle che figli non ne vogliono avere. Siamo ancora invighiati a una società retrograda di stampo maschilista, perchè queste dichiarazioni colpiscono soprattutto noi donne. Non mi pare che la nostra società ritenga che un uomo non sia completo perchè non è padre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, subiamo ancora e pesantemente, il pregiudizio di essere considerate "complete" solo se diventiamo madri mettendo al mondo figli e crescendoli. Questo oscurantismo è figlio di una mentalità malata che frena quelle idee di autonomia e parità per le quali stiamo lottando da tanti, troppi anni. Ed hai ragione quando dici che la nostra società non applica lo stesso pregiudizio all'uomo. Quanta strada abbiamo ancora da percorrere e poi ci stupiamo per la violenza contro le donne. Anche questa è violenza. Purtroppo.

      Elimina
  13. tajani è uno che mi dà l' impressione di essere un pupazzo di quelli che usano i ventriloqui. Non dice cose "sue". Pensa che venti anni fa si candidò alle elezioni comunali di Roma per fare il sindaco! La famiglia che cos'è? Sai, qualche anno fa una persona che bazzicava su blogger disse che la famiglia è anche una persona sola, se sta bene con se stessa. Io non lo so ma so per certo che non bisogna per forza generare la prole come i conigli, ricordo a tutti che la popolazione umana va verso la cifra mostruosa di dieci miliardi entro pochi decenni, ci sono enormi problemi che tutti conoscono, in special modo quelli come l' onorevole che dovrebbe saperne più di noi comuni mortali. Io non ho figli e non so sinceramente se in futuro ne vorrò, se e quando troverò la persona "giusta" ci penserò anzi ci penseremo. C'è da riflettere bene prima di fare certe scelte. Viva le persone libere di mente e di spirito come te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido quel che diceva la blogger sul tuo blog. Perché non potrebbe essere così, possiamo bastare a noi stessi e possiamo e dobbiamo essere una famiglia anche soli!
      Io mi meraviglio di come personaggi come l'onorevole Tajani riescano sempre a disturbare, con le loro esternazioni, il libero pensiero.
      A certe persone dovrebbe essere impedito di aprire bocca prima senza riflettere.
      Grazie!

      Elimina
    2. Eh purtroppo non si può impedire a certe persone di aprire bocca, siamo nella fantomatica democrazia...

      Elimina
  14. Disprezzo il discorso di Tajani, è vergognoso.

    RispondiElimina
  15. Ciao Mariella, Tajani e la Dx in genere non meritano nessun commento sulla loro idea di famiglia.
    Per me la famiglia è l'insieme di due persone di sesso diverdo o uguale, responsabili, sposate o no con figli o senza, non avuti o non vloluti, che si amano, si rispettano e si sostengono nei momenti difficili e gioiscono assieme per per i giorni felici.
    Un caro saluto, fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido tutto Fulvio, è esattamente quel che penso io.
      Solo che ci tocca ribadirlo frequentemente visto che siamo alle prese con un incombente oscurantismo.
      Buona serata.

      Elimina
  16. Cara Mariella, anch'io non ho avuto figli, ma le persone che mi stanno accanto, formano comunque una famiglia; ti capisco e sono d'accordo con te !!Buon pomeriggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che è così. La famiglia abbraccia tutto quel mondo di affetto di cui facciamo parte.
      Buona serata!

      Elimina
  17. Bravissima per tutto quello che hai scritto.
    Invece questo che Ha detto che il suo discorso è stato estrapolato da un contesto dovrebbe guardarsi nello specchio se ha una coscienza. Ma ho i miei dubbi che ce l'abbia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ce l'ha Alberto.
      Un verme sarebbe più onesto di lui.

      Elimina
  18. Bella risposta, Mariella! Anche se uno che afferma una roba del genere non la meriterebbe nemmeno, una risposta.
    Che squallore certi personaggi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non possiamo sempre far finta di nulla. Altrimenti finirà che messaggi come questi diventino "normali" e condivisibili.
      Io l'ho considerato uno sproloquio con il quale ha attaccato tanta brava gente, non potevo rimanere zitta. So che non sono stata l'unica e ne sono contenta.
      Che squallore vero.Se penso che ci ha rappresentato pure in Europa...

      Elimina
  19. Mariella, una lettera superlativa in tutti i suoi contenuti. La condivido pienamente.
    Cosa ci trovino di interessante in questi personaggi coloro che li votano, e non solo per Forza Italia, non riesco proprio a capire.
    Ogni nucleo familiare ha una sua interpretazione della vita. Ha delle regole da osservare. Oltre a questo nessuno deve dettare un modello di comportamento. Nessuno può mancare di rispetto alle unioni familiari. Ci vogliono proprio attaccare in tutti i modi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente è uno dei tanti, troppi tentativi di destabilizzare il sentire personale degli individui ed è sicuramente dettato da quelli che sono i proclami assurdi e a mio parere incivili della loro linea politica. Che poi fa leva su una parte della società che vive con i paraocchi e riconosce solo i suoi simili. E vorrebbe ridurre tutti allo stesso grado di lobotomia e di ignoranza in modo da avere sempre più potere.
      Il pericolo è grande ma dosato con cura può passare inosservato.
      Mai abbassare la guardia.
      Grazie Nou, un grande abbraccio a te.


      Elimina
  20. Quello che dice Tajani è una stronzata!
    Guarda la penso come Fulvio .
    È inutile ripetermi.
    Però Mariella vorrei chiederti una cosa personale.
    Forse questo non è il post più adatto e magari te sta cosa l’hai già spiegata.
    È chiaro che non sono i figli a fare una famiglia e a me è chiaro che te non fai parte di quelle coppie che han deciso di non avere figli ( scelta che rispetto)...hai mai pensato all’adozione?
    È da un po’ che volevo chiedertelo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che siamo tutti d'accordo su Tajani. In merito alla tua domanda sì, questo non è il luogo più adatto😉

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)